Logo del Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Video Assemblea

Consiglio regionale - Seduta n. 52 di Venerdì 01-02-2019

PRESIDENTE.

Prendiamo  posto,  colleghi.  Dichiaro  aperta  la  cinquantaduesima  seduta  del  Consiglio  regionale.  Informo  che  sono  a  disposizione  dei  Consiglieri  alcune  copie  del  processo  verbale  della  seduta  n.  50.  Qualora  non  vi  fossero  eccezioni  il  verbale  sarà  considerato  approvato.  Hanno  chiesto  congedo  Fedriga,  Dal  Zovo,  Polesello,  Liguori,  e  Spagnolo.  I  congedi  sono  concessi.  Al  termine  della  discussione  generale,  do  la  parola  al  Relatore  Basso  per  la  replica.  Prego,  Relatore.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

Grazie,  Presidente.  Non  ho  alcuna  volontà,  non  ho  alcun  intento  polemico,  però  nella  replica  purtroppo    purtroppo  dico    alcune  riflessioni  devono  essere  compiute  assolutamente.  Intanto  sull'intervento  dell'Assessore    che  non  ha  sicuramente  bisogno  di  un  mio  commento  rispetto  a  quanto  detto,  penso  la  maggioranza  si  sia  pienamente  ritrovata  e  abbia  esercitato  una  propria  responsabilità  anche  di  revisione  di  questa  norma  di  cui  stiamo  discutendo  oggi    purtroppo  sono  state  dette  talmente  delle  cose  inesatte,  ma  io  capisco  perché.  È  chiaro  che  quando  si  tratta  di  tecnicismi,  non  è  possibile  pensare  di  conoscere  pienamente  la  materia,  però  a  certe  inesattezze  bisogna  assolutamente  far  fronte.  Chi  conosce  un  po'  la  pubblica  amministrazione,  sa  benissimo  che  non  può  essere  fatto  dallo  Stato  un  emendamento  in  cui  si  dice  "l'Ufficio  scolastico  del  Friuli  Venezia  Giulia  ritorna  di  prima  fascia",  non  fa  parte  del  lessico  e  del  gergo  dell'amministrazione.  Anche  perché  quanto  rileva  in  termini  contabili,  in  termini  di  Corte  dei  Conti,  è  il  costo  del  dirigente  di  prima  fascia  che  presiede  a  questo  Ufficio  scolastico,  quindi  nel  momento  in  cui  l'emendamento  dice  che  è  stato  aumentato  di  un  posto  per  la  specificità  della  nostra  Regione,  questo  è  quello  che  rileva  per  arrivare  alla  sostanza.  Va  anche  detto  che  nel  2014,  quando  fu  fatto  parimenti  un  emendamento  per  portare  a  150  mila  la  soglia  di  studenti  per  avere  una  dirigenza  di  prima  fascia  all'interno  di  una  Regione,  se  non  ricordo  male,  questa  norma  fu  scritta  proprio  da  chi  siede  oggi  sui  banchi  dell'opposizione  e  fu  fatta,  guarda  caso,  per  voler  sul  piatto  d'argento  la  testa  di  un  direttore  generale  che  governava  la  nostra  Regione  e  lo  faceva  bene,  dal  punto  di  vista  scolastico,  a  quel  tempo.  Quindi  c'è  una  doppia  responsabilità  della  Sinistra,  ha  ragione  l'Assessore.  Non  è  pensabile  che  voi  vi  attestiate  un  buon  governo  negli  ultimi  cinque  anni  rispetto  alla  Regione  perché  siete  voi  che  avete  scritto  la  norma  per  declassare  il  nostro  Ufficio  scolastico,  e  tutti  sanno,  anche  un  ragioniere  appena  diplomato  sa  che  un  ufficio  declassato  non  ha  lo  stesso  potere  contrattuale  di  un  dirigente  di  prima  fascia  all'interno  di  un  apparato  che,  come  è  stato  detto  più  volte,  è  burocratico.  Sull'accentramento  delle  decisioni  non  serve  dire  assolutamente  niente  perché  è  talmente  banale  come  affermazione  che  non  fa  assolutamente  testo.  Le  decisioni  devono  essere  prese  da  qualcuno,  perché  se  prende  le  decisioni  nella  modalità  che  voi  avete  descritto,  significa  lasciare  che  tutto  vada  a  rotoli.  Bene,  è  nostra  responsabilità  che  le  decisioni  le  prendiamo  e  le  prendiamo  nella  modalità  che  serve  per  far  andare  avanti  l'apparato  in  modo  tale  che  funzioni,  perché  di  fallimenti  ne  avete  già  collezionati  fin  troppi.  È  proprio  quell'ideologia...  Sono  contento  di  farla  ridere,  consigliera  Santoro,  così  il  suo  pomeriggio  sarà  molto  più  allegro.  È  proprio  quell'ideologia  che  presiede  a  quelle  scelte  che  avete  fatto  per  il  declassamento    perché  se  non  è  ideologia  quella,  non  ne  esistono  altre    ed  è  chiaro  che  nel  momento  in  cui  viene  toccata  la  partita  dei  progetti  speciali  e  qualche  associazione,  che  probabilmente  vi  è  molto  vicina,  vi  è  venuta  a  riferire  che  verrà  meno  il  proprio  lavoro,  probabilmente  qualche  cosa  c'è  da  discutere  anche  su  quello,  e  ce  ne  sono  molte,  cari  Consiglieri.  È  chiaro  che  noi  mettiamo,  sì,  una  bandiera  di  Destra  sopra  questa  legge.  L'Assessore  ha  detto  bene  effettivamente,  un  decreto  istruzione  non  ha  un  colore  politico,  ma  è  chiaro  che  se  noi  riusciamo  a  produrre  un  testo  che  ha  qualità  e  che  riuscirà  a  portare  del  bene  alle  nostre  scuole,  bene,  la  bandiera  ce  la  mettiamo,  ce  la  mettiamo  eccome  e  la  rivendichiamo.  E  per  dirla  con  uno  scrittore  che  so  che  piace  almeno  a  due  persone  in  quest'Aula,  Yukio  Mishima,  purtroppo  è  la  condanna  della  realtà  che  vi  sta  perseguitando.  Va  detto  che...  Forse  sono  anche  tre,  forse  sono  anche  tre.  Poi  è  altrettanto  banale  affermare  che  l'internazionalizzazione  delle  scuole  sia  fondata  semplicemente  sul  trilinguismo.  Mi  dispiace  che  non  sia  in  Aula  il  consigliere  Gabrovec,  però  il  trilinguismo  eventualmente  deve  essere  portato  nella  dimensione  europea  dell'istruzione,  non  sicuramente...  È  chiaro  che  la  nostra  specialità  prevede...  in  alcune  zone  tra  l'altro,  e  va  detto  che  così  come  è  vero  che  va  presidiato  un  ambito  all'interno  della  nostra  regione,  è  anche  altrettanto  vero  che  va  presidiato  anche  tutto  l'intero  contesto  della  regione  dove  non  ci  sono  le  scuole  slovene  eccetera.  Questo  lo  dico  anche  portando  dei  dati,  sui  quali  invito,  anzi,  l'Assessore,  a  fare  una  riflessione  nei  prossimi  anni  perché  è  chiaro  che  impianti  normativi  storici  non  possono  essere  modificati  facilmente,  però  è  anche  chiaro,  permettetemi,  è  anche  chiaro  che  ci  sono  dei  numeri  che  probabilmente  andrebbero  riportati  a  un'equità  a  livello  regionale,  perché  nel  momento  in  cui  leggo  che  la  percentuale...  Sono  leggi  di  tutela  che  non  sono  eque  nei  confronti  degli  altri  territori,  perché  nel  momento  in  cui...  

PRESIDENTE.

Consiglieri!  

BASSO, Relatore di maggioranza.

...  nel  momento  in  cui  leggo  che  c'è  una  media  di  11  studenti  per  classe  alle  scuole  superiori,  di  17  alle  medie,  di  13  alla  primaria,  questo  dato  va  rapportato  anche  agli  altri  territori.  Così  come  respingo  al  mittente...  Purtroppo,  caro  professore,  lei  sa  che  io  ho  anche  simpatia  nei  suoi  confronti  per  motivi  che  ho  esplicitato,  però  che  lei  venga  a  dire  in  quest'Aula  che  si  fa  ideologia  e  che  si  va  fuori  argomento,  che  si  va  fuori  tema,  e  poi  lei  nomina  la  Sea  Watch,  i  migranti,  per  riuscire  ad  attrarre  l'attenzione  della  stampa  e  per  riuscire  a  richiamare  sui  suoi  temi,  questo  è  veramente  scandaloso  secondo  me,  perché  lei  usa  il  decreto  istruzione,  che  le  consente  di  fare  queste  affermazioni,  per  portare  avanti  un'ideologia  che  non  è  sicuramente  quella  che  stiamo  portando  avanti  e  non  è  neanche  il  contenuto  che  stiamo  trattando.  E  poi  viene  a  fare  la  lezione  di  italiano,  di  lessico,  e  cade  nell'utilizzare  terminologie  scolastiche,  perché    mi  permetta,  lei  sa  benissimo,  ripeto,  che  ho  grande  rispetto  per  la  sua  firma  sulla  mia  laurea    parla  di  programmi  quando  sa  benissimo  che  i  programmi  non  esistono  più.  Così  come  è  ideologico,  secondo  me,  affermare  che  è  difficile  fare  convenzioni  perché  sono  legate  alla  flessibilità.  La  flessibilità  deve  far  parte  della  pubblica  amministrazione.  Assessore,  vada  avanti  su  questa  strada  perché  il  settore  è  ingessato  dalla  burocrazia,  faccia  quanto  le  è  possibile  per  competenza  per  fare  in  modo  che  si  possano  utilizzare  strumenti  per  liberare  il  settore  da  strumenti  che  la  parte  politica  che  siede  all'opposizione  ha  utilizzato  negli  anni  passati  rovinando  il  nostro  sistema  scolastico.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Basso.  Si  è  conclusa  la  discussione  generale.  Passiamo  all'articolato  affrontando  l'articolo  1,  sul  quale  ci  sono  sette  emendamenti.  Darei  la  parola  al  consigliere  Honsell  per  illustrare  gli  emendamenti  1.1,  1.4,  1.6,  1.7.  Prego,  consigliere  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

La  prima  osservazione  è  che  ho  distribuito  un  Ordine  del  giorno  poc'anzi.,  che  però  purtroppo  ha  un  refuso:  c'è  scritto  "extra...".  Assessore,  scusi  solo  un  attimo.  Prima  che  me  lo  cassi  direttamente,  nell'ordine  del  giorno  che  ho  distribuito  testé  c'è  un  refuso:  è  stato  riportato  "extraregionale",  intendevo  dire  "extracomunale".  È  una  problematica  che  immagino  lei  conosca  bene...  

PRESIDENTE.

Faccia  un  emendamento  verbale  e  lo  modifichiamo:  invece  di  "extraregionale",  "extracomunale".  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Sì,  ecco.  Allora,  per  quanto  riguarda...  Prima  che  lo  dichiari  inammissibile...  Sì,  era  già  dichiarato  inammissibile,  sì,  appunto.  Allora,  per  quanto  riguarda  invece  gli  emendamenti  all'articolo  1,  adesso  io  stesso  ho  difficoltà  sull'1.1  su  quale  era...  era  ripristinare  un  po'  il  linguaggio  che  era  già  stato  usato  prima,  "processi"  per  "percorsi"  eccetera.  Anche  perché  credo  che  se  queste  cose  sono  state  ponderate  meno  di  un  anno  fa,  francamente  è  meglio  lasciare  quel  riferimento.  Il  primo  credo  che  riguardi  "formativo"  invece  che  "educativo"  in  quanto  l'educazione  è,  appunto,  il  fine  più  alto,  non  tanto  quello  di  formare,  formare,  appunto,  è  più  legato  a  un  atteggiamento  di  rigidità.  L'1.1  è  "formare"  rispetto  a  "educare".  L'1.4  è  relativo  a  "percorsi"  invece  di  "processi".  E  poi  mi  sono  permesso  di  spezzare  una  lancia  nei  confronti  del  cattivo  uso  della  parola  "implementazione",  che  spiazza  sempre  chi...  È  un  neologismo,  è  un  latinismo  di  ritorno,  è  un  anglicismo  e  ha  un  ben  preciso  significato  che  vuol  dire,  appunto,  "concretare",  vuol  dire  "mettere  in  atto",  dall'idea,  trasformarla  in  azione.  Invece  molto  spesso  viene  usato  semplicemente,  per  assonanza,  come  "incrementare"  invece  che  "implementare".  Allora,  essendo  questa  una  legge  proprio  che  riguarda  la  scuola,  almeno  se  uno  vuole  "incrementare",  che  "incrementi"  e  se  vuole  "implementare",  che  "implementi",  ma    manifestamente  si  usava  "implementare"  in  questa  accezione,  diciamo,  scorretta.  Poi  l'"interdisciplinare",  cioè  c'è  anche  qui  una  soltile  distinzione  tra  "multidisciplinare"  e  "interdisciplinare".  Io  posso  apprezzare  una  cosa  che  sia  "inter"  e  "integrata",  appunto  che  sia  "multidisciplinare  "  e  "integrata",  però  se  uno  dice  "integrata  e  interdisciplinare"  è  pleonastico  perché  dice  sempre  la  stessa  cosa.  Allora  qui,  se  uno  vuole  cambiare  "multidisciplinare"  in  "interdisciplinare",  tant'è,  butti  via  anche  l'"integrato",  oppure  lasci  quello  che  era  e  di  nuovo  il  mio  emendamento  è  di  lasciare  quello  che  era.  Penso  di  aver  toccato  tutti  questi  punti  e  dunque,  sperando  che  sia  stata  accolta  quella  correzione,  quel  refuso  su  "extraregionale",  ho  finito  di  illustrare  gli  emendamenti  all'articolo  1.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Diamo  la  parola  al  consigliere  Basso  per  l'emendamento  1.2.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

L'emendamento  1.2  intende  ampliare  lessicalmente,  a  livello  di  contenuto,  la  questione  "formativo"  ed  "educativo",  mettendoli  entrambi  all'interno  del  testo  della  norma.  

PRESIDENTE.

Grazie.  La  parola  alla  consigliera  Da  Giau,  1.3  e  1.5.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

L'emendamento  1.3  era  solo  una  correzione  perché  viene  aggiunto  nella  proposta  di  legge,  alla  fine  del  paragrafo  del  punto  d)  della  13,  "in  un  contesto  plurilingue"  e  siccome  sono  già  scritte  queste  parole  -  "in  un  contesto  plurilinguista"  è  scritto    in  realtà  mi  sembrava  che  non  fosse  necessario  metterle  nuovamente.  Se  poi  ho  sbagliato  io  a  interpretare...  però,  insomma,  in  una  frase  due  volte  ribadire  il  contesto  plurilingue  mi  sembrava  eccessivo.  L'1.5  è  analogo  all'1.4  presentato  dal  collega  Honsell  e  credo  che  siano  entrambi  comunque  riassunti  dall'emendamento  proposto  dal  consigliere  Basso.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Bene.  Allora,  è  aperta  la  discussione  sull'articolo  1.  Se  non  si  iscrive  nessuno  in  discussione  generale  sull'articolo  1,  darei  la  parola  per  il  parere  ai  Relatori.  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Per  l'1.1  è  favorevole,  l'1.2  è  favorevole,  l'1.3  è  favorevole,  l'1.4  è  favorevole,  l'1.5  è  favorevole...  cos'è  era?  Sostituire...;  1.5  favorevole,  l'1.6  spero  che  venga...  favorevole,  sì,  essendo  una  legge  sulla  scuola;  il  1.7  è  mio,  favorevole.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

(fuori  microfono)  

PRESIDENTE.

Favorevole  a  tutti.  Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

1.1  no;  1.2  sì;  1.3,  1.4,  1.5,  1.6  e  1.7  no.  

PRESIDENTE.

