Logo del Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Video Assemblea

Consiglio regionale - Seduta n. 46 di Mercoledì 19-12-2018

PRESIDENTE.

Colleghi,  cominciamo.  Dichiaro  aperta  la  quarantaseiesima  seduta  del  Consiglio  regionale.  Informo  che  sono  a  disposizione  dei  Consiglieri  alcune  copie  del  processo  verbale  della  seduta  n.  44.  Qualora  non  vi  fossero  eccezioni  nel  corso  della  seduta  odierna,  il  verbale  sarà  considerato  approvato.  Comunico  che  ha  chiesto  congedo,  per  la  seduta  antimeridiana,  la  consigliera  Dal  Zovo.  Il  congedo  è  concesso.  Cominciamo  con  le  Interrogazioni  a  risposta  immediata,  abbiamo  dato  a  disposizione  un’ora  e  mezza.  Cominciamo  con  l'interrogazione  a  risposta  immediata  n.  75  a  firma  del  consigliere  Diego  Moretti  dal  titolo:  “Una  nuova  Sede  della  Direzione  Generale  per  PromoTurismoFVG.  Corrisponde  al  vero  il  trasferimento  della  sede  di  PromoTurismoFVG  da  Villa  Chiozza  di  Scodovacca  di  Cervignano  del  Friuli?”.  Prego,  consigliere  Moretti  per  l'illustrazione.  

MORETTI.

Grazie,  Presidente.  L'interrogazione  è  molto  semplice,  si  riassume  nel  titolo,  per  una  vicenda  che  inizia  a  fine  ottobre  -  i  primi  di  novembre  del  2018,  di  quest'anno,  quando  gli  organi  di  stampa  riportano  una  valutazione  dell'assessore  Bini  rispetto  alla  non  adattabilità  della  sede  attuale  di  TurismoFVG  a  Scodovacca  di  Cervignano,  sede  che  è  di  TurismoFVG  poi  diventata  di  PromoTurismoFVG  dal  2015.  Questa  notizia  di  stampa,  vera  o  falsa    l'Assessore  non  l'ha  mai  smentita,  quindi  si  presume  verosimile    ha  fatto    che  si  esprimesse  il  Comune  di  Cervignano  del  Friuli  anche  recentemente,  in  Consiglio  comunale,  all'unanimità  contro  il  trasferimento,  così  come  altri  territori  hanno  dato  la  loro  disponibilità  ad  ospitare  l'eventuale  spostamento  della  nuova  sede.  Per  cui  si  chiede  all'Assessore  se  tale  notizia  corrisponde  al  vero  e,  se  sì,  i  tempi  e  tutte  le  modalità  di  trasferimento.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Moretti.  Prego,  assessore  Bini.  

BINI, Assessore alle attività produttive e turismo.

Grazie,  Presidente.  Devo  dire  in  verità  che  il  sottoscritto  insieme  al  Direttore  generale  di  PromoTurismo  già  da  qualche  mese  ha  posto  all'attenzione  anche  del  Presidente  la  necessità,  a  nostro  avviso,  di  riorganizzare  anche  la    scusate  il  gioco  di  parole    organizzazione  stessa  di  PromoTurismo.  Questo  perché?  Perché  oggi  PromoTurismo  si  trova  ad  avere  più  sedi  (Tavagnacco,  Villa  Chiozza)  con  una  disorganizzazione  proprio  funzionale  importante.  La  nostra  idea  è  quella  di  trovare  una  location  in  grado  di  contenere  tutti  i  dipendenti  di  PromoTurismo.  Poi  per  quanto  riguarda  Villa  Chiozza  c'è  un  problema:  la  villa  di  per    è  una  villa  meravigliosa,  bellissima,  il  posto  però  è  decentrato.  Ma  un  problema,  che  è  un  grosso  problema  nel  2018,  è  che  siamo  in  una  zona  dove  non    non    c'è  telefono,  Internet,  che  è  completamente  esclusa  dal  mondo.  Capite  bene  che...  È  un'isola  felice,  sì,  dal  quel  punto  di  vista  è  un'isola  assolutamente  felice,  però  da  un  punto  di  vista  dell'operatività  delle  persone  di  PromoTurismo,  che  lavorano,  anzi,  scusate,  dovrebbero  lavorare  quotidianamente  con  dati,  elaborazione  dati,  trasmissione  di  dati,  è  un  posto  che  presenta  delle  lacune  importantissime.  Ho  letto  anch'io  quanto  riportato  sulla  stampa.  Vi  posso  garantire  che  a  tutt'oggi  non  è  stato  deciso  alcunché  su  nuove  location,  nuovi  posti.  Torno  a  sottolineare  che  noi  stiamo  cercando  una  struttura  in  grado  di  contenere  tutti  i  dipendenti  e  una  struttura  abbastanza  baricentrica.  Io  capisco  anche  il  Sindaco  di  Cervignano  che  faccia  delle  battaglie,  però  l'invito  che  faccio  io  è:  pensiamo  al  bene  comune  della  regione,  al  bene  comune  di  PromoTurismo  e  non  più  ai  campanili.  Dove  andrà  ad  allocarsi  PromoTurismo  ha  poca  importanza,  l'importante  è  che  la  sede  possa  rispondere  a  quelle  che  sono  le  esigenze  del  nostro  territorio.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  assessore  Bini.  Consigliere  Moretti.  

MORETTI.

Sono  soddisfatto  per  almeno  la  chiarezza  con  la  quale  l'Assessore  ha  ripercorso  un  po'  quella  che  è  l'idea  che  l'Assessore  e  il  nuovo  Direttore  generale  hanno  sulla  questione.  Mi  sembra  che  al  momento  non  vi  siano  ancora  idee    su  nuove  localizzazioni,    su  eventuali  accentramenti,  organizzazioni  logistiche  delle  sedi,  per  cui  sono  soddisfatto  per  la  chiarezza  della  risposta  in  attesa  di  capire  quello  che  succederà...  Ecco,  lei  ha  aggiunto  ancora  un'altra  questione,  quindi,  insomma,  vedremo  quello  che  succede,  Assessore,  poi  questo  compete  a  voi  ovviamente.  È  chiaro  che  alcuni  territori  si  sono  già  autocandidati.  Il  tema  della  raggiungibilità  e  dell'apertura  al  mondo,  di  Internet  e  quant'altro  mi  sembra  corretto.  È  chiaro  che  su  questo  gli  allarmi  del  Comune  di  Cervignano  a  questo  punto  sono  giustificati.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Moretti.  Ha  chiesto  di  anticipare  la  sua  risposta  l'assessore  Zannier,  quindi  darei  la  parola  alla  consigliera  Piccin  per  rispondere  all'interrogazione  n.  69:  “Parere  del  Comitato  ittico  da  rendersi  entro  il  31  dicembre  2018”.  Prego,  consigliera  Piccin.  

PICCIN.

Grazie,  Presidente.  Un  attimo  solo  che  riordiniamo  i  documenti...  

PRESIDENTE.

Sì,  è  la  n.  69.  

PICCIN.

Grazie.  Sì,  allora,  con  questa  interrogazione  a  risposta  immediata  ritorniamo  sostanzialmente  su  un  tema  rispetto  al  quale  avevo  già  sollecitato  l'Assessore,  che  ovviamente  aveva  dato  le  rassicurazioni,  ma  poiché  siamo  a  fine  anno,  qui  si  fa  riferimento  al  parere  del  Comitato  ittico  da  rendersi  entro  il  31  dicembre  2018  e  si  parla  in  particolar  modo  delle  procedure  per  la  concessione  dei  campi  fissi  di  gara  del  Collegio  5  -  Maniago  e  Barcis,  rispetto  ai  quali  il  Consiglio  regionale  si  era  impegnato  con  una  norma,  aveva  sostanzialmente  approvato  una  norma,  a  firma  mia,  del  collega  Bernardis,  e  quindi  con  questa  IRI  sostanzialmente  noi  chiediamo  qual  è  l'attuale  stato  dell'arte  dell'iter  di  cui  al  comma  21  della  legge  25  del  novembre  di  quest'anno.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliera  Piccin.  Prego,  assessore  Zannier,  per  la  risposta.  

ZANNIER, Assessore alle risorse agroalimentari, forestali e ittiche.

Grazie,  Presidente.  Il  6  dicembre  è  stato  convocato  il  Comitato  ittico  che  si  riunisce  il  21  e  al  punto  n.  2  c'è  la  resa  del  parere  sul  campo  di  gara.  

PRESIDENTE.

Grazie,  assessore  Zannier.  Consigliera  Piccin.  

PICCIN.

Grazie.  Mi  dichiaro  soddisfatta  della  risposta  dell'Assessore.  Ovviamente  auspichiamo  che  il  tutto  si  esplichi  non  solo  nella  convocazione,  ma  nella  concessione  del  parere  e  nei  tempi  certi  per  la  concessione.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliera  Piccin.  Passiamo  alle  IRI  rivolte  all'assessore  Riccardi,  per  il  quale  risponderà  l'assessore  Roberti  perché  Ricardi  è  impegnato.  Cominciamo  dall'interrogazione  a  risposta  immediata  n.  66  a  firma  Honsell.  

HONSELL.

Il  tema  mi  è  stato  sollecitato  ovviamente  da  persone  che  si  trovano  nella  condizione  di  essere  dializzate  e  mi  hanno  espresso  anche  la  qualità  del  servizio  di  trasporto  dalla  loro  abitazione,  dal  domicilio  fino  all'ospedale  e  anche  della  tempistica  con  la  quale  questo  servizio  viene  svolto.  Però  c'era  la  preoccupazione  che,  anche  a  seguito  di  tante  notizie  di  stampa  che  riguardano  la  normativa  relativa  ai  taxi,  ai  sistemi  di  trasporto  pubblico,  ai  noleggi  con  conducente    molto  spesso,  appunto,  sono  proprio  servizi  di  questo  tipo  che  permettono  di  avere  una...  cioè,  sono  attività  di  questo  tipo  che  permettono  di  dare  un  servizio  di  così  alta  qualità    mi  hanno  espresso  la  preoccupazione  che  adesso,  anche  a  seguito  della  prossima  indizione  della  gara  di  servizio,  possa  non  essere  mantenuto  questo  livello  e  dunque  io  ho  posto  questa  interrogazione  a  risposta  immediata  con  il  duplice  effetto:  uno,  di  accendere  il  riflettore    mi  dispiace  che  non  ci  sia  l'Assessore,  però  spero  che  lei  glielo  possa  segnalare    accendere  il  riflettore  su  questa  criticità  e,  dall'altro,  invece  anche  esprimere  l'apprezzamento  per  il  servizio  che  c'è  stato  e  l'auspicio  che  possa  mantenersi.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Honsell.  Assessore  Roberti.  

ROBERTI, Assessore alle autonomie locali, sicurezza, immigrazione, politiche comunitarie e corregionali all'estero.

Consigliere,  non  c'è  l'assessore  Riccardi,  ma  ho  dei  lunghi  e  dettagliati  appunti  da  leggere,  riferirò  quelle  che  sono  le  preoccupazioni.  Premesso  che  il  trasporto  dei  pazienti  dializzati  in  regione  è  normato  dalla  DGR  1742  del  2.07.2004,  che  in  particolare  prevede  per  i  pazienti  in  dialisi  ambulatoriale  il  rimborso  delle  spese  di  trasporto  e  di  accompagnamento  relative  ai  viaggi  dal  proprio  domicilio  al  Centro  dialisi  e  viceversa,  delle  spese  derivanti  dal  trattamento  di  dialisi  effettuato  in  strutture  private  non  convenzionate  ubicate  al  di  fuori  del  territorio  regionale  e  delle  relative  spese  di  trasporto  dal  temporaneo  domicilio  al  Centro  dialisi  e  viceversa,  la  stessa  DGR  prevede  il  rimborso  delle  spese  di  viaggio  per  il  paziente  e  l'eventuale  accompagnatore  in  caso  di  necessità.  Il  documento  cita  i  vari  mezzi  di  trasporto  utilizzabili  per  il  tragitto  domicilio  -  Centro  dialisi  e  viceversa,  che  sono:  mezzi  pubblici,  mezzi  propri,  taxi,  veicoli  a  noleggio  con  conducente  e  mezzi  sanitari.  Per  quanto  riguarda  il  trasporto  del  paziente  con  mezzo  sanitario,  la  Regione,  al  fine  di  uniformare  le  modalità  operative,  ha  emanato  la  DGR  1598/2017,  che  in  particolare  per  il  trasporto  del  paziente  emodializzato  prevede  l'attribuzione  degli  oneri  direttamente  all'Azienda  sanitaria  di  competenza  territoriale  del  paziente.  Inoltre,  la  Regione,  nel  corso  del  2017,  ha  emanato  un  regolamento  per  il  rilascio  dell'autorizzazione  e  dell'accreditamento  dei  soggetti  che  svolgono  attività  di  trasporto  sanitario  in  attuazione  dell'articolo  16  della  legge  regionale  n.  12/1995,  che  ha  visto  il  coinvolgimento  diretto  anche  di  associazioni  e  cooperative  sociali  che  in  regione  effettuano  il  servizio.  L'IRI  in  questione  pone  il  problema  della  scadenza  della  proroga  della  sospensione  del  comma  1  quater  dell'articolo  29  della  legge  14/2009  riguardante  i  noleggi  con  conducente,  tema  trattato  dal  DL  285/1992  "Nuovo  Codice  della  strada".  Nel  dettaglio,  la  legge  di  bilancio  2018  pubblicata  il  29  dicembre  con  le  proroghe  31  dicembre  2018  per  il  decreto  interministeriale  e  contemporanea  sospensione  dell'efficacia  delle  norme  introdotte  con  l'articolo  29,  comma  1  quater,  fa  riferimento  a:  "nelle  more  della  ridefinizione  della  disciplina  dettata  dalla  legge  15  gennaio  1992,  n.  21,  in  materia  di  trasporto  di  persone  mediante  autoservizi  non  di  linea  da  effettuare  nel  rispetto  delle  competenze  attribuite  dal  quadro  costituzionale  e  ordinamentale  alle  Regioni  e  agli  enti  locali,  l'efficacia  dell'articolo  29,  comma  1  quater,  del  decreto-legge  30  dicembre  2008,  n.  207,  convertito  con  modificazioni  dalla  legge  27  febbraio  2009,  n.  14,  è  sospesa  fino  al  31  dicembre  2018".  Da  quanto  sopra  si  evince  che  i  soggetti  che  effettuano  attività  di  noleggio  con  conducente  per  continuare  a  svolgere  l'attività  avrebbero  dovuto  adeguarsi  alle  indicazioni  normative  dettate  dalla  legge  14/2009,  relative  sia  alle  modalità  di  erogazione  del  servizio  che  al  rispetto  di  specifici  requisiti  tecnici.  Tutto  ciò  premesso,  l'attività  di  trasporto  ai  pazienti  dializzati  può  avvenire  con  mezzi  diversi,  non  solo  facendo  ricorso  al  servizio  di  noleggio  con  conducente.  Gli  oneri  dell'attività  di  trasporto  sono  comunque  sempre  a  carico  del  Servizio  sanitario  regionale.  Appurato  che  per  continuare  a  svolgere  l'attività  di  noleggio  con  conducente,  i  soggetti  titolari  dell'attività  stessa  avrebbero  dovuto  adeguarsi  alle  indicazioni  normative  nazionali  previste  dalla  legge  14/2009,  non  si  ritiene  che  eventuali  indicazioni  regionali  possano  prevalere  su  quelle  nazionali.  

PRESIDENTE.

Grazie,  assessore  Roberti.  Consigliere  Honsell.  

HONSELL.

Sono  soddisfatto  della  risposta.  Ringrazio  anche  perché  è  stata  inquadrata  la  problematica.  Spero  che  possa  essere  superata  questa  criticità  o  sostituita  rispettando  quello  che  è  la  norma,  perché,  ripeto,  la  situazione  attualmente,  soprattutto  per  il  territorio  che  io  conosco  meglio,  è  perfettamente  soddisfacente,  quindi  io  inviterei  l'Assessorato,  la  Direzione  a  vigilare  affinché  con  questi  cambiamenti  normativi  o  superamenti  di  limiti  entro  i  quali  si  dovevano  realizzare  determinati  adeguamenti,  poi  la  conseguenza  non  venga  fatta  ricadere  sui  dializzati.  In  particolare  il  tema  è  proprio  quello  di  evitare  di  fargli  fare  lunghissime  attese  essenzialmente  presso  il  Centro  dialisi,  questo  è  l'aspetto  della  qualità  del  servizio  che  più  mi  è  stato  evidenziato.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Honsell.  Consigliera  Liguori,  interrogazione  n.  67:  “Stato  di  attuazione  dei  centri  di  assistenza  primaria  in  Friuli  Venezia  Giulia”.  Prego.  

LIGUORI.

Grazie,  Presidente.  Nell'interrogazione...  

PRESIDENTE.

C'è  un  cellulare  vicino  che  suona,  credo...  

LIGUORI.

No,  non  qua  però,  non  suona  niente.  Assessore  Roberti,  buongiorno.  Nell'interrogazione  faccio  riferimento  all'articolo  2  del  disegno  di  legge,  della  legge  regionale  approvata  appena  il  5  dicembre,  proprio  sulla  volontà,  naturalmente,  di  perseguire  l'integrazione  tra  assistenza  sociale  e  assistenza  sanitaria  e  di  valorizzare  il  ruolo  del  Distretto  sanitario.  Questa  legge,  appunto,  il  decreto-legge  27,  si  innesta  proprio  sull'organizzazione  esistente  dell'assistenza  medica  primaria  che  prevede  i  Centri  di  Assistenza  Primaria  (il  cui  acronimo  è  CAP),  che  sono  costituiti  da  un'aggregazione  dei  medici  di  famiglia,  dai  pediatri  di  famiglia,  guardie  mediche,  specialisti,  che  si  prefiggono  proprio  di  avere  una  continuità  di  cura  e  di  lavorare  insieme  preferibilmente  in  strutture  distrettuali  dell'Azienda.  Lo  svolgimento  di  tali  compiti  è  verificato  a  cura  dei  Direttori  di  Distretto.  L'interrogazione  mira  a  comprendere  quanti  Centri  di  Assistenza  Primaria  siano  attivi  nelle  nostre  Aziende  sanitarie  regionali,  quali  attività  siano  in  essi  svolte,  se  possibile  anche  suddividendole  per  tipologia  e  numero  di  prestazioni.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliera  Liguori.  Assessore  Roberti,  per  la  risposta,  prego.  

