Logo del Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Video Assemblea

Consiglio regionale - Seduta n. 55 di Martedì 26-02-2019

PRESIDENTE.

Bene,  grazie.  Dichiaro  aperta  la  cinquantacinquesima  seduta  del  Consiglio  regionale.  Informo  che  sono  a  disposizione  dei  Consiglieri  alcune  copie  del  processo  verbale  n.  53.  Qualora  non  vi  fossero  eccezioni  nel  corso  della  seduta  odierna,  il  verbale  sarà  considerato  approvato.  Comunico  che  per  la  seduta  antimeridiana  ha  chiesto  congedo  la  consigliera  Dal  Zovo.  Il  congedo  è  concesso.  Comunicazioni  ai  sensi  dell'articolo  56  del  Regolamento  interno.  Comunico  che  sono  pervenuti  alla  Presidenza:  un  disegno  di  legge,  tredici  interrogazioni  a  risposta  orale,  tre  interrogazioni  a  risposta  scritta,  diciotto  interrogazioni  a  risposta  immediata,  dieci  mozioni,  due  voti  al  Parlamento  e  al  Governo  della  Repubblica,  due  risposte  ad  interrogazioni  a  risposta  scritta,  il  ritiro  di  un'interrogazione  a  risposta  immediata,  la  comunicazione  di  non  impugnativa  di  una  legge  regionale,  l'evasione  in  Commissione  di  un'interrogazione  a  risposta  orale.  Le  suindicate  comunicazioni  sono  riportate  per  esteso  nel  fascicolo  distribuito  a  tutti  i  Consiglieri.  Sull'ordine  dei  lavori,  ha  chiesto  la  parola  la  consigliera  Piccin.  Ne  ha  facoltà.  

PICCIN.

Grazie,  Presidente.  Chiedo  la  parola  per  l'ordine  dei  lavori  per  chiedere  all'Aula  l'anticipazione  a  oggi  della  trattazione  del  progetto  di  legge  nazionale  sul  riconoscimento  della  fibromialgia.  Questo  è  motivato  dal  fatto  che  giovedì  l'Assessore  competente,  il  vicepresidente  Riccardi,  non  può  essere  presente  per  un  impegno  a  Roma  e  noi  avevamo  già  iscritto  all'ordine  del  giorno  questa  proposta  di  legge  alla  scorsa  sessione  e  chi  vi  parla  aveva  chiesto  di  posticiparla  a  causa  dell'assenza  per  malattia  della  collega  relatrice  Liguori.  Quindi  io  sarei  a  chiedere,  se  è  possibile,  se  non  ci  sono  contrarietà,  e  vista  poi,  tra  l'altro,  l'unanimità  che  aveva  contraddistinto  il  voto  in  Commissione  di  questo  provvedimento,  di  anticiparla  ad  oggi  subito  dopo  le  interrogazioni.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliera  Piccin.  Allora,  c'è  questa  richiesta  di  integrazione  dell'ordine  del  giorno  con  un  argomento  che  era  in  calendario  per  giovedì  28,  con  le  motivazioni  che  ha  detto  la  consigliera  Piccin.  Per  integrare  c'è  bisogno  dei  due  terzi  dell'Aula.  Io  chiedo  all'Aula  se  ci  sono  problemi  a  inserire  questo  argomento  subito  dopo  le  interrogazioni.  Se  siamo  d'accordo,  allora  è  approvato  l'inserimento,  subito  dopo  le  interrogazioni,  della  legge  sulla  fibromialgia.  Benissimo,  cominciamo  con  l'ordine  del  giorno,  con  le  "Interrogazioni  e  svolgimento  di  interpellanze".  Allora,  cari  colleghi,  siccome  è  irrituale  un  po',  mi  si  dice,  il  fatto  che  ci  siano  contemporaneamente  le  IRI  e  le  "Interrogazioni  e  svolgimento  di  interpellanze",  per  omogeneità  ed  economia  dei  tempi  farei  la  proposta  all'Aula  di  integrare  sullo  stesso  Assessore  sia  l'interrogazione,  in  modo  da  darle  risposta,  che  le  IRI,  in  modo  che  l'Assessore  possa  rispondere  sia  alle  interrogazioni  che  alle  IRI.  Se  cominciamo,  allora,  nell'ordine  dei  lavori  c'è  l'assessore  Bini,  quindi  darei  a  lui  la  parola  per  rispondere  all'interrogazione  orale  n.  43,  Sibau,  Di  Bert,  Morandini  e  Vaccher:  "Ripercussioni  della  fatturazione  elettronica  per  i  piccoli  artigiani  del  Friuli  Venezia  Giulia".  Prego,  chi  la  illustra?  Ah,  no,  risponde  l'Assessore  direttamente.  Prego  Assessore,  per  la  risposta.  

BINI, Assessore alle attività produttive.

Buongiorno  a  tutti.  Grazie,  Presidente.  Questa  interrogazione  porta  la  data  del  20.11.2018,  quindi  è  relativamente  datata,  comunque  è  stata  fatta  in  data  antecedente  all'entrata  in  vigore  della  normativa  che  è  il    gennaio  2019.  Beh,  che  dire?  Come  tutte  le  novità,  come  tutte  le  novelle,  anche  questa  ha  portato,  come  dire,  preoccupazione  in  una  fase  preliminare  all'applicazione,  da  parte  soprattutto  degli  artigiani,  da  parte  dei  piccoli  commercianti.  In  verità  la  stessa  ha  comportato,  di  fatto,  costi  per  queste  categorie,  se  non  fosse  altro  per  l'acquisizione  della  nuova  cassa,  se  non  fosse  altro  per  i  nuovi  rapporti  che  si  sono  dovuti  creare  con  i  commercialisti.  Però,  di  fatto,  io  ho  avuto  modo,  in  queste  settimane  di  applicazione,  di  un  po'  verificare  lo  stato  di  fatto  delle  cose.  Vi  do  qualche  dato.  Innanzitutto  solo  il  4,43  per  cento  degli  invii  non  è  andato  a  buon  fine,  il  che  significa  che  la  macchina  gira  abbastanza.  Dopo  una  prima  fase  di  difficoltà,  indubbia  e  anche  normale  difficoltà,  c'è  stato  un  adeguamento  abbastanza  rapido  anche  da  parte  dei  soggetti  passivi.  C'è  da  dire  una  cosa:  stanno  incominciando  ad  uscire  i  primi  studi  sull'applicazione,  sull'effetto  dell'applicazione  della  fatturazione  elettronica,  e  ciò  che  emerge  è  che  la  stessa  può,  di  fatto,  comportare  dei  risparmi  di  costo  per  le  categorie,  si  dice  da  un  minimo  di  3  euro  fino  a  un  massimo  di  8  euro  per  ogni  singola  operazione.  Questo  perché  c'è  meno  carta,  meno  tempo  per  il  commercialista,  per  l'archiviazione,  insomma  tutta  una  serie  di  fattori  che  dovrebbero  comportare  una  riduzione  di  costi.  Comunque  io  il  27,  cioè  domani,  avrò  un  incontro  con  tutte  le  categorie  economiche,  di  conseguenza  anche  con  artigiani,  il  piccolo  commercio  eccetera  eccetera,  e  avrò  modo  comunque  di  verificare  lo  stato  di  fatto  della  cosa,  come  si  trovano,  come  non  si  trovano,  se  ci  sono  delle  problematiche,  superabili  oppure  delle  gravi  problematiche  tali  da  doverci  impegnare  a  un  intervento  diretto.  Per  quanto  riguarda  il  Friuli  Venezia  Giulia,  vi  do  qualche  dato:  sono  state  emesse  2,4  milioni  di  fatture  elettroniche  inviate  da  45  mila  operatori  economici;  la  provincia  di  Udine  è  al  primo  posto  con  1,1  milioni  di  invii,  a  seguire  c'è  Trieste  con  607  mila,  Pordenone  con  554  mila  e  Gorizia,  ultima,  con  149  mila.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  assessore  Bini.  Do  la  parola  al  consigliere  Sibau.  Prego  Sibau.  

SIBAU.

Grazie,  Presidente.  Io  mi  ritengo  soddisfatto  della  risposta  dell'Assessore,  soprattutto  per  l'impegno  che  ci  ha  messo  e  per  l'impegno  di  incontrare  le  categorie  economiche.  Comunque  sta  di  fatto,  come  ha  già  detto  in  premessa  l'Assessore,  che  questa  nuova  procedura  di  fatturazione  comporta  dei  costi  per  l'artigiano.  Sono  costi  che  magari  sono  ininfluenti,  insignificanti  per  le  strutture  più  grosse,  ma  per  i  piccoli  artigiani  hanno  un  peso.  Quello  che  si  chiedeva  nell'interrogazione  chiaramente  era  cercare  una  soluzione  che  comportasse  costi  minori.  Magari  con  il  passare  del  tempo  si  verificherà  veramente  un  risparmio,  che  però  difficilmente  andrà  a  beneficio  dei  piccoli  artigiani.  Comunque  grazie  per  la  risposta.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Sibau.  Adesso  abbiamo  l'interrogazione  orale  di  Russo:  "Crisi  Principe  Trieste  -  Kipre  Holding  Spa".  Prego,  Assessore...  L'Assessore  risponde  e  dopo  il  Consigliere  dice  se  è  soddisfatto.  Questa  è  un'interrogazione  orale,  mi  si  dice  che  c'è  la  risposta  dell'Assessore  e  poi  la  replica  del  Consigliere  proponente.  Prego  Assessore.  

BINI, Assessore alle attività produttive.