Giunta.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Mi  riporto  ai  pareri  del  Relatore  di  maggioranza.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Poniamo  in  votazione  l'emendamento  1.1  proposto  dal  consigliere  Honsell.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  non  approva.  Poniamo  in  votazione  l'emendamento  1.2  Basso,  Giacomelli.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Poniamo  in  votazione  l'emendamento  1.3  Da  Giau.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  non  approva.  Poniamo  in  votazione  l'emendamento  1.4  uguale  all'1.5,  quindi  li  poniamo  in  votazione  insieme,  a  firma  il  primo  di  Honsell  e  il  secondo  Da  Giau.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  non  approva.  Pongo  in  votazione  l'emendamento  1.6  a  firma  del  consigliere  Honsell.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  non  approva.  Pongo  in  votazione  l'emendamento  1.7  sempre  a  firma  di  Honsell.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  non  approva.  Pongo  in  votazione  l'articolo  1  nel  suo  complesso.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Passiamo  all'articolo  2.  Ci  sono  tre  emendamenti:  2.1  e  2.2  Da  Giau,  2.3  Honsell.  Prego,  consigliera  Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Qui  non  vorrei...  siccome  l'argomento  è  delicato,  io  ho  cambiato  con  alcuni  emendamenti  perché  nel  corso  della  legge  si  citano  più  volte  i  bisogni  educativi  speciali,  i  disturbi  dell'apprendimento  e  la  disabilità  sempre  con  delle  diciture  diverse,  alle  volte  si  dice  "con",  alle  volte  si  dice  "portatori"  eccetera,  per  cui  ci  sono  una  serie  di  emendamenti  che  fanno    che  venga  adottata  sempre  la  stessa  dicitura.  Tutto  là,  niente  di  sostanziale,  è  solo  per  una  mania  di  simmetria  che  mi  porto  dietro.  Invece  il  2.2  è  un'indicazione  che  avevamo  avuto  durante  le  audizioni  di  sostituire  "le  scuole  che  promuovono  la  salute",  perché  sembrava  una  dicitura  che  discriminava  scuole  che  lo  fanno  e  scuole  che  non  lo  fanno,  con  qualche  cosa  che  non  fosse  una  caratteristica  delle  scuole,  ma  che  si  indicasse  le  attività  che  le  scuole  fanno,  e  quindi  "con  progetti  scolastici  finalizzati  alla  salute".  Dico  già  che  quello  successivo  del  consigliere  Honsell  ha  la  stessa  finalità  con  una  frase  diversa;  per  me  valgono  tutti  e  due  insomma,  ecco.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Consigliere  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Giustamente  la  legge  ha  raccolto  quello  che  è  uno  spunto  importante,  che  sono  tutti  quei  progetti  di  attività    qui,  sì,  autenticamente  extrascolastica  spesso    che  mirano  all'educazione  a  stili  di  vita  sani  e  sostenibili.  Mi  riferisco  a  progetti  che  sono  antichissimi  nella  nostra  Regione,  per  esempio  il  contratto  della  merenda,  il  pedibus,  abbiamo  progetti  di  educazione  sessuale,  tantissimi.  Rientrano  in  pacchetti  legati  anche  a  quella  che  era  la  rete  regionale  "Città  sane"  e  anche  legati  alla  sostenibilità  ambientale,  per  esempio,  non  so,  tipicamente  del  pedibus  uno  poi  fa  il  conteggio  e  ai  ragazzini  insegna  a  fare  il  conteggio  di  quante  sono  le  riduzioni  di  emissione  di  Co2  dovute  al  fatto  che  non  hanno  usato...  Questo  chiaramente  nei  centri  abitati  più  urbanizzati,  in  altri  centri  forse  la  cosa  è  automatica,  c'è  lo  scuolabus  e  altre  cose.  Ebbene,  proprio  per  questo  mi  sembrava  importante  e  mi  sembrava  importante  dirlo  con  la  giusta  enfasi.  È  bella  l'idea  delle  scuole  che  promuovono  salute;  esiste,  mi  sembra,  una  simile  rete,  anche  promossa  a  livello  europeo,  forse  anche  dall'Organizzazione  mondiale  della  Sanità,  come  esistono  le  Regioni  che  promuovono  salute.  Però  in  questo  caso,  essendo  una  particolare  rete  quella  delle  scuole  che  promuovono  salute,  si  rischia  di  discriminare  quelle  che  non  fanno  parte  di  questa  rete  e  dunque  è  bene  ribadire  il  principio  generale  della  promozione  degli  stili  di  vita  sani  e  sostenibili,  che  ricomprende  anche  le  scuole  che  promuovono  salute  come  rete,  ma  anche  quelle  che  con  altri  strumenti,  con  altre  reti,  con  altre  tipi  di  iniziative  e  con  altre  forme  di  associazione  e  coordinamento  con  soggetti  locali  lo  fanno,  forse  anche,  certe  volte,  meglio.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Bene,  apriamo  la  discussione  sull'articolo  2.  Se  non  ci  sono  iscritti,  do  la  parola  ai  Relatori.  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Sono  tutti  positivi.  

PRESIDENTE.

Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Tutti  sì.  

PRESIDENTE.

Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

Tutti  no.  

PRESIDENTE.

Giunta.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Come  il  Relatore  di  maggioranza.  

PRESIDENTE.

Poniamo  in  votazione  l'emendamento  2.1  a  firma  Da  Giau.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  non  approva.  Poniamo  in  votazione  l'emendamento  2.2  a  firma  Da  Giau.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  non  approva.  2.3  a  firma  Honsell.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  non  approva.  Poniamo  in  votazione  l'articolo  2.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Passiamo  all'articolo  3.  Non  ci  sono  emendamenti.  Apro  la  discussione  generale.  Se  non  ci  sono  iscritti,  do  la  parola  ai  Relatori  sull'articolo  3.  Consigliere  Honsell...  Ah,  non  c'è  il  parere.  Lo  poniamo  in  votazione.  Bene,  niente,  votiamo,  non  si    la  parola  ai  Relatori.  Allora,  apriamo  la  votazione  sull'articolo  3.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Passiamo  all'articolo  4.  È  aperta  la  discussione.  Se  non  c'è  discussione,  passiamo  alla  votazione.  Non  ci  sono...  Articolo  4,  Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

In  discussione,  solo  per  dire  che  questa  è  una  delle  semplificazioni  pazzesche  che  sono  inserite  in  questa  legge,  che  toglie  e  lascia  come  possibilità  alle  scuole  quella  di  non  fare  la  delibera  sui  libri  in  comodato.  Io  anche  qui  ho  verificato:  insomma,  va  beh,  a  volte  era  una  presa  d'atto  anche  da  parte  del  Consiglio  d'Istituto,  nulla  di  che,  quindi  nulla  di  particolarmente  oneroso,  nulla  di  particolarmente  intricato  da  essere  semplificato.  Sulla  questione  dei  libri  in  comodato  volevo  chiedere  una  cosa  che  mi  sono  dimenticata  di  chiedere  in  Commissione,  rispetto  al  fatto  se,  quando  si  parla  di  comodato  dei  libri  di  testo,  sono  compresi  anche  i  libri  di  narrativa,  perché  un'indicazione  era  eventualmente  di  poter  consentire  di  prendere  in  comodato  anche  i  libri  di  narrativa,  magari  in  forma  di  audiolibri  o  in  forma  digitale,  in  maniera  tale  che  si  potesse  anche  mettere  le  scuole  in  condizione  di  fare  un  vero  giro  di  questi  libri,  perché  il  comodato  in  realtà  non  funziona  molto  bene  dal  punto  di  vista  del  riutilizzo  dei  libri  perché  in  molte  scuole  la  maggior  parte  dei  libri  vengono  comunque  poi  riscattati,  invece  i  libri  di  narrativa  potrebbero  essere  utilmente  riutilizzati.  Era  solo  una  curiosità  mia.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Ci  sono  altri  iscritti?  Non  ci  sono  altri  iscritti,  quindi  pongo  in  votazione  l'articolo  4.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Passiamo  all'articolo  5.  C'è  solo  un  emendamento  a  firma  Honsell.  Prego.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Ritiro  l'emendamento.  

PRESIDENTE.

Benissimo,  l'emendamento  è  ritirato.  Apriamo  la  discussione.  Se  non  c'è...  Non  c'è  nessuno  che  si  iscrive,  poniamo  in  votazione  l'articolo  5...  Da  Giau.  Scusa.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Semplicemente  per  spiegare.  Noi  voteremo    a  questo  perché  mi  sembra  giusto    è  una  delle  cose  che  forse  non  è  stata  spiegata    nel  senso  che  qui  non  è  una  limitazione  "i  residenti  in  regione",  ma  è  dare  la  possibilità  a  chi  risiede  in  regione  che  ha  i  figli  che  vanno  a  scuola  fuori  dalla  regione  di  poter  godere  lo  stesso  degli  assegni,  quindi  è  un  ampliamento  della  platea.  

PRESIDENTE.

Bene,  grazie  per  la  spiegazione.  Non  ci  sono  altri  iscritti  a  parlare,  allora  pongo  in  votazione  l'articolo  5.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Passiamo  all'articolo  6.  C'è  un  emendamento  Da  Giau,  è  il  6.1.  Prego,  Consigliera.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Un  secondo  che  lo  tiro  fuori.  È  semplicemente  perché  si  scrive  "scuola  dell'obbligo"  e  poi  "scuole  secondarie",  ma  siccome  anche  una  parte  delle  scuole  secondarie  è  scuola  dell'obbligo,  ho  semplicemente  cambiato  la  prima  dicitura  dicendo  "primarie",  mi  sembrava  più  corretto  così.  

PRESIDENTE.

Bene.  Apriamo  la  discussione  sull'articolo  6.  Se  non  c'è  discussione,  do  la  parola  ai  Relatori  sull'emendamento.  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Sì,  favorevole.  

PRESIDENTE.

Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Sì.  

PRESIDENTE.

Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

Sì.  

PRESIDENTE.

Giunta.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Come  il  Relatore  di  maggioranza.  

PRESIDENTE.

Bene.  Poniamo  in  votazione  l'emendamento  6.1  a  firma  Da  Giau.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Votiamo  l'articolo  6  come  emendato.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Passiamo  all'articolo  7.  C'è  un  emendamento,  il  7.1,  a  firma  Da  Giau.  Prego  Consigliera.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Come  ho  già  detto  in  precedenza,  era  solo  per  introdurre  la  stessa  dicitura  ogni  volta  che  si  parla  di  BES,  di  disabilità  e  disturbi  specifici  dell'apprendimento.  

PRESIDENTE.

Bene,  grazie.  È  aperta  la  discussione  sull'articolo  7.  Se  non  c'è  discussione,  do  la  parola  ai  Relatori  sull'emendamento.  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Sì.  

PRESIDENTE.

Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Sì.  

PRESIDENTE.

Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

Sì.  

PRESIDENTE.

Giunta.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Sì.  

PRESIDENTE.

Bene.  Poniamo  in  votazione  l'emendamento  7.1.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Votiamo  l'articolo  7  così  come  emendato.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Passiamo  all'articolo  8.  Ci  sono  due  emendamenti,  l'8.1  e  l'8.2,  a  firma  Da  Giau  e  Honsell.  Prego,  sul  primo,  consigliera  Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

È  come  il  precedente,  è  sempre  la  stessa  cosa.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Di  nuovo  c'è  il  diverso  intendimento  tra  l'"evitare"  e  il  "ridurre".  Penso  che  quando  meno  di  un  anno  fa  fu  scritto  "evitare"  era  un  obiettivo  ovviamente  ideale,  di  limite.  Purtroppo  non  ci  si  riesce,  però  se  non  ci  si  riesce,  va  considerato  un  fallimento.  Mettere  "ridurre"  è  in  qualche  modo  un  abdicare,  è  un  già,  diciamo  così,  ammettere  una  sconfitta  a  priori  e  dunque  mi  sembrerebbe,  in  una  legge  come  questa  sul  diritto  allo  studio,  che  sia  più  coerente,  nel  diritto  allo  studio,  fare  tutto  quanto  è  possibile  per  evitarlo,  non  per  ridurlo  l'abbandono  scolastico.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Apro  la  discussione  sull'articolo  8.  Sì,  prego.  L'Assessore  chiede  un...  Prego,  Assessore.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Ovviamente  l'emendamento  è  assolutamente  accoglibile.  C'è  una  modifica  lessicale  anche  nella  formulazione  dell'emendamento  che  andrebbe  corretta  perché  come  formulato  bisognerebbe  sostituire  le  parole  "e  di"  con  "e  con"  perché  davanti  c'è  "gli  alunni  portatori  di  bisogni  educativi  speciali",  quindi  "degli  alunni  con  bisogni  educativi  speciali"  e  "con  disturbi",  non  "e  di",  c'è  un'ulteriore  modifica.  Per  cui...  

PRESIDENTE.

Va  bene,  quindi  è  un  subemendamento  orale  all'emendamento.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

È  un  subemendamento  orale.  

PRESIDENTE.

Quindi  è  un  subemendamento  all'emendamento  Honsell  che  sostituisce...  all'emendamento  Da  Giau,  va  bene,  perfetto,  all'8.1,  perfetto,  benissimo.  Se  non  ci  sono  iscritti  a  parlare,  la  parola  a  Honsell  sugli  emendamenti.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Sì,  sì.  

PRESIDENTE.

Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Sì.  

PRESIDENTE.

Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

8.1  sì,  8.2  no.  

PRESIDENTE.

Giunta.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Come  il  Relatore  di  maggioranza.  

PRESIDENTE.

Bene,  mettiamo  in  votazione  l'emendamento  8.1.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Pongo  in  votazione  l'emendamento  8.2.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  non  approva.  Votiamo  l'articolo  8  come  emendato.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Passiamo  all'articolo  9.  C'è  un  emendamento  9.1  e  un  emendamento  9.2,  a  firma  Da  Giau  e  Basso.  Prego,  consigliera  Da  Giau,  sul  9.1.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Questo  è  un  emendamento  che  avevo  preannunciato  in  Commissione  e  riguarda  un'estensione  di  quelli  che  sono  i  beneficiari  di  questo  intervento,  diciamo,  di  scuola  presso  gli  ospedali  o  il  domicilio  nel  caso  specifico,  nel  senso  che  la  scuola  in  ospedale  o  al  domicilio,  per  gli  alunni  delle  scuole  primarie  e  secondarie,  è  già  prevista  per  norma,  le  scuole  sono  già  tenute  a  farlo,  abbiamo  un  giudizio  positivo  rispetto  al  fatto  che  si  estenda  anche  alla  scuola  primaria,  ciò  che  resta  scoperto  ancora  dalla  formulazione  originale  della  norma  è  il  caso  di  alcune  sorelle  o  fratelli  di  bambini  malati  che  sono  costretti,  per  difendere  le  basse  difese  immunitarie  del  familiare  ammalato,  a  non  andare  a  scuola  e  siccome  attualmente  non  sarebbero  coperti  dal  provvedimento,  abbiamo  inserito  questa  frase  semplicemente  perché  potessero  essere  contemplati  nelle  iniziative  che  vengono  finanziate  da  questo  provvedimento.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliera  Da  Giau.  Consigliere  Basso,  9.2.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

Si  tratta  di  una  modifica  terminologica  di  precisazione  con  l'aggiunta  "iscritti  alle".  

PRESIDENTE.

Bene.  Apriamo  la  discussione.  Non  c'è  discussione.  Diamo  la  parola  ai  Relatori.  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Sugli  emendamenti?  

PRESIDENTE.

Sì.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Sì,  favorevole.  

PRESIDENTE.

Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

 a  tutti.  

PRESIDENTE.

Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

 entrambi.  

PRESIDENTE.

Giunta.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Sì.  

PRESIDENTE.

Bene.  Poniamo  in  votazione  il  9.1.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Poniamo  in  votazione  il  9.2.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Votiamo  l'articolo  9  così  come  emendato.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Passiamo  all'articolo  10.  Non  ci  sono  emendamenti.  È  aperta  la  discussione  generale  sull'articolo.  Se  non  ci  sono  iscritti  a  parlare,  pongo  in  votazione  l'articolo  10.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Articolo  11.  Non  ci  sono  emendamenti.  È  aperta  la  discussione.  Se  non  ci  sono  iscritti,  pongo  in  votazione  l'articolo  11.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Articolo  12.  Non  ci  sono  emendamenti.  È  aperta  la  discussione  generale.  Se  non  ci  sono  iscritti,  pongo  in  votazione  l'articolo  12.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Articolo  13.  C'è  un  emendamento  della  Giunta,  il  13.1.  Prego,  Assessore.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Semplicemente  per  venire  incontro  alle  associazioni  rispetto  ai  problemi  di  liquidità,  quindi  ci  sarà  contestuale  concessione  ed  erogazione  del  contributo  richiesto.  

PRESIDENTE.

Grazie,  Assessore.  Apriamo  la  discussione.  Se  non  ci  sono...  Budai...  Ah,  no.  Bene,  se  non  ci  sono  interventi,  passiamo  ai  Relatori.  Honsell  e  Da  Giau.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Sì.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

 

PRESIDENTE.

Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

Sì.  

PRESIDENTE.

Giunta.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Sì.  

PRESIDENTE.

Poniamo  in  votazione  l'emendamento  13.1  della  Giunta.  È  aperta  la  votazione.  Approvando  l'emendamento  che  sostituisce  l'articolo,  non  si  vota  l'articolo.  Passiamo  all'articolo  14.  C'è  un  emendamento  a  firma  Honsell.  Prego,  Consigliere.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Riguardo  a  questo  emendamento,  nella  nostra  Regione  ci  sono  state  varie  esperienze  che  hanno  visto  la  stipula  di  convenzioni  con  il  CONI  per  il  potenziamento  dell'attività  sportiva  o  addirittura  per  l'attività  ludico-sportiva  e  quindi  restringerlo  soltanto  ad  alcuni  casi  mi  sembra  restrittivo  visto  che  stiamo  facendo  una  legge,  anche  perché  si  è  detto  più  volte  che  non  bisogna  fare  interventi  puntuali.  Dunque,  proprio  a  tutela  non  solo  delle  esperienze  che  magari  sono  in  atto  o  potrebbero  ancora  essere  in  atto,  ma  anche  di  quelle  che  uno  potrebbe  sviluppare  in  futuro    e  sappiamo  che  nella  nostra  scuola  primaria,  tra  l'altro,  l'attività  sportiva  o  ludico-sportivo  veramente  è  poco,  poco  sviluppata    propongo  di  allargarlo  e  quindi  non  soltanto  di  considerare  i  licei  con  sezioni  ad  indirizzo  sportivo,  ma  prevedere,  favorire  la  stipula  di  convenzioni  con  il  CONI  anche  da  parte  di  tutte  le  altre  scuole  primarie  e  secondarie,  che  prevedano  specifici  corsi  di  potenziamento  dell'attività  sportiva  e  ludico-sportiva.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Se  non  ci  sono  iscritti  a  parlare,  do  la  parola  ai  Relatori.  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Beh,  insomma,  sarei  contraddittorio.  