ROBERTI, Assessore alle autonomie locali, sicurezza, immigrazione, politiche comunitarie e corregionali all'estero.

Grazie,  Presidente.  Il  decreto-legge  13  settembre  2012,  n.  158  "Disposizioni  urgenti  per  promuovere  lo  sviluppo  del  Paese  mediante  un  più  alto  livello  di  tutela  della  salute"  (decreto  Balduzzi),  all'articolo  1,  (Riordino  dell'assistenza  territoriale,  mobilità  del  personale  e  delle  Aziende  sanitarie),  ha  disposto  la  modifica  dell'articolo  8,  comma  1,  del  decreto  legislativo  n.  502/1992,  prevedendo  che  gli  accordi  collettivi  nazionali  che  disciplinano  i  rapporti  tra  il  Servizio  sanitario  nazionale,  i  medici  di  medicina  generale  e  i  pediatri  di  libera  scelta  debbano  tener  conto,  tra  gli  altri,  dei  seguenti  principi:  primo  principio,  nell'ambito  dell'organizzazione  distrettuale  del  servizio,  garantire  l'attività  assistenziale  per  l'intero  arco  della  giornata  e  per  tutti  i  giorni  della  settimana,  nonché  un'offerta  integrata  delle  prestazioni  dei  medici  di  medicina  generale,  dei  pediatri  di  libera  scelta,  della  guardia  medica,  della  medicina  dei  servizi  degli  specialisti  ambulatoriali,  adottando  forme  organizzative  multiprofessionali  denominate  "Unità  complesse  di  cure  primarie",  che  erogano  prestazioni  assistenziali  tramite  il  coordinamento  e  l'integrazione  dei  professionisti  delle  cure  primarie  e  del  sociale  a  rilevanza  sanitaria;  secondo  principio,  le  convenzioni  nazionali  definisco  standard  relativi  all'erogazione  delle  prestazioni  assistenziali,  all'accessibilità  ed  alla  continuità  delle  cure,  demandando  agli  accordi  integrativi  regionali  la  definizione  degli  indicatori  e  i  percorsi  applicativi.  La  legge  regionale  n.  17/2014  "Riordino  dell'assetto  istituzionale  e  organizzativo  del  Servizio  sanitario  regionale  e  norme  in  materia  di  programmazione  sanitaria  e  sociosanitaria",  all'articolo  20,  comma  1,  lettera  c),  recita:  "i  centri  di  assistenza  primaria  svolgono  le  funzioni  delle  unità  complesse  di  cure  primarie"  e  al  comma  5:  "il  centro  di  assistenza  primaria  è  costituito  dall'aggregazione  di  medici  di  medicina  generale,  di  pediatri  di  libera  scelta,  di  medici  di  continuità  assistenziale,  di  specialisti,  di  personale  dipendente  dei  medici  di  medicina  generale  e  di  altro  personale  proveniente  sia  dal  distretto  che  dall'ospedale  che  operano  nella  stessa  sede,  preferibilmente  nelle  strutture  distrettuali  dell'azienda.  Sulla  base  della  programmazione  regionale,  può  avere  una  sede  unica  o,  in  alternativa,  una  sede  di  riferimento  collegata  con  altre  sedi  dislocate  nel  territorio  del  distretto.  Il  centro  di  assistenza  primaria:  a)  assicura  l'erogazione  delle  prestazioni  di  assistenza  primaria;  b)  garantisce  la  continuità  dell'assistenza  mediante  l'uso  della  prescrizione  dematerializzata  nonché  mediante  l'utilizzo  e  l'aggiornamento  del  fascicolo  sanitario  elettronico;  c)  ha  un  bacino  di  utenza  di  norma  compreso  tra  i  20.000  e  i  30.000  abitanti;  d)  ospita,  oltre  agli  ambulatori  medici,  punti  prelievo,  diagnostica  strumentale  di  primo  livello,  ambulatori  specialistici,  servizi  di  salute  mentale,  servizi  distrettuali  di  prenotazione  e  amministrativi;  e)  garantisce  l'attività  assistenziale  nell'arco  delle  ventiquattro  ore  per  tutti  i  giorni  della  settimana  tramite  il  coordinamento  delle  varie  figure  professionali  che  lo  compongono;  f)  è  centro  di  riferimento  dell'assistenza  domiciliare  e  di  integrazione  con  i  Servizi  sociali  dei  Comuni".  L'accordo  integrativo  regionale  (AIR)  per  i  medici  di  medicina  generale  2016-2018,  approvato  con  delibera  giuntale  39/2016,  tuttora  in  vigore  fino  alla  stipula  di  un  nuovo  AIR,  tratta,  tra  gli  altri,  il  tema  dei  centri  di  assistenza  primaria  (CAP).  Il  2019  sarà  un  anno  di  transizione  da  dedicare  all'attenta  valutazione  dei  risultati  ottenuti  nel  corso  del  triennio  precedente  in  funzione  dell'AIR  e  verso  la  definizione  di  un  nuovo  AIR  triennale,  coerentemente  con  l'avvio  della  nuova  organizzazione  del  Servizio  sanitario  regionale  in  cui  sarà  rivalutata  e  attualizzata  la  realizzazione  delle  funzioni  previste  dai  CAP.  Nel  contempo,  sono  stati  avviati  i  tavoli  di  confronto  per  la  definizione  dei  rispettivi  nuovi  accordi  integrativi  regionali  degli  specialisti  ambulatoriali  interni,  veterinari  ed  altre  professionalità  sanitarie,  (SAI)  e  dei  pediatri  di  libera  scelta  (PLS).  In  coerenza  con  tali  logiche  e  a  fronte  della  necessità  di  strutture  presso  la  Direzione  centrale  Salute  e  flussi  informativi  puntuali  e  correntemente  disponibili  ai  fini  del  monitoraggio,  oggi  ancora  carenti,  si  è  provveduto  a  inserire  nelle  linee  gestionali  del  Servizio  sanitario  regionale  per  il  2019,  attualmente  in  fase  di  imminente  approvazione  preliminare,  i  seguenti  indirizzi:  in  particolare,  un'attenta  analisi  e  valutazione  dello  stato  di  realizzazione  dei  CAP  e  dei  presidi  ospedalieri  per  la  salute  (POS)  e  dei  loro  funzionamenti  andrà  effettuata  soprattutto  in  considerazione  degli  obiettivi  di  struttura  che  si  sono  succeduti  nel  triennio  2016-2018  (la  previsione  dell'apertura  di  almeno  2  CAP  per  Azienda  nel  2016,  la  previsione  dell'apertura  di  almeno  4  CAP  per  Azienda  nel  2017  e  la  previsione  dell'apertura  di  almeno  1  CAP  ogni  40.000  -  60.000  abitanti  nel  2018);  la  valutazione  presupporrà  un'attenta  riflessione  su  finalità,  funzioni  e  compiti,  sull'organizzazione  anche  in  funzione  delle  diverse  caratteristiche  geomorfologiche  di  densità  abitativa  che  caratterizzano  il  territorio  regionale,  sull'armonizzazione  delle  funzioni  erogative  monoprofessionali  previste  a  livello  di  medicina  di  gruppo  integrata  rispetto  alle  previsioni  multiprofessionali  dei  CAP.  Sarà,  pertanto,  previsto,  quale  obiettivo  per  tutte  le  Aziende,  la  ricognizione  dello  stato  di  attuazione  dei  CAP  e  dei  presidi  ospedalieri  per  la  salute  a  livello  regionale  e  delle  prospettive  di  orientamento  dei  servizi  finalizzati  al  miglioramento  della  spesa  a  carico  della  cronicità  e,  quale  risultato  atteso,  la  mappatura  organizzativa  e  il  funzionamento  dei  CAP  aziendali  e  dei  presidi  ospedalieri  per  la  salute  e  gli  obiettivi  raggiunti  in  termini  di  follow-up  o  presa  in  carico  delle  persone  affette  da  patologie  croniche  e  invio  di  un  report  al  31.12.2018  entro  il  31.03.2019.  Tutto  ciò  premesso,  si  riportano  di  seguito  i  dati  disponibili  relativi  allo  stato  di  realizzazione  dei  CAP  nelle  diverse  Aziende.  ASUITS.  Risulta  attivo  da  tempo  solo  quello  di  Muggia,  con  il  coinvolgimento  di  medici  di  medicina  generale  presenti  in  sede.  L'Azienda  non  ha  fornito  ulteriori  elementi  in  merito.  Azienda  sanitaria  n.  2.  Risultano  presenti  e  attivi  4  CAP:  a  Grado,  con  la  presenza  in  sede  unica  di  medico  di  medicina  generale,  mentre  a  Gradisca,  Cormons  e  Cermignano  i  medici  di  medicina  generale  continuano  a  operare  anche  presso  i  propri  studi  per  salvaguardare  il  principio  di  prossimità  e  non  sguarnire  le  sedi  periferiche  dai  medici  di  medicina  generale.  È  stata  privilegiata  la  medicina  d'iniziativa  con  l'avvio  di  percorsi  assistenziali  integrati  e  multiprofessionali  per  le  principali  malattie  croniche  non  trasmissibili  (diabete  mellito  e  scompenso  cardiaco).  In  alcuni  CAP  è  attivo  anche  un  ambulatorio  per  PLS.  Sono  presenti  anche  ostetrica  di  comunità  e  psicologo.  Le  attività  sono  integrate  con  quelle  distrettuali  già  in  essere.  Azienda  sanitaria  n.  3.  Risultano  4  CAP  attivi,  a  Tarvisio,  Varo,  Mortegliano  e  Buia.  Sono  svolte  le  seguenti  attività:  ambulatori  di  medicina  generale  e  PLS  (non  in  tutte  le  sedi),  servizio  di  continuità  assistenziale,  attività  amministrativa,  ambulatorio  infermieristico,  ambulatorio  ostetrico,  specialistica  ambulatoriale.  Si  svolgono:  attività  di  medicina  d'iniziativa,  diabete,  scompenso,  attività  fisica  adattata,  vaccinazioni,  presa  in  carico  pazienti  cronici  anche  gravi,  presa  in  carico  domiciliare,  integrazione  con  servizi  di  salute  mentale  e  dipendenze.  ASUIUD.  4  CAP  attivi  per  Cento,  Zugliano,  Cividale  e  Manzano,  dove  viene  svolta  attività  di  accoglienza  infermieristica,  gestione  proattiva  integrata  medico-infermieristica  del  diabete  con  accessi  programmati,  indirizzamento  pazienti  per  la  medicina  di  attesa,  consulti  tra  specialisti  e  medici  di  medicina  generale  per  branche  specialistiche  di  maggiore  interesse  relativamente  a  cronicità  e  fragilità,  consulenza  dietetica,  punto  prelievi,  ambulatorio  infermieristico,  psicologico,  presa  in  carico  e  gestione  del  paziente  con  scompenso  cardiaco  o  BPCO  (che  non  so  cosa  sia).  In  un  solo  CAP  sono  svolti  anche  i  servizi  materno-infantili.  Infine  arriviamo  all'Azienda  n.  5.  Sono  attivati  i  CAP  di  Cordenons,  San  Vito  al  Tagliamento  e  Sacile.  Si  basano  sull'aggregazione  di  medici  di  medicina  generale,  PLS,  SAI,  specialisti  dipendenti  e  altri  operatori  sanitari  operanti  nella  stessa  sede  per  gestire  la  presa  in  carico  multiprofessionale,  multidisciplinare  e  la  medicina  d'iniziativa  finalizzata  alla  gestione  della  fragilità  e  della  cronicità,  anche  con  esperienze  innovative.  Le  sedi  dei  CAP  rientrano  o  sono  strettamente  contigue  ad  altri  servizi  aziendali,  facilitando  i  percorsi  e  la  continuità  assistenziale.  All'interno  dei  CAP  sono  previste  le  seguenti  attività:  ambulatori  di  medici  di  medicina  generale,  ambulatori  infermieristici,  ambulatori  specialistici  e  psicologo.  

PRESIDENTE.

Grazie,  assessore  Roberti.  Consigliera  Liguori.  

LIGUORI.

Assessore,  grazie  dell'impegno  che  avete  messo  nella  risposta  a  questa  interrogazione  che  pone  l'accento  su  delle  articolazioni  dei  Distretti  sanitari  importantissime  e  fondamentali  per  la  salute  di  prossimità  e  dei  territori.  Questo  sarà  un  tema  che,  come  abbiamo  sentito,  troverà  la  mappatura  nei  primi  mesi  del  2019,  anche  perché  a  tutta  questa  sequela  di  interventi  che  le  Aziende  hanno  dichiarato  di  svolgere  in  questi  centri  si  dovrebbe  correlare  naturalmente  la  percezione  da  parte  dei  servizi  e  del  cittadino  di  fare  meno  code  in  ospedale  per  tutto  ciò  che  concerne  esami  del  sangue  piuttosto  che  diagnostica  radiologica,  meno  accessi  al  pronto  soccorso  per  codici  che  ovviamente  non  sono  rossi,  dell'emergenza,  ma  tutto  ciò  che  può  essere  in  qualche  modo  scrinato  e  preso  in  carico  sul  territorio  evita  all'utenza  di  andare  a  intasare  i  pronto  soccorso.  Io  naturalmente  mi  ritengo  da  una  parte  contenta  per  l'impegno  della  Giunta  e  dall'altra  parte  annuncio  che  farò  un'interrogazione  scritta  per  quanto  concerne  proprio  le  prestazioni  che  vengono  eseguite  nei  CAP  del  mio  collegio  di  Udine.  Grazie  ancora.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliera  Liguori.  Passiamo  all'interrogazione  a  risposta  immediata  n.  70  di  Russo:  “Residenze  per  anziani  area  triestina:  la  Giunta  è  a  conoscenza  della  situazione  di  emergenza?”.  Prego,  consigliere  Russo.  

RUSSO.

Grazie,  Presidente.  Devo  dire  che  da  un  lato  mi  dispiace  non  ci  sia  l'assessore  Riccardi,  dall'altro  sono  lieto  che  sia  qui  a  rispondere  l'assessore  Roberti  per  competenza  territoriale.  Sapete  che  non  è  mio  uso  utilizzare  linguaggi  allarmistici  o  eccessivi,  però  in  questo  caso  credo  che  siamo  davanti  a  una  situazione  davvero  drammatica  e  che  non  esito  a  definire  scandalosa  se  i  dati  che  presenterò  saranno  confermati.  Mi  è  capitato  di  ricevere  alcuni  dati  relativi  all'attività  del  Dipartimento  di  prevenzione  nei  servizi  residenziali  per  anziani  della  provincia  di  Trieste,  che  credo  anche  l'Assessore  abbia  ricevuto.  Sono  dati  che  riguardano  le  visite  e  i  sopralluoghi  effettuati  nel  triennio  2015-2017  in  33  residenze  per  anziani  della  provincia  di  Trieste.  Sono  stati  utilizzati  alcuni  indicatori  e,  per  non  essere  troppo  lungo,  cito  i  dati  che  credo  siano  veramente  vergognosi.  Relativamente  alle  prestazioni  assistenziali  è  stata  riscontrata  la  presenza  di  forme  di  contenzione  (persone  legate  ai  letti)  in  un  caso  su  tre,  scarsa  assistenza  al  pasto,  ambienti  poco  confortevoli,  posate  inadeguate,  assenza  di  momenti  ricreativi,  di  animazione  e  di  uscite.  Non  sempre  vengono  mantenute  aggiornate  le  schede  di  valutazione,  determinando  prestazioni  assistenziali  e  terapeutiche  non  commisurate  ai  reali  bisogni  della  persona  ospitata  in  un  caso  su  due!  Condizioni  igienico-strutturali  e  abitative:  in  un  caso  su  cinque  è  stata  riscontrata  scarsa  manutenzione  e  pulizia  delle  stanze;  nel  25  per  cento  dei  casi  le  strutture  non  disponevano  di  attrezzature  idonee  per  il  raffreddamento  delle  pietanze  destinate  a  somministrazione  differita;  in  quasi  il  50  per  cento  delle  strutture  sono  state  riscontrate  carenze  rispetto  all'applicazione  delle  norme  di  buona  prassi  igienica  e  di  lavorazione;  in  due  terzi  delle  strutture  sono  state  rilevate  carenze  strutturali,  intonaci  deteriorati,  mobilio  danneggiato,  stoviglie  e  utensili  vetusti.  Per  quanto  riguarda  le  condizioni  delle  persone  anziane  e  anche  le  condizioni  in  cui  sono  chiamate  le  persone  a  lavorare  in  queste  strutture,  relativamente  alla  situazione  nutrizionale  abbiamo:  non  conforme  il  90  per  cento  delle  realtà  testate  relativamente  a  personale  di  cucina  non  adeguatamente  formato  in  materia  nutrizionale;  formulazione  di  menu  non  preparata  da  personale  competente,  risultando  spesso  sbilanciata  in  termini  di  apporto  di  nutrienti  e  di  grammature;  qualità  delle  materie  prime  spesso  insoddisfacente,  riscontrando  un'elevata  diffusione  di  prodotti  congelati,  carne  e  processati  di  bassa  qualità,  formaggi  fusi  con  additivi,  esaltatori  di  sapidità  con  glutammato  monosodico,  bibite  gassate  e  succhi  di  frutta  e  marmellate  con  una  ridotta  percentuale  di  frutta.  Questo  unito  al  fatto  che  le  persone  che  sono  chiamate  a  lavorare  hanno  un  elevatissimo  turnover  e  scarsa  competenza.  Io  credo  che,  se  questi  dati  sono  confermati,  assistiamo  in  una  realtà  come  Trieste...  che,  come  sappiamo,  è  paradigmatica  rispetto  alla  composizione  della  propria  popolazione  anziana,  ma  che  potrebbe  essere  altrettanto  paradigmatica  rispetto  a  quello  che  succede  in  Regione,  ma  rispetto  alla  quale  io  spero  di  portare  questa  situazione  a  conoscenza  della  Giunta  e  di  questo  Consiglio  perché,  al  di    di  tutto,  credo  sia  tema  assolutamente  bipartisan  e  da  affrontare  con  urgenza.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Russo.  Assessore  Roberti.  