Va  bene.  Allora,  per  quanto  riguarda  la  lettera  a),  comunico  che  in  data  19  febbraio  ho  avuto,  assieme  alla  collega  Rosolen,  proprio  un  incontro  con  tutti  gli  attori  protagonisti  delle  attività  economiche  sulla  piazza  di  Trieste,  convocando  non  solo  le  associazioni  di  categoria,  ma  anche  le  associazioni  sindacali  e  il  Sindaco  di  Trieste  e  l'Autorità  portuale  di  Trieste,  questo  per  fare  davvero  una  ricognizione  completa  sullo  stato  di  fatto  delle  crisi  che  stanno  colpendo  in  maniera  importante  soprattutto  la  piazza  di  Trieste.  Bisogna  dire  una  cosa:  la  genesi  delle  stesse  è  diversa,  ci  sono  davvero  fattori  diversi,  taluni  di  natura  proprio  finanziaria,  taluni  di  natura  produttiva,  altri  di  natura,  tra  virgolette,  regolamentare  (mi  riferisco  soprattutto  alla  Jindal).  Quello  che  è  emerso  da  questo  tavolo  è  un  quadro  sicuramente  non  roseo,  non  bello,  che  ci  deve  far  rizzare  le  antenne,  stare  un  po'  attenzionati  sulla  situazione.  In  quell'occasione  abbiamo  ascoltato  quelli  che  possono  essere  i  consigli  utili  per  poter  intervenire,  per  poterci  permettere  di  intervenire.  Noi  abbiamo  indubbiamente  degli  strumenti  che  dovranno  essere  riattivati/rimpinguati  da  un  punto  di  vista  economico,  però  abbiamo  degli  strumenti  tali  da  poter  intervenire,  come  efficienza  ed  efficacia,  nella  piazza  di  Trieste.  Mi  riferisco  all'area  di  crisi  industriale  complessa  di  Trieste,  mi  riferisco  all'accordo  di  programma  con  MISE,  Ambiente  e  Infrastrutture  e  Comune  di  Trieste,  Autorità  di  sistema  portuale,  l'Asse  2,  e  mi  riferisco  anche  alla  crisi  industriale  non  complessa  per  quanto  riguarda  Duino.  Da  parte  mia  c'è  massima  attenzione  sul  tema,  la  volontà  di  riattivare,  per  esempio,  l'Asse  2,  di  rimpinguare  fondi  per  quanto  riguarda  la  crisi  industriale  complessa  di  Trieste.  Quindi  l'attenzione  c'è,  l'incontro  c'è  stato.  C'è  stato  l'incontro,  come  ho  detto  prima,  anche  con  le  associazioni  sindacali  per  sentire  un  attimo.  La  collega  Rosolen,  che  oggi  non  c'è,  ha  comunque  anch'essa  manifestato  massima  attenzione.  Abbiamo  già  messo  a  disposizione  direttori  e  funzionari  per  tenere  monitorata  la  cosa.  Questo  rispetto  alla  lettera  a).  Per  quanto  riguarda  la  lettera  b),  la  Kipre,  vorrei  fare  tutta  una  serie  di  paesaggi  cronologici  che  ci  sono  stati.  Il  3  gennaio  il  gruppo  ha  presentato  a  Modena  la  domanda  di  concordato  in  bianco,  di  concordato  preventivo.  In  data  28  gennaio  è  stata  concessa  a  tutte    perché  il  rischio  era  anche  che  non  venisse  accettata  per  tutte  le  società    è  stata  concessa  a  tutte  le  società  del  gruppo  sulla  piazza  di  Modena.  Sono  stati  nominati  Pasquale  Liccardo  giudice  delegato,  mentre,  commissari,  Marco  Zanzi  e  Angelo  Zanetti.  Il  Tribunale  ha  indicato  come  termine  ultimo  per  la  presentazione  del  piano  industriale  il  29  marzo  del  2019.  Il  7  febbraio  si  è  svolto  un  incontro  tra  proprietà  e  associazioni  sindacali  per  quanto  riguarda  chiarimenti  sul  futuro,  sul  presente,  perché  c'era  un  problema  anche  di  liquidazione  di  buste  paga  e  quant'altro.  Ad  oggi  le  competenze  stipendiali  risultano  tutte  regolarmente  pagate.  Il  sottoscritto  ha  avuto  modo  di  incontrare  la  proprietà,  devo  dire,  ancora  in  una  data  antecedente  rispetto  all'accettazione  del  concordato  in  bianco  da  parte  del  Tribunale,  per  cercare  di  capire  un  po'  quali  erano  le  intenzioni  in  merito.  Ho  trovato  di  fronte  degli  imprenditori  assolutamente  responsabili,  i  quali  me  l'hanno  detto  in  maniera  molto  chiara:  noi  non  vogliamo  spacchettare  il  gruppo  perché  è  un  gruppo  che  funziona,  abbiamo  indubbiamente  delle  tensioni  finanziarie  importanti.  Infatti,  rispetto  ai  numeri  che  vedono  l'esposizione  finanziaria  del  gruppo,  parliamo  di  130  milioni  di  fronte  a  un  valore  della  produzione  di  163  milioni,  quindi  è  importante.  Riguardo  a  quello  che  noi  adesso  abbiamo  chiesto  alla  proprietà,  vi  comunico  oggi  che  l'8  di  marzo  dovrei  incontrare  la  proprietà  di  nuovo  affinché  mi  venga  presentato  il  piano  industriale.  Una  volta  recepito  il  piano  industriale,  sapremo:  1)  quali  sono  le  intenzioni  da  parte  della  proprietà;  2)  che  strada  intraprendere  per  poter  aiutare  sia  la  parte  produttiva,  ma  soprattutto  la  parte  dei  lavoratori  interessati.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  assessore  Bini.  Prego,  consigliere  Russo.  

RUSSO.

Grazie,  Presidente.  Ringrazio  l'Assessore  intanto  per  avere  ricordato  la  situazione  oggettivamente  preoccupante  del  territorio  della  Venezia  Giulia.  Si  parla  quasi  di  1.000  posti  di  lavoro  in  questo  momento,  se  pensiamo  ai  rischi  reali  o  ventilati  che  partano  da  Wartsila,  attraversano  la  realtà  dello  stabilimento  della  Ferriera  fino  a  Sertubi,  come  veniva  ricordato,  la  Principe,  fino  a  spingersi  alla  cartiera.  Temiamo  sia  un  disagio,  per  questo  si  invitava  la  Giunta  a  una  ricognizione  anche  a  livello  regionale.  Nello  specifico,  Principe  è  una  realtà  che  colpisce  il  comune  di  Trieste,  ma  sicuramente  il  comune  di  San  Daniele,  e  nello  specifico  vorremmo  sollecitare  la  Giunta    e  apprendiamo  con  piacere  che  è  previsto  questo  incontro  l'8  di  marzo    intanto  a  capire  bene  quali  siano  gli  strumenti  che  questa  amministrazione  può  mettere  in  atto.  Se  l'attenzione  è  di  tipo  finanziario,  l'iniziale  disponibilità  che  era  stata  dimostrata  di  far  scendere  in  campo  le  partecipate  finanziarie  della  Regione  probabilmente  non  è  sufficiente,  ma  potrebbe  essere  un  segnale  importante  da  mandare  alla  proprietà  e  ad  eventuali  futuri  investitori.  Al  tempo  stesso  vorremmo  raccomandare  forse  una  maggiore  intraprendenza  nei  confronti  anche  del  Governo  nazionale,  che  credo  debba  essere  un  attore  anche  perché  non  è  una  crisi  che  riguarda  soltanto  la  nostra  regione,  colpisce,  attraversa  almeno  tre  regioni  del  nostro  Paese.  È  notizia  di  questi  giorni,  che  credo  abbia  anche  l'Assessore,  di  una  richiesta  dei  Sindacati  confederali  dell'apertura  di  un  tavolo  presso  il  MISE.  Il  MISE  non  ha  ancora  risposto.  Credo  e  auspico  che  un  interessamento  dell'amministrazione  regionale,  che  avrà  sicuramente  alle  spalle  un  appoggio  bipartisan  o  tripartisan  da  questo  punto  di  vista,  possa  essere  assolutamente  utile  e  urgente  perché  i  numeri,  ripeto,  dell'occupazione  sono  importanti  e  temo  diventeranno  il  leitmotiv  di  questo  nostro  mandato  consiliare.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Russo.  Darei  la  parola  adesso  al  consigliere  Shaurli  per  l'illustrazione  dell'interrogazione  a  risposta  immediata  n.  99,  che  è  sempre  rivolta  all'assessore  Bini,  “Richiesta  di  informazioni  e  di  aggiornamenti  riguardanti  la  DM  Elektron”.  Prego,  Consigliere.  

SHAURLI.

Grazie,  Presidente.  Buongiorno  a  tutti.  Io  credo  che  la  situazione  sia  sufficientemente  nota  a  tutti,  è  la  situazione  che  riguarda  la  DM  Elektron  di  Buia.  Sappiamo  le  crisi  e  le  forti  tensioni  che  si  sono  avute,  anche  con  alcuni  momenti  di  difficoltà  durante  i  presidi  dei  dipendenti.  Sappiamo  anche  come  ha  operato  la  Giunta  regionale  nelle  settimane  immediatamente  successive  perché  l'assessore  Rosolen  era  presente  ed  è  stata  presente  a  Buia,  ha  incontrato    io  ho  qui  ancora  le  dichiarazioni  stampa    la  proprietà.  La  proprietà,  in  un  primo  momento  di  difficile  reperimento,  poi  ha  presentato  un  piano,  che  arriva,  però    ed  è  questo  che  mi  preoccupa    fino  al  31  maggio  2019,  che  prede  la  continuità  della  produzione  e  il  mantenimento  delle  maestranze.  Allora  la  mia  interrogazione  è  soprattutto  per  capire    visto  che  cominciano  di  nuovo  ad  esserci  delle  preoccupazioni  all'interno  delle  maestranze  e  vedendosi  anche  l'avvicinare  della  data  di  scadenza  e  ricordando  anche  l'impegno  che  si  era  presa  la  proprietà  nei  tavoli  con  la  Regione,  con  lo  stesso  assessore  Rosolen    se  c'è  notizia  del  piano  industriale,  che  dovrebbe  garantire  in  qualche  maniera  la  continuità  produttiva  e,  permettetemi,  anche  un  pizzico  di  sicurezza  e  tranquillità  ai  dipendenti  e  alle  maestranze  dopo  il  31  maggio  2019.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Shaurli.  Prego,  assessore  Bini.  

BINI, Assessore alle attività produttive.

Vi  preannuncio  fin  d'ora  che  avrò  un  incontro  l'8  marzo  anche  con  la  DM  per  farmi  consegnare  questo  piano  industriale,  di  cui  ad  oggi,  sinceramente,  non  mi  è  dato  sapere  contenuti  o  non  contenuti.  La  situazione  è  una  situazione  che  mi  preoccupa  perché  in  questo  caso  c'è  la  volontà,  neanche  tanto  nascosta,  da  parte  della  proprietà  di  spostare  parte,  non  so  dirvi  in  che  percentuale,  della  produzione  in  Romania.  Noi,  sia  come  Attività  produttive,  ma  parlo  anche  per  la  collega  Rosolen,  abbiamo  messo  a  disposizione  dell'azienda  tutti  quelli  che  possono  essere  gli  strumenti  utili.  La  stessa,  in  verità,  ne  ha  già  beneficiato  negli  anni  passati  a  iosa    a  iosa    quindi,  guardate,  non  lo  so,  vediamo,  dopo  l'8  saprò  dirvi  qualcosa  di  meglio,  però...  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  Assessore.  Prego,  consigliere  Shaurli.  