PRESIDENTE.

Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Sì.  

PRESIDENTE.

Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

No.  

PRESIDENTE.

Giunta.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Come  il  Relatore  di  maggioranza.  

PRESIDENTE.

Poniamo  in  votazione  l'emendamento  14.1.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  non  approva.  Poniamo  in  votazione  l'articolo  14.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Passiamo  all'articolo  15,  che  non  ha  emendamenti.  È  aperta  la  discussione.  Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

È  solo  per  fare  un  commento  che  prima  non  avevo  avuto  il  tempo  di  fare  durante  la  fase  di  presentazione  della  norma.  Rispetto  a  questo  articolo,  che  negli  intenti  mi  sembra  che  sia  stato  anche  apprezzato  e  condiviso  sia  in  Commissione  che  in  sede  di  audizione,  però  tutti  quanti  hanno  rilevato  un  po'  di  indeterminazione  rispetto  ai  contenuti  dello  stesso  e  poca  chiarezza.  È  per  esprimere  un  auspicio  rispetto  al  fatto  che  poi,  nel  passare  da  quella  che  è  la  dichiarazione  normativa  all'attuazione  nello  stato  di  fatto,  si  tenga  conto  di  quelle  che  sono  poi  le  necessità    a  partire...  mi  dicono  che  esistesse  una  piattaforma  regionale,  che  adesso  non  è  più  attiva,  dove  si  potevano  verificare  anche  la  formazione  del  personale  rispetto  ai  corsi  sulla  sicurezza,  che  era  di  aiuto  alle  scuole  e  che  ora  non  c'è  più,  e  le  dotazioni  che  servono  poi  a  garantire  la  sicurezza  nella  scuola    quindi  che,  al  di  là,  insomma,  della  sensibilizzazione,  ci  siano  anche  degli  atti  concreti  che  fanno    che  migliorino  le  condizioni  di  sicurezza  nelle  scuole.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliera  Da  Giau.  Non  ci  sono  altri  iscritti  a  parlare,  allora  pongo  in  votazione  l'articolo  15.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Passiamo  all'articolo  16.  Ci  sono  vari  emendamenti.  Diamo  la  parola  alla  consigliera  Da  Giau  per  il  16.1.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

L'emendamento  16.1  era  l'emendamento  che  sopprimeva  quel...  era  di  abrogazione  della  modifica  rispetto  alla  sola  introduzione  della  valorizzazione  dell'identità  culturale  regionale.  Ho  visto  nei  documenti  che  ci  sono  stati  consegnati  che  l'emendamento  che  era  stato  bocciato  in  Commissione  è  stato  ripreso,  quello  che  contempla  quantomeno  il  fatto  che  ci  siano  entrambe  le  diciture.  Come  ho  avuto  modo  di  dire  prima,  io  credo  che  dentro  all'"interculturale"  ci  fosse  già  dentro  tutto,  ma,  insomma,  siamo  contenti  che  la  parola  resti  dentro.  Avevo  un  piccolo  episodio  da  raccontare,  vi  rubo  un  secondo.  Io  ho  un  familiare  che  fa  l'educatrice  in  una  scuola  materna  e  mi  ha  raccontato  questo  episodio.  È  una  scuola  materna  dove  ha  23  ragazzini  di  cui  21  sono  nati  in  un  altro  paese  e  una  delle  ragazzine  un  giorno  è  andata  da  lei  a  dirle:  "Guardi  che  Muhammad    uso  un  nome  a  caso  ovviamente    ha  detto  una  parolaccia"  e  mia  cognata  ha  detto:  "Ma  a  me  non  pare".  "E  no  perché  l'ha  detta  in  arabo".  "Sì,  ma  io  non  lo  capisco"  e  la  risposta  della  ragazzina  è  stata:  "Ma,  maestra,  ma  lei  parla  solo  l'italiano?",  perché  questa  ragazzina,  che  ha  quattro  anni,  parla  egiziano,  arabo,  parla  l'inglese,  oltre  che  parlare  l'italiano.  A  me  questo  sembra  un  grandissimo  risultato  delle  iniziative  interculturali  e  che  forse  deve  farci  pensare.  

PRESIDENTE.

Grazie.  16.2.  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Questo  è  analogo  al  16.1.  Anch'io  ritengo...  Ma  questo  è  già  stato  sufficientemente  argomentato  anche  dall'Assessore,  ne  abbiamo  parlato  diffusamente.  E  l'identitarismo?  Chi  pensa  che  l'identitarismo  sia  un  valore  magari  è  legittimato  a  farlo.  Io  penso  che  abbia  avuto  conseguenze  veramente  nefaste  nel  secolo  breve  l'identitarismo.  Bisogna,  appunto,  costruire  reti  sociali  e  culturali  su  altri  valori  e  dire  quali  sono,  non  basta  sentirsi...,  altrimenti  l'identitarismo  come  tale  è  lo  stesso  delle  tifoserie,  non  è  più  profondo  di  quello,  pertanto  enfatizzare  così  tanto  l'identità  regionale  mi  sembra  inopportuno  in  un  testo  sulla  scuola.  Per  di  più,  anche  volendo,  come  ho  detto  nella  mia  relazione,  questa  è  una  regione  che  se  è  diventata  regione  è  proprio  per  la  pluralità  delle  sue  diverse  componenti  culturali,  linguistiche  e  culturali,  quindi  nel  dire  qua  "identità  regionale"  non  si  capisce  veramente  che  cosa  si  voglia  intendere,  se  non  purtroppo  quella  nefasta  ideologica  identitaristica  che  come  valore  per  me  è  un  disvalore.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Poi  c'era  il  16.3  a  firma  Moretuzzo.  

MORETUZZO.

L'ho  già  illustrato  in  discussione  generale,  quindi  non  mi  dilungo  nell'illustrazione.  

PRESIDENTE.

Bene.  Poi  c'era  il  16.3.1  presentato  da  Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

Preciso  che  io  presento  questo  emendamento  che  è  stato  redatto  dai  Consiglieri  del  5  Stelle.  Io  sono  Relatore  di  maggioranza  e  hanno  chiesto  la  partecipazione  su  questo.  È  vero  quanto  ha  detto...  dato  che  su  questi  temi...  Sì,  oggi  in  tema  scolastico  è  emersa  questa...  è  una  questione  di  lessico,  direbbe  il  professor  Honsell.  È  vero  quanto  dice  la  consigliera  Da  Giau,  su  argomenti  di  questo  tipo  all'interno  della  scuola  non  è  il  caso  di  fare,  come  dire,  contrapposizioni  ideologiche.  Condivido  in  pieno  altresì  la  dicitura  originaria  che  parlava  di  una  promozione  dell'indennità  regionale,  che  sottoscrivo  pienamente.  È  chiaro  che  la  promozione  dell'identità  regionale  non  va  contro  a  quella  che  è  una  trasversalità  di  mondi  che  all'interno  della  scuola  esiste,  che  fa  parte  di  un  processo  interculturale,  che  non  significa  in  questo  caso  far  prevalere  ideologie  di  altri  piuttosto  che  degli  italiani  oppure  far  prevalere  una  logica  non  inclusiva,  ma  vuol  essere  estensivo  al  massimo  in  modo  tale  da  poter,  come  dire,  utilizzare  anche  un  linguaggio  che  nel  mondo  della  scuola  è  presente,  è  presente  da  tanti  anni  e  fa  parte  del  lessico  quotidiano.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Bene,  apriamo  la  discussione  sull'articolo  16  se  ci  sono...  Camber.  

CAMBER.

Solo  per  comunicare  che  ho  aggiunto  la  firma  materialmente  e  comunico  agli  uffici  che  aggiungo  la  firma  al  16.3.1.  

PRESIDENTE.

Quindi  aggiungiamo  al  16.3.1  la  firma  del  consigliere  Camber.  Ci  sono  altri  interventi?  Consigliere  Ussai.  USSAI.  Solo  per  ringraziare  il  Relatore  di  maggioranza  per  aver  accolto  la  nostra  sollecitazione  e  quindi  favorire,  appunto,  la  partecipazione  dei  genitori  alla  vita  scolastica  non  solo  per  promuovere  la  valorizzazione  delle  identità  culturali  regionali,  ma  anche  progetti  interculturali.  Ci  sembrava  doveroso  e  quindi  ringrazio  la  maggioranza  per  questo.  Grazie.  C'era  il  consigliere  Bordin,  si  era  iscritto.  Prego.  

BORDIN.

Noi  ci  auguriamo  che  questa  formulazione  non  apra  le  porte  a  qualcosa  che  volevamo  escludere.  Riteniamo  che  chi  viene  nel  nostro  paese  debba  non  solamente  adattarsi  alle  nostre  tradizioni,  alla  nostra  cultura,  ma  deve  anche  impararla,  assimilarla  e  integrarsi  nella  nostra  società  accettandone  regole,  costumi  e  tradizioni,  pertanto  questa  formulazione  non  ci  piace.  Peraltro,  daremo  un'apertura  di  credito  con  un  voto  di  astensione.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Bene,  allora,  non  ci  sono  più  altri  interventi...  Di  Bert.  

DI BERT.

Solo  non  per  essere  in  antitesi,  ma  anche  noi  accogliamo  la  proposta  formulata  nei  termini  che  ha  illustrato  poc'anzi  il  consigliere  Basso.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Di  Bert.  I  Relatori.  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Non  riuscivo  qui  a  trovare...  Scusi,  Presidente;  allora,  c'è  il  16.1,  sì,  il  16.2,  sì,  e  poi  c'era...  

PRESIDENTE.

Poi  c'è  il  16.3  di  Moretuzzo.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Il  16.3,  che  riguarda...  

PRESIDENTE.

È  soppressivo  anche  questo,  è  uguale  al  tuo.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Ma  c'è  scritto  "modificativo",  non...  

PRESIDENTE.

Beh,  va  beh.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Va  bene.  Allora  sono  tutti  e  tre  uguali  e  quindi  è  a  tutti  e  tre    per  coerenza.  L'altro,  che  mantiene  l'identitarismo,  no.  

PRESIDENTE.

Il  16.3.1,  quello  che  allarga  da  "culturale"  a  "interculturale".  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Ma  purtroppo  mantiene  quello  che  ritengo  essere  un  disvalore,  che  è  l'identitarismo,  e  pertanto  voto  no.  

PRESIDENTE.

Va  bene,  perfetto.  Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Allora,    ai  primi  tre,  all'ultimo...  scegliamo  il  minore  dei  mali...  

PRESIDENTE.

L'astensione?  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

No,  votiamo  a  favore  con  un  dispiacere  per  quello  che  è  stato  detto  in  Aula  in  questo  momento,  che  ci  conferma  purtroppo  nella  pesantezza  che  aveva  quel  tipo  di  modifica  che  era  stata  fatta  prima  e,  diciamo,  non  concordando  con  questa  visione  che  si  ha  di  quello  che  significa  l'identità  regionale,  concetto  a  cui  io    ma  in  questo  caso  parlo  personalmente    sono  veramente  poco  affezionata  nei  termini  così  come  espressi  dal  professor  Honsell.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

16.1  no,  16.2  no,  16.3  no,  16.3.1    anche  se  ho  sbagliato  l'ordine    sì.  

PRESIDENTE.

Rosolen.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Come  il  Relatore  di  maggioranza.  

PRESIDENTE.

Poniamo  in  votazione,  allora,  il  16.1,  16.2  e  16.3,  che  sono  uguali,  insieme.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  non  approva.  Poniamo  in  votazione  il  16.3.1  a  firma  Basso.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Votiamo  l'articolo  16.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Passiamo  all'articolo  17.  Honsell,  17.1  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Penso  che  sia  di  nuovo  l'enfasi  sull'aspetto  "educativo"  che  di  nuovo  era  stato  sostituito  con  un  più  circoscritto  "formativo"  e  pertanto  è  coerente  con  la  spiegazione  che  ho  dato  la  prima  volta  che  ho  proposto  di  ritornare  alla  vecchia  formulazione.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Scusate,  ma...  Allora,  l'emendamento  è  un'aggiunta  all'articolo  e  prende  spunto,  è  motivato  dal  fatto  che,  come  sapete,  rispetto  al  monte  ore  di  quella  che  veniva  chiamata  "Alternanza  scuola-lavoro",  che  adesso  viene  chiamata  "Percorsi  per  le  competenze  e  l'orientamento",  c'è  stato  un  dimezzamento  sia  nelle  scuole  tecniche  che  nei  licei.  Siccome  ci  sono  realtà,  istituti  scolastici  che,  dopo  tutta  la  fatica  che  è  stata  fatta  per  mettere  in  piedi  questo  tipo  di  esperienze  nella  scuola  di  percorsi  formativi  nella  scuola,  che  ovviamente,  partendo  dal  nulla,  oggi  sono  arrivati  a  essere  entrati  a  regime,  e  avendo  testato  anche  l'utilità  di  questo  tipo  di  percorsi,  soprattutto  nelle  scuole  tecniche,  negli  istituti  tecnici,  hanno  comunque  deliberato  nei  Consigli  di  Istituto  il  fatto  che  il  monte  ore  previsto  fosse  comunque  realizzato,  ovviamente  a  spese  proprie  perché  è  chiaro  che  a  fronte  di  una  diminuzione  delle  ore,  poi  c'è  anche  una  diminuzione  delle  risorse  che  viene  dal  livello  ministeriale    ricordo  che  passare  dalle  400  alle  200  euro,  insomma,  diventa  due  settimane  sostanzialmente,  poco  più,  quindi,  soprattutto  laddove  si  fanno  anche  delle  esperienze,  ripeto,  che  sono  quelle  più  proprie  degli  istituti  tecnici  e  professionali,  è  un  tempo  che  non  è  sufficiente  anche  per  gli  alunni,  gli  allievi  che  fanno  questa  esperienza  perché  questa  cosa  diventi  realmente  una  cosa  formativa  e  quindi  si  apprendano  anche  quelle  competenze  e  abilità  ulteriori  che  questi  percorsi  si  propongono  come  obiettivo    per  cui  con  questo  emendamento  chiedo  che  la  Regione  sostenga  le  scuole  che  comunque  hanno  deciso  di  procedere  nella  linea  di  dare  un'offerta  maggiore,  un'offerta  formativa  e  orientativa  maggiore  ai  propri  allievi,  tenendole  presenti.  

PRESIDENTE.

Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

Solo  per  una  precisazione  che  riguarda  l'emendamento  proposto  dalla  consigliera  Da  Giau,  annunciando  che  sicuramente,  a  livello  di  condivisione  rispetto  alla  bontà  dei  percorsi  di  orientamento  ex  alternanza  scuola-lavoro,  c'è  una  problematica  forte  di  competenze  da  parte  della  Regione  nel  determinare  il  numero  delle  ore  e  anche  una  necessaria  valutazione  dei  costi  all'intero  del  settore,  perché  la  moltiplicazione  di  un  sostegno  a  progetti  di  alternanza  negli  istituti  superiori,  moltiplicata  per  tutte  le  scuole  della  regione,  probabilmente  farebbe  saltare  l'intero  budget  a  disposizione  del  comparto.  

PRESIDENTE.

Bene.  Non  ci  sono  altri  iscritti.  Do  la  parola  ai  Relatori.  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

17.1  sì,  17.2  sì.  

PRESIDENTE.

Bene.  Da  Giau.  Da  Giau,  il  parere  dei  Relatori...  Siamo  al  17.1...  è  già  stato  fatto...  17.2...  Sì,  lo  hai  già  detto,  tutti  e  due  sì.  Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Favorevole  a  tutti  e  due.  

PRESIDENTE.

Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

No  ad  entrambi.  

PRESIDENTE.

Giunta.  Giunta,  come  il  Relatore  di  maggioranza?  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Come  il  Relatore  di  maggioranza.  

PRESIDENTE.

Bene.  Poniamo  in  votazione...  Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Il  consigliere  Basso  ha  espresso  una  considerazione,  avevo  anche  piacere  di  sentire  il  parere  dell'Assessore  rispetto  a  questa  cosa  qui  perché  comunque  la  ritengo  una  richiesta  che  merita  un  minimo  di  considerazione;  eventualmente  valutare,  insomma,  che  cosa  fare.  

PRESIDENTE.

Prego  Assessore.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Sono  d'accordo  con  quanto  ha  detto  il  consigliere  Basso.  Per  quanto  mi  riguarda,  i  percorsi  di  alternanza  scuola-lavoro,  o  come  si  chiamano  oggi,  sono  sicuramente  dei  percorsi  da  incrementare.  Così  come  è  formulato  l'emendamento  andrebbe  ad  interferire  sulla  normativa  nazionale,  ma  soprattutto  andrebbe  a  immaginare  maggiori  costi  che  in  questo  momento  io  non  saprei  come  coprire.  Per  cui,  per  quanto  mi  riguarda,  se  lo  trasforma  in  un  Ordine  del  giorno  noi  possiamo  anche  impegnarci  a  verificare  la  possibilità  di  fare  le  cose  con  strumenti  economici  diversi.  