ROBERTI, Assessore alle autonomie locali, sicurezza, immigrazione, politiche comunitarie e corregionali all'estero.

Grazie,  Presidente.  Con  riferimento  all'interrogazione  di  cui  all'oggetto  si  rappresenta  quanto  segue.  L'amministrazione  regionale  ha  avviato  da  alcuni  anni  un  importante  processo  di  riqualificazione  della  rete  dei  servizi  residenziali  per  anziani  volto  a  migliorare  la  capacità  di  governo,  l'appropriatezza,  l'equità  e  la  qualità  complessiva  dell'assistenza  nei  servizi  residenziali  per  anziani.  In  attuazione  di  tale  processo,  diverse  sono  le  azioni  intraprese  nel  corso  di  questi  anni  e  hanno  riguardato:  l'adozione,  con  DGR  2147/2007,  dello  strumento  ValGraf  quale  sistema  di  valutazione  multidimensionale  dei  bisogni  delle  persone  anziane  e  delle  loro  capacità  residue;  l'introduzione  di  nuovi  sistemi  informativi  per  la  valutazione  del  bisogno  delle  persone  anziane  (e-GENeSys)  e  per  la  raccolta  di  informazioni  relative  alle  questioni  dei  servizi  sanitari  (SIR  FVG);  l'avvio  di  un  sistema  di  monitoraggio  e  promozione  della  qualità  delle  strutture  residenziali  attraverso  l'attivazione  di  percorsi  di  audit  all'interno  delle  strutture  stesse.  L'adozione  della  D.P.Reg.  144/2015  definisce  i  nuovi  requisiti  minimi  autorizzativi  delle  strutture  residenziali  per  anziani  e  dei  servizi  semiresidenziali  nonché  il  processo  di  riclassificazione  delle  residenze  già  autorizzate  al  funzionamento.  Nel  corso  del  2018  si  è  concluso  il  processo  di  riclassificazione  delle  residenze  per  anziani  che  ha  portato  al  rilascio,  da  parte  delle  Aziende  sanitarie  territorialmente  competenti,  delle  nuove  autorizzazioni  all'esercizio.  In  questa  fase  le  residenze  si  stanno  adeguando  ai  requisiti  previsti  dal  nuovo  regolamento  regionale  e  tutte  le  Aziende  sanitarie  eseguiranno  le  verifiche  a  completamento  degli  interventi  ai  fini  del  rilascio  delle  autorizzazioni  definitive  all'esercizio.  L'adozione  della  D.P.Reg.  144/2015  e  l'attuazione  del  processo  di  riclassificazione  delle  strutture  residenziali  per  anziani  rappresentano  solo  una  parte  delle  tappe  di  un  percorso  mirante  alla  riqualificazione  dell'offerta  residenziale,  che  prevede  anche  la  definizione  di  un  sistema  di  accreditamento  dei  servizi.  Per  raggiungere  tale  obiettivo,  la  Regione  procederà  con  l'adozione  degli  ulteriori  requisiti  per  l'accreditamento  delle  strutture  residenziali  per  anziani  nonché  delle  procedure  per  il  rilascio  e  il  mantenimento  dell'accreditamento  istituzionale.  In  particolare,  in  merito  a  quanto  evidenziato  dal  Consigliere  interrogante,  si  precisa  che  proprio  sulla  base  dei  risultati  del  monitoraggio  condotto  dall'ASUITS  sono  state  recentissimamente  prodotte  le  linee  guida  per  la  ristorazione  nelle  residenze  per  anziani  a  cura  delle  Aziende  sanitarie  della  nostra  regione  in  collaborazione  con  l'Università  degli  Studi  di  Trieste,  che  rappresentano  un  importantissimo  punto  di  riferimento  cui  devono  ottemperare  le  residenze  presenti  a  livello  regionale.  È  stata  inoltre  prevista  una  specifica  richiesta  tra  il  Dipartimento  di  prevenzione  dell'ASUITS  e  l'Università  degli  studi  di  Trieste  al  fine  di  sviluppare  metodiche  mirate  alla  valutazione  degli  aspetti  nutrizionali  degli  alimenti  distribuiti  attraverso  la  ristorazione  collettiva.  L'ASUITS  ha  inoltre  predisposto,  nell'ambito  di  un  progetto  del  Ministero  della  Salute,  strumenti  di  valutazione  dei  rischi  lavorativi  nell'ambito  delle  residenze  stesse  a  supporto  dei  gestori  delle  stesse  e  dei  rappresentanti  dei  lavoratori.  (Tra  l'altro  è  allegata  la  scheda  di  autovalutazione.)  Questo  percorso  comporterà,  di  riflesso,  ricadute  positive  sugli  ospiti  delle  residenze.  I  risultati  e  gli  strumenti  proposti  sono  stati  presentati  alla  recente  conferenza  tenutasi  il  23  ottobre  al  Molo  IV  a  Trieste.  

PRESIDENTE.

Grazie,  assessore  Roberti.  Consigliere  Russo.  

RUSSO.

Ringrazio  l'assessore  Roberti,  immagino  non  potesse  fare  molto  più  che  leggere  una  scheda  preparata  dagli  uffici,  però  lo  inviterei  -  vedo  che  c'è  anche  la  stampa    a  seguire  questa  situazione  che  è  tema  di  massima  urgenza.  Quello  che  io  vorrei,  al  di    delle  formule  di  rito  e  delle  linee  guida  che  sono  state  valutate,  che  proporranno  e  programmeranno  attività,  è  che  la  Giunta  si  sentisse  immediatamente  obbligata  a  un'azione  di  task-force  rispetto  a  una  situazione  che  è  inaccettabile.  Stiamo  parlando  di,  nel  migliore  dei  casi,  una  struttura  su  tre    una  struttura  su  tre    che  non  offre  le  condizioni  minime  decenti  per  le  nostre  persone  anziane.  Io  non  so  chi  di  voi  abbia  persone  anziane  in  situazioni  di  questo  genere.  Nove  su  dieci    nove  su  dieci    non  hanno  adeguato  sostegno  dal  punto  di  vista  nutrizionale,  nove  su  dieci!  Io  credo  che  non  possiamo  limitarci,    in  questa  sede,    in  altre  sedi,  a  leggere  delle  buone  intenzioni  e  delle  ricerche  che  verranno  fatte  nei  prossimi  anni,  quindi  io  chiedo  che  gli  uffici  e  il  competente  Dipartimento  e  l'Azienda  sanitaria  vengano  immediatamente  attivati  perché  è  un  vulnus  rispetto  alla  civiltà  di  questo  territorio  che  non  è  assolutamente  accettabile.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Russo.  Io  continuerei  con  l'assessore  Roberti  se  siamo  d'accordo.  Ora  c'è  l'interrogazione  a  risposta  immediata  n.  68  di  Moretuzzo:  “ASP  Moro:  quali  le  azioni  della  Regione?”.  Prego,  consigliere  Moretuzzo.  Poi  passiamo  a  Pizzimenti.  

MORETUZZO. (Traduzione dell’intervento in lingua friulana).

Grazie,  Presidente.  L'interrogazione  è  relativa  alla  situazione  dell'Azienda  speciale  per  i  servizi  alla  persona  "Daniele  Moro"  di  Codroipo.  L'interrogazione  è  relativa  alla  situazione  che  si  trova  a  vivere  questa  Azienda  perché,  guardando  quello  che  è  successo  negli  ultimi  anni,  abbiamo  visto  che  c'è  stato,  negli  ultimi  sette  anni,  un  cambio  di  presidente  cinque  volte,  c'è  stata  una  serie  di  dimissioni  o  di  sfiducie  nel  Consiglio  di  Amministrazione,  c'è  stata  una  diminuzione  costante  del  capitale  netto  dell'Azienda.  Guardate  gli  ultimi  bilanci,  sempre  presentati  in  ritardo:  c'è  una  diminuzione  di  disponibilità  di  cassa  di  oltre  5  milioni  700  mila  euro  dal  2011  al  2017;  siamo  passati  da  6  milioni  400  mila  di  disponibilità  a  meno  di  700  mila  euro  dell'ultimo  bilancio  del  2017.  Dalla  stampa  si  è  sentito  ultimamente  che  c'è  una  criticità  forte  per  il  mancato  pagamento  di  fatture  per  oltre  2  milioni  di  euro  ai  fornitori  e  sappiamo  anche  che  l'Azienda  "Daniele  Moro"  ha  chiesto  ai  Comuni  che  facevano  parte  dell'ambito  del  Codroipese,  che  naturalmente  negli  ultimi  anni  è  gestito  dall'UTI,  un  aumento  della  quota  forfettaria  a  carico  dei  Comuni  che  avrebbe  dovuto  passare  da  200  mila  a  362  mila  euro,  questa  era  la  richiesta  dell'Azienda,  che  poi  non  è  stata  soddisfatta  del  tutto  dai  Comuni  dell'UTI,  ma  è  una  richiesta  che  fa  vedere  come  la  situazione  sia  di  difficile  gestione.  Dato  che  parliamo  del  servizio  sociale  dei  Comuni,  di  un  settore  molto  importante,  di  una  delega  esercitata  per  conto  degli  enti  locali,  chiedo  quali  siano  le  intenzioni  della  Regione,  che  naturalmente  su  un  tema  così  delicato  ha  l'obbligo  di  vigilare  e  di  tenere  sotto  controllo  la  situazione.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Moretuzzo.  La  parola  all'assessore  Roberti.  Prego.  

ROBERTI, Assessore alle autonomie locali, sicurezza, immigrazione, politiche comunitarie e corregionali all'estero.

Grazie,  Presidente.  Ringrazio  il  consigliere  Moretuzzo  per  questa  interrogazione.  Intanto,  come  piccola  premessa,  nel  frattempo  la  competenza  sulle  ASP  è  passata,  dopo  questa  stabilità  appena  votata,  all'assessore  Riccardi  per  competenza  e  per  risolvere  anche  tutta  una  serie  di  altre  problematiche.  È  chiaro  che  l'aspetto  delle  ASP  riguardi  più  la  salute  che  gli  enti  locali.  Fino  a  oggi  erano  considerate  enti  locali,  quindi  la  vigilanza  era  sotto  la  Direzione  Autonomie  locali.  Da  oggi  non  è  più  così,  passa  di  là.  Comunque  le  questioni  relative  all'andamento  finanziario  e  gestionale  dell'ASP  "Moro"  di  Codroipo  che  lei  ha  menzionato  mi  sono  perfettamente  a  conoscenza,  gli  uffici  ovviamente  mi  hanno  comunicato  quali  erano  le  criticità  fin  dall'insediamento.  Gli  uffici  hanno  già  provveduto  a  richiedere  all'ASP  elementi  di  valutazione  nei  limiti  delle  competenze  regionali  in  materia,  che  sono  essenzialmente  finalizzate  ad  assicurare  il  funzionamento  degli  organi  di  governo  dell'ASP.  Si  tratta  di  questioni  complesse  risalenti  nel  tempo,  che  richiedono  attenta  ponderazione  allo  scopo  di  garantire  in  primo  luogo    perché  quello  è  l'obiettivo  fondamentale    la  continuità  dei  servizi  rivolti  ai  cittadini  evitando  di  provocare  allarmismi  dovuti  a  fatti  non  ancora  sufficientemente  acclarati.  Nel  frattempo,  come  noto,  sono  entrate  in  vigore  nuove  disposizioni  recate  dalla  legge  regionale  12/2018  che  rafforzano  il  ruolo  dell'organo  di  revisione  dell'ASP  e  che  potranno  costituire  un  valido  supporto  alla  messa  in  sicurezza  del  settore  prevenendo  eventuali  criticità,  ma  che  nell'immediato  comportano  un  inevitabile  quanto  comprensibile  periodo  di  rodaggio.  Quindi  è  possibile  assicurare  che  la  vicenda  è  all'attenzione  dell'amministrazione  regionale  e  che,  a  seguito  della  recentissima  ricostituzione  degli  organi  di  amministrazione  dell'ASP,  ha  in  programma  degli  incontri  per  verificare  con  attenzione  la  sussistenza  di  eventuali  criticità  e  che  si  riserva,  in  esito  a  essi,  di  adottare  le  iniziative  che  si  rendessero  necessarie.  Ovviamente  questa  interrogazione  è  stata  scritta  prima  della  stabilità,  questa  risposta  è  stata  scritta  prima  della  stabilità,  gli  incontri  a  questo  punto  saranno  di  competenza  dell'assessore  Riccardi  che  dovrà  cercare  di  capire  come  venirne  a  capo.  Le  do  ancora  soltanto  questo  piccolo  elemento:  ovviamente  c'era  un  discorso  anche  di  attinenza  dei  temi,  un'ASP  sicuramente  è  più  vicina  a  essere  un  ospedale  che  un  ente  locale,  e  quindi  c'era  la  necessità  di  spostarla,  come  competenza,  sulla  parte  della  salute  del  Vicepresidente  Riccardi.  Oltre  a  questo,  non  so  se  ne  è  a  conoscenza,  ci  sono  anche  delle  motivazioni  di  carattere  contabile  che  ci  hanno  portato  a  compiere  questo  tipo  di  scelta.  Le  ASP  dall'1  gennaio  2019,  se  sono  enti  locali,  devono  passare  e  sono  costrette  a  passare  a  una  contabilità  che  è  quella  degli  enti  locali  e  questo  comporta  grandissimi  problemi  per  la  tenuta  dei  bilanci.  Questo  perché  le  ASP  in  genere,  ma  alcune  in  particolare,  due  in  particolare,  ma  in  parte  anche  l'ASP  "Moro",  hanno  grande  patrimonio,  che  se  dovesse  essere  iscritto  a  bilancio,  renderebbe  praticamente  impossibile  la  chiusura  dei  bilanci.  Quindi  questo  spostamento  è  anche  dovuto  al  fatto  di  far  utilizzare  alle  ASP  la  stessa  contabilità  delle  Aziende  sanitarie  sostanzialmente.  

PRESIDENTE.

Grazie,  assessore  Roberti.  Consigliere  Moretuzzo.  

MORETUZZO. (Traduzione dell’intervento in lingua friulana).

Ringrazio  l'assessore  Roberti  per  la  risposta.  A  questo  punto  aspettiamo  di  vedere  quale  sarà  l'esito  delle  verifiche  perché  di  queste  verifiche,  di  questa  supervisione  della  Regione  si  parla  già  da  anni  perché  è  stata  sollecitata  già  in  precedenza  e  non  sono  stati  così  evidenti  i  risultati,  ma  spero  che  questo  passaggio  sia  abbastanza  rapido  e  ringrazio  l'Assessore.  Mi  confronterò,  allora,  anche  con  l'assessore  Riccardi  per  vedere  quanto  di  sua  competenza.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Moretuzzo.  Passiamo  alle  interrogazioni  a  risposta  immediata  per  l'assessore  Pizzimenti  e  cominciamo  con  l'interrogazione  a  risposta  immediata  n.  71  a  firma  Sergo:  “Penali  per  la  consegna  alla  Regione  FVG  dei  dodici  elettrotreni  della  CAF  (Construcciones  y  Auxiliar  de  Ferrocarriles)”.  Prego,  consigliere  Sergo.  

SERGO.

Grazie,  Presidente.  L'assessore  Pizzimenti  credo  che  sia  la  prima  volta  che  si  occupa  direttamente  di  questa  vicenda,  almeno  qua  in  Aula.  I  suoi  predecessori  hanno  una  storia,  diciamo,  ormai  ben  più  lunga,  sono  sei  anni  più  o  meno  che  c'è  questa  vicenda  riguardo  a  questi  nuovi  elettrotreni;  ricordo,  12  elettrotreni,  di  cui  8  entrati  in  funzione  solo  tre  anni  fa  e  gli  ultimi  4  solo  qualche  mese  fa.  C'è  stata  ovviamente  da  parte  nostra  e  anche  di  altri  Consiglieri  regionali,  nella  scorsa  Legislatura,  massima  attenzione  per  quelle  che  erano  le  tempistiche,  vista  poi  l'attesa  anche  e  i  benefici  che  comunque  questi  treni  hanno  portato  al  trasporto  dei  nostri  pendolari  sulle  nostre  linee.  Per  cui  veramente  stava  diventando  e  sta  diventando  una  telenovela  perché  ancora  non  è  conclusa  da  quanto  abbiamo  avuto  modo  di  capire.  Però  anche  sul  discorso  delle  penali  io  credo  che  ci  fossero  state  almeno  tre  o  quattro  interrogazioni  da  parte  di  varie  forze  politiche  sulla  problematica  della  consegna  in  ritardo  e  anche  delle  penali,  che  erano  previste  dal  contratto  per  un  massimo  del  10  per  cento  del  contratto  stesso,  altrimenti  saremmo  dovuti  salire.  Se  fossero  stati  rispettati  i  5  mila  euro  a  ritardo  per  elettrotreno,  probabilmente  ci  venivano...  anzi,  li  pagavamo  zero  questi  treni  e  probabilmente  avremmo  ancora  avuto  soldi  da  avere.  Ma  c'era  un  contratto,  è  stato  rispettato  in  parte.  Solo  che,  come  detto,  pochi  giorni  fa  sui  giornali  abbiamo  saputo  e  appreso,  con  non  poca  sorpresa,  che  ci  sarebbe  un  accordo  transattivo  che  di  fatto  porterebbe  la  Regione  a  rinunciare  anche  ad  un  20  per  cento  di  quelle  penali.  Allora  io  ho  approfitto  di  questa  occasione  per  chiedere  a  lei  qual  è  lo  stato  dell'arte  possibilmente  sia  dei  vecchi  8  elettrotreni  sia  degli  altri  4  perché  anche  quelli  sono  arrivati  comunque  in  ritardo,  per  cui  probabilmente  il  10  per  cento  del  contratto  dovrebbe  essere  raggiunto  anche  qualora  decidessimo  di  dare  delle  sanzioni  anche  in  questo  caso.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Sergo.  La  parola  all'assessore  Pizzimenti.  

PIZZIMENTI, Assessore alle infrastrutture e territorio.