SHAURLI.

Ringrazio  ovviamente  l'Assessore  della  risposta.  Mi  rimane,  credo,  però,  parimenti  a  lui,  una  preoccupazione  di  fondo  non  banale,  nel  senso  che  giustamente  ha  ricordato  che  la  Regione  è  intervenuta  più  volte  su  quell'azienda  con  le  proprie  linee  contributive,  con  le  proprie  disponibilità  economiche  e  finanziarie,  e  ovviamente  in  questo  momento  io  credo  che  sia  necessario  chiedere  chiarezza  rispetto  al  mantenimento  delle  linee  produttive  all'interno  dello  stabilimento  di  Buia,  anche  per  dare  delle  risposte  alle  maestranze.  Quindi  spero  che  ci  sia  almeno,  e  venga  richiesto  con  forza  dalla  Regione,  l'opportunità  e  il  rispetto  degli  impegni  presi  nella  presentazione  di  un  piano  industriale  che  ci  dica  almeno  una  volta  per  tutte    una  volta  per  tutte    qual  è  l'obiettivo  di  medio  e  lungo  periodo  di  quell'azienda  a  fronte  del  proprio  insediamento  a  Buia  e  a  fronte  anche,  mi  permetto  di  dire,  delle  disponibilità  che  la  Regione  ha  dimostrato  oggi  come  in  passato.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Shaurli.  Passiamo  all'assessore  Pizzimenti.  Cominciamo  con  l'interpellanza  n.  15,  Moretti:  "A  quando  l'applicazione  per  il  Porto  di  Monfalcone  del  Decreto  legislativo  n.  169/2016  e  del  D.P.R....".  Ah,  non  c'è  Moretti?  Allora  passo  all'interpellanza  n.  35,  Santoro:  “Concessione  autostradale  A4:  svendita  della  specialità?”.  Prego,  Consigliera,  per  l'illustrazione,  perché  questa  è  una  interpellanza.  Prego.  

SANTORO.

Grazie,  Presidente.  Ovviamente  questa  interpellanza  è  un  po'  datata,  nel  senso  che  riguarda  il  novembre  2018,  il  momento  in  cui  il  Governo  iniziava  a  prendere  in  mano  la  questione  della  concessione  A4,  e  devo  dire  che  il  tema  del  consiglio  di  sorveglianza  si  è  parzialmente  risolto,  con  però  un  vulnus  abbastanza  importante  che  è  quello  che  se  le  prime  riunioni  devono  essere  fatte  e  decise  a  maggioranza,  nel  momento  in  cui  c'è  una  seconda  convocazione,  la  delibera,  diciamo  così,  viene  approvata  a  maggioranza  purché  il  presidente  sia  favorevole.  Certamente  questo  rimane  ed  è  un  vulnus  importante  perché  il  presidente  sappiamo  che  è  stato  nominato,  viene  nominato  dallo  Stato,  senza  nemmeno  un  accordo  con  la  Regione,  dunque  io  ritengo  che  questo  vulnus  rimanga  un  vulnus  importante  perché  se  non  possiamo  parlare  di  vero  e  proprio  veto  del  presidente,  certamente  dobbiamo  avere  il  suo  parere  favorevole  perché  questo  consiglio  di  sorveglianza  della  società    che,  ricordo,  emanerà  anche  delle  linee  guida  per  le  opere  che  verranno  fatte    deliberi  in  senso  favorevole.  Certamente  è  un  vulnus  importante,  che  però  ci  preoccupa  parimenti  rispetto  ai  tempi  della  nuova  concessionaria  stante  le  dichiarazioni  del  Ministro  Toninelli    che  rispetto  al  Brennero  non  sapeva  nemmeno  che  fosse  già  pubblica    e  questo  Governo  che,  rispetto  al  tema  delle  autostrade,  vediamo  nei  diversi  tavoli  avere  un  andamento  piuttosto,  diciamo  così,  incerto.  Ma  soprattutto  credo  che  sia  sotto  gli  occhi  di  tutti  la  vicenda  delle  ultime  elezioni,  come  il  Governo  stia  parlando  di  una  scadenza  e  dunque  come  questo  procedimento,  che  per  noi  è  fondamentale,  di  istituzione  della  NewCo  per  la  A4,  si  debba  e  possa  risolvere  nei  tempi  compatibili  con  la  permanenza  del  Governo.  Questo  tema,  quindi,  è  evidente  che  si  è  modificato  rispetto  all'interpellanza,  ma  non  perde  la  centralità  rispetto  a  un  asset  totalmente  pubblico  qual  è  la  NewCo  dell'autostrada  A4,  ma  soprattutto  rispetto  a  tutti  gli  investimenti  che  riguardo  a  questa  NewCo  si  stanno  pensando  e  si  stanno  prevedendo.  C'è  grandissima  preoccupazione,  dunque,  rispetto  ai  tempi  dell'attivazione  della  NewCo  stessa,  che  rischia  di  slittare  troppo  nel  caso  in  cui  questo  Governo  non  dia  un'accelerata  rispetto  alle  questioni.  Quindi  a  questo  punto  è  evidente  che  la  questione  va  al  di  là,  un  po',  di  quello  che  è  scritto  nell'interpellanza  che  era  di  novembre,  ma  capire  qual  è  il  punto  nel  quale  ci  troviamo  e  soprattutto  qual  è  la  prospettiva  di  successo  rispetto  all'avvio  di  questo  importante  asset  regionale  credo  che  sia  comunque  un  momento  importante.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliera  Santoro.  Prego,  assessore  Pizzimenti.  

PIZZIMENTI, Assessore alle infrastrutture e territorio.

Grazie,  Presidente.  Buongiorno.  Ha  ragione  la  consigliera  Santoro  sul  fatto  che  da  novembre  in  poi  ovviamente  si  sono  succedute  altre  situazioni,  siamo  andati  avanti,  ovviamente,  con  l'attività  per  quanto  riguarda  il  passaggio  da  Autovie  alla  NewCo.  È  chiaro  che  il  percorso  è  molto  complesso,  molto  difficile  e  anche  complicato  dal  punto  di  vista  dei  rapporti  sia  a  livello  europeo,  sia  a  livello  nazionale  con  i  Ministeri.  Comunque  sulla  vicenda  della  concessione  autostradale  A4  si  sono  avuti  una  serie  di  rapporti:  la  Commissione  europea  ha  dato  ovviamente  il  parere  favorevole  per  quanto  riguarda  la  cooperazione  a  tre,  per  quanto  riguarda  invece  il  Ministero  dei  Trasporti  siamo  in  fase  di  contrattazione  per  tutte  le  tematiche  che  riguardano  in  generale  il  rapporto  soprattutto  di  interlocuzione  tra  MIT  e  la  nuova  società.  Nella  prima  parte  vengono  individuati  tra  MIT  e  Regioni  gli  obiettivi  strategici  comuni  alle  parti,  intendendo  perseguire  tra  questi,  in  via  prioritaria,  la  prosecuzione  dell'adeguamento  del  Corridoio  Mediterraneo  ovviamente  dell'A4  Venezia-Trieste.  Per  il  raggiungimento  e  il  monitoraggio  degli  obiettivi  comuni  individuati  nella  prima  parte  è  prevista  la  costituzione  di  un  comitato  di  indirizzo  e  coordinamento  composto  da  sei  membri  (questo  per  quanto  riguarda,  poi,  il  comitato  di  controllo,  che  è  la  parte  su  cui  lei,  ovviamente,  chiedeva  informazioni).  Allora,  dicevo,  è  composto  da  sei  membri:  due  di  nomina  MIT,  di  cui  uno  con  la  funzione  di  presidente,  uno  di  nomina  del  Ministero  dell'Economia  e  delle  Finanze,  tre  di  nomina  delle  Regioni,  di  cui  due  del  Friuli  Venezia  Giulia  e  uno  del  Veneto.  La  bozza  di  accordo  e  cooperazione  è  stata  trasmessa  dal  MIT  alla  Commissione  europea  affinché  esprima  il  proprio  parere  in  merito  alla  compatibilità  (che  poi  ha  detto  di    alla  fine).  A  parte  questo,  nell'ambito  dell'interlocuzione  tra  MIT  e  funzionari  della  Commissione  europea  è  emersa  la  volontà  di  quest'ultima  di  inquadrare  il  rapporto  nell'ambito  dell'istituto  dell'in  house  e  conseguentemente  di  svolgere  un  controllo  sulla  società  concessionaria  ammissibile  al  controllo  analogo,  cioè  questo  comitato  paritetico  dovrebbe  fare  una  specie  di  controllo  simile  al  controllo  analogo.  Grazie  all'intervento  della  Regione  Friuli  Venezia  Giulia  e  della  Regione  Veneto  nonché  degli  enti  pubblici  soci  della  Società  Autostrada  del  Brennero,  i  poteri  di  controllo  dell'intero  comitato  di  indirizzo  e  coordinamento    di  cui  fanno  parte  componenti  indicati  dal  MIT,  ma  anche  tre  componenti,  come  abbiamo  detto,  delle  Regioni    sono  stati  limitati  a  quelli  strettamente  necessari  per  consentire  l'inquadramento  dell'accordo  nell'ambito  dell'istituto  dell'in  house  così  come  statuito  dalla  Commissione  europea.  Nessun  potere  è  attribuito  al  comitato  di  indirizzo  e  coordinamento  sui  ricavi  del  concessionario.  Il  comitato  potrà  unicamente,  tra  virgolette,  fornire  gli  indirizzi  per  la  destinazione  delle  risorse  finanziarie  necessarie  alla  realizzazione  degli  interventi  funzionali  allo  sviluppo  delle  infrastrutture  dei  territori  delle  Regioni  interessate.  Per  quanto  attiene  invece  alla  decisione    che  è  quello  che  chiedeva  lei  praticamente    del  comitato  di  indirizzo  e  coordinamento,  non  è  previsto  alcun  voto  doppio  in  capo  al  presidente,  ma  la  disciplina,  a  seguito  dell'interlocuzione  col  MIT,  è  stata  da  ultimo  così  regolata:  "Il  comitato  è  validamente  riunito  con  la  presenza  di  almeno  quattro  componenti  in  carica,  di  cui  due  di  nomina  ministeriale  compreso  il  presidente.  Le  deliberazioni  sono  prese  all'unanimità.  Qualora  non  venga  raggiunta  l'unanimità,  il  comitato  delibera  a  maggioranza  assoluta  con  il  voto  favorevole  del  presidente".  Nel  caso  in  cui,  appunto,  l'unanimità  non  dovesse  essere  raggiunta,  pertanto  il  comitato  delibererà  a  maggioranza  con  il  voto  favorevole  del  presidente,  ma  assieme  al  voto  favorevole  del  presidente  dovranno  esprimersi  in  tal  senso  almeno  altri  due  componenti  nell'ipotesi  che  vi  siano  quattro  componenti  ad  assumere  la  specifica  decisione,  tra  i  quali  quelli  di  indicazione  regionale,  che  dovranno  essere  presenti.  Quindi  per  avere  il  parere  favorevole  su  una  delibera  ci  vuole  anche  quantomeno  il  voto  di  uno  o  due  componenti  regionali,  quindi  se  ovviamente  questo  non  succede,  non  si  ha  l'approvazione.  Giova  peraltro  rappresentare  che  a  seguito  delle  richieste  formulate  dalle  Regioni  Friuli  Venezia  Giulia  e  Veneto  e  della  disponibilità  manifestata  dal  Ministero,  era  stata  rappresentata  alla  Commissione  l'ipotesi  che  il  presidente  del  comitato  di  indirizzo  e  coordinamento  fosse    indicato  dal  MIT,  ma  che  la  relativa  nomina  dovesse  ottenere  il  previo  gradimento  del  Friuli  Venezia  Giulia  e  del  Veneto.  Tali  ipotesi  è  stata  cassata  dal  Ministero  proprio  in  considerazione  del  fatto  che,  nell'ambito  del  rapporto  che  andrà  ad  istaurarsi,  il  MIT  è  l'ente  concedente  e  in  quanto  tale  allo  stesso  dovrebbero  essere  riservati  poteri  di  controllo  più  incisivi.  Come  si  è  avuto  modo  di  vedere,  tali  poteri  "più  incisivi"  sono  stati  declinati  con  la  semplice  previsione  in  base  alla  quale  le  deliberazioni  del  comitato,  qualora  non  vengano  prese  all'unanimità,  dovranno  essere  prese  a  maggioranza  col  voto  favorevole  del  presidente.  In  data  21  novembre  2018  è  stato  reso  il  parere  favorevole  della  Commissione  europea  in  merito  alla  compatibilità  dell'accordo  di  cooperazione  con  il  diritto  comunitario  in  materia  di  appalti  pubblici  e  concessioni.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  assessore  Pizzimenti.  Prego,  consigliera  Santoro.  