PRESIDENTE.

Grazie,  Assessore.  Lo  trasforma,  consigliera  Da  Giau?  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

(fuori  microfono)  

PRESIDENTE.

Quindi  ritira  il  17.2  che  viene  trasformato  in  Ordine  del  giorno,  bene,  quindi  sarà  poi  presentato  prima  della  fine  della  seduta.  Allora  rimane  solo  il  17.1.  Abbiamo  già  avuto  i  pareri  dei  Relatori.  Pongo  in  votazione  l'emendamento  17.1  a  firma  Honsell.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  non  approva.  Poniamo  in  votazione  l'articolo  17.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Passiamo  all'articolo  18.  Ci  sono  degli  emendamenti.  Cominciamo  dal  18.1  a  firma  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Riguarda  il  tema  delle  Consulte  provinciali  degli  studenti.  Io  ho  capito  che  se  uno  fa  un  percorso  diverso  può  comunque  ricevere  dei  contributi,  però  ben  diverso  è  creare  le  condizioni  perché  ci  sia  un'attività  di  questa  Consulta  che  abbia  anche  una  sua  autonomia.  Penso  che  sia  educativo.  Tutti  i  rappresentanti  delle  Consulte  credo  che  siano  ragazzi  che,  attraverso  questa  esperienza,  non  solo  danno  un  contributo,  ma  anche  fungono  da  catalizzatori  all'interno  del  loro  contesto  per  promuovere  un  senso  di  responsabilità  e  anche  un'educazione  alla  rappresentatività,  una  educazione  alla  politica.  Dunque  mi  sembrerebbe  molto  opportuno  mantenere  l'assetto  che  era  stato  trovato,  anche  perché  non  è  legato  all'ultima  legge,  alla  legge  che  qui  viene  ritoccata,  ma  è  una  tradizione  della  nostra  Regione.  Dunque  in  questo  senso  penso  che  vada  soppresso  l'articolo  che  prevede  l'interruzione  o  che  venga  abrogata  la  possibilità  di  finanziare  la  Consulta.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Bene,  grazie.  Moretuzzo.  

MORETUZZO.

In  questo  caso,  appunto,  si  tratta  di  mantenere  i  fondi  a  disposizione  della  Consulta.  

PRESIDENTE.

Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

È  sempre  un  intervento  che  riguarda  questa  riduzione,  la  sottrazione  dei  fondi  per  il  coordinamento  della  Consulta  provinciale  degli  studenti.  Noi  abbiamo  avuto  una  motivazione,  sia  in  Commissione  che...  In  audizione  è  stata  rilevata  l'opportunità  che  questi  fondi  ci  fossero.  Sia  in  fase  di  audizione  che  nella  Commissione  è  stata  data  giustificazione  alla  cosa  dicendo  che  i  fondi  non  venivano  sottratti    infatti  ci  sono  gli  emendamenti  che  mantengono  la  proposta  di  bilancio  per  il  2019  mentre  quella  del  2020  viene  tolta    e  che  questa  cosa  è  fatta  solo  perché  ci  sia  la  possibilità  che,  anziché  essere  iniziativa  della  Consulta,  ci  sia  una  convenzione  fatta  con  la  Regione  e  con  l'Ufficio  scolastico  regionale,  e  questa  cosa  è  scritta  anche  nella  relazione  ed  è  bene  che  sia  stata  introdotta  questa  convenzione.  Io  sono  disponibile  ad  accettare  di  aver  fatto  un  errore  se  mi  si  dice  dove  è  scritta  questa  cosa  della  convenzione  perché  nell'articolo  sono  solo  abrogati  tutti  i  commi  che  prevedono  il  finanziamento.  Allora  per  questo  io  ho  previsto,  nell'emendamento  che  vi  ho  proposto,  che  ci  sia  la...  adesso  non  trovo  sottomano  il  testo  del  mio  emendamento...  Aspetta  un  attimo.  No,  il  2.1  è  un  subemendamento...  Ce  l'ho,  un  secondo  solo...  Ho  previsto  che  ci  sia  scritto  che  "il  coordinamento  regionale  delle  Consulte  provinciali  degli  studenti  del  Friuli  Venezia  Giulia,  istituito    è  citata  la  legge    propone  e  concorda  con  la  Regione  e  l'Ufficio  scolastico  regionale  un  programma  annuale  di  iniziative  a  favore  degli  studenti"  e  con  il  subemendamento  aggiungo  che  "la  Regione  sostiene  l'attuazione  di  tale  programma  tramite  sottoscrizione  di  apposita  convenzione".  Ho  creduto  così  di  mettere  nero  su  bianco  quello  che  è  l'intendimento  che  c'era  rispetto  alla  soppressione  di  quegli  articoli.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliera  Da  Giau.  Bene,  apriamo  la  discussione  sugli  emendamenti  e  sull'articolo.  Se  non  c'è  nessuno,  do  la  parola  ai  Relatori.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Favorevole  a  entrambi...  No,  non  sono...  Sono  tre,  vero?  Sì...  

PRESIDENTE.

Sono  quattro.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Sono  quattro,  e  il  quarto?  

PRESIDENTE.

È  il  12.2.1  Da  Giau.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Il  18...  

PRESIDENTE.

Sì;  sono  il  18.1,  18.2,  18.2.1  e  18.3.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Il  18.2.1  l'ho  perso,  quindi  su  quello  mi  astengo;  18.1  sì,  18.2  sì,  18.3  sì.  

PRESIDENTE.

Bene.  Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

 a  tutti  e  tre.  

PRESIDENTE.

Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

No.  

PRESIDENTE.

Giunta.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Come  il  Relatore  di  maggioranza.  

PRESIDENTE.

Bene.  Poniamo  in  votazione,  quindi,  l'emendamento  18.1  a  firma  Honsell.  È  aperta  la  votazione.  Votiamo  insieme  il  18.1  e  il  18.2  perché  sono  uguali.  È  chiusa  la  votazione.  Sono  entrambi  non  approvati.  Poniamo  in  votazione  il  18.2.1  presentato  da  Da  Giau.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  non  approva.  Poniamo  in  votazione  il  18.3  sempre  di  Da  Giau.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  non  approva.  Poniamo  in  votazione  l'articolo  18.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Passiamo  all'articolo  19.  Ci  sono  due  emendamenti  a  firma  Honsell.  Prego.  19.1  e  19.2.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Sul  primo  si  enfatizza  il  ruolo  dell'internazionalizzazione  anche  in  un  punto  dove  mi  sembra...  adesso,  francamente,  non  riesco  a  ritrovarlo,  dove  però  è  importante  metterlo  proprio  perché  la  parola  "internazionalizzazione"  ha  un  suo  significato  autonomo  e  dunque    ci  deve  stare.  Mentre  invece  per  lo  stesso  motivo  andare  a  parlare  di  "internazionalizzazione"  nell'articolo  19,  alla  lettera  c),  dove  si  parlava  della  dimensione  europea  dell'istruzione  secondaria,  questo  è  uno  dei  concetti  fondamentali  dello  spazio  europeo  della  formazione  con  il  quale  sono  state  articolate  tutte  le  leggi  dell'Unione  Europea  a  tutti  i  livelli.  Io  ovviamente  conosco  di  più  dal  processo  di  Bologna  e  dall'inizio  del  2000,  ma  anche  nella  scuola  secondaria  esiste  lo  spazio  europeo  della  cultura  superiore.  Andare  a  mettere  un  generico  "internazionale"    adesso,  francamente,  non  ce  l'ho  qui    vuol  dire  non  parlare  di  Europa  e  francamente  vuol  dire,  dunque,  annacquare,  non  fare  riferimento.  Non  è  un  aggettivo,  non  è  che  dice:  sai,  il  mondo  è  più  grande,  è  tutti  i  cinque  continenti.  Vuol  dire  non  conoscere  che  cos'è  la  dimensione  europea  della  pubblica  istruzione,  della  formazione,  della  ricerca.  Penso  che  su  una  legge  che  vuole  essere  la  legge  sul  diritto  allo  studio  questo  non  vada  fatto  e  quindi  bisogna  lasciare  "dimensione  europea".  

PRESIDENTE.

Grazie.  Apriamo  la  discussione.  Per  il  parere  dei  Relatori,  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Ovviamente,  essendo  miei,  sarei  incoerente  e  quindi  è    e  sì.  

PRESIDENTE.

Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Sì,  sì.  

PRESIDENTE.

Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

No,  no.  

PRESIDENTE.

Giunta.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Come  il  Relatore  di  maggioranza.  

PRESIDENTE.

Poniamo  in  votazione  l'emendamento  19.1  a  firma  Honsell.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  non  approva.  Pongo  in  votazione  l'emendamento  19.2  a  firma  Honsell.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  non  approva.  Pongo  in  votazione  l'articolo  19.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Articolo  20.  C'è  un  emendamento  Da  Giau.  Prego,  Consigliera.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

L'emendamento  fa  due  modifiche  rispetto  a  quanto  proposto.  La  prima  è  quella  di  ripristinare  la  frase  che  era  contenuta  nel  comma  in  cui  si  parlava  di  "interventi  finalizzati  a  sostenere  l'arricchimento  dell'offerta  formativa  delle  istituzioni  scolastiche  e  l'integrazione  di  queste  ultime  con  i  soggetti  del  territorio".  Fa  parte  di  uno  dei  quei  tentativi  di  isolamento  e  di  oscuramento  rispetto  a  quelli  che  sono  gli  apporti  della  società  esterna  alle  mura  scolastiche,  alla  scuola  stessa.  Il  secondo  intervento  è  abrogativo  rispetto  a  ciò  che  va  a  sostituire  i  progetti  speciali.  È  il  primo  riferimento  a  quel  contenitore  dove  vengono  riservate  le  risorse  dei  progetti  speciali.  Questo  non  perché  non  possano  convivere  anche  quei  progetti  con  i  progetti  speciali,  ma  per  quello  che  sta  dietro,  che  è  proprio  la  sostituzione  dei  primi  con  i  secondi  che  noi  non  condividiamo.  

PRESIDENTE.

Grazie.  È  aperta  la  discussione.  La  parola  ai  Relatori.  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Il  mio...  se  d'accordo...  all'emendamento  Da  Giau  e  quindi  votare...  

PRESIDENTE.

La  firma?  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Sì,  la  firma  e  se  è  d'accordo  e  quindi  votare  a  favore.  

PRESIDENTE.

Bene,  perfetto.  Da  Giau,  sì?  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Sì,  sì.  

PRESIDENTE.

Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

No.  

PRESIDENTE.

Giunta.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Come  il  Relatore  di  maggioranza.  

PRESIDENTE.

Poniamo  in  votazione  l'emendamento  20.1  a  firma  Da  Giau,  Honsell.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  non  approva.  Votiamo  l'articolo  20.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Articolo  21.  Non  ci  sono  emendamenti.  Apro  la  discussione.  Se  non  c'è  discussione,  poniamo  in  votazione  l'articolo  21.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Articolo  22.  C'è  un  emendamento  di  Honsell,  il  22.1.  Prego,  Consigliere.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Questo  è  un  altro  di  questi  emendamenti  a  questi  articoli  che  tendono  un  po'  ad  iniziare  quel  processo  che  toglie  la  progettualità  dal  basso  e  la  reinquadra  in  una  convenzionalità  con  la  benedizione,  con  l'imprimatur  dall'alto,  e  pertanto,  questo  come  quello  successivo,  hanno  esattamente  questo  spirito.  Credo  che  sia  peggiorativo  soprattutto  per  l'autonomia  scolastica,  questo  nuovo  assetto,  rispetto  a  quello  precedente.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Bene,  è  aperta  la  discussione.  Se  non  c'è  discussione,  i  Relatori.  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Sì.  

PRESIDENTE.

Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Astenuti.  

PRESIDENTE.

Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

No.  

PRESIDENTE.

Giunta.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Come  il  Relatore  di  maggioranza.  

PRESIDENTE.

Qua  votiamo  per  il  mantenimento  dell'articolo  22  perché  l'emendamento  è  soppressivo,  quindi  chi  lo  vuole  mantenere  deve  votare  "sì".  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'articolo  passa.  Articolo  23.  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

L'ho  già  illustrato  precedentemente.  Questo  riguarda  ancora  più  clamorosamente  i  progetti  speciali,  quindi  vale  quanto  ho  detto  prima.  

PRESIDENTE.

Bene.  Moretuzzo.  

MORETUZZO.

Anch'io  mi  rifaccio  a  quanto  ho  detto  in  discussione  iniziale.  

PRESIDENTE.

Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Come  i  colleghi,  questo  era  per  ripristinare  quella  forma  di  finanziamento  a  questo  tipo  di  progetti,  ricordando  che  l'adesione  a  questa  progettualità  è  sempre  stata  ampia,  c'erano  criteri  per  l'assegnazione,  c'era  un  bando,  c'erano  dei  punteggi.  I  progetti  venivano  fatti,  garantivano  non  solo  l'integrazione  dell'offerta  formativa,  ma  anche  attività  pomeridiane.  Erano  molto  importanti  per  gli  istituti  comprensivi,  erano  molto  interessanti  per  gli  istituti  di  suola  secondaria  di  secondo  grado.  Io  credo  davvero  che  attraverso  la  loro  abrogazione  rischiamo  di  impoverire  l'offerta  formativa  e  di  andare,  quindi,  contro  quello  che  è  il  titolo  stesso  di  questa  norma.  Ripeto,  pensare  che  solo  a  livello  centrale  si  possa  decidere  quali  sono  i  temi  che  tutti  devono  trattare,  quali  sono  le  esigenze  del  territorio...  Prima  abbiamo  parlato  di  identità  culturale  della  regione  e  bene  ha  fatto  il  consigliere  Moretuzzo  a  ricordare  che  l'identità  di  questa  regione,  che  la  realtà  culturale,  la  realtà  economica,  la  realtà  sociale  di  questa  regione  è  molto  varia  e  credo  che  avere  la  possibilità  per  le  scuole  e  anche  per  i  vari  soggetti  del  territorio  di  esprimere  questa  identità  locale,  particolare,  la  ricchezza  locale,  fosse  una  ricchezza  o  non  un  ostacolo  alla  formazione  dei  nostri  figli.  Credo  che  veramente  qui  si  veda  un  accanimento,  che  non  ha  ragione  di  essere,  per  tenere  fuori  un  paio  di  associazioni  sgradite.  E  guarda  caso,  mi  spiace  contestare  quello  che  ha  detto  prima  il  consigliere  Basso,  ma  io  non  ho  ricevuto  una  segnalazione  dalle  associazioni,  le  segnalazioni  le  ho  ricevute  dai  suoi  ex  colleghi  dirigenti  scolastici,  quindi  questo  la  dice  lunga  rispetto  al  significato  che  questi  progetti  avevano.  Aggiungo  un'ultima  cosa  rispetto  a  che  cosa  li  sostituisce,  a  conferma  di  quello  che  penso  io,  che  questa  è  un'azione  di  epurazione  rispetto  ad  alcune  associazioni,  cioè  sostituire  queste  realtà  territoriali  associative  di  volontariato,  perché  non  possiamo  pensare  che  i  progetti  speciali  fossero  fatti  solo  dall'Arcigay  o  dall'ANPI,  perché  c'erano  proloco,  c'erano  associazioni  culturali  di  altro  orientamento.  Le  sostituiamo  con  sole  collaborazioni  con  gli  enti  pubblici.  Io  non  so  quali  siano  gli  enti  pubblici  che  l'Assessore,  che  la  maggioranza  ha  in  testa,  ma  in  quelli  che  vengono  in  testa  a  me  ravvedo  sicuramente,  forse,  dei  contenuti  che  possono  essere  trasmessi,  ma  non  vedo  le  stesse  possibilità  anche  di  modalità  di  fornitura  di  questi  contenuti,  di  instaurazione  di  rapporto,  di  ideazione  di  attività  che  vengono  poi  proposte  a  dei  bambini  o  dei  ragazzi.  Questo  a  riprova  ulteriore,  insomma...  E  questa  è  una  cosa  che  anche  in  questo  caso  è  segnalata  da  insegnanti  e  da  dirigenti  scolastici.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliera  Da  Giau.  Bene,  apriamo  il  dibattito,  se  c'è  dibattito.  Relatori.  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Sì,  sì.  

PRESIDENTE.

Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

 a  tutti  e  tre.  

PRESIDENTE.

Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

No  a  tutti  e  tre.  

PRESIDENTE.

Giunta.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Come  il  Relatore  di  maggioranza.  

PRESIDENTE.