Grazie,  Presidente.  Ha  detto  bene  il  consigliere  Sergo,  è  un  procedimento  che  va  avanti  da  tanti  anni,  si  parla  addirittura  del  2011,  quindi  sono  quasi  sei  e  sette  anni  fa,  quindi  è  molto  tempo.  Comunque  leggo  quello  che  abbiamo  dibattuto  in  questi  giorni  con  gli  uffici  e  quindi  do  informazioni  su  quanto  richiesto.  Il  complesso  iter  di  omologazione  degli  elettrotreni  modulari  prodotti  dalla  società  spagnola  CAF  ha  portato  a  significativi  ritardi  dell'entrata  in  servizio  degli  stessi,  avvenuta  per  8  treni,  dalla  fornitura  iniziale,  tra  giugno  e  settembre  2015,  mentre  per  i  4  ultimi  successivamente  a  settembre  2018.  In  particolare  i  primi  8  treni  sono  stati  fabbricati  nel  2012  e  consegnati  il  30  gennaio  2013.  Si  può  quindi  facilmente  intuire  come  è  il  tempo  trascorso  tra  la  produzione  e  la  messa  in  servizio  che  ha  formato  oggetto  di  contraddittorio  tra  l'amministrazione  regionale  e  la  società  CAF  e  sono  state  proprio  queste  ragioni  adottate  e  reiteratamente  riproposte  dal  fornitore,  con  esclusione  da  parte  dello  stesso  di  qualsiasi  responsabilità  in  ordine  al  ritardo  conseguente  ad  un  prolungato  e  non  prevedibile  procedimento  di  omologazione,  a  suggerire  alla  stazione  appaltante    cioè  alla  Regione    di  valutare  l'ipotesi  transattiva  sull'applicazione  di  penali  il  cui  importo  risultava  pari  a  4  milioni  560  mila  euro.  È  stata  la  rilevanza  dell'importo  del  danno  a  suo  tempo  arrecato  all'amministrazione  regionale  per  il  ritardo  della  stessa  messa  in  esercizio  dei  treni  a  suggerire  all'amministrazione  regionale  di  perseguire  la  strada  della  transazione  onde  evitare  un  ormai  certo  contenzioso  dagli  esiti  significativamente  incerti  in  ordine  alla  possibile  esclusione  di  responsabilità  di  CAF  sui  tempi  e  modi  di  un  procedimento  di  omologa  che  ha  condizionato  ulteriormente  il  processo  di  messa  in  esercizio.  Per  questa  ragione  gli  uffici  preposti  hanno  avviato  un  percorso  transattivo  complesso  coerentemente  con  la  complessità  dell'intera  fornitura,  all'esito  del  quale  è  sembrato  assolutamente  ragionevole  definire  un  accordo  con  la  previsione  del  riconoscimento  delle  penali  per  un  importo  pari  all'80  per  cento  delle  stesse  nella  loro  interezza  e  concretamente  esigibili  tramite  la  fornitura  di  una  scorta  tecnica,  da  ritenersi  come  insieme  di  ricambi  con  tempi  lunghi  di  acquisto,  già  prevista  come  accessoria  alla  fornitura  e  già  acquistata  dalla  Regione  per  assicurare  una  continuità  dell'utilizzo  dei  treni  anche  in  caso  di  sostituzione  di  alcune  componenti  per  guasto  o  per  altre  cause  impreviste.  La  soluzione  individuata  ha  formato  oggetto  di  puntuali  approfondimenti  volti  a  confermare  la  piena  corrispondenza  ai  principi  giuridico-economici  che  devono  legittimare  ogni  ipotesi  transattiva.  In  tal  senso  la  percentuale  di  riconoscimento  delle  penali  che  CAF  ha  accettato  testimonia  in  termini  di  immediata  percezione  numerica  che  l'accordo  transattivo  si  configura  quasi  come  una  semplice  riduzione  del  valore  intero  delle  penali  in  quanto  si  colloca  ben  al  di  sopra  del  50  per  cento  che  normalmente  traduce  i  principi  civilistici  della  transazione.  Per  quanto  riguarda  gli  ultimi  4  elettrotreni  oggetto  di  opzione,  la  situazione  contrattuale  non  è  ancora  stata  definita  anche  per  la  recente  messa  in  esercizio  dei  treni,  per  la  necessità,  quindi,  di  verificare  il  positivo  ed  immediato  beneficio  in  ordine  al  recupero  di  funzionalità  e  quindi  il  miglioramento  del  servizio.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Se  il  consigliere  Sergo  vuole  replicare.  

SERGO.

Sì,  grazie  Presidente.  Diciamo  che  non  so  quanto  sia  già  ufficiale,  ma  l'accordo,  quindi,  c'è  ed  è  già  stato  stabilito.  Io,  Assessore,  le  dico  solo  questo:  in  tutta  questa  vicenda,  ovviamente  lei  lo  sa,  si  parla  anche  di  fondi  comunitari,  qui  c'era  anche  il  fondo  FSC  coinvolto  per  18  milioni  di  euro;  noi  abbiamo  già  dovuto  modificare  quel  programma  da  53  milioni  a  55,6  proprio  per  i  ritardi,  cioè  già  ci  vengono  a  costare  2,6  milioni  in  più.  In  più  adesso  rinunciamo  al  20  per  cento  delle  penali,  cosa  che  sinceramente  mi  lascia  perplesso  perché  poi  lei  non  ci  ha  detto  quando  è  stata  presa  la  decisione  della  transazione,  perché  nel  marzo  2018  la  fu  assessora  Santoro,  rispondendo  a  un'interrogazione  consiliare,  aveva  detto  che  la  Regione  non  intendeva  pagare  e  non  avrebbe  pagato  quei  soldi,  tutto  l'importo,  proprio  perché  voleva  trattenersi  questa  penale,  adesso  invece  scopriamo  che  c'è  stata  una  transazione  tra  le  parti  e  non  credo  che  sia  cosa  degli  ultimi  quattro  o  cinque  mesi,  evidentemente  era  già  così  prima,  per  cui  non  è  bene  venire  a  sapere  le  cose  sempre  successivamente.  Per  quanto  riguarda  gli  ultimi  treni,  io  ricordo  che  non  più  tardi  di  un  paio  di  anni  fa  era  stato  rimodulato  tutto  il  cronoprogramma  di  consegna  degli  stessi  e  si  diceva  che  il  21  dicembre  2017  tutte  le  autorizzazioni,  sia  per  girare  su  rete  austriaca  che  per  girare  su  rete  slovena,  dovevano  essere  già  ottenute  da  parte  del  produttore  e  che  queste  date  erano  da  considerarsi  tassative.  Ora,  visto  che  comunque  lo  slittamento  dei  tempi  di  consegna,  conseguente,  in  parte,  al  prolungamento  della  fase  procedurale  con  l'agenzia  ANSF,  aveva  anche...  c'era  stata  una  sospensione  di  questa  fase  autorizzativa  perché  c'era  stato  un  evento  cosiddetto  di  rottura  della  piastra  di  supporto  del  pendino  antirollio  di  uno  dei  treni  che  stava  facendo  le  prove,  le  verifiche.  Questo  per  quanto  riguarda  i  nuovi  4  elettrotreni.  Se  è  così,  probabilmente  qualche  responsabilità  del  produttore  c'è  stata  in  passato,  sicuramente  in  questo  caso  e  probabilmente  anche  per  gli  altri  8,  per  cui  sinceramente  questa  transazione  non  la  capisco.  Magari  vedrò  eventualmente  tutti  gli  atti  e  potremo  avere  un  quadro  più  completo.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie  al  consigliere  Sergo.  Passiamo  ora  all'interrogazione  n.  72  del  consigliere  Bidoli:  “Art.  177  del  Codice  degli  appalti:  quali  conseguenze  in  Regione?”.  Ha  la  parola.  

BIDOLI.

Grazie,  Presidente.  L'interrogazione  si  riferisce  all'articolo  177  del  Codice  degli  appalti  con  le  eventuali  preoccupazioni  e  anche  preoccupanti  conseguenze  per  la  nostra  regione.  Parliamo,  quindi,  dell'articolo  177,  comma  1,  del  Codice  degli  appalti  che  prevede  l'obbligo  di  mettere  a  gara  una  quota  pari  all'80  per  cento  di  tutti  i  lavori,  servizi  e  forniture  di  importo  superiore  a  150  mila  euro.  Come  si  è  appreso  anche  dagli  organi  di  stampa,  la  situazione  potrebbe  avere  influenze  importanti  anche  per  le  cooperative  elettriche  italiane  storiche  e  soprattutto  in  questo  caso,  come  dicevo  prima,  per  le  imprese  elettriche  operanti  in  regione,  quali  la  SECA,  l'Idroelettrica  Valcanale  e  la  Cooperativa  Idroelettrica  Fornese,  con  il  rischio  di  andare  incontro  a  pesanti  contraccolpi  occupazionali  e  conseguente  perdita  di  professionalità  nelle  aziende  del  settore.  Gli  stessi  lavoratori  del  settore  hanno  rappresentato  la  richiesta  di  modificare  tale  previsione  normativa  con  uno  sciopero  svoltosi  il  17  dicembre  2018,  ritenendola  incomprensibile  e  irragionevole,  non  prescritta  dalle  direttive  europee  e  censurata  dallo  stesso  Consiglio  di  Stato  che  l'ha  ritenuta  e  interpretata  in  maniera  diametralmente  opposta.  L'interrogazione  chiede  di  sapere  primariamente  se  siete  a  conoscenza  di  tale  criticità  ed  eventualmente  se  e  quali  azioni  e  interlocuzioni  verranno  poste  in  essere  con  il  Governo  nazionale.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  Consigliere.  La  parola  all'assessore  Pizzimenti.  

PIZZIMENTI, Assessore alle infrastrutture e territorio.

Grazie,  Presidente.  Prima  di  leggere  la  nota,  ho  incontrato  proprio  ieri  il  presidente  Massarutto  dell'Idroelettrica  Valcanale  per  capire  quali  erano  le  entità  e  le  conseguenze  eventuali  di  questa  proposta  di  legge,  perché  poi  alla  fine  sembra  un'idea,  una  proposta.  Diceva  che  i  numeri  sono  molto  grandi  a  livello  nazionale,  si  parla  di  migliaia  e  migliaia  di  addetti  che  riguardano  il  settore,  quindi  si  sono  po'  coalizzati  assieme  per  fare  non  dico  cartello  rispetto  al  Governo,  però  stanno  vedendo  anche  con  i  propri  legali  di  seguire  questa  vicenda  attentamente,  direttamente  giù  a  Roma.  Quindi  è  un  tema  molto  aperto,  molto  sentito  ovviamente  dal  settore,  ma  anche  da  parte  nostra  perché,  appunto,  già  ieri  ero  a  sentire  in  diretta  quali  erano  le  conseguenze,  anzi,  quali  sono  e  potrebbero  essere  le  conseguenze.  Leggo  comunque  la  risposta  dal  punto  di  vista  tecnico.  L'articolo  177  del  decreto  legislativo  n.  50/2016  estende  anche  ai  servizi  e  alle  forniture,  oltre  che  aumentare  dal  60  all'80  per  cento,  la  quota  percentuale  di  contratti  di  servizi  e  forniture  lavori  che  i  concessionari  dei  settori  dell'elettricità,  del  gas  e  dei  rifiuti  sono  obbligati  ad  esternalizzare  qualora  l'importo  di  contratto  sia  superiore  ai  150  mila  euro  e  sia  relativo  alla  gestione  delle  concessioni  stesse.  Con  delibera  dell'ANAC  n.  614  del  4  luglio  2018  sono  state  approvate  le  linee  guida  n.  11  con  le  quali  l'Autorità  ha  provveduto  a  dare  le  indicazioni  interpretative.  In  tali  linee  guida  ha  ricompreso  nel  vincolo  tutte  le  prestazioni  oggetto  delle  concessioni  che  quindi  sono  necessarie  per  l'esecuzione  delle  stesse  anche  se  svolte  direttamente  dal  concessionario.  Tale  interpretazione  ha  come  conseguenza  di  ridurre  considerevolmente  l'attività  che  le  singole  imprese  concessionarie  potrebbero  svolgere  direttamente  con  il  proprio  personale  e  di  incidere  in  modo  significativo  sull'organizzazione  di  servizi  importanti  e  strategici  come  quelli  dell'elettricità,  del  gas  e  dei  rifiuti.  Sarà  necessario,  pertanto,  valutare  con  tutti  gli  Assessorati  competenti  la  rilevanza  di  questa  interpretazione  nei  confronti  di  tutti  i  settori  coinvolti,  provvedendo  a  sollecitare  a  livello  centrale  un'interpretazione  della  norma  che  escluda  le  prestazioni  di  servizi  che  i  concessionari  possono  realizzare  direttamente.  Inoltre,  rispetto  al  dato  testuale  dell'articolo  177,  appare  che  le  linee  guida  approvate  dall'ANAC  vanno  ben  oltre  le  competenze  assegnate  dalla  norma  in  quanto  il  comma  3  dell'articolo  177  attribuisce  ad  ANAC  solo  il  compito  di  disciplinare  le  modalità  con  le  quali  verificare  il  rispetto  dei  limiti  di  cui  al  comma  1,  ma  non  quello  di  precisare  l'ambito  di  applicazione  della  norma  stessa.  Anche  sotto  questo  profilo  vi  sono  elementi  interpretativi  che  possono  supportare  un'applicazione  della  norma  divergente  rispetto  a  quanto  affermato  da  ANAC.  Tali  modalità  interpretative  dovranno  poi  essere  condivise  con  le  strutture  competenti  nelle  materie  di  concessione  sopra  indicate.  Quindi  c'è  un  certo  margine  sia  dal  punto  di  vista  giuridico,  ma  anche  dal  punto  di  vista,  diciamo  così,  degli  effetti  finali  e  su  questo  ovviamente,  assieme  agli  altri  colleghi,  vediamo  se  riusciamo  anche  a  portare  un  parere  dal  punto  di  vista  della  Regione  rispetto  agli  uffici  centrali  di  Roma.  

PRESIDENTE.

Grazie.  La  parola  al  consigliere  Bidoli.  

BIDOLI.

Grazie,  Assessore.  Sì,  mi  ritengo  soddisfatto  della  risposta,  anche  perché  abbiamo  avuto  la  stessa  interpretazione  sull'interpretazione    scusi  la  ripetizione    dell'ANAC  su  questa  vicenda.  Mi  conforta  anche  che  abbia  già  avuto  modo  di  incontrare  gli  operatori  regionali  per  confrontarsi  con  loro,  quindi  riconosco  l'attenzione  a  questo  tema  che  è  molto  importante  per  i  numeri  come  diceva  lei,  che  sono  alti  per  l'Italia,  ma  anche  importanti  per  la  nostra  regione,  quindi  grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Ora  la  parola  al  consigliere  Ussai  per  l'interrogazione  n.  73:  “Selezione  per  l'assunzione  a  tempo  indeterminato  a  tempo  pieno  di  n.  4  dipendenti  di  livello  B3  Area  "B"  -  preselezione  -  ATER  di  Trieste  -  Chiarimenti  sullo  svolgimento  della  fase  di  preselezione”.  Ha  la  parola.  

USSAI.

Grazie,  Presidente.  Come  già  anticipato  dal  Vicepresidente  Russo,  la  mia  interrogazione  riguarda  la  selezione  indetta  da  ATER  Trieste  per  l'assunzione  a  tempo  pieno  e  indeterminato  di  4  dipendenti  di  livello  B3,  in  particolare  la  fase  di  preselezione  di  tale  procedura.  Dalla  stampa  si  è  appreso  che  la  prova  preselettiva,  che  ha  riguardato  circa  400  persone  e  che  si  è  svolta  il  25  ottobre  scorso,  pare  essersi  svolta  senza  l'utilizzo  di  metodologie  atte  ad  evitare  la  possibilità  di  copiare  tra  i  candidati  stessi  in  quanto  i  partecipanti  erano  seduti  l'uno  vicino  all'altro  senza  spazi  e  la  prova  preselettiva  era  composta  da  domande  a  risposta  multipla  identiche  per  tutti.  Oltre  a  ciò,  i  compiti  non  sono  rimasti  anonimi  per  la  commissione  giudicatrice  in  quanto  è  stato  detto  ai  candidati  di  apporre  il  proprio  nome  e  cognome  sul  foglio  della  preselezione.  Per  questo  motivo  chiedo  al  Giunta  regionale  di  sapere  quali  siano  le  procedure  da  seguire  per  la  selezione  di  candidati  presso  le  ATER  e  se  intende  attivarsi  per  accertare  l'osservanza  di  tali  procedure.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Assessore  Pizzimenti.  

PIZZIMENTI, Assessore alle infrastrutture e territorio.

Grazie,  Presidente.  L'ATER  di  Trieste,  in  relazione  alla  sua  natura  giuridica  di  ente  pubblico  economico  sottoposto  alla  vigilanza  della  Regione,  nel  pieno  rispetto  delle  vigenti  norme  legislative  e  regolamentari,  nonché  della  contrattazione  collettiva  di  settore,  utilizza  per  il  reclutamento  del  personale  la  procedura  di  natura  privata  dell'avviso  di  selezione  al  pubblico,  ai  sensi  dell'articolo  47  della  legge  1/2016,  con  particolare  riferimento  all'articolo  14  del  contratto  nazionale  2016-2018  ATER.  In  particolare  nell'avviso  di  selezione  è  stato  indicato  all'articolo  4  che  "la  commissione  esaminatrice  può  procedere  a  una  preselezione  dei  candidati  basata  su  test  psicoattitudinali  e  di  cultura  generale/specifica  a  risposta  multipla  qualora  i  candidati  in  possesso  dei  requisiti  siano  in  un  numero  superiore  a  trenta".  Quanto  alla  supposta  carenza  di  anonimato  della  prova  si  precisa  che  la  stessa,  trattandosi  di  quiz  a  risposta  multipla  con  apposizione  di  crocetta  il  cui  risultato  è  dato  da  somma  semplice  e  algebrica,  non  implica  alcun  poter  discrezionale  della  commissione  esaminatrice  e  quindi  non  necessita  di  alcuna  forma  di  anonimato.  Quanto,  infine,  alla  sede  della  prova  si  ha  ragione  di  ritenere  che  il  tutto  si  sia  svolto  in  modo  trasparente  e  regolare  stante  il  numero  di  posti  disponibili  del  palazzetto  di  tre  volte  superiore  al  numero  dei  partecipanti,  nonché  alla  puntuale  azione  di  sorveglianza  da  parte  dei  componenti  della  commissione  esaminatrice  e  di  un  nutrito  numero  di  assistenti  all'uopo  incaricati.  