SANTORO.

Ringrazio  l'Assessore  della  conferma  di  quanto  avevo  sollevato,  ancora  più  rispetto  alla  frase  che  il  fatto  di  cassare  la  richiesta  da  parte  delle  Regioni  che  il  presidente  fosse  individuato  con  il  gradimento  delle  Regioni  corrisponde  alla  necessità  che  il  MIT  abbia  poteri  di  controllo  più  decisivi,  e  dunque  se  è  vero  che  non  è  doppio  il  voto  del  presidente,  è  altrettanto  vero  che  senza  il  voto  del  presidente  possiamo  avere  le  Regioni  favorevoli,  ma  la  delibera  non  passa,  e  dunque  questo  è  un  potere  di  veto  che  ritengo,  soprattutto  per  quanto  riguarda  gli  indirizzi,  per  la  destinazione  delle  risorse  necessarie  agli  investimenti,  sia  un  vulnus  importante  che  rimane  nonostante  il  tempo  passato.  Ma  la  cosa  che  a  me  preoccupa  di  più  in  questo  momento,  stante  che  più  volte  l'Assessore  nella  propria  relazione  ha  nominato  delle  rigidità  del  MIT  addirittura  rispetto  all'Unione  Europea,  è  quanto  queste  rigidità  continueranno  e  quanto  condizioneranno  la  riuscita  di  questa  operazione  fondamentale  per  la  nostra  Regione,  fermo  restando,  lo  sottolineo  ancora  una  volta,  che  politicamente  il  Ministro  che  si  sta  occupando  di  questa  partita  non  mi  sembra  un  Ministro  che  abbia  a  cuore  le  infrastrutture  del  nostro  territorio  nazionale,  che  abbia  a  cuore  il  posto  della  nostra  regione  in  Europa  e  dunque  non  mi  sembra  che  stia  facilitando  un'operazione  di  questo  tipo.  Se  mettiamo  questo  rispetto  al  panorama  del  Governo  nazionale,  invito  l'Assessore,  ma,  credo,  il  Presidente,  ad  accelerare  per  quanto  di  vostra  possibilità  l'approvazione  di  questa  NewCo,  altrimenti  sarebbe  davvero  un  problema  irrisolto  nella  nostra  regione.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliera  Santoro.  Abbiamo  recuperato  Moretti,  l'interpellanza  n.  15:  “A  quando  l'applicazione  per  il  Porto  di  Monfalcone  del  Decreto  legislativo  n.  169/2016  e  del  D.P.R.  n.  57  del  28.03.2018  sulle  Autorità  di  Sistema  Portuale?  Quale  il  futuro  per  la  governance  di  tale  Porto?”.  Prego,  consigliere  Moretti.  

MORETTI.

Grazie,  Presidente.  L'interrogazione  è  di  luglio  e  l'annunzio  è  di  ottobre.  ...  Sì,  l'aveva  promessa  dopo  sei  mesi,  ma,  insomma,  va  beh,  prendiamo  atto,  Assessore,  che  lei...  La  prossima  volta  stia  tranquillo  che  utilizzerò  le  possibilità  dell'articolo  146  del  Regolamento,  dopo  due  mesi  dall'annunzio  chiederò  l'iscrizione  alla  prima  Commissione  utile,  perché  allora  era  un'interrogazione  attuale;  è  chiaro  che  con  le  norme  intervenute,  con  i  lavori  che  si  stanno  facendo,  con  l'iter  che  comunque  è  partito,  insomma...  Però  attendo  la  sua  risposta  per  capire  cosa  mi  risponde.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Moretti.  Prego,  assessore  Pizzimenti.  

PIZZIMENTI, Assessore alle infrastrutture e territorio.

Grazie,  Presidente.  Sì,  ha  ragione  il  consigliere  Moretti  a  dire  prima  di  tutto  che  è  datata  ed  è  vero,  oggettivamente  è  vero.  Secondo,  è  vero  il  fatto  che  nel  frattempo  ovviamente  molte  cose  sono  state  fatte,  sono  stati  fatti  sia  un  emendamento  in  Aula  ma  anche  delle  generalità  in  Giunta,  quindi  sono  stati  fatti  degli  atti  ufficiali  che  danno  idea  di  quanto  si  sta  facendo  e  di  quanto  si  è  concordato  anche  con  l'Autorità  portuale  di  Trieste  per  continuare  quella  che...  anzi,  prima  iniziare  e  poi  continuare  quella  che  è  l'attività  d'integrazione  del  Porto  di  Monfalcone  rispetto  a  quello  di  Trieste.  Magari  leggo  così  vediamo  le  ultime,  non  dico  notizie,  ma  le  ultime  cose  che  si  stanno  facendo  in  questo  periodo.  Tralascio  la  prima  parte  in  cui  si  dice  quello  che  è  avvenuto  dal  punto  di  vista  generico.  Dico  solo  che  a  settembre  del  2018,  cioè  a  metà  settembre,  c'è  stata  la  generalità  in  cui  si  dava  atto  di  avviare  queste  sinergie  per  lo  sviluppo  del  Sistema  portuale  regionale  garantendo  la  continuità  dell'attività,  che  era  la  parte  più  difficile  in  effetti,  cioè  da  un  lato  cercare  l'integrazione  e  dall'altro  mantenere  in  atto  tutte  le  attività  in  essere  con  soggetti  diversi  rispetto  a  quello  ovviamente  finale.  Si  precisa  che  dei  contenuti  della  generalità  sopra  citata  è  stata  fornita  informazione  a  tutti  gli  operatori  portuali,  a  tutti  gli  enti  e  i  soggetti  interessati  alla  gestione  portuale,  al  fine  di  continuare  a  garantire  la  certezza  e  la  regolarità  dei  procedimenti  amministrativi  di  competenza  regionale.  Dal  punto  di  vista  normativo,  poi,  siamo  arrivati  a  dicembre  2018,  con  la  manovra  di  bilancio,  e  si  è  disposto  che  l'amministrazione  regionale  è  autorizzata  a  sottoscrivere  un'intesa  con  l'Autorità  del  Sistema  portuale  per  definire  le  modalità  attuative  dell'inserimento  del  Porto  di  Monfalcone  all'interno  del  Sistema  e  il  subentro  nella  gestione  dell'attività    che  è  la  parte  più  difficile    del  porto  di  Monfalcone  da  parte  di  quello  di  Trieste,  con  riguardo  alle  funzioni  previste  dall'articolo  2,  comma  3,  lettere  e),  g)  e  h),  attinenti  le  autorizzazioni  allo  svolgimento  delle  attività  commerciali  e  industriali,  delle  operazioni  dei  servizi  portuali,  nonché  della  temporanea  sosta  di  merci  e  materiali,  al  rilascio  delle  concessioni  per  l'utilizzo  dei  beni  demaniali  nell'ambito  portuale,  ai  servizi  di  interesse  generale,  alla  manutenzione  ordinaria  delle  infrastrutture  portuali  e  altre  attività  ordinarie  afferenti  al  funzionamento  del  porto  di  Monfalcone.  Questo  è  quello  che  diceva  in  sintesi  l'ultimo  emendamento  che  è  stato  portato.  Dal  punto  di  vista  degli  adempimenti  attuativi,  attualmente    così  veniamo  all'ultimo  periodo    si  sta  dando  corso  agli  aspetti  procedurali  amministrativo-operativi  e  a  tal  proposito  si  comunica  che,  con  nota  di  metà  gennaio  2019,  la  Direzione  Centrale  Infrastrutture  e  Territorio,  a  seguito  dell'incontro  con  il  Segretario  generale  dell'Attività  portuale  di  Trieste,  ha  comunicato  l'avvio  delle  procedure  relative  alla  definizione  dell'intesa  prevista  dal  summenzionato  eccetera  eccetera    che  abbiamo  detto  un  attimo  fa    rivolta  alla  definizione  delle  modalità  attuative  dell'inserimento  del  Porto  di  Monfalcone,  che  si  stima  troverà  compiuta  operatività  nei  prossimi  mesi.  A  maggior  precisazione  si  informa  che  si  è  convenuto  di  procedere  con  specifici  incontri  per  definire  congiuntamente  le  modalità  attuative  dell'intesa  con  la  collaborazione  dei  referenti  delle  Autorità  portuali  allo  scopo  individuati.  In  tal  contesto  saranno  sentiti  anche  i  principali  enti  e  soggetti  pubblici  interessati  a  vario  titolo  nella  gestione  complessiva  della  realtà  portuale  (il  Comune  di  Monfalcone,  la  Capitaneria  di  Porto,  il  Provveditorato  alle  Opere  pubbliche,  l'Azienda  speciale  del  Porto  di  Monfalcone,  il  Consorzio  per  lo  sviluppo  economico  del  Monfalconese).  Quindi,  in  sintesi,  si  farà  un  insieme  di  incontri  con  tutti  i  soggetti  per  arrivare  alla  definizione  definitiva  del  passaggio.  Si  evidenzia,  infine,  sotto  l'aspetto  economico-finanziario,  che  dal  mese  di  giugno  2018  l'Autorità  portuale  di  Trieste  percepisce  gli  introiti  relativi  alle  tasse  portuali,  pari  a  non  meno  di  3  milioni  e  mezzo  di  euro  l'anno,  e  che  contestualmente  l'amministrazione  regionale  sta  continuando  comunque  a  garantire,  senza  soluzione  di  continuità,  tutti  gli  interventi  di  manutenzione  ordinaria  e  di  funzionamento  finalizzati  al  mantenimento  in  efficienza  dell'impianto  portuale  monfalconese,  oltre  a  proseguire  con  le  opere  infrastrutturali  già  in  corso  di  realizzazione.  La  Regione,  infatti,  ha  stanziato  4  milioni    come  sappiamo  già    per  lo  sviluppo  del  Porto  di  Monfalcone  in  relazione  alle  scelte  pianificatorie  e  strategiche  del  triennio,  oltre  a  un  costante  sostegno  finanziario  di  interventi  sul  porto,  non  ultimo  il  prossimo  avvio  dell'escavo  del  canale  di  accesso  al  porto  per  un  importo  di  circa  16  milioni  600  mila  euro.  In  aggiunta,  con  l'obiettivo  prioritario  di  sviluppare  il  Sistema  portuale  regionale  integrato,  si  tiene  a  precisare  che  l'amministrazione  regionale  ha  riconosciuto  puntualmente  il  contributo  per  i  traffici,  pari  a  4  milioni  di  euro  all'anno  per  il  corrente  triennio  finanziario,  a  sostegno  dello  scalo  portuale  di  Trieste.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  assessore  Pizzimenti.  Prego,  consigliere  Moretti.  