Essendo  tre  emendamenti  soppressivi,  votiamo  per  mantenere  l'articolo  23.  È  aperta  la  votazione.  Per  mantenere,  mantenere.  Bisogna  votare  "sì"  se  si  vuole  lasciare.  Spiego:  "sì"  per  lasciarlo  o  "no"  per  toglierlo.  La  votazione  è  chiusa.  L'Aula  vota  il  mantenimento.  Articolo  24.  Da  Giau,  24.1.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Sono  due  emendamenti.  Il  24.1  introduce...  No,  li  ho  messi  tutti  e  due  qua.  Allora,  ci  sono  due  variazioni  che  sono  proposte.  Una  è  l'inversione  nella  rubrica  dell'articolo  scrivendo  "Giorni  della  Memoria  e  del  Ricordo"  così  come  sono  citati  anche  dentro  l'articolato,  senza  nessuna  cosa  particolare,  ma  per  avere  un  criterio  che  in  questo  caso  è  sia,  diciamo,  cronologico,  di  calendario  per  come  avvengono,  per  momento  in  cui  sono  state  istituite  le  Giornate  e  semplicemente  per  questa  cosa  qua.  Il  secondo  emendamento  va  ad  integrare  quello  che  è  scritto  dentro  il  comma,  dove  si  dice  "al  fine  di  trasmettere  alle  nuove  generazioni  principi  e  valori"  e  siccome  i  principi  e  i  valori  non  sono  quelli  ad  essere  basati  sulla  memoria  storica,  abbiamo  semplicemente  declinato,  specificato  questi  principi  e  valori  aggiungendo,  quindi  la  frase  diventa  "principi  e  valori  di  uguaglianza,  libertà,  rispetto  della  dignità  delle  idee  e  dei  diritti  di  ciascun  essere  umano  attraverso  l'esercizio  della  memoria  storica".  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliera  Da  Giau.  Giacomelli,  24.2.  

GIACOMELLI.

È  in  corso  a  livello  nazionale,  in  molte  amministrazioni,  comprese  già  quelle  passate  in  alcune  amministrazioni,  come  nel  Comune  di  Udine,  una  campagna  per  modificare  la  dizione  "vittime  delle  foibe"  con  "martiri  delle  foibe".  Ci  sembra  decisamente  adeguata  e  quindi  intendiamo  far  aderire  anche  questa  parte  della  legge  a  questa  sacrosanta  campagna  nazionale.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Apriamo  il  dibattito.  Gabrovec.  

GABROVEC.

Il  dibattito?  

PRESIDENTE.

Sì.  

GABROVEC.

È  chiaro,  non  devo  dirlo  io  che  non  sono  quello  che  dovrebbe  fare  le  pulci  sull'etimologia  ovvero  sul  significato  delle  singole  parole,  ma  io  sono  andato  un  po'  a  vedermi  che  cosa  significa  "vittima"  e  che  cosa  significa  "martire"  e  immagino  che  chi  usava  il  termine  "vittima"  lo  faceva  sapendo  di  che  cosa  stesse  parlando...  ...  con  cognizione  di  causa.  Grazie.  Quando  andiamo  a  vedere  che  cosa  significa  "vittima"    mi  sono  stampato  dai  vocabolari  on-line    "vittima"  è  "chi  soccombe  all'altrui  inganno  e  prepotenza  subendo  una  sopraffazione  o  un  danno  o  venendo  comunque  perseguito  o  oppresso"  e  mi  sembra  sia  il  caso  delle  vittime  delle  foibe,  delle  vittime  della  guerra,  delle  vittime  di  ogni  tipo  di  persecuzione.  "Martire"  viene  definito  "chi  si  sacrifica  volontariamente,  con  piena  coscienza  delle  pene  o  dei  pericoli  a  cui  va  incontro,  per  un  motivo  religioso  o  alto  ideale  o  una  generosa  causa".  Beh,  io  credo  che    spero  almeno,  salvo  un  limitato  caso  di  persone    chi  finiva  nelle  foibe  non  lo  faceva  per  aver  deciso  quel  processo  e  quel  passaggio.  Succedeva  perché  era  vittima,  appunto,  di  un  sopruso,  di  una  violenza,  di  una  persecuzione.  Non  lo  faceva  decidendo  di  farlo,  non  era  il  caso  del  martire  cristiano  che  va  a  immolarsi  sulla  croce  perché  crede  nella  fede  e  nel  supremo  ideale.  Poi  fate  quello  che  volete  insomma,  ma...  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Gabrovec.  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Appunto,  su  questo  aspetto    ho  cinque  minuti,  vediamo  se  riesco  a  spiegare    io  sono  stato  il  sindaco,  il  primo  sindaco  di  Udine  dopo  la  liberazione,  che  ha  avuto  la  chiara  intenzione  di  dedicare  un'area  della  città,  in  particolare  un  parco    un  parco  che  prima  era  proprio  un'area  che  era  stata  bombardata,  quindi  devastata  dalla  guerra    alle  vittime  delle  foibe  e  scelsi  principalmente  questa  dizione  per  il  motivo  che  così  recita  la  legge.  Se  voi  andate  a  vedere,  la  legge,  quella  che  abbiamo  oggi,  quella  che  istituisce  la  Giornata  del  Ricordo,  parla  proprio  del  ricordo  delle  vittime  delle  foibe,  dunque  in  questo  senso  era  consequenziale  ed  era  corretto  e  in  questo  senso  io  ho  trovavo  la  piena  adesione  dell'Associazione  istriani  e  dalmati  che  mi  hanno  ringraziato  perché  era  da  sessant'anni  che  lo  chiedevano  e  nessuno  li  ascoltava.  Oggi  non  solo  quanto  dice  Gabrovec  è  perfettamente  corretto,  ma  chiamarli  "martiri  delle  foibe"  è  una  sorta  di  iper...  Chiaramente  c'è  un  errore,  un  traslato  che  è  errato  dal  punto  di  vista  grammaticale.  Ben  più  ragionevole  io  mi  permetterei  di  suggerire,  qualora  uno  volesse  usare  la  parola  "martiri",  capirei  la  proposta  non  di  "martiri  delle  foibe"  che,  come  è  stato  spiegato,  non  ha  particolare  senso,  bensì  di  "martiri  dell'italianità".  Appunto,  mi  aspettavo  semmai  un  emendamento  in  questo  senso,  allora  qui    che  avrebbe  una  giustificazione  perlomeno  logica.  Però  la  legge  parla,  appunto,  delle  vittime  perché  sono  vittime  in  primo  luogo,  queste  persone,  prima  ancora  di  essere  martiri,  soprattutto  perché  si  tende  ad  escludere  tutti  i  profughi.  Come  abbiamo  sentito  oggi,  la  vera  drammaticità  dell'evento  bellico  fu  proprio  la  profuganza,  questi  profughi.  Per  esempio  a  Udine,  e  immagino  anche  qui  a  Trieste,  su  Villa  Carsia  l'ho  conosciuto  anch'io,  ma  soltanto  a  Udine  ne  passarono  più  di  120  mila,  dunque  è  stato  un  fenomeno  che...  e  queste  sono  tutte  vittime  e  come  tali,  a  mio  avviso,  per  rispetto,  vanno  ricordate  perché  così  è  la  legge.  Altrimenti  uno  dovrebbe  dire  "martiri  dell'italianità",  ma  in  questo  senso  mi  immagino  che  nessuno  avrebbe  la  forza  di  enfatizzarlo.  Semmai  io  mi  sarei  aspettato  un  emendamento  in  questo  senso,  soprattutto  perché  così  almeno  sarebbe  carico  di  un  certo  tipo  di  significato,  più  o  meno  condivisile.  Ma  ritengo  che  sia  importante  non  alterare  il  nome  della  legge,  o  meglio,  l'intestazione  della  legge,  altrimenti  viene  meno  anche  tutto  l'intero  percorso,  la  giustificazione  di  questa  iniziativa,  la  condivisione  a  livello  proprio  di  riconciliazione  nazionale.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Giacomelli.  

GIACOMELLI.

Solo  per  partecipare  al  dibattito  con  il  professor  Honsell,  perché,  come  vede,  si  parla  delle  foibe  e  dell'esodo,  quindi  gli  esuli  non  vengono  esclusi.  Paradossalmente  la  norma  dice  "vittime  dell'esodo",  capirà  che  ci  sono  anche  le  vittime  dell'esodo.  Comunque,  come  le  dicevo,  è  una  campagna  nazionale  presente  anche  in  Parlamento,  con  l'assenso  dell'onorevole  Menia  che  è  l'estensore  materiale  del  primo  testo  di  legge.  Per  ciò  che  riguarda  l'etimologia  che  citava  il  consigliere  Gabrovec,  avrà  sentito  anche  oggi  proprio  come  l'essere  italiani...  Ecco,  martiri,  nella  dizione  che  si  usa  attualmente,  non  significa  solo  il  sacrificio  volontario.  Spesso  era  sacrificio  volontario  e  quindi  "martiri"  va  benissimo  per  gli  esuli.  Per  ciò  che  riguarda  invece  le  foibe,  si  usa  anche  per  chi  ha  sofferto  per  un  alto  valore  e  in  questo  caso  per  noi  essere  italiani  era  un  alto  valore,  come  avrà  sentito  stamattina.  Ah,  no!  Stamattina  non  ha  voluto  partecipare  e  non  era  presente.  

PRESIDENTE.

Bene,  grazie,  consigliere  Giacomelli.  Do  la  parola  ai  Relatori  sui  due  emendamenti  24.1  e  24.2.  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Allora,  il  24.1    e  il  24.2  no.  

PRESIDENTE.

Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

 al  mio.  E  l'altro  è  stato  ritirato?  

PRESIDENTE.

No,  no.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

E  no  al  secondo.  

PRESIDENTE.

Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

Chiediamo  la  votazione  per  parti  del  24.1:    la  prima  parte,  la  lettera  a);  no  la  lettera  b).    al  24.2.  

PRESIDENTE.

Giunta.  Giunta,  assessore  Rosolen!  Sta  telefonando?  Assessore!  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Scusate.  Come  il  Relatore  di  maggioranza.  

PRESIDENTE.

Bene,  allora  poniamo  in  votazione  per  parti  l'emendamento  24.1.  Allora,  poniamo  in  votazione  il  24.1,  lettera  a).  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Poniamo  in  votazione  il  24.1,  lettera  b).  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  Non  è  approvato.  Poniamo  in  votazione  il  24.2...  ...  per  appello  nominale.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Poniamo  in  votazione  l'articolo  24.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Passiamo  all'articolo  25.  C'è  un  emendamento,  il  25.1  Honsell.  Prego.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Purtroppo,  nella  velocità  dell'approvazione,  non  mi  è  riuscito  di  capire  perché  veniva  tolto  il  riferimento  a  questa  legge  regionale,  allora  ho  fatto  l'emendamento,  ma  sono  pronto  a  ritirarlo  qualora  mi  si  spiegasse  che  la  cosa  è  sbagliata,  però  non  sono  riuscito,  mi  scuso.  Se  è  sbagliato  lo  ritiro,  ecco.  

PRESIDENTE.

Bene,  lasciamo  la  parola  all'Assessore.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

L'articolo  6  della  legge  regionale  8/2006  era  già  stato  soppresso  dalla  legge  13/2018,  quindi  dalla  legge  precedente,  quindi  non  può  fare  riferimento  a  un  articolo...  

PRESIDENTE.

Quindi  lo  ritira?  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Sì.  

PRESIDENTE.

È  ritirato,  bene.  Allora,  se  c'è  discussione  sull'articolo  25...  sennò  lo  poniamo  in  votazione.  Pongo  in  votazione  l'articolo  25.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Articolo  26.  Da  Giau,  26.1.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

È  l'articolo  che  introduce  l'intervento  che  sostituisce  i  progetti  speciali.  Chiediamo  l'abrogazione  per  quanto  spiegato  prima.  

PRESIDENTE.

Apriamo  la  discussione.  Relatori.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Sì.  

PRESIDENTE.

Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Favorevole.  

PRESIDENTE.

Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

No.  

PRESIDENTE.

Giunta.  Giunta,  no?  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Come  il  Relatore  di  maggioranza.  

PRESIDENTE.

Essendo  un  emendamento  soppressivo,  votiamo  il  mantenimento  dell'articolo  26.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva  il  mantenimento.  Articolo  27.  Moretuzzo,  27.1,  prego.  

MORETUZZO.

Il  27.1  è  il  primo  di  una  serie  di  emendamenti  legati  al  tema  del  tempo  pieno.  Come  dicevo  nella  discussione  generale  stamattina,  chiedevo  eventualmente  all'Assessore,  se  ha  la  pazienza  di  rispiegare,  come  le  scuole  a  tempo  pieno  non  vengono  toccate  da  queste  modifiche  e,  se  è  il  caso,  posso  ritirare  gli  emendamenti  perché  prendo  atto  delle  sue  indicazioni.  

PRESIDENTE.

Assessore.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Semplicemente  per    adesso  non  mi  metto  a  cercare  le  norme,  i  testi    semplicemente  per  quella  è  una  competenza  dell'Ufficio  scolastico  e  dello  Stato,  sulla  quale  noi  potremmo  intervenire  in  maniera  sussidiaria,  ma  preferiamo  intervenire  in  maniera  completare  sulla  parte  che  invece  possiamo  finanziare  direttamente  noi,  che  è  la  pre  e  la  post  accoglienza,  che  sono  i  momenti  che  le  scuole  ci  hanno  evidenziato  nei  quali  hanno  bisogno  di  interventi.  Sul  resto,  non  è  compito  e  competenza  nostra,  ma  semplicemente  dell'Ufficio  scolastico  regionale,  anche  definire  il  numero  di  scuole  a  tempo  pieno  e  a  tempo  prolungato,  gli  insegnanti  da  destinare,  quindi  non  è  competenza  nostra.  

PRESIDENTE.

Bene.  Consigliere  Moretuzzo.  

MORETUZZO.

Ringrazio  l'Assessore.  Allora  ritiriamo  gli  emendamenti  27.1,  28.1,  29.1  e  30.1  

HONSELL, Relatore di minoranza.

(fuori  microfono)  Io  li  faccio  miei.  

PRESIDENTE.

Va  bene.  Allora  sono  tutti  fatti  propri  dal  consigliere  Honsell.  Sul  27.1,  quindi,  apriamo  la  discussione.  Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Faccio  l'intervento  qua  visto  che  non  ho  emendamenti.  Io  premetto  che  comprendo  quello  che  è  stato  detto  dall'Assessore  e  ritengo  che  anche  l'intervento  sul  tempo  integrato  extrascolastico    intendendo  per  questo  tutte  quelle  iniziative  che  le  scuole  mettono  in  atto  per  rispondere  a  quella  che  è  la  rubrica  del  titolo,  cioè  l'apertura  delle  scuole  nel  pomeriggio    secondo  me  è  un'azione  molto  meritevole.  Ripeto,  capisco  quello  che  è  stato  detto  ed  è  vero  che  noi  non  possiamo  intervenire  sul  tempo  pieno,  nel  senso  che  quelle  sono  cose  che,  in  quanto  a  organico,  in  quanto  a  tutto,  sono  governate  da  Roma  e  non  da  qui.  Però  è  anche  vero  che  questa  previsione  che  c'era  qua  dentro  non  è  stata  impugnata,  quindi  rendeva  possibile  l'intervento  così  come  previsto  dalla  norma  e  quindi  potevamo  anche,  tra  virgolette,  osare.  Seconda  cosa.  È  vero  che  noi  interveniamo  con  questa  stessa  norma  in  altri  aspetti  come  il  sostegno  alle  scuole  per  i  dirigenti  scolastici  che  non  ci  sono  o  i  DSGA  che  non  ci  sono,  che  comunque  sarebbe  competenza  del  Ministero  attraverso  l'Ufficio  scolastico  regionale,  quindi  in  qualche  modo  vedo  una  contraddizione,  a  meno  che  non  stia  capendo  male  quello  che  mi  è  stato  detto.  Fatta  questa  premessa,  su  cui  vorrei  magari  che  il  dibattito  mi  desse  ulteriori  elementi,  io  vorrei  premurarmi,  diciamo,  del  fatto  che  comunque  non  si  tolgano  delle  possibilità,  in  quanto  beneficiarie,  anche  a  quelle  scuole  che  magari,  oltre  ad  avere  quello  che  è  chiamato  "tempo  pieno"  o  "tempo  prolungato"  in  maniera  istituzionale,  da  norma,  fanno  ulteriori  attività  prima,  dopo  l'orario  scolastico,  prolungano  anche  l'orario  del  tempo  pieno  ulteriormente,  che  possano  essere  comunque  beneficiarie  di  questi  interventi.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliera  Da  Giau.  L'Assessore  vuole...?  No.  Santoro.  

SANTORO.

Io  volevo  sapere  questo:  siccome  questa  iniziativa  sul  sostegno  o  comunque  sull'accompagnamento  di  alcuni  progetti  di  tempo  pieno  era  nata  con  l'assessore  Molinaro...  Come?  Non  mi  ascolta  l'Assessore?  Sospendiamo...  

PRESIDENTE.

No,  andiamo  avanti...  Sospendiamo  cinque  minuti.  Riprendiamo  la  seduta.  Prego,  consigliera  Santoro.  

SANTORO.