PRESIDENTE.

Grazie,  Assessore.  La  parola  al  collega  Ussai  per  la  replica.  

USSAI.

Grazie,  Assessore.  Siamo  consapevoli  che  ATER  non  è  ente  pubblico,  ma  ente  pubblico  economico  e  quindi  alla  stessa  non  sono  applicate  tout-court  le  norme  previste  per  il  contratto  pubblico,  ma  si  applica,  come  tra  l'altro  citava  anche  il  Direttore  dell'ATER,  il  contratto  collettivo  Federcasa  Aniacap  del  2016-2019,  che  sono  disposizioni  generiche  che  dicono  che  "l'assunzione  del  personale  dipendente  è  effettuata  nel  rispetto  delle  disposizioni  di  legge  e  della  normativa  comunitaria  vigente  in  materia".  Si  ritiene  comunque  indispensabile  per  qualsiasi  genere  di  selezione  che  siano  seguiti  metodi  per  evitare  la  possibilità  di  coprire  le  prove  e  soprattutto  che  sia  garantito  il  criterio  dell'anonimato  che  costituisce  il  diretto  portato  del  principio  costituzionale  di  eguaglianza,  nonché  comunque  quello  di  buon  andamento  e  imparzialità  che  deve  contraddistinguere  l'operato  di  enti  pubblici  economici.  Io  so  che,  come  ha  detto  lei,  c'è  meno  potere  discrezionale  se  non  c'è  un  testo  scritto  dal  candidato  ma  c'è  una  risposta  multipla,  però  uno  può  lasciare  anche  in  bianco,  si  vede  sopra  nome  e  cognome  del  candidato  e  dopo  sta  naturalmente  nell'onestà  di  chi  esamina  la  prova  esaminare  nel  migliore  dei  modi,  diciamo.  Io  credo  che  in  questa  prova  non  sia  stato  garantito  un  buon  andamento  e  credo  che  in  tutte  le  prove  vada  garantito  l'anonimato  e  quindi  non  mi  ritengo  soddisfatto  di  questa  risposta  perché  credo  che  bisogna  operare  diversamente  proprio  per  garantire  l'imparzialità  di  tutti  i  candidati  nell'accedere  alla  prova.  

PRESIDENTE.

Grazie,  Consigliere.  Passiamo  ora  all'assessore  Scoccimarro  e  all'interrogazione  a  risposta  immediata  n.  50  del  consigliere  Camber:  “Prosieguo  delle  attività  di  bonifica  del  Sito  di  Interesse  Nazionale  di  Trieste”.  La  parola  al  Consigliere.  

CAMBER.

Grazie,  Presidente.  Nel  2017  la  Conferenza  dei  servizi  ministeriale  ha  approvato  la  riperimetrazione  del  Sito  di  Interesse  Nazionale  e  questa  approvazione  doveva  portare  alla  riconsegna  dei  suoli  ad  alcune  società.  A  tutt'oggi  abbiamo  incertezza  delle  tempistiche  delle  attività  di  bonifica,  abbiamo  dei  fondi  fermi  di  cui  sappiamo  ben  poco  del  perché  non  si  sblocchino.  Volevamo  sapere  dall'Assessore  come  proseguono  le  attività  di  bonifica  del  Sito  di  Interesse  Nazionale  di  Trieste  e  l'impiego  degli  stanziamenti  già  accreditati.  

PRESIDENTE.

Assessore  Scoccimarro.  

SCOCCIMARRO, Assessore all'ambiente ed energia.

Grazie,  Presidente.  Rispondo  volentieri.  A  seguito  della  deperimetrazione  del  Sito  di  Interesse  Nazionale  di  Trieste  e  del  passaggio  delle  competenze  dal  Ministero  dell'Ambiente  alla  Regione  Friuli  Venezia  Giulia  sulle  aree  deperimetrate    un  decreto  del  2.2.2018),  dal  marzo  2018  sono  stati  gestiti  11  procedimenti  con  la  conseguente  restituzione  dei  suoli  per  5  siti  e  la  chiusura  per  altri  2  siti.  In  merito  alle  aree  del  SIN  caratterizzate  a  suo  tempo  da  EZIT,  si  ricorda  che  nel  2017  la  Giunta  regionale  ha  adottato,  con  delibera  1516  del  4  agosto  2017,  un  documento  con  la  seguente  dicitura:  "Individuazione  dei  lotti  per  i  quali  si  richiede  la  chiusura  della  procedura,  identificazione  sorgenti  primarie  ed  analisi  di  rischio  sito  aree  di  proprietà  EZIT  ed  aree  alienate  da  EZIT  a  privati  -  Valli  Noghere  -  Rio  Ospo  -  Comune  di  Muggia".  Trasmesso  il  documento,  poi,  al  Ministero  e  agli  enti  competenti,  il  documento  a  tutt'oggi  non  è  stato  esaminato  in  Conferenza  dei  servizi.  Nel  2018  la  Regione  ha  inoltre  dato  attuazione,  nelle  aree  di  proprietà  EZIT  in  liquidazione,  alle  misure  di  prevenzione  mediante  emungimenti  periodici  delle  falde.  A  seguito  dell'incontro  preliminare  presso  il  Ministero  dell'Ambiente  in  data  23.11.2018  sulla  fattibilità  tecnica  ed  amministrativa  di  un'ulteriore  ridefinizione  della  perimetrazione  del  SIN,  nonché  la  conferma  della  possibilità  di  utilizzare  i  fondi  ministeriali  già  stanziati  per  le  aree  perimetrate,  il  Ministero  ha  manifestato  la  propria  apertura  a  questa  proposta  e  gli  uffici  regionali  competenti  stanno  predisponendo  la  documentazione  necessaria  al  fine  di  dare  inizio  all'iter  di  nuova  riperimetrazione.  Pertanto,  con  nota  protocollo  della  Direzione  centrale  del  14  dicembre,  la  nostra  Direzione  centrale  ha  chiesto  un  incontro  al  Ministero  allo  scopo  di  approfondire  i  seguenti  temi:  condizioni  per  l'utilizzo  dei  fondi  stanziati  con  l'accordo  di  programma;  ridefinizione  delle  competenze  nell'ambito  dell'accordo  a  seguito  della  liquidazione  dell'EZIT  e  della  soppressione  della  Provincia  di  Trieste;  modifica  dell'accordo  finalizzata  al  superamento  delle  criticità  di  applicazione  della  procedura  amministrativa  di  intervento  delineata  all'articolo  10,  comma  5,  nell'accordo,  in  modo  tale  da  ovviare  alla  stipula  di  convenzioni  onerose  con  i  proprietari  e  gestori,  consentendo  alla  Regione,  oppure  a  un  delegato  della  Regione,  di  agire  direttamente  in  via  sostitutiva,  ai  sensi  dell'articolo  250  del  decreto  152/2006,  nelle  aree  non  potenzialmente  contaminate  dal  pubblico  sussistendo  tutti  i  presupposti  alla  luce  delle  attività  dei  responsabili  proprietari  e  soggetti  interessati  a  partire  dal  2003  (il  2003  è  la  data  di  perimetrazione  del  sito  e  dell'accordo)  e  di  recuperare  le  spese  sostenute  come  previsto  all'articolo  253  del  decreto  152/2006.  Questa  è  la  risposta.  Aggiungo  che    il  consigliere  Camber  si  ricorderà    questo  iter  è  iniziato  nel  2003    allora  sedeva  sugli  stessi  banchi...  Sì,  bei  tempi,  eravamo  poco  più  che  quarantenni,  non  avevamo  ancora  qualche  capello  bianco    e  con  Matteoli  mi  ricordo  che  iniziammo  quell'iter.  Io  auspico  che  adesso,  con  la  collaborazione  di  tutti  gli  attori  di  questo  accordo,  si  possa  restituire  le  aree  a  chi  ne  ha  bisogno  senza  dover  attendere  altri  diciotto  anni.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  assessore  Scoccimarro.  Consigliere  Camber.  

CAMBER.

Beh,  possono  solo  che  dichiararmi  soddisfatto  perché  capisco  che  ci  si  sta  muovendo  da  novembre  a  dicembre,  quindi  è  questione  di  questi  giorni,  il  14  dicembre  citava  come  data.  Serve  chiaramente  essere  propulsivi  perché  se  lasciamo  le  carte  lì,  abbiamo  capito  che  in  quindici  anni  non  si  è  mosso  nulla,  gestioni  varie  sono  passate.  Il  sito  è  di  particolare  interesse,  è  una  delle  poche  aree  potenziali  di  sviluppo  per  questa  città  soffocata  da  una  parte  dal  mare  e  dall'altra  parte  dal  Carso.  Quindi,  Assessore,  buon  lavoro,  ma  glielo  dico  veramente  di  cuore,  soddisfatto  che  ci  si  sta  attivando  in  questa  direzione.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Camber.  Passiamo  all'ultima,  credo,  interrogazione  a  risposta  immediata,  la  n.  74  di  Centis:  “Rinegoziazione  degli  accordi  finanziari  tra  la  Regione  e  lo  Stato.  Necessario  comparare  gli  effetti  sulle  entrate  regionali  del  nuovo  articolo  49  dello  Statuto  speciale  per  la  situazione  previgente”.  Prego,  consigliere  Centis.  

CENTIS.

Grazie,  Presidente.  Buongiorno  assessora  Zilli.  Premesso  che  l'articolo  1,  comma  817,  della  legge  27  dicembre  2017    la  manovra  finanziaria  dell'anno  scorso    ha  modificato  l'articolo  49  dello  Statuto  speciale  cambiando  il  sistema  di  compartecipazione  alle  entrate  tributarie  erariali;  atteso  che  criteri  di  determinazione  del  gettito  riferito  al  territorio  regionale  dei  tributi  di  cui  all'articolo  49  sono  stati  definiti  con  decreto  del  26  marzo  2018  che  cita  "Norme  di  attuazione  dello  Statuto  speciale  della  Regione  autonoma  Friuli-Venezia  Giulia  in  materia  di  compartecipazioni  ai  tributi  erariali";  visto  che  è  in  corso  la  rinegoziazione  degli  accordi  finanziari  tra  la  Regione  e  lo  Stato;  ritenuto  che  ai  fini  di  una  miglior  rinegoziazione  degli  accordi  finanziari  tra  la  Regione  e  lo  Stato  sia  necessario  poter  comparare  puntualmente  le  entrate  tributarie  inscritte  a  bilancio  con  l'approvazione  del  DDL  34    che  abbiamo  portato  la  settimana  scorsa    con  le  entrate  che  sarebbero  state  iscritte  se  fosse  stato  ancora  in  vigore  il  previgente  articolo  49  dello  Statuto  speciale,  interrogo  la  Giunta  regionale  per  conoscere  il  suddetto  quadro  comparato  delle  entrate  tributarie  previste  per  l'anno  2019.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Centis.  Assessore  Zilli.  

ZILLI, Assessore alle finanze e patrimonio.

Grazie,  Presidente.  Ringrazio  il  consigliere  Centis  per  l'interrogazione.  Devo  rappresentare  che  il  tema  è  molto  tecnico,  è  squisitamente  tecnico,  per  cui  mi  rimetto  a  darle  lettura,  cosa  che  di  solito  non  faccio,  di  una  parte  della  risposta  per  consentirle  poi,  anche  con  la  consegna  del  documento,  di  fare  le  comparazioni  effettive  e  i  ragionamenti  che  immagino  lei  voglia  sviluppare  e  in  ordine  ai  quali  c'è  tutta  la  mia  disponibilità  e  degli  uffici.  Secondo  il  nuovo  sistema  di  compartecipazione  ai  tributi  erariali  previsto  dall'articolo  1,  comma  817,  della  legge  205/2017,  che  ha  modificato  l'articolo  49  dello  Statuto,  alla  Regione  spetta  una  quota  del  gettito  dei  tributi  erariali  maturata  nel  territorio  regionale.  Il  decreto  legislativo  45/2018  all'articolo  3  individua  più  esattamente  quale  quota  del  gettito  nazionale  vada  considerata  maturata  in  regione.  Mentre  per  l'IRPEF  si  considera  maturo  in  regione  il  gettito  dichiarato  dai  contribuenti  domiciliati  sul  suo  territorio,  per  le  altre  imposte  si  intende  in  regione  quella  quota  del  gettito  nazionale  ripartita  in  base  a  vari  indici  di  territorializzazione,  quali  ad  esempio:  l'indice  dei  consumi  ISTAT,  l'indice  di  ripartizione  dei  depositi  bancari  o  dei  valori  immobiliari,  o  il  valore  della  produzione  netta.  Ciò  significa  che  le  spettanze  definitive  2018,  in  base  al  nuovo  sistema  del  maturato,  saranno  quantificabili  in  via  definitiva  soltanto  allorché  gli  indici  di  territorializzazione  del  2018  saranno  pienamente  disponibili,  con  l'elaborazione,  quindi,  della  dichiarazione  dei  redditi  2018  o  dei  consumi  2018  e  così  via.  Prima  di  quel  momento    quindi  ne  parliamo  a  fine  2019    alla  Regione  spetta  comunque  un  acconto  sulle  sue  spettanze,  come  precisato  espressamente  dall'articolo  4,  comma  secondo,  del  decreto  legislativo  45/2018  che  le  ho  citato,  calcolato  in  base  alle  spettanze  degli  esercizi  precedenti,  che  ovviamente  non  rappresenta  una  spettanza  definitiva,  ma  un  acconto.  Da  ciò  deriva  che  il  confronto  tra  il  vecchio  sistema  basato  sul  presupposto  del  riscosso  e  il  nuovo  sistema  che  invece  si  basa  sul  principio  del  maturato,  da  un  punto  di  vista  tecnico  non  può  essere  ancora  quantificato  in  modo  esatto  come  sembra  supporre  lei,  ma  può  essere  solo  stimato.  Quindi,  dalle  stime  della  mia  Direzione,  dai  dati  disponibili  fino  al  mese  di  settembre,  l'acconto  del  nuovo  sistema  di  compartecipazione  risulta  in  linea  con  le  teoriche  spettanze  che  si  sarebbero  ricavate  dal  vecchio    attenzione,  quindi  risulta  in  linea    anche  tenendo  conto  che  con  la  riforma  del  2018  sono  state  attribuite  alla  Regione  nuove  quote  di  compartecipazioni  per  un  importo  pari  a  circa  88  milioni  per  effetto  della  conversione  di  assegnazioni  statali  vincolate  in  materia  di  finanza  locale,  sanità  e  incentivi  alle  imprese.  Colgo  l'occasione  per  dirle  ancora  una  cosa.  In  questo  difficile  mondo  del  nuovo  metodo  del  maturato,  possiamo  dire  che  la  scelta  iniziale  che  fu  presa  dall'amministrazione  Tondo  e  poi  portata  avanti  dall'amministrazione  Serracchiani  e  che  oggi  deve  ancora  essere  perfezionata  nella  sua  parte  conclusiva,  è  comunque  una  scelta  che  appare  a  questo  Assessore  più  garantista  rispetto  al  passato  perché  in  questo  modo  noi  possiamo  evitare  situazioni  nelle  quali  un  semplice  cambio  di  ufficio  di  tesoreria  fuori  regione  possa  portare  a  una  diminuzione  del  gettito  per  la  nostra  Regione.  Quindi,  da  questo  punto  di  vista,  il  percorso  iniziato  appare  garantista  e  tutelante  per  la  nostra  Regione.  Sui  numeri  effettivi  ci  troveremo  dopo  la  metà  del  2019  per  fare  una  valutazione.  La  ringrazio  comunque.  

PRESIDENTE.

Grazie,  assessore  Zilli.  Consigliere  Centis.  

CENTIS.

Grazie,  Assessore.  Sono  soddisfatto  della  risposta  anche  per  la  sua  attenzione,  per  il  lavoro  svolto  e  presentato  rispetto  alla  mia  interrogazione.  Porto  a  conoscenza  sua  e  anche  dell'Aula  che  abbiamo  approvato  in  quest'Aula  consiliare,  il  28  giugno  scorso,  una  mozione,  presentata  dal  Consigliere  Presidente  del  Gruppo  Patto  per  l'Autonomia  Moretuzzo,  che  istituisce  la  sottocommissione,  quindi  quando  sarà  il  momento,  quando  avremo  i  dati,  quando  avremo  i  numeri  e  quando  avremo  le  carte  sufficienti,  ecco  che  questa  potrebbe  essere  l'occasione  per  portare  a  conoscenza  dell'Aula  i  dati  che  abbiamo  e  che  lei  avrà.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Centis.  Terminata  in  orario  la  discussione  delle  IRI,  riprendiamo  con  la  discussione  del  disegno  di  legge  n.  32  relativo  agli  enti  locali  e  altro.  PRESIDENTE  Ci  eravamo  fermati  all'articolo  11,  che  presenta  un  emendamento  11.1  a  firma  Iacop,  Russo,  Moretti.  Do  la  parola  al  consigliere  Iacop  per  la  sua  illustrazione.  Prego,  Consigliere.  

IACOP, Relatore di minoranza.