MORETTI.

L'interpellanza  è  nata  a  suo  tempo  perché  non  erano  ancora  ben  chiare  quelle  che  erano  le  volontà  politiche  e  amministrative  dell'amministrazione  regionale.  Devo  dire  che  poi  col  tempo  le  volontà  si  sono  chiarite.  C'è  stato  anche  un  passaggio  normativo,  con  tutte  le  difficoltà  perché  ci  rendiamo  conto  che  sono  passaggi  complessi,  richiedono  puntualità  amministrativa,  richiedono  soprattutto  la  continuità  dell'attività  del  porto  che  non  può  essere  bloccata  perché  ci  sono  dei  passaggi  di  competenza,  amministrativi,  in  corso.  L'Assessore  ha  parlato  puntualmente  di  quelle  che  sono  le  questioni  in  ballo.  Abbiamo  letto  nelle  scorse  settimane  che  sembra  sia  intenzione  anche  del  Governo  provvedere  alla  modifica  del  decreto  ministeriale  che  definiva  la  governance  dell'Autorità  del  Sistema  portuale,  per  cui  vedremo  quello  che  succederà  perché  capiamo  benissimo  che  i  passaggi  parlamentari  non  sono  semplici,  sono  complicati  e  nascondono  sempre  delle  insidie.  Si  trattava  di  applicare  correttamente  un  decreto  ministeriale  e  mi  pare  che  su  questo  la  Regione  abbia  definito  la  sua  volontà.  Rimane  da  capire,  Assessore    ma  questo  col  tempo  si  vedrà    la  fine,  tra  virgolette,  della  legge  12/2012,  come  sarà  possibile  mantenere  la  vigenza  della  12/2012  quando  il  percorso  sarà  completato  e  avviato.  In  questo  senso,  siccome  anche  questo  sembrava  essere  un  problema...  tant'è  vero  che,  se  si  ricorda,  in  Stabilità  avevamo  presentato,  io  e  il  collega  Cosolini,  un  emendamento  per  togliere  la  parola  "Monfalcone"  dalla  legge  12/2012,  poi  ritirato  proprio  perché  era  intervenuto  quell'emendamento  di  cui  lei  ha  parlato.  Quindi  mi  considero  soddisfatto  per  la  conclusione.  Le  chiedo  se  magari  mi  fa  avere  copia  della  risposta  all'interpellanza.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Moretti.  Passiamo  all'interpellanza  n.  38  a  firma  Capozzella:  “Conversione  della  tratta  ferroviaria  dismessa  "Casarsa  della  Delizia  -  Pinzano  al  Tagliamento"  in  pista  ciclabile:  perché  se  tutti  la  vogliono,  non  si  riesce  a  fare?":  Prego,  consigliere  Capozzella.  

CAPOZZELLA.

Grazie,  Presidente.  Grazie,  assessore  Gibelli.  Premesso  che:  da  molti  anni  è  in  fase  di  discussione  la  conversione  della  tratta  ferroviaria  dismessa  "Casarsa  della  Delizia  -  Pinzano  al  Tagliamento"  in  pista  ciclabile,  anche  ai  fini  della  promozione  turistica  dei  comuni  dislocati  lungo  l'asse  del  medio  corso  del  fiume  Tagliamento;  l'importo  proposto  da  RFI  (Rete  Ferroviaria  Italiana)    che  la  possiede    per  la  cessione  di  una  porzione  di  binari  di  circa  27  chilometri  ammonta  a  5  milioni  308  mila  euro  e  rotti;  il  20  aprile  2010  è  stato  firmato  a  Pordenone  un  protocollo  tra  la  Provincia  di  Pordenone  e  le  amministrazioni  comunali  attraversati  dal  percorso  (cioè  Casarsa,  Pinzano,  San  Martino  al  Tagliamento,  San  Giorgio  della  Richinvelda,  Spilimbergo,  Valvasone)  che  impegnava  la  Provincia  a  elaborare  il  progetto  e  a  coordinare  e  guidare  in  veste  di  interlocutore  unico  le  trattative  con  le  Ferrovie  dello  Stato  per  la  cessione  del  terreno;  Considerato  che  la  conversione  della  tratta  ferroviaria  dismessa  "Casarsa  della  Delizia  -  Pinzano  al  Tagliamento"  in  pista  ciclabile  è  un  progetto  ampiamente  condiviso,  ed  in  particolare:  i  Comuni  che  si  affacciano  sulla  tratta  ferroviaria  dismessa  "Casarsa  della  Delizia  -  Pinzano  al  Tagliamento",  hanno  deliberato  da  tempo  di  avviare  questo  percorso  necessario  alla  valorizzazione,  perlopiù  in  termini  turistici,  sociali  ed  ambientali,  dell'ex  infrastruttura  ferroviaria;  l'amministrazione  comunale  di  Spilimbergo,  in  particolare,  ha  ripetutamente  manifestato  interesse  ad  acquisirla  anche  per  realizzarvi  la  nuova  autostazione  cittadina;  i  cittadini,  all'interno  del  percorso  partecipativo...  

PRESIDENTE.

Consigliere  Capozzella...  

CAPOZZELLA.

Eh,  caspita!  Finisco.  Allora  salto.  Considerato  che  la  richiesta  economica  di  5  milioni  di  euro  risulta  ingiustificabile  di  fatto  e  quindi  colloca  il  bene  fuori  mercato.  Tutto  ciò  premesso,  si  interroga  la  Giunta  regionale  per  sapere  se  intenda  attivarsi  presso  i  vertici  di  RFI  (Rete  Ferroviaria  Italiana)  al  fine  di  concordare  un  importo  di  alienazione  più  accessibile,  atteso  che,  a  seguito  della  realizzazione  del  progetto  di  riqualificazione,  l'infrastruttura  potrebbe  godere  di  un  effettivo  impiego  a  fini  sociali  e  pubblici  dopo  anni  di  totale  abbandono.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Prego  Assessore.  

PIZZIMENTI, Assessore alle infrastrutture e territorio.

Grazie,  Presidente.  Il  tracciato  del  sedime  ferroviario  tra  gli  abitati  di  Casarsa  della  Delizia  e  Pinzano  al  Tagliamento  potrebbe  proficuamente  prendere  il  posto  di  un  tratto  della  FGV  6    quella  famosa  ovviamente    itinerario  ciclabile  individuato  dalla  Rete  ciclabile,  quella  regionale,  con  la  denominazione  "Ciclovia  del  Tagliamento".  Potrebbe  poi  arricchire  la  dotazione  di  soluzioni  ciclabili  che  si  appoggiano  sulle  linee  ferroviarie  in  esercizio  congiuntamente  la  stazione  Pinzano  al  Tagliamento  (Sacile-Gemona)  con  quella  di  Casarsa  della  Delizia  (Venezia-Udine).  Questo  Assessorato,  conscio  dell'importanza  del  percorso,  si  è  attivato  per  promuovere  azioni  al  fine  di  addivenire  all'acquisizione  del  tracciato.  L'ipotesi  di  conversione  della  linea  ferroviaria  di  cui  trattasi,  pertanto,  è  già  oggetto  di  un  approfondimento  da  parte  degli  uffici  del  Servizio  Lavori  pubblici  e  Infrastrutture,  Trasporti  e  Comunicazioni  presso  Ferservizi    perché  poi  c'è  l'altra  società,  è  Ferservizi  che  fa...    S.p.A.,  che  attualmente  detiene  la  disponibilità  di  detta  tratta  ferroviaria,  in  ordine  alla  disponibilità  alla  cessione  delle  aree  ed  all'importo  economico  di  detta  cessione.  In  sintesi,  stiamo  trattando  con  Ferservizi  che  ci  diano  un'idea  almeno  di  quanto  viene  a  costare  questo  tratto  perché  siamo  tutti  d'accordo,  compresi  i  sindaci  ovviamente,  ma  non  sappiamo  l'importo,  perché  inizialmente  parlavano  di  non  so  quante  milionate,  adesso  sembra  che  siano  calati  un  po',  però  di  ufficiale  non  ci  è  arrivato  ancora  niente.  Recentemente  abbiamo  tenuto,  infatti,  un  incontro  sulla  materia  coi  sindaci  dei  comuni  interessati  dalla  tratta  che  hanno  ribadito  l'importanza  dell'operato  e  condiviso  le  azioni  della  Regione.  Dalla  valutazione  di  quanto  verrà  comunicato  relativamente  alle  condizioni  per  la  cessione  del  sedime  ferroviario  e  soprattutto  all'importo  dipenderanno  poi  le  azioni  della  Regione,  cioè  dipende  da  quanto  vogliono  e  come  lo  vogliono.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  Assessore.  Può  tenere  la  parola  per  l'interrogazione  orale  n.  37  del  consigliere  Marsilio:  "Viabilità  in  montagna.  Manutenzione  e  miglioria  ex  strade  provinciali"...  Ah,  chiedo  scusa.  Consigliere  Capozzella,  chiedo  scusa,  mi  sono  portato  avanti  col  lavoro.  