Io  volevo  chiedere  un  chiarimento  all'Assessore,  perché  ferma  restando  la  sua  specificazione  rispetto  al  fatto  che  il  tempo  pieno  sia  di  competenza  dello  Stato  e  il  tempo  prolungato  invece  è  una  prerogativa  regionale,  ricordo  che  alla  fine  della  penultima  Legislatura,  quindi  con  l'assessore  Molinaro,  e  nell'ultima  ovviamente,  eravamo  riusciti  a  prevedere  che  nei  fondi  che  la  Regione  mette  per  il  potenziamento  dell'offerta  formativa  ci  fossero,  in  termini  di  punteggio  o  in  termini  di  fondi  dedicati,  dei  fondi  per  il  tempo  pieno,  allora  la  domanda  è  questa:  i  tempi  pieni  che  venivano  accompagnati  dalla  Regione  che  fine  fanno  con  questa  norma?  Viene  tagliato  questo  accompagnamento  o  no?  Ovviamente  stiamo  parlando  di  potenziamento  dell'offerta  formativa  e  di  punteggi  o  fondi  dedicati  per  il  tempo  pieno.  La  cosa  che  vorremmo  capire  è  questa,  nel  senso  che,  ferma  restando  la  lettura  dell'articolo,  data  la  sua  lettura,  significa  che  la  Regione  finanzia,  per  l'apertura  delle  scuole  al  pomeriggio,  le  attività  per  il  tempo  prolungato,  e  d'accordo,  va  bene,  ho  capito,  ma  che  ne  è  di  alcune  storiche  realtà  che  sostanzialmente  venivano  accompagnate    esistenti    venivano  accompagnate  in  questo  modo  dalla  Regione?  Perché  credo  che  dobbiamo  essere  chiari  rispetto  ad  alcune  realtà  esistenti  nel  dire  se  continueranno  a  poter  prevedere  questo  supporto  regionale  ovvero  se  per  il  tempo  pieno  non  c'è  spazio  in  questa  legge,  soprattutto  per  quanto  riguarda  la  scuola  primaria,  perché  sembra,  appunto,  che  venga  esclusa  da  questo  passaggio.  Credo  che  questo  sia  un  punto  importante  per  il  coordinamento  delle  modifiche  che  in  questa  legge  vengono  introdotte  nel  testo  specifico,  ma  soprattutto  che  sia  un  elemento  di  chiarezza  che  ci  permette  di  dire  ai  nostri  sindaci,  ai  sindaci  della  regione,  se  le  loro  scuole  avranno  ancora  accanto  la  Regione  oppure  no.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliera  Santoro.  Se  non  ci  sono  altri  iscritti  a  parlare...  Honsell  di  nuovo...  Mi  sembra  che  hai  già  parlato,  no?  Sì,  sì.  Prego,  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Grazie,  Presidente.  Ricordo  che  nel  momento  dell'audizione  non  c'era  nemmeno  piena  condivisione  da  parte  dei  soggetti  operatori  su  che  cosa  si  intendeva  con  il  tempo  di  progetti,  penso  che  quindi  un  minimo  di  approfondimento  andrebbe  fatto.  Qui  mi  rendo  conto  che  tutti  hanno  ragione...  Stiamo  parlando  di?  Tempo  pieno,  sì.    sì,    sì;  ho  detto  la  parola  "progetto",  mi  scuso,  sì.  Quando  abbiamo  ascoltato  le  audizioni,  gli  stessi  auditi  avevano  interpretazioni  diverse  su  che  cosa  fosse  il  tempo  pieno  e  il  tempo  prolungato.  Io  avrei  approfondito.  Se  adesso  è  nata,  poi,  anche  questa  nuova  dicitura  del  "tempo  extrascolastico  integrato"  o  qualche  cosa  di  questo  genere,  e  con  questo  si  intende  essenzialmente  quella  forma  di  pre  accoglienza  e  di  post  accoglienza  che  veniva  comunque  erogata,  una  sorta,  diciamo,  di  baby  parking  a  livello  un  pochino  più  alto  nelle  scuole,  che  già  si  faceva  nei  comuni  per  rispondere  a  determinate  esigenze,  mi  sembra  un  pochino  riduttivo  ed  è  per  quello  che  io  ho  fatto  miei  questi  emendamenti,  perché  credo  che  comunque  esperienze  che  sono  state...  Bisognava  approfondire  in  che  misura  la  Regione  avesse  un  ruolo  in  queste  esperienze,  forse  andava  approfondito.  Tra  l'altro  noi  abbiamo,  negli  ultimi  dieci  anni,  visto  scomparire  da  scuola  il  sabato.  Un  tempo  c'era,  poi,  con  le  modifiche  Gelmini,  Monti  e  compagnia,  addirittura  adesso  le  scuole  sono  chiuse  di  sabato.  Francamente  mi  sembra  che  se  si  ritiene  così  secondario  il  ruolo  che  può  avere  la  Regione,  se  non  dire  "beh,  quelle  sono  decisioni  statali,  noi  ci  limitiamo  a  creare  la  possibilità  di  parcheggiare  i  bambini  prima  di  andare  al  lavoro  e  di  venirli  a  riprendere  dopo",  penso  che  forse  perdiamo  una  progettualità.  La  reazione  che  io  ho  visto  a  queste  proposte  in  audizione  mi  fa...  Non  li  ho  fatti  io  direttamente  gli  emendamenti,  però  il  fatto  che  qualcuno  li  abbia  già  fatti  vuol  dire  che  la  mia  preoccupazione  era  comunque  condivisa  e  pertanto  li  ho  fatti  miei.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Honsell.  Non  ci  sono  altri  iscritti...  Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

Non  voglio,  caro  professore,  rischiare  di  fare  il  primo  della  classe,  volevo  solo  fare  una  riflessione  per  poi  chiudere  con  una  nota  politica  sull'argomento.  Intanto  nelle  scuole,  professor  Honsell,  non  si  fa  baby  parking,  non  si  fa  baby  sitting.  Quello  eventualmente  è  demandato  e  affidato  ad  altri  soggetti,  ad  altre  associazioni.  Fortunatamente  la  scuola  si  occupa  di  altro.  Capisco  anche  che  la  divaricazione  tra  tempo  pieno,  tempo  prolungato,  tempo  misto,  tempo  integrato  possa  essere  una  cosa  complicata,  però  ha  un  senso  e  mi  sia  permesso  di  dirlo  anche  tracciandolo  all'interno  di  un  percorso  storico  degli  ultimi  anni.  Il  tempo  pieno  è  il  modello  delle  40  ore  settimanali,  nato  nel  1977,  1978.  Il  tempo  prolungato  è  quello  della  scuola  media.  Poi  cosa  è  accaduto?  Che  nella  scuola  primaria,  a  seguito,  prima,  di  alcune  mosse  regolamentari  e  anche,  come  bene  ha  detto  in  questo  caso,  del  periodo  Monti,  comunque  del  periodo  in  cui  c'è  stata  una  contrazione  degli  organici,  sono  poi  stati  sistemati  questi  organici  da  alcuni  regolamenti  e  il  tempo  scuola  è  stato  ricondotto  a  modelli  di  27,  30  ore  in  caso  di  disponibilità  di  organico,  e  le  40  ore.  Cosa  è  accaduto  poi?  Soprattutto  nei  paesi  più  piccoli,  le  famiglie  si  sono  ritrovate  con  una  proposta  scolastica  che  non  era  di  tempo  pieno,  o  perché  non  scelto  dalle  famiglie,  o  perché  al  tempo  non  concesso  dall'amministrazione  scolastica  in  quanto  c'era  una  norma  del  decreto-legge  95/2012  che  prevedeva  la  non  istituzione  di  nuove  classi  a  tempo  pieno,  laddove  non  vi  fossero,  per  il  raggiungimento  dell'obiettivo  del  contenimento  della  spesa,  e  per  la  quale  va  detto  che  la  politica  non  poteva  fare  nulla,  neanche  la  politica  che  amministrava  a  quel  tempo,  perché  nel  contempo  era  stata  inserita  una  clausola  nel  decreto-legge  133  (la  Finanziaria  famosa,  quella  che  ha  stangato  tutti)  che  metteva  tutti  i  dirigenti  dello  Stato,  da  quelli  scolastici  a  quelli  dell'Ufficio  scolastico,  quali  corresponsabili  del  raggiungimento  degli  obiettivi  di  mantenimento  della  spesa,  pertanto  nessuno  dirigente  nella  pubblica  amministrazione  avrebbe  mai  messo  una  firma  su  un  provvedimento  che  aumentava  di  1  ora  il  tempo  scuola  perché  altrimenti  ne  avrebbe  risposto  dinnanzi  alla  Corte  dei  Conti.  Gli  enti  locali,  insieme  alle  famiglie,  hanno,  in  queste  situazioni,  in  alcuni  casi,  promosso  delle  esperienze  per  fare  in  modo  che  i  bambini  potessero  rimanere  a  scuola  per  pomeriggi  aggiuntivi  rispetto  a  quelli  erogati  dal  servizio  scolastico  e,  in  alcuni  casi,  con  delle  realtà  anche  virtuose,  perché  l'intervento  del  privato  piuttosto  che  la  collaborazione  con  le  famiglie  non  sempre  ha  dato  esperienze...  ha  dato,  in  alcuni  casi,  delle  esperienze  interessanti.  So  di  scuole  che  allungavano  di  un  pomeriggio  per  permettere  l'attività  di  nuoto,  oppure  facevano  la  pittura,  oppure  facevano  il  recupero  di  matematica  alle  medie  e  delle  attività  di  lingua  straniera,  qualsiasi  cosa  a  questo  mondo.  Queste  sono  tutte  le  esperienze  integrate,  per  cui  nel  passato  probabilmente  c'è  stato  da  parte  della  Regione  un  intervento.  Non  mi  risulta,  però,  consigliera  Santoro,  che  ci  siano  stati    adesso  io  non  ho  memoria  di  questa  norma  e  pertanto  probabilmente  negli  ultimi  cinque  anni  è  venuta  meno  per  scelta  dell'amministrazione  precedente    non  mi  risulta  vi  siano  stati,  nei  cinque  anni  precedenti,  interventi  da  parte  della  Regione  per  il  sostegno  del  tempo  pieno  e  va  precisato  in  questa  sede  che  la  Regione  non  può    sostenere  il  tempo  pieno,    può  dare  ore  di  scuola  alla  scuola.  Non  lo  può  fare  per  competenza  perché  è  norma  nazionale  derivante  dai  DPR  81  e  89  del  2009.  Se  poi  è  stata  fatta  la  scelta  negli  ultimi  cinque  anni  di  non  dare  sostegno  anche  alle  esperienze  di  tempo  integrato,  questo  fa  parte  di  scelte  precedenti  e  l'Assessore  sicuramente  avrà  contezza  di  rispondere  in  tal  senso.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Basso.  Sono  finiti  gli  interventi.  Diamo  la  parola  all'assessore  Rosolen.  Prego,  Assessore.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Tutto  quello  che  è  inserito  all'interno  dei  piani  per  l'offerta  formativa,  e  quindi  la  possibilità,  forse,  di  sostegno  anche  di  questo,  rimane  perché  il  piano  per  l'offerta  formativa  è  rimasto  invariato.  Lei  invece  mi  ha  chiesto  un'altra  cosa.  Scusate  se  intervengo  a  completamento  di  quanto  sicuramente  meglio  di  me  ha  già  spiegato  il  consigliere  Basso.  Mi  avete  chiesto  per  quale  motivo  non  sosteniamo  il  tempo  pieno  e  il  tempo  prolungato.  Esattamente  per  quello  che  ha  detto  il  consigliere  Basso,  perché  sono  attività  scolastiche  curriculari  definite  all'interno  di  decreti  del  Presidente  della  Repubblica,  il  tempo  pieno  nell'89/2009  e  stessa  identica  cosa  dicasi  per  il  tempo  prolungato.  Quindi  sono  interventi  decisi  proprio  in  merito  al  tempo  scuola  dall'Ufficio  scolastico  regionale  sulla  base  delle  richieste  dei  genitori  e  sulla  deliberazione  del  corpo  docente.  Cosa  è  stato  finanziato  negli  anni?  È  stata  finanziata    mi  dicono  perché  ovviamente  io  non  c'ero    è  stata  finanziata  una  sperimentazione  del  Comune  di  Flaibano,  ma  che  sperimentazione  era...  Non  lo  so,  io  non  c'ero,  chiedo  scusa,  ho  chiesto  agli  uffici.  Quindi,  in  realtà,  di  tempo  scuola  è  stata  finanziata    correggetemi  se  sbaglio    solo  la  sperimentazione  nel  Comune  di  Flaibano...  Il  tempo  pieno,  sì,  la  sperimentazione  del  tempo  pieno  nel  Comune  di  Flaibano.  Per  quanto  mi  riguarda,  altro  non  è  stato  finanziato.  Chiedo  ovviamente  verifiche...  No,  credo  di  no  perché  l'istituzionalizzazione...  Mi  scusi,  consigliera  Santoro,  l'istituzionalizzazione  di  questo  tipo  di  sostegno  è  stata  fatta  con  la  legge  che  stiamo  andando  a  cambiare,  quindi  nel  2018,  non  è,  quindi,  stata  applicata.  La  mia  idea,  ma  l'ho  già  spiegata,  è  che,  in  un  percorso  di  sussidiarietà  con  lo  Stato,  dobbiamo  definire  dove  e  come  interviene  la  Regione  e  dove  e  come...  anzi,  dove  deve  intervenire  lo  Stato.  Se  questo  lo  definiamo,  dopodiché  nulla  vieta  che  possiamo  immaginare  dei  percorsi.  Certo  è  che  l'amministrazione  regionale,  ripeto,  come  ha  fatto  con  i  direttori  scolastici,  i  DSGA,  gli  insegnanti  di  sostegno,  non  può  essere  sostitutiva  di  compiti  che  hanno  l'Ufficio  scolastico  regionale  e  lo  Stato  nazionale.  Questa  è  una  mia  opinione.  Per  cui,  come  da  richiesta  delle  scuole  e  come  da  richiesta  di  molti  sindaci  del  territorio,  credo  che  sia  corretto  che  l'amministrazione  regionale  intervenga  nell'aiuto  di  percorsi  non  scolastici,  quindi  non  di  tempo  scuola,  ma  di  tempo  a  sostegno  della  scuola.  

PRESIDENTE.

Grazie,  assessore  Rosolen.  È  finita  la  discussione.  I  Relatori.  Siamo  sull'articolo  27.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Sono  già  intervenuta  prima,  ma  siccome  giustamente  l'Assessore  era  prima  occupata  a  parlare,  io  avevo  fatto  una  domanda  rispetto  a  un  fraintendimento  che  poteva  esserci,  facendo  anche  delle  premesse  che  concordavano  con  alcune  delle  cose  che  lei  ha  detto,  rispetto  al  fatto  se  questa  eliminazione  di  queste  parole  pregiudicava  il  fatto  che  poi  istituti  comprensivi  che  hanno  l'orario  a  tempo  pieno  o  a  tempo  prolungato  non  possano  alla  fine  accedere  a  questi  contributi  per  attività  che  magari  sono  fatte  per  consentire  l'adeguato  svolgimento  di  quel  tempo  pieno,  quindi  la  pausa  pranzo.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

(fuori  microfono)  No.  

PRESIDENTE.

Bene,  la  risposta  è  stata  esauriente,  allora  adesso  passiamo  alle  dichiarazioni  di  voto,  ai  pareri  da  parte  dei  Relatori  sull'emendamento  27.1  presentato  da  Moretuzzo  e  ritirato  e  fatto  proprio  da  Honsell.  Prego,  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Io  non  sono  ancora  soddisfatto  della  spiegazione  fornita.  Mi  si  sta  chiarendo  un  pochino  il  ragionamento,  ma  penso  che  questa  sia  proprio  l'evidenza  del  fatto  che  questa  operazione  è  stata  troppo  affrettata  e  quindi  lo  pongo  come  atto  politico,  comunque  lo  confermo.  

PRESIDENTE.

Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Astenuti.  

PRESIDENTE.

Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

Come  atto  politico,  no.  

PRESIDENTE.

Giunta.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Come  Basso.  

PRESIDENTE.

Benissimo.  Siccome  è  un  emendamento  soppressivo,  votiamo  il  mantenimento  dell'articolo  27.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'articolo  è  mantenuto.  Passiamo  all'articolo  28.  Anche  qui  c'è  un  emendamento  ritirato  da  Moretuzzo  e  fatto  proprio  da  Honsell.  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

(fuori  microfono)  

PRESIDENTE.

Stessa  motivazione.  Da  Giau,  il  28.2.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Aspetti  che  recupero...  Qui  siamo  alle  modifiche  all'articolo  41,  vero?  

PRESIDENTE.

Il  28  è  le  modifiche  al  41.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Sì.  Qui  quello  che  io  ho  fatto,  che  può  sembrare  banale,  è  che  dentro  il  comma  3  dell'articolo  41  della  legge  13  ho  inserito,  fra  le  cose  che  possono  essere  soggette  di  contribuzione,  anche  le  spese  di  pulizia,  nel  senso  di  assistenza  anche  per  quel  tipo  di  servizi.  Perché  questa  cosa  qui?  Perché  se  parliamo  di  attività  di  tempo  integrato  extrascolastico,  queste  non  sono  attività  che  sono  istituzionali  della  scuola  e,  come  tali,  servono  tutta  una  serie  di  risorse  per  garantire  quei  servizi.  Così  come  è  messo    per  l'assistenza,  gli  assistenti  scolastici,  i  bidelli,  le  pulizie    sono  per  l'attività  scolastica  e  non  per  altre  attività    almeno  a  me  risulta  così,  non  so  se  sbaglio    che  si  svolgano  in  tempo  non  scolastico.  Per  cui,  siccome  le  scuole  soffrono  già  della  carenza  di  risorse  per  queste  attività  nel  tempo  scolastico...  Perché  diverso  è  quando  una  scuola    i  propri  spazi  come  le  palestre,  attraverso  convenzioni,  a  società  sportive  che  si  impegnano  a  fare  le  pulizie,  altra  cosa  è  quando  è  la  scuola  stessa  a  fare  attività  che  però  sono  fuori  da  quello  che  è  l'orario  scolastico.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliera  Da  Giau.  Apriamo  la  discussione.  Se  non  c'è  discussione,  passiamo  al  parere  dei  Relatori.  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Sì.  