Grazie,  Presidente.  Con  questo  emendamento  cerchiamo  di  riportare  un  minimo  di  ordine,  di  coordinamento  relativamente  alla  nuova  modalità  sulla  concertazione.  Cioè  rispetto  alla  lettera  b)  dell'articolo  11  crediamo  che  sia  il  caso  di  invertire  l'ordine  dei  soggetti,  nel  senso  che  nell'articolo  11  si  dice  "a  favore  dei  Comuni  non  in  Unione,  singoli  o  associati  mediante  convenzione,  e  delle  Unioni  territoriali  intercomunali,  il  fondo  straordinario  unitario",  con  la  riformulazione  che  noi  diamo  mettiamo  in  precedenza  ovviamente  le  Unioni  territoriali  per  quanto  riguarda  il  riparto  delle  risorse  e  di  fatto,  poi,  i  Comuni  singoli  e  associati  mediante  convenzione,  garantendo  l'integrazione  e  il  coordinamento  degli  interventi  stessi,  proprio  per  recuperare  lo  spirito  della  concertazione  e  soprattutto  dell'integrazione  dei  finanziamenti.  Questo  perché  non  vorremmo  rivedere  la  tabella  come  è  stata,  ma  la  tabella  può  essere  anche  dei  Comuni  singoli.  Ci  deve  essere  ovviamente  una  valutazione  circa  il  fatto  che  questa  tipologia  di  finanziamenti  sia  una  tipologia  coerente  sia  per  le  Unioni,  sia  per  i  Comuni  singoli,  che  ovviamente  presenteranno  le  loro  proposte  in  una  logica  comunque  di  integrazione,  perequazione  infrastrutturale  dei  territori.  Altrimenti  siamo,  come  dicevo  più  volte,  al  "B2B",  cioè  al  rapporto  diretto  e  rischiamo  di  avere  poi  una  serie  di  interventi  slegati  fra  loro  senza  una  coerenza  e  senza  anche  un'offerta  complessiva  su  un  territorio,  come  spesso  è  necessario  stante,  appunto,  la  valenza  degli  interventi  stessi.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Iacop.  Non  ci  sono  altri  emendamenti  da  illustrare,  apriamo  la  discussione  su  questo  punto.  Se  nessuno  si  iscrive,  passerei,  quindi,  al  parere  dei  Relatori.  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Ovviamente  sono  favorevole.  Tutta  questa  parte,  che  è  una  parte  che  perde  di  vista  quello  che  era  l'elemento  qualificante  del  discorso  delle  UTI,  rinunciare  alla  possibilità  di  avere  una  possibilità  di  dialogo  di  area  più  vasta  come  io  avevo  cercato  di  dire  nell'articolo  precedente,  è  un  pasto  indietro  nel  percorso  di  crescita  amministrativa  della  nostra  regione,  quindi  voterò  a  favore  di  questo  emendamento,  ed  essendo  l'unico,  non  c'è  altro  da  dire,  e  voterò  contro  l'articolo  se  questo  emendamento  non  venisse  approvato.  

PRESIDENTE.

Grazie  Honsell.  Capozzella.  

CAPOZZELLA, Relatore di minoranza.

Grazie,  Presidente.  Anch'io  voto    a  questo  emendamento,  che  chiude,  insieme  al  9  o  al  10,  la  rivisitazione,  chiamiamola  così,  della  concertazione,  sulla  quale  noi  abbiamo  dei  dubbi.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Iacop.  

IACOP, Relatore di minoranza.

Beh,  sicuramente  sì,  è  il  mio.  

PRESIDENTE.

Di  Bert.  

DI BERT, Relatore di maggioranza.

11.1  no.  

PRESIDENTE.

Tosolini.  

TOSOLINI, Relatore di maggioranza.

Come  Di  Bert.  

PRESIDENTE.

Giunta.  

ROBERTI, Assessore alle autonomie locali, sicurezza, immigrazione, politiche comunitarie e corregionali all'estero.

No.  

PRESIDENTE.

Bene,  allora  mettiamo  ai  voti  l'emendamento  11.1  a  firma  Iacop  e  altri,  con  parere  contrario  della  Giunta  e  della  maggioranza.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  non  approva.  Poniamo  in  votazione  l'articolo  11.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Mi  ero  distratto  un  attimo  e  quindi...  Ma  chi  ha  detto  no?  Va  bene.  Passiamo  all'articolo  12.  Ci  sono  tre  emendamenti.  Centis,  12.1.  Credo  si  commenti  da  sé,  ma...  

CENTIS.

Lei  non  ha  prima,  al  momento  del  voto...  maggioranza...  sì,  no...?  Si  è  dimenticato,  Presidente,  deve  stare  attento,  deve  stare  attento!  In  merito  all'articolo  12  noi  presentiamo  un  emendamento  soppressivo  per  quanto  riguarda  il  comma  2  perché  riteniamo  che  così  come  formulato,  "le  economie  risultanti  dagli  interventi  finanziati  con  le  risorse  di  cui  al  comma  1  sono  restituite  alla  Regione",  riteniamo  che  se  ci  sono  degli  avanzi,  se  ci  sono  delle  economie  di  gestione  in  merito  a  investimenti  che  sono  rimaste  a  disposizione  dei  Comuni  o  delle  Unioni,  queste  risorse  possano  restare  a  disposizione  per  ulteriori  eventuali  investimenti.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Poi  abbiamo  quello  di  Iacop  e  altri,  che  è  uguale.  

IACOP, Relatore di minoranza.

Ha  le  stesse  finalità.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Poi  c'è  un  emendamento  12.2  Piccin.  Prego.  

PICCIN.

Grazie,  Presidente.  Presento  questo  emendamento,  così  come  anche  concordato  con  l'Assessore,  per  porre  all'attenzione  una  tematica  sulla  quale  questo  Consiglio  regionale  in  passato  più  volte  è  ritornato.  Sostanzialmente  si  tratta  di  introdurre  una  deroga  all'applicazione  del  Testo  Unico  sugli  enti  locali  relativamente  ai  dipendenti  pubblici  e  privati  eletti  nelle  assemblee  degli  enti  locali  del  Friuli  Venezia  Giulia  prevedendo  il  diritto  di  assentarsi  dal  servizio  per  la  giornata  in  cui  sono  convocati  i  Consigli  comunali.  Evidentemente  questa  è  una  problematica  che  è  vista  in  modo  spesso  e  volentieri  superficiale,  è  una  richiesta  che  però  deriva  spesso  e  volentieri  da  coloro  che  lavorano  all'interno  del  comparto  pubblico  e  privato  e  che  non  riescono,  soprattutto  nei  piccoli  Comuni    si  tratta  anche  di  assenze  molto  limitate    ad  avere  il  tempo  necessario  per  poter  anche  solo  reperire,  spesso  e  volentieri,  i  documenti  o  avere  la  possibilità  di  incontrarsi  rispetto  agli  uffici  su  determinate  argomentazioni;  parlo  soprattutto  di  bilanci  di  previsione,  di  conti  consuntivi,  di  piani  regolatori,  di  argomenti  che  possono  impegnare  di  più  l'attività  dei  Consiglieri  comunali.  Io  so,  Assessore,  che  rispetto  a  questa  tematica  ci  sono  alcuni  approfondimenti  da  fare,  credo  però  che  vada  preso  in  esame  questo  tipo  di  argomento  perché  rispetto  a  questo  la  nostra  Regione  aveva,  fino  al  2014,  2015,  questo  tipo  di  deroga  che  per  la  verità  non  è  mai  stata  in  alcun  modo  impugnata,  non  ci  sono  state  impugnative,  quindi  la  norma  è  rimasta  vigente,  salvo  poi  essere  abrogata  durante  la  scorsa  Legislatura.  Chiedo  sostanzialmente  di  fare  un  approfondimento  per  i  prossimi  appuntamenti  normativi  che  riprenderanno  in  mano  la  tematica  degli  enti  locali.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliera  Piccin.  Apriamo  la  discussione,  vediamo  se  c'è  la  discussione,  se  c'è  qualcuno...  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Vorrei  fare  mio  il...  cioè,  vorrei  chiedere  se  posso  mettere  la  firma  sugli  emendamenti  12.1  e  12.1.1.  Confesso  che  anch'io  ero  molto  tentato  di  farlo,  poi  il  soppressivo  ho  pensato  di  non  farlo,  ma...  

PRESIDENTE.

Va  bene,  se  sono  d'accordo,  aggiungiamo  la  firma.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

L'altro,  invece,  è  mantenuto,  non  viene  ritirato,  no?  Sennò  lo  faccio  mio  se  venisse  ritirato.  

PRESIDENTE.

Moretti.  

MORETTI.

Non  è  la  prima  volta,  Presidente,  che  affrontiamo  questo  tema  e  ogni  volta  ci  siamo  imbattuti  sul  fatto  che  la  competenza,  ahimè,  non  è  nostra,  quindi  se  l'Assessore  fa  l'approfondimento  con  il  Ministero  rispetto  a  questa  tematica...  Tutti  ci  poniamo  il  problema  che  effettivamente  il  tempo  strettamente  necessario  per  partecipare  ai  Consigli  è  un  tempo  insufficiente,  premesso  che  il  cambiamento  della  norma  nasce  perché  c'era  chi  anche  approfittava  del  permesso  non  per  recarsi  in  Comune  a  vedere  le  carte,  ma  solo  per  stare  a  casa,  perché  questa  è  un  po'  la  questione.  Ma  come  sempre  accade  spesso  in  Italia  quando  si  fanno  queste  norme,  succede  che,  per  buttare  via  l'acqua  sporca,  si  butta  via  tutto.  Ho  forti  dubbi  che  la  questione  sia  affrontabile  da  questo  Consiglio  regionale,  tant'è  che  in  altre  occasioni  avevamo  ritirato  l'emendamento  con  l'impegno  dell'Assessore  a  verificare  la  questione,  o  forse  l'avevamo  bocciato,  adesso  non  ricordo.  Però,  sì,  facciamo  un  invito  all'Assessore  ad  approfondire  la  questione  a  Roma  auspicando  che  l'emendamento  venga  ritirato  perché  ho  l'impressione  che  approviamo,  sì,  una  norma,  ma  poi  te  la  impugnano  nel  momento  in  cui  verificano  i  contenuti  della  legge,  quindi  sarebbe  un  lavoro  inutile.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Moretti.  Se  non  ci  sono  altri  iscritti  a  parlare,  do  la  parola  all'Assessore  per  una  replica  rispetto  a  queste  osservazioni  sollevate.  Prego,  assessore  Roberti.  

ROBERTI, Assessore alle autonomie locali, sicurezza, immigrazione, politiche comunitarie e corregionali all'estero.

Grazie,  Presidente.  Per  quanto  riguarda  gli  emendamenti  12.1  e  12.1.1  presentati  da  Centis  e  Iacop,  io  chiederei  il  ritiro,  se  non  altro  perché  è  evidente  che  già  avviene  questo,  nel  senso  che  l'intervento  finanziato  con  la  concertazione  prevede  il  finanziamento  per  una  specifica  opera  con  un  determinato  importo,  ma  tutto  va  rendicontato  ovviamente  alla  Regione,  quindi  se  ci  sono  delle  economie,  mi  appare  evidente  e  non  serve  scriverlo  con  un  ulteriore  emendamento  che  i  soldi  devono  essere  restituiti.  Per  quanto  riguarda  l'emendamento  12.2  a  firma  Piccin,  analogamente,  ma  per  motivazioni  ovviamente  molto  diverse,  chiedo  il  ritiro  appunto  perché  c'è  bisogno  di  un  approfondimento  sia  per  quanto  riguarda  i  nostri  uffici  regionali,  sia  per  quanto  riguarda  il  Ministero.  È  un  tema  che  sicuramente  è  all'attenzione  e  condivido  quanto  espresso  dalla  consigliera  Piccin,  ovvero  che  per  i  Consiglieri  comunali  è  oggettivamente  impossibile  pensare  di  poter  seguire,  immagino,  una  sessione  di  seduta  per  il  bilancio  di  un  Consiglio  comunale,  dove  devi  analizzare  montagne  di  carte  e  non  hai  nemmeno  una  giornata  libera.  È  un  tema  che  fortunatamente  quest'Aula  non  ha  bisogno  di  affrontare,  ma  è  un  problema  serio  per  i  Comuni,  piccoli  e  grandi  che  siano,  quindi  sicuramente  dovremo  analizzarlo.  E  visto  che  ci  sono  altri  emendamenti  che  sono  stati  presentati  e  poi  ritirati  che  riguardano  il  tema  degli  enti  locali,  sicuramente  sarà  oggetto  anche  questo  di  un  approfondimento  complessivo  sulla  materia  a  gennaio.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Allora  c'è  questa  richiesta,  do  la  parola  al  consigliere  Centis.  

CENTIS.

Ringrazio  l'Assessore  per  la  sua  spiegazione,  ma  lascio  l'emendamento  anche  perché  è  a  norma  e  quindi  viene  prevista  la  restituzione  dei  fondi,  delle  risorse  se  non  sono  rendicontate,  spese,  investite  eccetera,  quindi  da  questo  punto  di  vista  lascio  e  confermo  l'emendamento.  

PRESIDENTE.

Iacop,  lo  lascia  anche  lei?  

IACOP, Relatore di minoranza.

Sì.  

PRESIDENTE.

Bene.  Piccin?  

PICCIN.

Grazie,  Presidente.  Io  non  ho  problemi,  l'avevo  già  detto  in  anticipo  che  ero  disponibile  a  ritirare  questo  emendamento.  Solo  una  chiosa.  Ripeto,  la  norma,  collega  Moretti,  a  suo  tempo  fu  impugnata  in  tutt'altri  termini,  in  questo  termine  non  fu  impugnata,  rimase  e  rimase  in  vigore  fino  a  quando  voi,  quindi  successivamente,  durante  la  scorsa  Legislatura  l'avete  abolita...  Sì,  è  così,  è  verissimo.  Se  vuoi,  prendiamo...  Ma  avremo  modo,  Presidente,  di  discutere  più  avanti.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  va  bene.  Allora  il  12.2  è  ritirato.  Ma  no,  ma  no!  Fedriga.  

FEDRIGA, Presidente della Regione.

Ho  sentito  che  il  consigliere  Honsell  vuole  farlo  suo.  Tenga  conto  che  con  questo  limite  alla  possibilità...  Le  sto  dicendo  è  che  è  una  responsabilità  che  lei  si  prende  ovviamente.  Se  questo  emendamento  viene  bocciato,  lei  sa  che  per  sei  mesi  non  possiamo  più  discuterlo.  Mi  sembra  che  l'assessore  Roberti  abbia  preso  l'impegno  a  discuterlo  a  gennaio  insieme  a  una  normativa  complessiva  che  possa  riguardare  altre  criticità  sollevate.  Se  lei  ritiene  in  questo  momento  di  voler  bloccare  la  discussione  sul  tema,  che  mi  sembra  sia  un  tema  sensibile  anche  alle  opposizioni  in  quest'Aula,  lo  faccia  con  la  responsabilità  del  caso,  consigliere  Honsell,  perché  in  questo  modo  non  si  può  utilizzare  una  questione  che  riguarda  i  Consigli  comunali  e  i  Consiglieri  comunali  come  clava  politica  penalizzando  i  Comuni.  Non  sta  penalizzando  la  maggioranza.  In  questo  momento,  se  lei  non  permette,  rispetto  all'intervento  dell'assessore  Roberti,  un  confronto  col  Ministero  e  con  gli  uffici  competenti...  Lei,  in  questo  momento,  lo  sta  bloccando  per  sei  mesi.  Ne  prendiamo  atto,  prendiamo  atto  che  la  sua  scelta  è  di  carattere  politico,  che  però  peserà  sui  Comuni.  Mi  sembra  strana  questa  sua  mancanza  di  sensibilità  in  tal  senso  visto  che  ha  fatto  il  Sindaco.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  Presidente  Fedriga.  Prego,  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Tutti  hanno  concordato  su  questo  aspetto  e  anch'io  sono  d'accordo.  Non  capisco  che  cosa  una  legge  tra  sei  mesi  possa  modificare...  

PRESIDENTE.

C'è  l'accordo  con  il  Ministero...  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Ma  lei  si  impegna  tra  un  mese  a  farlo?  

PRESIDENTE.

L'ha  già  detto,  a  gennaio  abbiamo  la  norma.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Non  capisco  dal  punto  di  vista  tecnico  cosa  potrà  dire  una  legge,  tra  un  mese,  di  diverso  da  questo.  

PRESIDENTE.

C'è  l'accordo  col  Ministero,  cioè  sarà  fatta  una  legge  a  gennaio...  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Mi  sembra  che  logicamente  la  cosa  non  regga.  Comunque,  di  fronte  a  un  intervento  come  quello  del  Presidente,  chiaramente  rinuncio.  

PRESIDENTE.

Va  bene.  Allora,  facciamo  la  dichiarazione  di  voto.  Honsell,  sugli  emendamenti  12.1  e  12.1.1...  Ah,  Santoro?  No.  Di  solito,  dopo...  Allora,  guardate,  no.  Per  chiarire:  avviene  la  discussione  generale,  poi  c'è  la  replica  dell'Assessore;  chiusa  la  replica  dell'Assessore,  si  passa  la  parola  ai  Relatori,  altrimenti  non  finisce  più.  E  non  ci  sono  i  pareri,  i  pareri  vengono  dati  dai  Relatori...  L'ho  detto,  l'ho  detto,  come  no?  L'ho  detto,  non  si  è  iscritto  nessuno  e  ho  dato  la  parola  per  la  replica  all'Assessore.  Passiamo  ai  Relatori.  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Sono  favorevole  al  12.1  e  al  12.1.1.  

PRESIDENTE.

Capozzella.  

CAPOZZELLA, Relatore di minoranza.

12.1  astenuti,  12.1.1  astenuti.  

PRESIDENTE.

Iacop.  

IACOP, Relatore di minoranza.

12.1  e  12.2  favorevoli.  Sul  12.3  io  vorrei  che  qui  non  passasse  il  fatto,  come  qualcuno  ha  detto,  che  si  presenta  l'emendamento  e  poi  lo  si  ritira  dicendo  che  nella  precedente  Legislatura  noi  abbiamo  volutamente  abrogato,  perché  ho  sotteso  tra  le  parole  del  collega  Camber  questa  sorta  di  affermazione.  Qui  c'è  l'applicazione  del  Monti    credo  che  il  Presidente  Fedriga,  che  ha  avuto  esperienze  importanti  in...    c'è  l'applicazione  del  Monti  sui  congedi  perché  il  fatto  del  congedo  prevede  poi  la  possibilità,  per  le  imprese  private  e  anche  per  il  pubblico,  di  chiedere  il  rimborso  all'amministrazione  pubblica  per  quanto  riguarda  l'assenza  e  il  Monti  è  intervenuto  su  questa  materia  in  maniera  precisa.  Quindi,  benissimo,  si  può  modificare  questo  se  c'è  ovviamente  una  modifica  del  Monti,  degli  effetti  dell'applicazione  del  Monti,  infatti  si  cita  la  148,  giustamente  anche  la  collega  ha  citato  la  148  che  è  la  conversione  del  decreto  Monti  che  è  intervenuto  su  questa  materia,  in  materia  di  spesa  pubblica,  di  contenimento  della  spesa  pubblica.  Quindi  non  si  venga  a  dire  che  su  questo  c'è  un  intervento  fatto  dalla  precedente  amministrazione  perché  non  è  assolutamente  così.  Poi  credo  sia  opportuno,  se  riusciamo  nei  prossimi  giorni,  dopo  l'impegno  del  bilancio    per  cui  il  Governo  sarà  preso  in  queste  ore,  credo,  da  altre  faccende  rispetto  alla  possibilità  di  riconcedere  deroghe  di  giornata  ai  Consiglieri  comunali  del  nostro  Paese    se  riusciamo  a  riprendere  questo  argomento  in  mano  in  maniera  coerente,  va  bene,  ma  capendo  che  la  situazione  è  questa.  Quindi  anch'io  auspico  il  ritiro  e  invito  il  collega  Honsell  a  non  fare  proprio  l'emendamento.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Iacop.  Di  Bert.  