CAPOZZELLA.

Grazie,  Presidente.  Io  mi  trovo  soddisfatto  della  risposta  e  le  chiedo  se  posso  venire  da  lei  a  prendere  la  risposta  scritta.  Grazie,  Assessore.  

PRESIDENTE.

Avevo  colto  la  soddisfazione  già  da  lontano.  All'Assessore,  allora,  la  parola  per  l'interrogazione  orale  n.  37  del  consigliere  Marsilio.  No,  è  orale,  quindi  si  passa  direttamente  alla  risposta  dell'Assessore.  

PIZZIMENTI, Assessore alle infrastrutture e territorio.

Eccomi,  Presidente.  Allora,  tutte  le...  Beh,  insomma,  faccio  un  po'  di...  Dopo  vediamo,  no?  Allora,  tutte  le  strade  regionali  locali,  cioè  ex  provinciali,  sono  oggetto  di  attività  di  manutenzione  ordinaria  (sfalci,  segnaletica,  ripristino  di  muri  di  sostegno,  controripa,  rifacimento  pavimentazioni  bitumate,  messa  in  sicurezza  di  barriere  paramassi  e  via  dicendo,  ripristino  della  funzionalità  delle  barriere  stradali  eccetera  eccetera).  Per  quanto  riguarda  la  strada  provinciale  Val  Pontaìba  -  giusto?  Pontàiba    è  già  stata  interessata  da  interventi  di  sistemazione  (io  ho  anche  le  foto  eventualmente).  Sempre  per  la  strada  provinciale  di  Alzeri,  con  le  risorse  assegnate,  oltre  all'attività  ordinaria,  sono  stati  eseguiti  interventi  di  ripristino  sia  delle  murature  che  delle  scarpate  e  a  seguito  degli  eventi  di  fine  ottobre  sono  stati  eseguiti  ulteriori  interventi  di  messa  in  sicurezza  della  strada.  Non  è  pertanto  congruente  con  lo  stato  di  fatto  definirla  "in  stato  di  abbandono"  essendo  stata  anche  oggetto  di  costanti  interventi,  non  ultimo  il  rifacimento  di  parti  di  muri  a  secco  in  pietra  più  danneggiati.  Si  precisa  che  estendendosi  i  muri  a  secco  praticamente  sull'intera  lunghezza  dell'arteria,  il  loro  totale  rifacimento  comporta  l'impiego  di  una  cifra  considerevole  stimata  in  circa  900  mila  euro,  ma,  per  la  loro  limitata  altezza  (mediamente  meno  di  1  metro)  e  per  il  fatto  che  svolgono  solo  funzioni  di  contenimento  del  terreno,  non  costituiscono  pericolo  per  la  viabilità.  È  importante,  però,  sottolineare  che  tutta  la  viabilità  della  montagna,  in  occasione  del  nubifragio  di  ottobre,  è  stata  tutta  resa  agibile  in  tempi  brevissimi,  attingendo  solo  ai  fondi  a  disposizione  della  Divisione  Viabilità  locale  di  FVG  Strade.  L'intervento  sulla  strada  dello  Zoncolan,  comprensivo  della  sostituzione  di  tutte  le  barriere  danneggiate,  ad  esempio,  si  è  concluso  in  meno  di  un  mese,  garantendo  la  perfetta  funzionalità  per  l'inizio  della  stagione  invernale.  Si  ritiene  che,  pur  in  presenza  di  una  situazione  geografica  e  climatica  difficile  (si  pensi,  ad  esempio,  alle  seguenti  strade    e  qua  c'è  una  serie  di  nomi    Lumiei,  Duron,  Aupa,  Raccolana),  la  percorrenza  in  sicurezza  delle  strade  ex  provinciali  è  sempre  stata  garantita.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  Assessore.  La  parola  al  consigliere  Marsilio.  

MARSILIO.

Allora,  pur  apprezzando  la  risposta  dell'Assessore,  volevo  precisare  due  questioni.  Questa  è  un'interrogazione  che  io  ho  già  presentato  periodicamente  ogni  due  o  tre  anni,  nel  senso  che  quelle  due  viabilità  citate    in  particolare  quella  di  collegamento  Ligosullo-Paularo,  quindi  Sella  Lius,  dove  effettivamente  sono  stati  rifatti  i  muretti  a  secco  e  tirata  la  scarpata,  credo,  l'anno  scorso,  e  la  provinciale  di  Alzeri    hanno  due  situazioni  ben  differenti.  Lo  stato  di  degrado  della  Val  Pontaiba  era  evidente,  cioè  uno  che  passava  vedeva  i  muri  caduti.  Il  tema  della  Val  Pontaiba  è  che  la  strada  è  stata  allargata  sul  lato  Paularo  fino  a  circa  un  chilometro  dalla  Sella  ed  è  una  strada  percorribile  tra  virgolette,  sicuramente  nei  parametri  delle  strade  provinciali;  nell'ultimo  tratto,  che  sono  circa  due  chilometri  da  Sella  Lius  a  poco  prima  del  comune  di  Paularo,  quindi  i  due  2  chilometri  in  cima,  la  strada  si  restringe  a  una  sola  carreggiata,  due  macchine  non  passano.  Allora  quello  che  io  ho  richiamato  più  volte...  E  non  voglio  fare  polemiche  con  l'ex  Provincia  su  quello  che  ha  fatto  o  non  ha  fatto  perché  tanto  non  risolvo  il  problema.  Forse  sarebbe  bene  che  l'Assessore  a  suo  fianco  facesse  un  esame  anche  di  queste  situazioni  per  capire  se  è  valido  o  non  è  valido  il  modello  di  gestione  di  alcuni  servizi  da  parte  del  livello  provinciale,  ma  questa  è  una  parentesi.  Comunque  la  inviterei  un  giorno  che  è  da  quelle  parti,  Assessore,  a  fare  il  transito  Paularo-Ligosullo  e,  senza  che  io  le  porti  le  fotografie,  si  renderà  conto  che  quella  strada    non  può  essere  considerata  una  strada  provinciale  perché  è  una  strada  di  una  carreggiata  sola.  Mi  pare  che  qualche  problema,  seppure  il  transito  non  sia  frequentissimo,  c'è.  Altro  tema  molto  più  complicato  è  quello  della  strada  Alzeri,  cioè  da  Arta  Terme  fino  circa  al  ponte  di  Sutrio,  per  due  motivi.  Innanzitutto  l'abbandono.  Lì,  è  vero,  ci  sono  i  muretti  a  secco    ma  nessuno  si  scandalizza  se  li  tiri  via  e  fai  una  scarpata  normale    che  stanno  cadendo  continuamente  un  po'  alla  volta  sulla  carreggiata.  La  invito,  faccia  una  passeggiata,  faccia  un  giro  e  si  rende  conto.  Il  tema  dell'Alzeri  è  molto  più  delicato  perché  l'ANAS  oggi  sta  progettando,  con  i  54,  60  milioni,  quelli  che  sono,  della  52  bis,  sta  progettando  proprio  il  tratto  di  sistemazione  dalle  Terme  di  Arta  fino  a  dopo  la  curva  del  ponte  di  Noiaris.  Quando  inizieranno  quei  lavori  lì,  per  due  anni,  un  anno  e  mezzo,  due,  sicuramente  la  strada  statale  sotto  deve  essere  chiusa  perché  non  si  riescono  a  fare  i  lavori  e  quindi  l'unica  arteria  che  è  parallela  è  la  strada  di  Alzeri,  che  ha  però  alcune  criticità  sia  per  quanto  riguarda  la  parte  più  di  immagine  dei  muretti  che  cadono,  ma  soprattutto  sul  ponte  sul  Randìce,  sul  ponticello,  e  su  due  curve  che  sono  a  gomito,  che  sono  pericolose.  Se  si  trasferisce  tutto  il  traffico,  anche  quello  dei  camion  permanenti,  del  legname,  di  tutto  quello  che  transita  su  quella  strada  lì,  verrà  fuori  un  problema  se  non  si  fa  un  minimo  di  intervento  di  riqualificazione  e  di  miglioramento  nell'ottica  anche  di  questo  tipo  di  intervento  che  arriverà  tra  poco.  Quindi  l'interrogazione  gliel'ho  fatta  per  riproporre  la  questione,  per  invitarla  a  fare  una  verifica,  non  pretendo  che  mi  creda  insomma,  la  invito  a  fare  un  sopralluogo,  a  parlare  anche  con  i  sindaci  dei  comuni,  perché,  ripeto,  nei  casi  in  cui  abbiamo  dovuto  chiudere  la  statale  e  passare  per  Alzeri,  il  problema  diventa  un  problema  abbastanza  serio,  soprattutto  per  i  mezzi  pesanti.  La  cosa  magari  non  è  immediata  da  affrontare,  ma  sicuramente  è  un  tema  che  nel  giro  di  un  anno,  un  anno  e  mezzo,  verrà  fuori  e  se  aspettate  quella  volta,  saremo  nel  caos  per  un  anno  e  mezzo,  due,  con  i  flussi  turistici  che  vanno  sullo  Zoncolan  d'inverno  o  quelli  estivi,  e  soprattutto  con  il  traffico  dei  mezzi  pesanti,  quindi,  per  anticipare  ed  evitare  disagi  complessivi,  la  invito  a  fare  un  approfondimento  sulla  questione  e  a  rendersi  conto  un  attimino  di  tutte  e  due  le  viabilità,  di  quello  che  c'è  e  quello  che  sarebbe  opportuno  fare.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Marsilio.  Approfittiamo  della  presenza  dell'assessore  Pizzimenti  per  le  due  IRI  89  e  94.  La  parola  al  consigliere  Centis  per  l'interrogazione:  “Urgente  procedere  all'allargamento  della  strada  ex  provinciale  21  "San  Vito  -  Bannia”.  A  lei  la  parola.  