PRESIDENTE.

Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Sì.  

PRESIDENTE.

Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

No.  

PRESIDENTE.

Giunta.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Come  il  Relatore  di  maggioranza.  

PRESIDENTE.

Poniamo  in  votazione...  Allora,  votiamo  i  due  emendamenti.  Incominciamo  dal  votare  l'emendamento  28.1  presentato  da  Moretuzzo  e  ritirato  e  poi  fatto  proprio  dal  consigliere  Honsell.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  non  approva.  Passiamo  al  28.2,  Da  Giau.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  non  approva.  Votiamo  l'articolo  28.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Passiamo  all'articolo  29.  C'è  un  emendamento  di  Moretuzzo,  ritirato  e  fatto  proprio  da  Honsell  e  lo  diamo  per  espresso,  e  poi  c'è  un  emendamento  29.2  Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Questo  era  in  seconda  battuta,  diciamo,  rispetto  all'emendamento  dei  colleghi  Moretuzzo  e  Bidoli,  e  mirava  a  mantenere  questo  tavolo  che  originariamente  si  chiamava  "Tavolo  per  il  tempo  pieno".  Visto  che  poi  nell'articolo  che  abbiamo  votato  si  parla  di  "tempo  integrato  extrascolastico",  possiamo  pensare  di  rinominarlo,  però  mantenendo  questa  cosa.  Io  capisco  che  i  tavoli  proliferano  e  non  tutti  sono  efficaci,  però  ricordo  che  quando  abbiamo  scritto  questa  norma  un  anno  fa  l'intento  era  quello,  a  partire  proprio  della  sperimentazione  fatta  nel  Comune  di  Flaibano,  di  poter  favorire  l'estensione  di  quell'esperienza  e  poter  condividere  una  serie  di  buone  pratiche  e  di  difficoltà  in  quella  che  è  un'esigenza  fortemente  espressa  dalle  famiglie,  dal  territorio,  rispetto  al  prolungamento  del  tempo  di  permanenza  dei  ragazzi  nella  scuola,  e  proprio  per  evitare  che  diventi  una  mera  sorveglianza  di  bebysitteraggio,  l'organizzazione  di  questi  tempi  con  tutta  una  serie  di  attività,  mettendole  insieme  anche  con  le  difficoltà  di  tipo  legislativo  che  ci  sono  rispetto  all'impiegare  personale  della  scuola  nel  fare  queste  attività,  personale  ausiliario  nel  fare  queste  attività,  il  tavolo  aveva  anche  questa,  diciamo,  finalità  mutualistica  di  condivisione  per  poter  operare  al  meglio.  Allora  io  non  vedo  sinceramente,  non  vedo  come  le  modifiche  apportate  nell'articolo  precedente  determinino  la  non  necessità  di  questo  tavolo,  che  penso  sia  un'esigenza,  come  ripeto,  sentito.  Ci  sono,  sul  territorio  italiano,  in  atto  tutta  una  serie  di  esperienze  della  cosiddetta  "gestione  dei  beni  comuni"  dove  sono  i  genitori,  sono  le  associazioni  che  si  occupano  di  tenere  aperte  le  scuole  nel  pomeriggio.  Sono  esperienze  molto  interessanti  che  hanno  il  compito  proprio  anche  di  creare  comunità,  di  creare  relazioni  e  di  migliorare  la  sicurezza  del  vivere  nelle  nostre  città.  Penso  che  questa  occasione  di  scambio  vada  mantenuta.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliera  Da  Giau.  Apriamo  il  dibattito.  Non  c'è  dibattito.  Relatori.  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Sì.  

PRESIDENTE.

Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Sì.  

PRESIDENTE.

Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

No.  

PRESIDENTE.

Giunta.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Come  il  Relatore  di  maggioranza.  

PRESIDENTE.

Poniamo  in  votazione  l'emendamento  29.1  presentato  da  Moretuzzo,  Bidoli  e  ritirato  e  fatto  proprio  da  Honsell.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  non  approva.  Poniamo  in  votazione  il  29.2  Da  Giau.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  non  approva.  Poniamo  in  votazione  l'articolo  29.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Articolo  30.  C'era  un  emendamento  soppressivo  presentato  da  Moretuzzo  e  fatto  proprio  da  Honsell.  Lo  vuole  illustrare?  Diamolo  per  letto.  Apriamo  la  discussione.  Non  c'è  la  discussione.  Conficoni?  Ha  sbagliato,  quindi  i  Relatori.  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Sì.  

PRESIDENTE.

Da  Giau.  È  il  30.1,  quello  soppressivo.  Modifica  all'articolo  43.  Cosa  facciamo?  Da  Giau,  cosa  facciamo?  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Sì,  sì.  

PRESIDENTE.

Ah,  sì.  Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

No  alla  soppressione.  

PRESIDENTE.

Giunta.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Come  il  Relatore  di  maggioranza.  

PRESIDENTE.

In  questo  caso  votiamo  il  mantenimento  perché  è  l'unico  emendamento.  Poniamo  in  votazione  il  mantenimento  dell'articolo  30.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'articolo  è  mantenuto.  All'articolo  31  non  ci  sono  emendamenti.  Se  nessuno  si  iscrive  a  parlare,  porrei  in  votazione  l'articolo  31.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Passiamo  all'articolo  32.  C'è  un  emendamento  del  professor  Honsell.  Prego,  professore.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Di  nuovo  l'ho  fatto  perché  vengono  aggiunte  le  seguenti  parole:  "riguardanti  la  lingua  e  la  cultura  della  minoranza".  Se  uno  vuole  in  questo  caso  fornire  alle  scuole  di  insegnamento  sloveno  o  alle  scuole  bilingui  strumenti  aggiuntivi  proprio  per  compensare  la  condizione  in  qualche  modo  di  minoranza,  mi  sembra  che  fare  lo  sforzo  di  dire  "però,  mi  raccomando,  eh,  solamente  se  riguarda  la  lingua  e  la  cultura",  se  in  qualche  misura  potesse  riguardare  la  storia  o  altri  aspetti,  no,  deve  essere  solo...  ecco,  mi  sembra  che  sia  una  volontà  restrittiva  che  non  è  nello  spirito,  ribadisco,  di  una  legge  generale  sul  diritto  allo  studio.  

PRESIDENTE.

È  chiaro,  bene.  Apriamo  il  dibattito.  Non  c'è  dibattito.  Darei  la  parola  ai  Relatori  per  il  parere.  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Sì.  

PRESIDENTE.

Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Sì.  

PRESIDENTE.

Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

No.  

PRESIDENTE.

Giunta.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Come  il  Relatore  di  maggioranza.  

PRESIDENTE.

Bene,  allora  votiamo  il  mantenimento  dell'articolo  32.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Passiamo  all'articolo  33.  Non  ci  sono  emendamenti.  È  aperta  la  discussione.  Se  non  c'è  discussione,  porrei  in  votazione  l'articolo  33.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Articolo  34.  Da  Giau,  emendamento  34.1.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Questo  riguarda  la  data  rispetto  alla  quale  completare  quella  che  è  la  programmazione  dell'offerta  formativa  e  il  dimensionamento  della  rete  scolastica.  In  parte  la  programmazione  che  può  essere  pluriennale,  così  come  è  stato  inserito  in  Commissione,  può  risolvere  questo  problema,  che  è,  come  ho  già  detto  in  Commissione,  il  fatto  che  si  arriva  a  questo  dimensionamento  a  dicembre  e  da  più  dirigenti  scolastici  si  è  avuta  l'indicazione  rispetto  al  fatto  che  può  essere  tardivo  anche  per  le  attività  di  promozione  che  tutte  le  scuole  ormai  fanno  con  le  giornate  di  "scuola  aperta"  per  poter  presentare,  a  chi  è  interessato,  quella  che  è  l'offerta  delle  scuole.  L'Assessore  in  Commissione  mi  ha  già  detto  che  questa  cosa  potrebbe  essere  auspicabile,  ma  che  risulta  difficile  perché  sono  coinvolte  tante  cose.  Ma  visto  che  questo  tavolo  funzionale  al  dimensionamento  adesso  viene  anche  istituzionalizzato,  credo  che  possano  esserci  qui  dentro,  nell'articolo,  le  condizioni  per  cui  questa  cosa  possa  essere  anticipata  di  qualche  mese  in  maniera  tale  da  consentire  un'adeguata  programmazione,  perché  poi  le  iscrizioni  cominciano,  di  fatto,  a  gennaio.  Esprimo  anche  il  parere  rispetto  a  questo  intendimento  della  programmazione  che  sicuramente  va  nell'ottica  di  garantire  una  continuità  e  di  dare  meno  aleatorietà  a  quella  che  è  la  programmazione  dell'offerta  di  istruzione  nella  scuola.  Credo  che  anche  questa  previsione  rispetto  alla  pluriannualità  non  sia  facilissima,  nel  senso  che  se  è  vero  che  un  dato  demografico  è  dato  (sapendo  quanti  sono  i  nati  in  un  anno,  il  numero  di  chi  arriverà  a  scuola  più  o  meno  si  può  sapere),  l'andamento  delle  iscrizioni  invece  è  molto  più  variabile  nei  diversi  tipi  di  scuola  e  anche  quella  è  una  delle  componenti,  poi,  della  pianificazione.  In  ogni  caso  tutto  ciò  che  può  essere  sviluppato  per  arrivare  per  tempo  e  meglio  a  questa  programmazione  è  benvenuto.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliera  Da  Giau.  Apriamo  il  dibattito.  Non  c'è  dibattito.  La  parola  ai  Relatori.  Honsell  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Favorevole.  

PRESIDENTE.

Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Sì.  

PRESIDENTE.

Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

No.  

PRESIDENTE.

Giunta.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Come  il  Relatore  di  maggioranza.  

PRESIDENTE.

Poniamo  in  votazione  l'emendamento  34.1  a  firma  Da  Giau.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  non  approva.  Votiamo  l'articolo  34.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Articolo  35.  Non  ci  sono  emendamenti.  È  aperta  la  discussione.  Se  non  c'è  discussione,  poniamo  in  votazione  l'articolo  35.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Articolo  36.  Non  ci  sono  emendamenti.  Se  non  c'è  dibattito,  aprirei  la  votazione.  Apriamo  la  votazione  sull'articolo  36...  No,  è  un  articolo  quello,  è  un  articolo,  è  un  articolo,  lo  facciamo  dopo.  Calmi,  calmi,  votiamo  il  36.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Adesso  abbiamo  un  articolo  36  bis.1  che  è  un  articolo  abbastanza  estemporaneo  rispetto  alla  norma.  Riguarda  un  debito  fuori  bilancio  di  modesta  entità,  credo  che  sia  una  questione  tecnica.  Darei  la  parola  all'Assessore  per  l'illustrazione  e  poi  chiederei  all'Aula  di  essere  disponibile...  No,  ma  certo;  no,  su  questo...  se  l'Aula  non...  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

È  un  problema  meramente  tecnico  rispetto  a  una  piccola  fornitura  di  etichette  e  a  tempistiche  sulla  fornitura  stessa  e  sulla  documentazione  agli  atti  degli  uffici.  La  legittimità  del  debito  è  già  stata  a  suo  tempo  riconosciuta  nella  legge  regionale  20/2018,  ma  in  relazione  alla  tuttora  perdurante  impossibilità  di  rilascio  del  DURC  da  parte  dell'INPS-INAIL,  non  è  stato  adottato  per  tempo  il  necessario  provvedimento  di  impegno  della  spesa  e  quindi  si  ritiene  di  avviare  la  presente  procedura  per  il  nuovo  formale  riconoscimento  del  debito  a  carico  dell'esercizio  finanziario  2019.  

PRESIDENTE.

Bene,  allora,  anche  dall'illustrazione  emerge  che,  insomma,  non  c'è  una  conferibilità  rispetto  all'oggetto,  però  io  chiedo  all'Aula,  visto  che  è  un  debito  che  mette  in  difficoltà  un  dipendente,  credo,  visto  che  è  di  modesta  entità,  visto  che  comunque,  se  non  in  questa  legge,  nella  prossima  lo  inseriremo,  chiederei  all'Aula  di  fare  un  atto  di  responsabilità  per  poterlo  in  qualche  modo  accettare  e  votare.  Però  se  qualcuno  dell'Aula  eccepisce,  chiaramente  devo  dichiarare  che  è  inconferente.  Prego,  consigliere  Bolzonello.  

BOLZONELLO.

Grazie,  Presidente.  È  ovvio  che  è  no    perché  l'ho  detto  ieri,  l'ho  detto  in  maniera  molto  chiara  a  tutta  l'Aula    succederà  altre  mille  volte  sulla  conferenza  di  un  emendamento  eccetera  eccetera  eccetera  eccetera.  Capiamo  assolutamente  che  questa  è  una  sciocchezza,  è  giusto  farlo  passare.  A  parte  che  il  dipendente  non  ha  nessun  problema  se,  invece  che  adesso,  sarà  a  febbraio,  quindi  non  cambia  nulla  di  nulla  di  nulla.  Allora,  lo  facciamo  passare,  ma  lo  faccio  passare  per  un  motivo  molto  semplice:  che  non  passano  tutti  gli  altri.  Vi  avviso  per  l'ultima  volta.  Già  siete  stati  avvisati  la  volta  scorsa.  Questo,  va  bene  anche  questo  nonostante  ci  sia  qualcuno  che  dice  no,  qualcuno  che  dice    del  Gruppo,  eccetera  eccetera,  ma  non  c'è  problema.  Siete  avvisati,  è  l'ultima  volta.  Dopo  non  arrabbiatevi.  Sollevatevi,  arrabbiatevi,  fate  quello  che  volete,  ma  non  esiste,  non  passa,  ecco.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Bolzonello,  anche  per  la  disponibilità.  Allora,  se  siamo  tutti  d'accordo,  non  devo  esprimermi  sulla  conferibilità,  l'Aula  è  d'accordo,  quindi  lo  metto...  Do  la  parola  ai  Relatori  se  ci  sono  i  pareri.  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Ma  sì,  andiamo  avanti,  via!  

PRESIDENTE.

Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Astenuti.  

PRESIDENTE.

Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

Sì.  

PRESIDENTE.

Giunta.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Come  il  Relatore  di  maggioranza.  

PRESIDENTE.

Pongo  in  votazione  il  36  bis.1.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Passiamo  all'articolo  37.  Non  ci  sono  emendamenti.  Se  non  ci  sono  iscritti  a  parlare  sull'articolo,  procedo  con  la  votazione.  È  aperta  la  votazione  sull'articolo  37.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Passiamo  all'articolo  38.  C'è  un  emendamento  della  Giunta.  Prego.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

È  un  emendamento  tecnico  per  la  correzione  di  un  refuso  rispetto  alla  lettera  citata  nella  norma.  

PRESIDENTE.

Bene.  È  aperta  la  discussione.  Se  non  c'è  discussione,  i  Relatori.  Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Sì.  

PRESIDENTE.

Da  Giau.  

DA GIAU, Relatrice di minoranza.

Sì.  

PRESIDENTE.

Basso.  

BASSO, Relatore di maggioranza.

Sì.  

PRESIDENTE.

Giunta.  

ROSOLEN, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia.

Sì.  

PRESIDENTE.

Poniamo  in  votazione  l'emendamento  38.1  presentato  dalla  Giunta.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Pongo  in  votazione  l'articolo  38.  È  aperta  la  votazione.  È  chiusa  la  votazione.  L'Aula  approva.  Articolo  39.  C'è  un  emendamento  Camber  e  altri.  Prego.  

CAMBER.

Grazie,  Presidente.  Nella  seduta  di  luglio  è  stato  fatto  propria  dalla  Giunta  un  Ordine  del  giorno    il  n.  21,  il  25  luglio    per  quanto  riguarda  il  settore  dell'insegnamento  scolastico  statale.  Oggi  abbiamo  un  problema:  i  precari  nell'ambito  della  scuola  (il  personale  docente,  educativo,  amministrativo,  tecnico  e  ausiliario)  hanno  un  tetto  massimo  di  supplenze  di  36  mesi,  dopo  36  mesi  non  possono  più  venire  chiamati.  Il  Governo  invece  ha  legiferato  che  nel  settore  della  scuola  questo  tetto  non  c'è  nelle  scuole  statali,  dimenticando  che  però    in  particolare  posso  parlare  della  provincia  di  Trieste    abbiamo  anche  le  scuole  comunali  (tipo  le  scuole  materne  o  gli  asili  nido;  sono  del  Comune  al  70  per  cento  le  scuole  materne,  al  100  per  cento  i  nidi).  Anche  a  livello  parlamentare  è  stato  fatto  un  ordine  del  giorno  alla  Camera  il  2  agosto,  con  il  parere  del  Governo  favorevole  da  parte  di  Crippa  Davide,  il  Sottosegretario  di  Stato,  il  quale  prende  atto  che  è  necessario  equiparare  il  personale  comunale  della  scuola  pubblica  a  quello  statale  e  quindi  togliere  il  blocco  dei  36  mesi  oltre  i  quali  il  precariato  non  può  sussistere.  Sappiamo  che  la  norma  non  è  sicuramente  evidente,  però  in  questa  norma  transitoria  che  noi  portiamo  cerchiamo  di  equiparare  le  istituzioni  scolastiche  educative  statali  a  quelle  comunali.  È  chiaramente  un  emendamento  che  non  comporta  maggiori  oneri  o  nuove  spese  per  la  Regione.  È  soltanto  una  possibilità,  per  i  comuni  che  hanno  questo  tipo  di  personale,  di  poterlo  utilizzare  e  non  gettare  al  vento  delle  professionalità  che  dopo  tre  anni  di  lavoro  si  ritrovano  veramente  senza  la  possibilità  di  poter  continuare.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Camber.  Giacomelli.  