DI BERT, Relatore di maggioranza.

12.1  no,  12.1.1  no.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Tosolini.  

TOSOLINI, Relatore di maggioranza.

Come  Di  Bert.  

PRESIDENTE.

Giunta.  

ROBERTI, Assessore alle autonomie locali, sicurezza, immigrazione, politiche comunitarie e corregionali all'estero.

Come  i  Relatori  di  maggioranza.  

PRESIDENTE.

Pongo  in  votazione  l'emendamento  a  firma  Centis  12.1  e  l'emendamento  a  firma  Iacop  12.1.1  che  sono  identici,  con  parere  contrario  della  Giunta  e  della  maggioranza.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  non  approva.  Votiamo  adesso  l’articolo  12.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Adesso  passiamo  al  12  bis.2.1  emendamento  Iacop-Moretti,  12  bis.2.2  sempre  Iacop-Moretti  e  12  bis.2.3  sempre  Iacop-Moretti,  che  sono  subemendamenti  all'articolo  12  bis.  Prego.  Bolzonello?  Sono  stati  comunicati  ieri  alle  10.34  circa,  dieci  e  mezza.  

BOLZONELLO.

Appunto.  Se  parlavo  un  attimo,  prima  che  facessero  tutte  le  loro  cose...  

PRESIDENTE.

Bolzonello,  prego.  

BOLZONELLO.

Grazie,  Presidente...  A  lui  lo  dicevo,  al  suo  Presidente,  non  a  lei  e  non  ad  altri,  al  suo  Presidente,  non  si  preoccupi,  che  è  molto  rispettoso  come  io  sono  rispettoso  di  lui,  caro  Polesello...  

PRESIDENTE.

Prego,  prego.  

BOLZONELLO.

Grazie,  Presidente.  Io  le  chiedo  cinque  minuti  di  sospensione  perché  su  questa  vicenda  c'è  qualcosa  di  interessante  su  cui  poter  riflettere,  allora,  onde  evitare  confusioni  future,  perché  magari  qualcuno  fa  proprio  l'emendamento,  perché  ci  sono  un  po'  di  problemi,  perché  ci  sono  un  po'  di  cose,  penso  che  per  l'economia  di  tutti  sarebbe  opportuno  avere  cinque  minuti  di  sospensione,  grazie,  anche  dieci,  dieci  minuti.  Non  è  filibustering,  è  cercare  di  trovare  una  soluzione  per  evitare  che  qualcuno  faccia  propri  questi  emendamenti  e  magari  poi  si  va  avanti  e  voi  dovete  decidere  il  da  fare,  la  maggioranza  si  trova  in  difficoltà  eccetera  eccetera.  Allora,  siccome  noi  vogliamo  aiutare  la  maggioranza  a  non  andare  in  difficoltà...  

PRESIDENTE.

Ringrazio  il  consigliere  Bolzonello  per  il  tatto  e  la  responsabilità.  Non  ho  problemi  a  concedere  dieci  minuti  di  sospensione,  ricordo  però  altrettanto  che  gli  emendamenti  dovrebbero  essere  fatti  propri  nell'immediatezza  della  comunicazione  del  ritiro.  Però  sono  disponibile,  sospendiamo  dieci  minuti  per  la  verifica  che  chiedeva  il  consigliere  Bolzonello.  Riprendiamo  i  lavori  alle  12.05.  Colleghi,  riprendiamo  la  seduta  d'Aula.  Honsell,  sull'ordine  dei  lavori?  Honsell,  prego,  sull'ordine  dei  lavori.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Malgrado  abbiano  cercato  di  convincermi,  io  invece  faccio  miei  gli  emendamenti  12  bis.1,  12  bis.1.1  e  12  bis.2  in  quanto  non  mi  sembra  che  ci  sia  stato  un  esplicito  ritiro  di  questi  tre  emendamenti  prima  di  questo  momento  nel  quale  vengono  discussi.  L'articolo  è  il  112  del  Regolamento.  

PRESIDENTE.

Va  bene,  grazie.  Allora,  gli  emendamenti...  Prego,  Bordin.  

BORDIN, Relatore di maggioranza.

Non  è  possibile  perché  se  voleva  farli  propri,  doveva  farli  propri  ieri  nel  momento  in  cui  sono  stati  ritirati,  pertanto  è  una  richiesta  assolutamente  inammissibile.  

PRESIDENTE.

Consiglieri,  gli  emendamenti  citati  e  fatti  propri  dal  consigliere  Honsell  sono  stati  ritirati  e  comunicati  all'Assemblea  ieri,  alle  12.30  circa,  dalla  Presidenza.  Così  come  abbiamo  già  avuto  modo  di  fare  in  almeno  due  altre  situazioni,  per  dare  anche  un  ordinato  svolgimento  ai  lavori  d'Aula,  abbiamo  stabilito  che,  anche  per  una  questione  di  buonsenso,  gli  emendamenti  possono  essere  fatti  propri  al  momento  della  comunicazione  del  ritiro,  anche  per  non  creare,  dal  punto  di  vista  dei  lavori  d'Aula,  una  situazione  strumentale  da,  una  parte,  o  confusa,  dall'altra.  Allora,  visto  che  ci  sono  dei  precedenti  e  visto  che  anche  il  diritto  parlamentare  europeo  e  quello  nazionale  si  conformano  al  fatto  che  gli  emendamenti  debbano  essere  fatti  propri  da  altri  Consiglieri  contestualmente  alla  comunicazione  del  loro  ritiro,  questa  Presidenza  ritiene  di  non  ammettere  la  possibilità  al  consigliere  Honsell  di  farli  propri  così  come  ha  comunicato  e  quindi  procediamo  con  il  12  bis.2.1.  Sull'ordine  dei  lavori,  Sibau  prima?  Sibau.  Sibau,  solo  sull'ordine  dei  lavori,  sull'emendamento  ho  già  detto.  Anche  Iacop,  solo  sull'ordine  dei  lavori.  Consigliere  Iacop,  sull'ordine  dei  lavori.  

IACOP, Relatore di minoranza.

Sull'ordine  dei  lavori,  Presidente,  io  chiedo  l'applicazione  del  Regolamento.  Il  Regolamento,  articolo  112,  comma  1,  dice:  "Un  emendamento  o  un  articolo  aggiuntivo  ritirato  dal  presentatore  può  essere  fatto  proprio  da  altri"  punto.  Non  dice  entro  la  seduta,  immediatamente  o  cose  di  questo  tipo.  Siccome  il  punto  nel  quale  questo  eventuale  emendamento  doveva  essere  discusso  è  questo  e  siamo  arrivati  al  momento...  Non  siamo  dopo  una  discussione,  non  siamo  oltre  un  termine,  non  siamo  alla  fine  del  dibattito,  alla  fine  dell'articolato,  dove  io  posso  anche  comprendere,  ma  siamo  nel  momento  in  cui  stiamo  affrontando,  articolo  dopo  articolo,  gli  argomenti  così  come  erano  stati  posti.  Poi  non  è  mai  stato  affermato  dalla  Presidenza  sua  e  nemmeno,  posso  dire,  nei  cinque  anni  che  ho  fatto  il  Presidente  io  che  la  prassi  fosse  il  fatto  di  dover...  non  è  mai  stato  esplicitato  in  nessun  senso.  Poi  se  in  Parlamento  si  fa,  ogni  Assemblea  regola  i  propri  lavori  in  base  al  proprio  Regolamento,  e  questo  il  Presidente  Fedriga...  Approviamo  un  Regolamento  perché  ci  diamo  un  Regolamento  come  Assemblea.  Lei,  in  questo  momento,  tra  l'altro,  ha  fatto  un'affermazione  un  po'  infelice  quando  ha  detto  che  può  essere  un  pretesto,  può  essere...  ha  detto  un  termine...  No,  quando  ha  detto  che  il  fare  proprio  un  emendamento  può  essere  strumentale.  Io  dal  Presidente  del  Consiglio  non  accetto  una  valutazione  sull'azione  di  un  Consigliere,  un  giudizio  suo  sull'azione  di  un  Consigliere.  Io  ho  motivazioni  politiche.  Poi  se  la  parte  politica  qua  dentro  ritiene  che  possa  essere  strumentale,  io  posso  anche  accettare  la  critica  di  una  parte  politica,  ma  non  del  Presidente  sull'applicazione  del  Regolamento  e  sulla  mia  iniziativa  che  io  qui  voglio  fare  e  che  deve  essere  tutelata  da  lei,  quindi  lei  è  il  primo  che  non  può  affermare  che  è  strumentale  una  mia  azione  o  di  un  mio  collega  qua  dentro,  e  le  chiedo  di  applicare  il  Regolamento  com'è  scritto.  

PRESIDENTE.

Per  rispondere  al  consigliere  Iacop,  io  non  ho  detto  che  in  questo  caso  è  stato  strumentale;  io  ho  detto  che  in  alcune  operazioni,  in  maniera  generale,  senza  riferimenti  al  caso,  potrebbe  essere,  e  nessuno  mi  può  non  confermare  che  potrebbe  essere  in  altre  occasioni,  che  il  fare  propri  gli  emendamenti  giorni  dopo  dal  ritiro  potrebbe  essere  strumentale.  Questa  è  una  cosa  che  magari  non  succederà  mai,  ma  potrebbe  anche  essere.  Quindi  non  ho  fatto  riferimenti  al  caso  in  specie.  Consigliere  Camber.  

CAMBER.

Grazie,  Presidente.  Sull'ordine  dei  lavori,  leggo  da  un  verbale  d'Aula:  "Colleghi,  prima  di  dare  la  parola  per  l'illustrazione  dell'articolo  6,  comunico  quanto  segue  dopo  approfondimenti  da  parte  degli  uffici  con  riferimento  all'emendamento  6.5.1  presentato  dal  consigliere  Giacomelli  e  ritirato  con  nota  distribuita  al  termine  della  seduta  antimeridiana  del  24  luglio  ultimo  scorso  e  fatto  proprio  nella  seduta  pomeridiana  di  oggi,  25  luglio,  dal  consigliere  Cosolini.  Informo"    è  verbale,  sono  parole  del  Presidente    "delle  determinazioni  assunte  da  questa  Presidenza  in  ordine  all'ammissibilità  dell'emendamento  in  questione  all'esito  degli  approfondimenti  svolti.  L'articolo  112,  comma  1,  del  Regolamento  interno  prevede  che  un  emendamento  ritirato  dal  presentatore  possa  essere  fatto  proprio  da  altri.  Nella  prassi,  all'annuncio  del  ritiro,  laddove  un  altro  Consigliere  intenda  far  proprio  l'emendamento  ritirato,  egli  manifesta  tale  intendimento  subito  dopo"    subito  dopo    "tale  annuncio.  Al  fine  di  garantire  un  ordinato  svolgimento  dei  lavori  d'Aula,  un  emendamento  ritirato  dal  suo  presentatore  decade,  a  meno  che  un  altro  Consigliere  non  lo  faccia  proprio  subito  dopo  l'annuncio  del  ritiro"    quindi  ieri    "conformemente  ai  principi  del  diritto  parlamentare.  Si  veda  in  tal  senso  in  particolare  quanto  espressamente  previsto  dall'articolo  169,  comma  5,  del  Regolamento  del  Parlamento  europeo,  secondo  cui  un  emendamento  ritirato  dal  suo  autore  decade  a  meno  che  un  altro  deputato  non  lo  faccia  proprio  immediatamente.  Per  questo  motivo  l'emendamento  6.5.1  non  è  dichiarato  ammissibile".  Allora  noi  non  possiamo  al  24  luglio,  25  luglio  prendere  una  posizione,  poi  cambiarla  a  dicembre,  poi  magari  ricambiarla.  Lo  chiedo  proprio  per  la  serietà  dei  lavori  d'Aula.  Una  volta  che  il  Presidente  si  esprime  e  viene  messo  a  verbale,  e  ieri  è  stata  data  comunicazione  del  ritiro  e  nessuno  ha  chiesto  nulla,  noi  dobbiamo  tenere  una  regolamentazione  uniforme.  Casomai  abbiate  dubbi,  qualcuno  abbia  dubbi,  c'è  un'apposita  Commissione  per  il  Regolamento,  se  ne  discuta  se  si  vogliono  dare  interpretazioni  diverse.  Per  il  momento  procediamo  con  l'ultima  versione  data  dal  Presidente  in  data  25  luglio.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Camber.  A  questo  va  aggiunto  che  c'è  stata  anche  un'ulteriore  indicazione  di  questa  prassi  confermata;  presiedeva,  tra  l'altro,  non  il  sottoscritto,  ma  il  Vicepresidente  Mazzolini  e  fu  data  la  stessa  interpretazione  sul  ritiro  dell'emendamento.  Honsell,  sull'ordine  dei  lavori?  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Sull'ordine  dei  lavori,  sì.  Rispetto  a  quanto  è  stato  letto  adesso,  era  stata  data  una  comunicazione  scritta  del  ritiro.  Io  qui  ho  le  carte  del  Coro,  anche  il  programma  del  Coro,  insomma,  ho  tutto,  non  ho  buttato  via  nulla,  e  non  trovo  la  comunicazione  scritta,  quindi  non  è  proprio  la  stessa  prassi.  

PRESIDENTE.

Ma  no,  è  stata  data  una  comunicazione  verbale  che  è  agli  atti.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Appunto,  cioè,  in  mezzo,  tra  un'interruzione  e  l'altra,  quindi  non  è  la  stessa  fattispecie.    era  evidente  che  c'era  una  comunicazione  scritta,  data  magari  anche  con  l'orario.  Qui  non  c'è  nulla.  Ma  dov'è?  Posso  vederla?  

PRESIDENTE.

Consiglieri,  mi  pare  che  la  questione  sia  stata  illustrata;  la  posizione  della  Presidenza  in  coerenza  è  stata  assunta...  Prego,  consigliere  Bolzonello.  

BOLZONELLO.

Per  consigliare  alla  maggioranza  di  non  darci  questi  spunti,  che  ci  divertiamo  anche,  però,  insomma,  sarebbe  il  caso  che  alcuni  emendamenti  non  venissero  portati  oppure  venissero  portati  fino  in  fondo  i  ragionamenti,  perché  farlo  adesso  o  farlo  a  gennaio...  cioè,  è  veramente  una  cosa  non  piacevole.  Ma  lo  diremo  poi,  in  alcuni  interventi.  Non  prendiamoci  in  giro.  Noi  facciamo  il  nostro  lavoro  e  cerchiamo  di  farlo  anche  bene  e  lo  facciamo  anche  con  leggerezza,  in  questo  caso  non  l'abbiamo  fatto  con  grandi...  e  anche  con  un  po'  di  ironia  come  ho  provato  a  dire  prima,  anche  se  non  è  stata  capita  tutta  l'ironia,  ma  non  capiamo  davvero  perché  oggi  no  e  a  gennaio  sì.  Spiegatecelo  magari  e  allora  anche  noi  stiamo  zitti  e  non  creiamo...  Ci  spiegate  in  maniera  trasparente  perché  oggi  no  e  perché  a  gennaio  sì.  Tutto  qua.  

PRESIDENTE.

Il  Presidente  Fedriga.  

FEDRIGA, Presidente della Regione.

Ringrazio  per  l'intervento  il  consigliere  Bolzonello  e  penso  sia  utile  rispondere  in  tal  senso  rimarcando,  dal  punto  di  vista  di  Consigliere  prima  che  da  Presidente,  che  è  ovvio  che,  anche  rispetto  ai  lavori  d'Aula  e  rispetto  anche  ai  presentatori  di  un  emendamento,  l'emendamento  venga  fatto  proprio  al  momento  del  ritiro,  altrimenti  si  arriva  all'anarchia  d'Aula.  Questo  lo  dico  indipendentemente  da  questo  caso  in  sé.  Spero  che  ci  sia  sensibilità  da  parte  di  tutti  i  Consiglieri  sul  fatto  che  non  si  può  pensare  di  farlo  giorni  dopo.  Nel  momento  in  cui  si  ritira,  uno  dice  "lo  faccio  proprio"  e  legittimamente  lo  fa  proprio.  Non  ci  si  può  svegliare  quando  uno  vuole  e  dire  "non  mi  ero  accorto"  perché  viene  comunicato  ufficialmente  dal  Presidente,  quindi  è  utile  andare  in  questa  direzione.  Detto  questo,  colgo  la  sollecitazione  del  consigliere  Bolzonello.  Perché  è  stata  fatta  questa  riflessione  in  maggioranza?  Perché  riteniamo  che  questo  non  sia  l'unico  problema  che  persiste  soprattutto  per  i  piccoli  o  piccolissimi  Comuni,  ci  sono  altre  criticità  da  dover  affrontare,  quindi,  volendolo  fare  con  urgenza,  ma  anche  guardando  almeno  quei  macro-aspetti  complessivi,  riteniamo  debba  entrare,  anche  con  la  possibilità  così  da  poter  discutere  nella  Commissione,  perlomeno  non  dico  in  una  norma  complessiva,  ma  in  una  norma  che  possa  riguardare  più  aspetti  e  non  semplicemente  questo  singolo  aspetto,  che  sicuramente  è  una  criticità,  ma  non  è  l'unica.  Penso  sia  utile  che  ne  possa  discutere  anche  la  Commissione  in  tal  senso  e  dunque  abbiamo  fatto  la  scelta,  come  maggioranza,  di  vedere  a  strettissimo  giro,  stiamo  parlando  di  gennaio,  questi  aspetti  ed  altri  con  tutto  il  Consiglio  e  con  la  Commissione  referente.  