CENTIS.

Grazie,  Presidente.  Parliamo  di  un  asse  viario  molto  importante,  che  collega  Pordenone  città  con  tutti  i  comuni  della  Bassa  Sanvitese,  la  strada  ex  provinciale  21,  che  ha  avuto  negli  anni  scorsi,  negli  anni  passati,  due  importanti  interventi  di  allargamento  sia  in  comune  di  San  Vito  al  Tagliamento  e  sia  in  comune  di  Fiume  Veneto,  allargamento  della  carreggiata  con  annessa  pista  ciclabile  sia  da  una  parte  che  dall'altra,  ma  fra  le  due  parti,  fra  i  due  comuni,  c'è  un  tratto  di  strada  di  circa  due  chilometri  e  mezzo  decisamente  stretta.  È  un  asse  che  vede  il  transito  di  centinaia  di  veicoli  al  giorno.  Sono  presenti  lungo  questo  asse  varie  aziende  commerciali,  allevamenti,  residenze  di  privati,  ed  è  un  asse  anche  decisamente  pericoloso  perché  ci  sono  continui  incidenti,  anche  mortali.  Nel  periodo  2011-2012  sono  stati  stanziati  circa  3  milioni  e  mezzo  di  euro  dall'allora  Provincia  e  quindi  questi  soldi  sono  ancora  a  bilancio.  Questa  strada,  questo  asse,  già  ex  provinciale  21,  ora  è  di  Friuli  Venezia  Giulia  Strade.  Sappiamo  che  è  in  corso  una  fase  di  progettazione  per  quanto  riguarda  l'allagamento,  per  quanto  riguarda  l'opera  di  allargamento  di  questo  importante  asse.  Sappiamo  che  mancano  ancora  alcune  fasi  di  progettazione  per  quanto  riguarda  la  cantierizzazione  di  quest'opera  e  quindi  è  importante  capire  un  po'  e  sentire  da  parte  della  Giunta  le  intenzioni  e  il  percorso  per  arrivare  alla  soluzione  finale,  al  progetto  finale,  quindi  anche  al  cantiere  dell'opera.  Quello  che  conta  è  una  tempistica,  una  scadenza,  in  modo  tale  che  ci  siano  delle  certezze  e  delle  sicurezze  sia  per  chi  transita  lungo  quell'asse  e  ovviamente  anche  per  chi  abita  e  per  chi  lavora  lungo  quell'asse,  una  scadenza  e  una  tempistica  per  quanto  riguarda,  insomma,  la  realizzazione  di  questo  importante  allargamento  di  questa  importante  strada  che  collega,  appunto,  Pordenone  con  tutti  i  comuni  della  Bassa  Sanvitese.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  Consigliere.  La  parola  all'assessore  Pizzimenti.  

PIZZIMENTI, Assessore alle infrastrutture e territorio.

Grazie,  Presidente.  Il  progetto  preliminare  dell'opera  "Allargamento  della  sede  stradale  strada  provinciale  21  in  Comune  di  Fiume  Veneto"  è  completato  con  le  soluzioni  concordate  con  le  tre  amministrazioni,  comunali  interessate,  ovviamente.  Il  cambio  della  normativa  intervenuto  in  materia  idraulica  ha  chiesto  una  nuova  valutazione  dell'invarianza  idraulica    quindi  c'è  stato  quel  problema    di  fatto.  Allo  stato  attuale    così  vediamo  com'è  la  situazione    devono  essere  completati  gli  iter  per  l'approvazione  delle  varianti  urbanistiche  da  parte  dei  comuni,  in  attesa  di  procedere  alle  successive  fasi  progettuali.  Con  la  delibera  della  Giunta  regionale  n.  2400  è  stato  integrato  il  finanziamento  per  la  delegazione  prevedendo  800  mila  euro  per  la  pista  ciclabile  per  la  SP  21.  In  questo  momento  non  è  possibile  dichiarare  l'esatta  tempistica  per  la  realizzazione  dell'opera  dipendendo  dalle  varianti  urbanistiche  dei  singoli  comuni,  che,  a  quanto  risulta,  non  hanno  ancora  in  certi  casi  affidato  l'incarico.  Quindi  noi  siamo  praticamente  in  attesa  che  i  comuni  vadano  avanti,  per  poi  continuare  la  nostra  progettazione.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Immagino  che  il  consigliere  Centis  voglia  rispondere.  

CENTIS.

Sì,  grazie.  Grazie,  Assessore,  per  la  parte  che  le  compete.  Non  so  se  ci  sono  delle  possibilità  e  dei  motivi  per  poter  spingere  i  comuni  per  addivenire  insomma...  per  portare  a  casa  e  per  risolvere  questa  questione,  perché  ovviamente  sappiamo  benissimo  che  le  varianti  urbanistiche  sono  fondamentali  e  importanti  per  procedere.  Quindi  faccio  preghiera  a  lei,  Assessore,  se  è  possibile  chiedere,  spingere  i  comuni  che  completino  la  loro  parte  in  modo  tale  che  così  riusciamo  magari,  se  è  possibile,  entro  l'anno  a  chiudere  questa  partita  perché  è  di  fondamentale  importanza.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie.  La  parola  ora  alla  consigliera  Santoro  per  l'interrogazione  n.  94:  “Tangenziale  Est:  si  torna  al  progetto  distruggi  campagne?”.  La  parola  alla  consigliera  Santoro.  

SANTORO.

Grazie.  Il  titolo  già  dice  tutto,  nel  senso  che    e  credo,  appunto,  di  condividere  la  conoscenza  del  passato  insieme  al  collega  Mattiussi    nel  senso  che  su  questa  infrastruttura  c'era  stato  un  progetto  del  2004  della  Provincia  di  Udine,  un  progetto  che  poi  si  è  scontrato  con  il  PAIR  e  con  l'impossibilità,  rilevata  dal  parere  dato  dalla  Direzione  Ambiente,  di  realizzare  questa  infrastruttura  in  alveo.  Gli  stanziamenti  erano  consistenti,  parliamo  di  oltre  8  milioni  di  euro,  e  quindi  si  è  ritenuto  in  quell'occasione  di  rimodulare  la  delegazione  amministrativa,  perché  di  questo  si  tratta,  ovvero  un  incarico  che  la  Regione  aveva  dato  alla  Provincia  di  Udine  per  fare  l'opera  per  nome  e  per  conto  suo  individuando  una  serie  di  punti  critici  sull'asse  che  chiude  l'anello  tangenziale  della  città  di  Udine.  Questi  punti  critici  sono  stati  individuati,  vista  l'incidentalità  che  su  questi  punti  si  può  rilevare,  nella  rotonda  di  Salt  (che  chi  la  conosce  sa  quanto  per  attraversarla  era  necessario,  diciamo  così,  avere  le  istruzioni),  nel  nodo  che  dalla  strada  della  Maddalena  porta  a  Grions  del  Torre  (un  altro  incrocio  pericoloso),  nel  superamento  della  ferrovia  Udine-Cividale  in  località  Remanzacco  (che  era  stata  oggetto,  nel  frattempo,  di  un  intervento  di  sistemazione  da  parte  del  Comune  di  Remanzacco,  ma  che  era  in  attesa,  all'epoca,  della  valutazione  dei  positivi  effetti  di  questo),  per  poi  concentrarsi  sul  nodo  di  Paparotti.  Chi  conosce  il  nodo  di  Paparotti  sa  che  è  l'unica  rotonda  ovale  che  abbiamo  in  regione  e  il  fatto  che  sia  ovale  fa    che  sia  incidentata  proprio  per  la  sua  forma  geometrica,  non  per  altro,  perché,  insomma,  il  professor  Honsell  ci  potrà  spiegare  perché  la  velocità  non  può  essere  mai  costante...  Esatto,  ma  non  è  così  trafficata.  Dunque,  rispetto  a  questi  nodi  individuati  come  prioritari  e  sui  quali  investire    per  quanto  riguarda  il  nodo  di  Paparotti  avevamo  messo  solo  la  progettazione  perché  i  residui  del  finanziamento  non  erano  sufficienti    investire,  quindi,  sui  punti  critici  per  poi  individuare  qual  era  il  percorso  migliore  tra  questi  punti  critici.  Nuovo  tracciato  significa  il  tracciato  non  abbandonando  quello  della  Provincia  dal  sottopasso  di  Udine-Cividale  alla  rotonda  Casali-Osellini,  decidere  se  mantenerlo  sulla  strada  esistente  o  fare  una  nuova  strada  che,  diciamo  così,  costeggi  l'area  artigianale,  così  come  via  Mazzini  a  Pradamano,  un  grande  problema  perché  oggi  è  una  strada  che  è  stata  ceduta  alla  Regione,  ma  che  per  la  sua  pericolosità  ha  ancora  gli  autovelox  e  i  rallentatori.  Questi  erano  i  due  tratti  da  ripensare.  Per  quanto  riguarda  Pradamano  esiste  già  anche  un'ipotesi  all'interno  del  piano  regolatore  di  Pradamano  per  completare  l'anello  della  tangenziale  est.  Ora  vediamo  che  nella  delibera  che  questa  Giunta  e  l'Assessore  hanno  portato  si  ribalta  la  priorità,  cioè  non  vengono  più  finanziati    a  parte  Salt  e  forse  Grions  che  sono  in  avanzato  stato  di  progettazione,  addirittura  a  Salt  è  aperto  finalmente  il  cantiere    non  si  finanziano  più  i  punti  critici,  ma  si  parla  di  una  generica  individuazione  di  un  nuovo  tracciato  della  tangenziale  est,  che,  mi  dicono,  essere  la  ripresa  di  un  vecchissimo  progetto  della  Provincia  che  andava  in  giro  per  i  campi,  un  po'  la  sorella    forse  l'Assessore  non  la  conosce    della  variante  di  Premariacco,  che  sappiamo  essere  una  strada  che  era  nata  per  delle  esigenze,  ma  che  oggi,  ahimè,  risulta  desolatamente  sgombra.  Allora  il  tema  è:  perché  non  si  procede  con  i  fondi  a  disposizione  a  risolvere  i  punti  critici  di  una  viabilità  esiste?  Perché  si  procrastina  ancora    sono  passati  quindici  anni    rispetto  alla  soluzione  di  queste  realtà  che  i  dati  Mitris  mostrano  come  luoghi  di  grande  incidentalità  dell'area  metropolitana    la  chiamiamo  così    udinese?  E  perché  si  rallenta  ancora  per  pensare  a  una  nuova  infrastruttura  nella  campagna?  Che  certamente  non  risolverà  il  problema  di  questi  nodi  essendo  dei  nodi  legati  anche  ad  una  viabilità  utilizzata  quotidianamente.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliera  Santoro.  Era  una  replica  questa?  Perché  Russo  non  mi  ha  dato  il  passaggio  di  consegne.  Bene,  chiuso.  Allora  passiamo...  all'assessore  Callari...  Ah,  deve  rispondere  l'Assessore.  Prego...  Ah,  ecco,  eravamo  ancora  in  fase...  Scusate,  scusate.  Prego,  Assessore.  La  davo  quasi  per  scontata  la  risposta,  ecco.  