GIACOMELLI.

Le  persone  delle  istituzioni  educative  comunali  del  Comune  di  Trieste...  perché  è  chiaro  che  il  Governo  aveva  pensato,  dicendo"  statali",  fondamentalmente  alla  questione  pubblico-privato  perché  evidentemente  non  sapeva,  come  non  sa  nessuno  fuori  Trieste    tranne  qualcuno,  spero,  anche  in  quest'Aula    se  non  è  di  Trieste,  che  per  l'appunto  esistono  istituzioni  educative  comunali  nel  Comune  di  Trieste.  Abbiamo  visto  che  l'orientamento  politico  va  bene  sia  qui  che  nel  Parlamento,  sui  banchi  del  Governo.  Voglio  ricordare  che  queste  persone  si  trovano  in  un  limbo  perché  le  persone  che  si  trovano  oltre  i  25  mesi  di  precariato  non  possono  essere  assunte  neanche  come  precari  con  questa  norma,  perché  altrimenti  rischierebbero  di  maturare  i  36  mesi.  Contemporaneamente,  chi  è  tra  i  25  e  i  36  mesi  non  ha  abbastanza  mesi  per  essere  stabilizzato,  ma  ha  troppi  mesi  per  lavorare  come  precario.  Pertanto  questa  è  una  norma  di  profonda  equità  e  che  toglie  dall'imbarazzo  gli  enti  locali  che  si  ritrovano  con  delle  persone  in  un  limbo  che  le  costringe  alla  disoccupazione  permanente.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Giacomelli.  Apriamo  la  discussione.  Se  non  c'è  discussione,  credo  che  l'Assessore  su  questo  punto  debba  dire  qualcosa?  No.  Prego,  Moretti.  

MORETTI.

La  norma  mi  pare  chiara  rispetto  all'illustrazione  che  ha  fatto  il  collega  Camber.  Volevo  capire  se  rispetto  alla  legge  in  approvazione  l'emendamento  è  conferente.  

PRESIDENTE.

No.  

MORETTI.

Non  è  conferente?  Beh,  potevamo  saperlo  prima,  Presidente,  perché  almeno...  

PRESIDENTE.

Non  è  conferente  perché  non  parla  di  diritto  allo  studio,  perché  la  legge  è  incentrata  sul  diritto  allo  studio  e  in  questo  caso...  personale  ATA  e  diritto  allo  studio,  insomma...  E  c'è  anche  qualche  dubbio  di  legittimità.  A  meno  che  l'Aula,  che  è  sovrana,  non  dica  di  procedere  all'unanimità,  questo  dico.  Cioè,  se  mi  fate  la  domanda  tecnica,  la  risposta  alla  domanda  tecnica  è  questa;  poi...  Quindi,  se  l'Aula  all'unanimità  dice  di  procedere,  io  la  metto  ai  voti;  se  qualcuno  solleva  qualche  problema...  Prego,  chi  ha  chiesto  di  intervenire?  Santoro.  

SANTORO.

Capisco  che  le  consuetudini  non  fanno  norma.  O  fanno  norma?  Non  mi  ricordo  com'è...  Ma  adesso  non  c'è  l'ex  Presidente  Iacop.  Ci  aveva  abituato  al  fatto  che  all'inizio  della  seduta  di  discussione  di  una  legge,  veniva  fatto  l'elenco  degli  emendamenti  che...  Non  solo,  non  solo.  Che  si  ritenevano  o  meno  ammissibili.  Credo  che  questa  sia  una  cosa  di  buona  prassi  che  mi  sembra  opportuno  richiamare  perché  è  evidente  che  l'inammissibilità  di  un  emendamento  ha  necessaria  valutazione  di  opportunità  o  meno  di  trasgredire  la  legge.  Voglio  dire,  il  Consiglio  deve  essere  messo  in  grado  di  formulare  un  parere  e  questo  può  essere  fatto  se  la  non  compatibilità  dell'emendamento  viene  decretata  all'inizio  della  seduta  e  non  nel  momento  in  cui  ci  si  arriva.  Ripeto,  non  è  scritto  da  nessuna  parte,  ma  credo  che  adesso,  due  emendamenti,  uno  dietro  l'altro,  sui  quali  decidere  se  ci  va  bene  di  tenerli  dentro  oppure  no,  mi  sembra  un  po'  non  mettere  il  Consiglio  nelle  condizioni  di  votare,  se  non  metterlo  di  fronte  al  fatto  compiuto.  

PRESIDENTE.

Io  non  c'ero  le  volte  precedenti  e  gli  uffici  mi  dicono  che  questa  era  la  prassi  per  la  finanziaria,  non  per  tutte  le  norme.  Ma  comunque  l'importante  è  che  su  questo  ci  capiamo.  Giacomelli.  Si  potrebbe  anche  trasformare  in  Ordine  del  giorno  eventualmente.  

GIACOMELLI.

No,  grazie,  perché  l'Ordine  del  giorno  è  già  passato.  Però  volevo  far  presente  che  la  legge  regionale  13/2018,  come  modificata  dal  disegno  di  legge  n.  37,  ha  come  norma  transitoria    e  infatti  qua  viene  aggiunto  come  norma  transitoria    ha,  in  considerazione  dell'urgenza  di  garantire  la  piena  operatività    e  qui  parliamo  comunque  di  operatività  di  istituzioni  scolastiche  visto  che  trattiamo  di  personale    una  serie  di  norme  per  i  direttori  dei  servizi  generali  e  amministrativi  di  scuole  in  carenza  e  simili.  Quindi  la  norma  transitoria  attualmente  in  essere  senza  l'emendamento  parla  di  questioni  di  personale  e  di  carenza  di  personale.  Questa  è  una  norma  che  va  ad  incidere  su  una  carenza  di  personale,  infatti  il  personale  precario  viene  assunto  in  sostituzione  degli  insegnamenti  assenti.  Pertanto,  trattandosi  sempre  di  questione  che  riguarda  la  carenza  di  personale,  la  sostituzione  di  personale,  è  secondo  me  assolutamente  conferente,  e  lo  dico  da  un  punto  di  vista  della  norma  transitoria  attualmente  in  essere.  Sennò  cominciamo  a  dire  che  se  una  norma  transitoria  parla  di  carenza  di  personale  direttivo,  è  inconferente  parlare  di  carenza  di  personale  operante.  Mi  sembrerebbe  un'interpretazione  restrittiva  che  io  non  condivido.  

PRESIDENTE.

Allora,  guardate,  c'è  una  situazione  abbastanza,  diciamo  così,  al  limite.  Sospendo  cinque  minuti  l'Aula  e  verifichiamo  perché  c'è  anche  un  problema  di  riferimento...  Ho  capito,  ma  dobbiamo  approfondire;  sospendiamo  per  cinque  minuti  e  approfondiamo  la  situazione.  È  sospesa  la  seduta...  Aspetta,  aspetta.  Camber,  Camber!  Prego,  Moretti.  

MORETTI.

Una  domanda  per  capire,  avendo  niente  in  contrario  al  tema,  niente,  che  sia  chiaro  questo,  soprattutto  al  collega  che  ha  parlato  prima,  perché  poi  qua  ci  inventiamo  anche  le  cose,  se  il  tema  è  conferente  rispetto  alla  norma.  Siccome  ieri  e  qualche  seduta  fa  la  maggioranza  ha  indotto  la  Presidenza  a  interpretare  emendamenti  su  un  certo  indirizzo  e  ieri,  sui  Vigili  del  fuoco,  non  era  conferente,  tant'è  che  tutto  andrà  al  26,  portate  anche  questa  al  26,  se  non  è  un  problema,  se  non  è  un  problema!  Ma  non  c'è  nulla  in  contrario  rispetto  al  tema,  che  sia  chiaro,  perché  anche  in  passato,  nella  precedente  Legislatura,  tutti  i  problemi  legati  a  quella  particolarità,  che  era  legata  al  personale  educativo  e  al  Comune  di  Trieste,  è  sempre  stata  passata,  è  sempre  stata  affrontata.  

PRESIDENTE.

Rispetto  alla  sua  domanda,  consigliere  Moretti,  in  prima  valutazione  la  Presidenza  ritiene  che  non  sia  conferente  e  ti  ha  risposto.  Detto  questo,  come  è  successo  per  l'emendamento  precedente,  ancorché  non  conferente,  se  l'Aula  è  d'accordo,  ho  detto  che  lo  pongo  in  votazione.  Siccome  mi  sembrava  che  non  ci  fosse  unanimità...  Ah,  avevi  chiesto...?  Allora  scusami.  Camber,  possiamo  dare  la  parola  a  Bolzonello?  No,  verifichiamo.  Tu  tagli  la  testa  al  toro.  Prego,  Bolzonello.  

BOLZONELLO.

Risparmio  la  prima  parte  dell'intervento,  che  è  esattamente  come  quella  di  prima,  cioè:  basta,  ve  l'avevo  detto,  ascoltate  uno  che,  insomma,  qualcosa  capisce,  nel  senso  di  tempo,  e  che  quindi  alcuni  passaggi  li  ha  fatti.  Al  netto  della  prima  parte,  c'è  la  seconda  parte:  c'è  un  qualcosa  che  crea  un  problema  per  i  dipendenti  degli  asili  di  Trieste?  Se  il  problema  è  immediato,  se  la  risposta  è  sì,  allora  siamo  qui  a  farcene  carico  come  sempre.  Se  non  è  sì,  se  va  nell'"omnibus"  di  febbraio  non  cambia  niente,  tutto  qua.  Quindi,  con  coscienza  piena,  se  c'è  un  problema  che  riguarda  i  dipendenti  degli  asili  di  Trieste  che  hanno  immediatamente  un  problema,  di  fronte  a  un'esigenza  dei  lavoratori,  siamo  qui  a  dare  una  mano  anche  se  non  è  conferente.  Se  non  c'è  un  problema  e  quindi  se  arriviamo  al  20  di  febbraio  non  cambia  niente,  al  20  di  febbraio  facciamo  questa  cosa  nell'"omnibus"  così  non  creiamo  un  altro  caso  eccetera  eccetera.  Tutto  qua,  in  maniera  semplice  e  senza  far  casini.  

PRESIDENTE.

Mi  sembra  che  abbiamo  esplicitato,  allora  chiedo  al  primo  firmatario  se  c'è  questa  urgenza.  Mi  sembra  che,  nonostante  sia  inconferente,  possiamo  procedere  all'unanimità  alla  votazione  dell'emendamento.  Se  invece  non  c'è  questa  urgenza,  si  chiede  se  c'è  la  possibilità  di  portarlo  all'"omnibus"  di  fine  febbraio.  Prego,  a  lei  la  decisione.  

CAMBER.

Il  problema  sussiste  perché  ci  sono  persone  che  non  possono  lavorare  pur  essendoci  oggi  dei  posti  liberi  e  quindi  perdono  la  chiamata  e  bisogna  riempire  i  posti.  In  questo  momento  direi  che  sono  sette  o  otto  i  posti  disponibili,  per  cui  si  va  a  chiamare  altri  che  hanno  meno  titoli  e  sette  o  otto  persone  con  famiglia  restano  a  casa.  Aggiungo  che  non  potevamo  trasformarlo  in  Ordine  del  giorno  perché  l'Ordine  del  giorno  del  21,  firmato  da  Giacomelli,  Camber,  Ussai,  Russo,  Piccin,  Ghersinich  e  Slokar,  la  Giunta  l'ha  già  fatto  proprio,  quindi  non  è  che  andiamo  a  reiterare  la  richiesta.  Noi  lo  riteniamo  urgente  e  chiediamo  cortesemente  all'Aula  di  poterlo  porre  in  votazione.  

PRESIDENTE.

Honsell.  

HONSELL, Relatore di minoranza.

Io  volevo  dire  che  poiché  avevo  già  vissuto  da  sindaco  queste  cose  in  settori  diversi,  per  esempio  quello  degli  assistenti  sociali  o  degli  educatori  negli  asili  nido,  penso  che  se  si  pone  il  problema,  ci  sia  comunque  un'urgenza.  E  comunque  c'è  una  condizione  di  qualità  della  vita  delle  persone  che  altrimenti  possono  fare  altre  scelte  di  vita.  Quindi,  se  possiamo  dargli  una  certezza,  io  penso  che  sia  importante  decidere  rapidamente  per  queste  persone,  perché  altrimenti  a  tenerle  sulla  graticola  non  ci  guadagniamo.  Quindi  io  inviterei  tutti  a  votare.  Andiamo  avanti  che,  insomma,  non  cambia  nulla,  anzi.  

PRESIDENTE.

Bolzonello.  

BOLZONELLO.

Io  rimango  un  po'  stupito  per  alcune  cose,  anche  appena  dette  dal  collega  Camber,  nel  senso  che  se  c'era  questo  Ordine  del  giorno  approvato,  che  alla  Giunta  andava  bene  eccetera  eccetera,  poteva  essere  inserito  in  modo  diverso,  con  alcuni  passaggi,  mettendolo  anche  nel  titolo  del  disegno  di  legge.  Invece  probabilmente  l'Assessorato  non  ha  ritenuto  che  ci  fosse  tutta  questa  urgenza  eccetera  eccetera,  perché  diversamente  l'avrebbe  messo  e  sarebbe  stato  conferente  senza  nessun  tipo  di  problema,  quindi  mi  pare  che  ci  sia  un  cortocircuito.  Dopodiché  daremo  ovviamente...  Callari  cosa  ha  detto,  sì?  Se  dice  che  non  c'è  problema...  E  allora  lo  dica  subito,  non  mi  faccia  parlare,  nel  senso  che...  ci  dice  che  è  no  o  ci  dice  che  è  sì.  

PRESIDENTE.

L'Assessore  alla  funzione  pubblica,  che  purtroppo  non  è  qui,  ma  è  stato  messo  al  corrente,  dice  che  comunque,  per  questioni  di  competenza,  c'è  il  rischio  che  possa  essere  impugnato  in  quanto  interviene  su  una  norma  statale.  

BOLZONELLO.

E  quindi  non  dobbiamo  metterlo.  E  allora  che  cosa...?  Smetto  subito  di  parlare.  

PRESIDENTE.

Questo  lo  dice  lui.  Però  c'è  il  rischio  che  possa  essere,  non  che  debba  essere.  Camber.  

CAMBER.

Chiedo  scusa,  chi  lo  dovrebbe  impugnare,  il  Governo?  Allora,  scusatemi,  a  questo  stesso  testo,  il  2  agosto  2018,  il  Governo  ha  dato  parere  favorevole,  il  2  agosto,  firmato:  "Parere  del  Governo,  Crippa  Davide,  Sottosegretario  di  Stato  allo  Sviluppo  economico".  

PRESIDENTE.

Sì,  ma  sulla  sua  legge,  non  su...  

CAMBER.

Su  questo,  su  questo,  sull'estensione...  

PRESIDENTE.

Ma  sì,  ma  sulla  legge  nazionale,  non  su  una  legge  regionale,  quindi  noi  andiamo...  

CAMBER.

Ma,  mi  scusi,  è  il  Governo  che  impugna.  Il  Governo  ha  dato  parere  favorevole,  per  cui  difficilmente  il  Governo  impugnerà  un  provvedimento  su  cui  si  è  già  espresso  in  maniera  favorevole.  Dopodiché  è  chiaro  che  ogni  nostro  provvedimento  potrebbe  potenzialmente  essere  impugnato,  qualsiasi  provvedimento,  o  meglio,  la  gran  parte.  Io  credo  che  non  è  che  dobbiamo  sempre  avere  paura  di  fare  quel  passo  in  avanti  in  più.  Lo  facciamo,  mal  che  vada  ci  casseranno  questa  norma.  

PRESIDENTE.

Mi  sembra  che  abbiamo  chiarito  oltre  ogni  ragionevole  dubbio  la  situazione,  io  la  torno  a  riassumere:  l'Assessore  alla  funzione  pubblica  ha  telefonato  segnalandomi  e  pregandomi  di  comunicare  all'Aula  che  ci  sono  degli  aspetti  di  dubbio  che  la  norma  sia  impugnabile;  la  valutazione  di  questa  Presidenza,  così  come  ho  detto,  è  che  non  c'è  una  conferenza  rispetto  al  disegno  di  legge,  ma  rimango  a  quello  che  ho  detto, &