PRESIDENTE.

Grazie,  Presidente  Fedriga.  Su  cosa,  sempre  sull'ordine  dei  lavori?  No.  E  allora  andiamo  avanti...  Ma  ne  parleremo  a  gennaio,  consigliere  Honsell!  Diamo  la  parola  al  consigliere  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Sarò  brevissimo.  Sì,  però  di  nuovo,  se  lo  faremo  a  gennaio,  se  lo  farete  a  gennaio,  ci  troveremo  a  intervenire  su  questa  normativa  delicatissima  non  dico  a  ridosso  proprio  delle  elezioni,  però  a  ridosso  di  tutti  i  ragionamenti  che  si  fanno  per  costruire  le  liste.  Il  periodo  di  dicembre  mi  sembrava  molto  opportuno.  Quello  che  avevano  fatto  sia  Camber  che  Sibau,  se  davvero  era  intenzione...  cosa  sulla  quale  abbiamo  tutti  una  posizione,  direi...  sulla  quale  è  importante  discutere  perché  è  più  che  ragionevole  come  richiesta.  Era  meglio  farlo  in  modo  tale  che  ci  fosse  tutto  il  tempo  necessario  per  poter  fare  dei  ragionamenti.  Così  si  finirà  di  nuovo  a  mettere  coloro  che  saranno  impegnati  nelle  campagne  elettorali  in  una  difficile  situazione  di  scelta,  quindi  mi  sembra  che  rimandarlo  a  gennaio  non  sia  una  cosa  opportuna.  Per  quello  l'avevo...  Se  davvero  si  vuol  discutere,  è  bene  discuterlo  a  dicembre.  

PRESIDENTE.

Bene,  grazie.  Era  sull'ordine  dei  lavori  di  gennaio  l'intervento  del  consigliere  Honsell.  Passiamo  al  12  bis,  dove  abbiamo  tre  emendamenti,  quattro.  Per  il  12  bis.2.1,  il  12  bis.2.2  e  il  12  bis.2.3  a  firma  Iacop,  prego,  Iacop.  

IACOP, Relatore di minoranza.

Presidente  Fedriga,  mi  spieghi  allora  perché  il  12  bis.3,  che  interessa  l'AUSIR  e  che  è  dichiarato  ammissibile  qua  dentro  perché  è  in  materia  di  enti  locali  come  era  il  terzo  mandato,  è  urgente  inserirlo  in  questo  disegno  di  legge.  È  per  fare  il  Consiglio  di  Amministrazione  nuovo  e  quindi  decidere  qual  è  l'equilibrio  visto  che  si  introduce  il  Consiglio  di  Amministrazione  e  si  interviene  sull'AUSIR.  Perché  questo  invece  ha  l'urgenza  di  essere  fatto  adesso  e  non  possiamo  metterlo  in  quel  dibattito,  in  quella  discussione,  in  quell'ambito  più  generale  che  ci    l'opportunità  anche  di  discutere  di  questo?  Questo  argomento  qua,  senza  passare  in  Commissione,  arriva  come  emendamento  dopo  la  presentazione  degli  emendamenti,  perché  non  è  arrivato  nel  pacchetto  del  giorno  prima,  è  arrivato,  come  si  può  vedere...  il  12  bis.3  è  arrivato...  qui  non  c'è  scritta  neanche  l'ora,  ma  è  arrivato  come  emendamento  successivo,  cioè  è  uno  di  quelli  che  noi  vediamo  quando  siamo  già  in  Aula...  Alle  10.17,  ecco,  grazie...  Alle  11.10.  Allora  a  questo  punto  lei  mi  deve  spiegare  perché  su  quello  non  possiamo  ragionare  e  questo  invece  vede  noi  costretti  a  presentare  degli  emendamenti  e  ad  aprire  un  dibattito,  che  non  sarà  un  dibattito  semplice  perché  qualcuno  vorrà  intervenire  e  vorrà  anche  dire,  perché  non  è  la  prima  volta,  come  suggeriva  la  collega  Santoro,  che  viene  presentato  e  si  era  detto  "lo  discutiamo  in  maniera  completa"  e  non  è  stato  discusso  e  ce  lo  ritroviamo  improvvisamente  in  questo  modo.  Coerenza  vorrebbe  che  se  di    si  dice  "prendiamoci  il  tempo",  non  capisco  perché  di  qua  non  possiamo  prenderci  il  tempo,  tanto  è  sempre  materia  enti  locali.  Tra  l'altro,  siccome  viene  reintrodotto  il  consiglio  di  amministrazione,  c'è  anche  una  logica  che  vede  la  reintroduzione  dei  consigli  di  amministrazione,  questioni  sulle  quali  noi  vorremmo  anche  discutere.  Cioè  se  adesso  vogliamo  riaprire  la  stagione  dei  consigli  di  amministrazione  in  questa  Regione,  va  bene,  c'è  una  logica  che  voi  avete,  ce  la  spiegate  e  forse  la  comprendiamo  anche  nelle  proporzioni,  nei  numeri,  in  chi  partecipa.  Però,  appunto,  qui  riapriamo  le  stagioni  dei  consigli  di  amministrazione,  dei  portavoce  eccetera,  quindi  vorremmo  comprendere  in  maniera  molto  più  organica  e  completa.  Non  entro  nel  merito,  poi,  degli  emendamenti,  faccio  questo  intervento,  poi  sugli  emendamenti  specifici  farà  l'intervento  il  collega  Moretti  e  cercherà  di  spiegare,  però  come  condizione  preliminare  chiediamo  il  ritiro  o,  in  subordine,  lo  stralcio  del  12  bis.3  e  quindi  dei  collegati  emendamenti  che  abbiamo  presentato  noi  che  sono  di  fatto  subemendamenti  al  12  bis.3.  Formalizzo  la  richiesta  dello  stralcio.  

PRESIDENTE.

Sulla  richiesta  di  stralcio  ci  deve  essere  il  parere  favorevole  dei  proponenti.  Do  la  parola  a  Tosolini  per  illustrare  il  12  bis.3.  

TOSOLINI, Relatore di maggioranza.

Noi  non  abbiamo  nessuna  intenzione  di  stralciare  l'emendamento...  So  che  siete  bravissimi  a  interrompere...  la  consigliera  Santoro  è  riuscita  a  interrompere  anche  il  proprio  collega  Consigliere  di  minoranza...  Andiamo  avanti  così...  

PRESIDENTE.

Lasciamo  parlare  il  Relatore  proponente  dell'emendamento.  

TOSOLINI, Relatore di maggioranza.

Impariamo  almeno  i  fondamentali!  Ovviamente  c'è  stata  una  riunione,  una  convocazione  informale  per  spiegare  questo  emendamento.  Questo  emendamento  esprime  sostanzialmente  la  volontà  di  questa  amministrazione  di  istituire  il  Consiglio  di  Amministrazione  per  l'AUSIR,  che  vuol  dire  dare  maggiore  responsabilità  ai  Sindaci  e  sgravare  il  Direttore  generale  di  competenze  che  non  gli  spettano  a  nostro  parere.  La  competenza  primaria  è  quella  di  essere  il  rappresentante  legale.  Noi  vogliamo  che  il  rappresentante  legale  sia  eletto  dall'Assemblea  dei  Sindaci  d'ambito  in  maniera  tale  che  la  sua  figura  abbia  un  ruolo  anche  istituzionale.  Vogliamo  un  Consiglio  di  Amministrazione  formato  da  Sindaci.  Coinvolgiamo  in  questo  Consiglio  di  Amministrazione  anche  due  componenti  della  Regione  Veneto  con  cui  abbiamo  avuto  un'audizione,  con  cui  abbiamo  trovato  un  accordo:  loro  intervengono  e  votano  solo  sulle  componenti  che  riguardano  il  sistema  idrico  integrato  mentre  su  ciò  che  riguarda  i  rifiuti  solidi  urbani  il  Consiglio  di  Amministrazione  è  limitato  a  5,  7  con  l'acqua.  Questo  sistema  vuole  dare  efficienza  alla  gestione  di  questo  organo  di  controllo  importantissimo  per  ciò  che  riguarda  sia  il  sistema  idrico  che  il  sistema  dei  rifiuti  e  lo  abbiamo  organizzato  in  maniera  molto  dettagliata,  indicando  quali  sono  le  competenze  rispettive  del  Consiglio  di  Amministrazione,  dell'Assemblea  d'ambito  dei  Sindaci  e  contemporaneamente  anche  del  Direttore.  Mi  pare  che  sia  un  meccanismo  estremamente  esaustivo  e  chiaro.  Se  volete,  vi  leggo  l'articolato  così  come  è  stato  concepito,  ma  mi  pare  che  l'avete  letto  e  l'avete  approfondito  in  tutte  le  sue  parti,  quindi  secondo  me  si  può  tranquillamente  andare  al  dibattito  su  questo  emendamento.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Tosolini.  Apriamo  il  dibattito.  Santoro...  Guardi,  gli  emendamenti  li  ha  illustrati  Iacop,  perché  qua  non  è  che  possiamo  illustrarli  sei  volte.  Poi  il  consigliere  Moretti  può  intervenire  nel  dibattito  generale  per  illustrare  quello  che  crede.  Santoro.  

SANTORO.

Io  mi  rivolgo  al  Presidente  della  Regione  perché  questo  articolo  è  stato  portato  due  volte  come  emendamento  mai  nel  blocco  degli  emendamenti  da  vedere  in  Commissione.  Abbiamo  chiesto  che  l'emendamento  e  la  materia  fossero  portati  in  Commissione.  Questo  impegno  che  questo  Consiglio  si  è  assunto  non  è  stato  assolto.  Lasciamo  stare  il  termine  di  che  cosa  stiamo  parlando,  io  parlo  da  un  punto  di  vista    mi  rivolgo  ai  due  Presidenti    meramente  formale  che  in  questo  caso  è  sostanza.  Per  due  volte  è  stato  chiesto  lo  stralcio  perché  la  materia  è  tale  da  essere  approfondita  in  Commissione  e  magari  anche  con  la  presenza  dell'Assessore  competente,  il  quale  non  mi  sembra  totalmente  allineato  ai  contenuti  di  questo  emendamento  o  quantomeno  ha  delle  perplessità  sulle  quali  ci  siamo  confrontati.  Quindi  io  chiedo  come  mai  un  impegno  formale  che  questo  Consiglio  si  è  assunto  non  è  stato  onorato  perché  questo  emendamento  e  questa  materia  non  sono  stati  portati  in  Commissione.  C'è  stata  una  cosa  informale,  di  fatti  non  c'è  nemmeno  un  atto,  un  parere  della  Commissione.  Soprattutto,  se  questo  fosse  avvenuto  alla  prima  data  del  ritiro,  adesso  avremmo  un  testo,  condiviso  o  non  condiviso,  ma  sicuramente  approfondito.  La  cosa  che  non  mi  convince  è  poi  nel  merito.  Presidente,  questa  è,  per  quanto  riguarda  la  materia  dell'acqua  e  dei  rifiuti,  una  materia  che  coinvolge  tutti  i  Comuni.  Le  sembra  giusto  che  il  Consiglio  di  Amministrazione  sia  fatto  da  5  membri  che  rappresentano  tutti  i  Comuni  della  nostra  regione  più  2  membri  che  rappresentano  16  Comuni  del  Veneto?  Che  proporzione  c'è  di  rappresentanza?  Perché  i  nostri  Sindaci  devono  essere  rappresentanti  con  un  rapporto  di  216  a  5  e  quelli  del  Veneto  di  16  a  2?  Vogliamo  parlarne?  Perché  questa  sproporzione?  I  2  sono  gli  stessi  2  che  appartengono  all'Assemblea,  ma  in  Assemblea  ci  sono  tutti  i  nostri  Sindaci  e  quindi  perché  questo  depotenziamento  della  rappresentanza  regionale  del  Friuli  Venezia  Giulia  con  il  mantenimento  inalterato  della  rappresentanza  del  Veneto?  A  me  sembra  che  questo  sia  un  grave  problema  proprio  di  numeri.  Il  secondo  problema  è  sulle  motivazioni  di  questo  CdA.  Perché  un  CdA,  che  deve  mediare,  i  cui  membri  sono  gli  stessi  che  appartengono  all'Assemblea?  È  un  doppio  passaggio  assolutamente  inutile.  Da  ultimo,  io  credo  che  chi  ha  avuto  esperienza  di  essere  legale  rappresentante...  Mi  dispiace  che  non  ci  sia  l'assessore  Pizzimenti  perché,  come  Presidente  della  Fondazione  Dolomiti  Unesco,  il  Presidente  è  legale  rappresentante.  Bene,  io  mi  rivolgo  ai  Sindaci:  vi  immaginate,  Sindaci,  che  voi  siete  legali  rappresentanti  dell'AUSIR  e  quindi  sottoscrivete  con  responsabilità  personale  le  gare  milionarie  che  vengono  effettuate  dall'organismo?  Gare  che  evidentemente  non  avete  la  possibilità  di  controllare  da  un  punto  di  vista  giuridico,  ma  che  avallate  con  la  vostra  firma  di  legale  rappresentante.  Io  credo  che  questo,  invece  di  essere  il  primato  della  politica,  diventerà  essere  ostaggi  del  Direttore  il  quale  è  l'unico  che  sa  e  ha  prontezza  dei  contenuti  degli  appalti  milionari  e  dei  contratti,  il  quale,  però,  potrà  nascondersi  dietro  alla  legale  rappresentanza  del  Presidente  il  quale  firmerà  la  responsabilità  di  tutte  queste  azioni.  Spero  di  essere  stata  chiara,  è  una  cosa  molto  importante:  sarebbe  come  se  il  Sindaco  fosse  corresponsabile  degli  appalti  che  vengono  fatti  nei  vostri  Comuni,  mettendoci  la  firma  e  quindi  assumendosene  la  responsabilità.  È  in  grado,  il  Sindaco,  di  controllare  i  vari  passaggi?  No.  È  opportuno  che  questo  sia  un  aspetto  tecnico  e  che  da  un  punto  di  vista  tecnico  questa  cosa  venga  portata  avanti.  Mi  sembra  davvero  che  con  questo  si  ottenga  il  risultato  opposto  di  quello  che  volete  ovvero  del  primato  della  politica,  dando  al  Presidente,  politico  che  è  già  eletto  dall'Assemblea,  un  ruolo  tecnico  che  non  può  umanamente  esercitare.  Vogliamo  parlare  nel  dettaglio  di  queste  questioni  con  calma,  in  una  seduta  di  Commissione?  Qual  è  l'urgenza  di  nominare  un  CdA  fatto  di  membri  che  fanno  parte  dell'Assemblea  e  che  come  tali...  Sì,  mi  scuso,  ma  credo  che  l'importanza  della  questione  mostri  anche,  Presidente,  come  io  stia  parlando  nel  merito.  Non  sto  facendo  una  polemica  fine  a  se  stessa,  ma  sto  ponendo  dei  temi  che  mi  sarebbe  piaciuto  porre  in  Commissione  perché  stiamo  parlando  della  delicatezza  di  un  organismo  che  tratta  acqua  e  rifiuti  con  appalti  milionari  dati  come  responsabilità  di  firma  a  un  Sindaco.  Poi  si  introduce  il  termine  dei  compensi.  Quali?  Quanti?  Come?  L'AUSIR  lavora  sulle  tariffe,  questi  compensi  andranno  ad  incrementare  di  un  1  per  cento  le  tariffe,  ma  siamo  sicuri?  Sono  tutte  questioni  che  non  possono  essere  affrontate  con  un  emendamento  fuorisacco  per  la  terza  volta,  di  questo  tipo.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliera  Santoro.  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Grazie,  Presidente.  Anch'io  intervengo  un  po'  anche  con  il  ruolo  di  Relatore  in  quanto  ho  presenziato  a  quell'incontro  con  la  Commissione  informale  dove  è  stata  ascoltata  l'opinione  delle  persone  attualmente  direttamente  coinvolte  nella  gestione  dell'AUSIR  e  devo  dire    questo  lo  dico  a  beneficio  di  tutti  i  Consiglieri    che  è  stata  molto  insoddisfacente  per  chi  volesse  oggi  approvare  a  cuor  leggero  questa  norma.  Non  c'è  stata  una  chiara  precisazione  da  parte  dell'attuale  Direttore,  da  parte  degli  altri,  del  Presidente  del  CAL,  non  c'era  nemmeno...  no,  il  Presidente  del  CAL  c'era,  non  c'era  il  Presidente  dell'ANCI.  Dunque  noi  ci  troviamo  oggi  a  dover  approvare  una  norma  che  a  mio  avviso  forse  andrebbe  ridiscussa  e  negoziata  al  fine  di  non  doverci  ritornare  sopra  un  po'  più  approfonditamente  con  le  persone  attualmente  coinvolte.  Io,  tra  l'altro,  ho  fatto  parte  del  Consiglio  di  Amministrazione  dell'ATO,  dell'Autorità  d'ambito,  per  ben  dieci  anni  e    c'era  un  regolamento  molto  preciso.  Su  questo,  sul  regolamento  che  viene  proposto,  mi  richiamo  anch'io  a  quanto  ha  detto  la  consigliera  Santoro.  In  particolare  il  punto  N,  quando  si  dice  "il  Direttore  generale  ha  la  responsabilità  gestionale",  qui  non  si  tratta  di  gestionale  nel  senso  che  deve  assegnare  gli  uffici  a  quelli  che  ci  lavorano,  qui  bisognerebbe  dire  che  ha  l'esecutività  della  conduzione  anche  di  tutti  quelli  che  sono  i  numerosi  passaggi  che  poi  conducono  alle  gare  d'appalto,  altrimenti  non  è  molto  chiaro  che  cosa  si  intenda  per  responsabilità  gestionale.  Forse  andrebbe  chiarito,  tant'è  che  era  anche  una  delle  cose  che  venivano  menzionate  a  latere  dell'incontro  che  c'è  stato,  <