PIZZIMENTI, Assessore alle infrastrutture e territorio.

Grazie,  Presidente.  Tralascio  le  premesse,  che  poi  sono  quelle  già  sentite  dalla  consigliera  Santoro,  che  la  tangenziale  est  di  Udine  è  prevista  nel  Piano  regionale  delle  infrastrutture  approvato  nel  2011,  per  il  discorso  anche  delle  zone  più  esterne  a  Udine.  Era  stato  redatto  il  progetto  definitivo,  con  l'acquisizione  di  tutte  le  autorizzazioni,  nel  2014,  calibrandolo  così  la  Regione  nelle  proprie  strategie.  Con  delibera  del  2014  ha  rimodulato  la  delegazione  di  cui  trattasi  prevedendo  lo  studio  di  un  nuovo  tracciato  per  la  tangenziale  est,  accanto  alla  previsione  di  alcune  opere  che  interessavano  la  direttrice  a  est  di  Udine,  come  la  rotatoria  di  Salt  a  Paparotti.  Poi  tralascio  il  punto  2  della  delibera  che  diceva  le  finalità  eccetera  eccetera,  lo  trovate  poi  nella  risposta  scritta.  La  delibera  n.  2400  del  2018  cui  si  riferisce  l'interrogazione,  mantenendo  le  finalità  di  realizzazione  dell'opera  prevista  dal  Piano  regionale  delle  infrastrutture,  della  mobilità  delle  merci  e  della  logistica,  nonché  della  programmazione  stessa,  che  ha  impegnato  8  milioni  850  mila  euro  per  l'opera  stessa,  modifica  la  priorità  ponendo  come  essenziale  l'individuazione  del  tracciato  alternativo  alla  tangenziale  est  di  Udine  prima  degli  elementi  intermedi.  Tale  scelta  è  opportuna  al  fine  di  evitare  che  si  proceda  alla  risoluzione  di  problemi  puntuali  senza  una  coerenza  complessiva  delle  soluzioni,  con  il  rischio  di  realizzare  opere  non  necessarie  o  in  contrasto  con  l'interesse  regionale,  che  si  valuta  e  si  soppesa  a  scala  regionale,  nel  rispetto  del  territorio  attraversato.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  assessore  Pizzimenti.  Prego,  consigliera  Santoro.  

SANTORO.

Il  consigliere  Mattiussi  ed  io  prendiamo  atto  che  il  ridisegno  della  Paparotti  non  è  necessario,  che  non  è  necessaria  la  soluzione  di  punti  incidentati  che  possano  essere  rilevati  dal  Mitris,  quindi  in  modo  totalmente  oggettivo,  e  quindi  che  queste  risorse  saranno  destinate  a  uno  studio  di  cui  chissà  quando  vedremo  l'esito.  Mi  dispiace  molto  perché,  da  consigliere  di  quel  territorio  e  frequentandolo  quotidianamente,  sono  consapevole  di  quanto  questi  punti  dell'infrastruttura  siano  importanti  e  sia  importante  agire,  abbiamo  aspettato  anche  troppo.  Per  fortuna  che  siamo  riusciti  a  cantierare  la  rotonda  di  Salt  e  speriamo  presto  la  rotonda  di  Grions,  almeno  quello.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliera  Santoro.  Passiamo  all'assessore  Callari.  Ha  un'interrogazione  orale  di  Camber,  la  n.  55:  "Ripristino  del  servizio  di  rassegna  stampa".  Do  lettura  dell’interrogazione  orale  n.  55  presentata  dal  consigliere  Camber  ed  avente  ad  oggetto:  Prego,  Assessore.  

CALLARI, Assessore alla funzione pubblica, semplificazione e sistemi informativi.

Grazie,  Presidente.  È  un'interrogazione  che  riguarda  il  servizio  di  rassegna  stampa.  Ho  fatto  una  verifica,  Consigliere,  della  situazione  e,  come  lei  stesso  ha  scritto  nell'interrogazione,  è  scaduto  il  protocollo  che  era  in  auge  con  la  società  precedente  e  a  inizio  del  2019,  su  richiesta  della  Presidenza,  l'Ufficio  stampa  e  comunicazione  ha  riattivato  le  procedure  relative  alla  fornitura  della  rassegna  stampa  agli  uffici.  Le  procedure  attualmente  in  corso  riguardano  la  richiesta,  già  effettuata  alla  società  Insiel,  per  garantire  nuovamente  la  piattaforma  informatica  sulla  quale  pubblicare  la  rassegna  stampa  e  il  servizio  di  rassegna  stampa,  che  verrà  affidato  tramite  un  apposito  accordo  quadro  nella  piattaforma  del  mercato  elettrico  della  pubblica  amministrazione  gestito  da  Consip  S.p.A..  La  procedura  di  confronto  competitivo  previsto  dall'accordo  quadro  è  già  stata  avviata.  Il  nuovo  servizio  sarà  più  ampio  del  precedente  e  riguarderà  non  solo  le  principali  testate  giornalistiche  nazionali  e  locali,  ma  sarà  integrato  da  una  specifica  rassegna  stampa  Web  relativa  ai  quotidiani  on-line.  Gli  articoli  selezionati  dalla  stampa  nazionale  e  locale  daranno  risalto  agli  interventi  istituzionali  regionali  e  alle  politiche  nazionali  aventi  dei  riflessi  per  il  Friuli  Venezia  Giulia,  nonché  ad  eventi  di  interesse  per  l'attività  della  Regione  nei  suoi  vari  settori  di  intervento.  La  riattivazione  del  servizio,  espletata  la  procedura  di  affidamento  e  i  relativi  controlli  previsti  dalla  normativa,  verrà  resa  disponibile  sempre  tramite  la  rete  Intranet  regionale  dal  prossimo  primo  aprile.  

PRESIDENTE.

Grazie,  assessore  Callari.  Prego,  consigliere  Camber.  

CAMBER.

Ringrazio  l'Assessore  per  la  risposta  fornitami.  L'auspicio  è  che  la  data  del  primo  aprile  sia  una  data  effettiva  perché  dal  31  dicembre  il  servizio  non  c'è,  è  stato  sospeso,  che  è  un  servizio  utile  non  soltanto  ai  Consiglieri,  ma  anche  agli  uffici  stessi  della  Regione.  Si  diceva:  partiremo  col  primo  febbraio.  Speriamo  che,  da  una  parte,  quindi,  se  ho  ben  capito,  con  la  selezione  tramite  Consip,  e  dall'altra,  con  Insiel,  si  trovi  la  maniera  più  corretta  per  caricare  il  tutto,  si  possa  veramente  partire,  quindi,  da  qui  a  un  mese.  Grazie,  Assessore.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Camber.  Passiamo  a  un'interrogazione  a  risposta  immediata  di  Callari,  la...  Mi  si  dice  che  Callari  risponde  a  quella  dell'assessore  Rosolen,  quindi  darei  di  nuovo...  allora  rispondiamo  all'interrogazione  orale  n.  53,  sempre  di  Camber:  "Assunzioni  di  tutor  nei  Centri  regionali  per  l'impiego".  Prego,  Assessore.  

CALLARI, Assessore alla funzione pubblica, semplificazione e sistemi informativi.

Rispondo  per  la  collega  Rosolen  che  è  purtroppo  assente.  Il  rafforzamento  dei  Centri  per  l'impiego  è  tema  all'attenzione  del  dibattito  nazionale  già  prima  dell'introduzione,  per  la  verità,  del  reddito  di  cittadinanza,  anche  se  ovviamente  l'introduzione  della  nuova  misura  lo  rende  di  estrema  importanza  e  attualità.  È  opportuno  mettere  ordine,  però,  negli  eventi  che  si  sono  succeduti  negli  ultimi  mesi  al  fine  di  avere  contezza  dei  vari  step  già  effettuati  e  delle  azioni  che  sono  da  intraprendere.  Già  prima  del  reddito  di  cittadinanza,  come  si  diceva,  erano  state  previste  misure  di  rafforzamento  dei  Centri  per  l'impiego  a  valere  su  due  iniziative  nazionali  nell'ambito  della  programmazione  comunitaria.  Si  fa  riferimento,  per  la  precisione,  al  PON  SPAO  (Sistema  per  le  Politiche  Attive  per  l'occupazione)  e  al  PON  Inclusione,  che  hanno  previsto  il  potenziamento  tramite  assunzioni  per  complessive  1.600  unità  su  tutto  il  territorio  nazionale.  La  quota  di  spettanza  della  Regione  Friuli  Venezia  Giulia  di  queste  1.600  è  pari  a  21  unità.  La  piena  operatività,  e  quindi  il  trasferimento  delle  risorse  necessarie,  è  subordinata  alla  stipula  di  due  convenzioni  che  la  nostra  Regione  ha  già  stipulato,  unica...  anzi,  è  una  delle  tre,  insieme  a  Toscana  ed  Emilia-Romagna,  che  ha  già  stipulato  le  convenzioni.  In  previsione  della  stipula  di  queste  convenzioni,  infatti,  la  Regione  ha  già  bandito  due  concorsi:  uno  per  un  posto  di  categoria  C  e  uno  per  un  posto  di  categoria  D  a  tempo  indeterminato.  Questi  concorsi    la  cui  scadenza  è  stata  nei  giorni  scorsi,  all'inizio  di  febbraio    che  mettono  a  bando  due  posizioni  comprese  nel  fabbisogno  assunzionale  assegnato  alla  Direzione  Centrale  Lavoro  e  Formazione,  Istruzione  e  Famiglia  per  l'anno  2018,  una  volta  conclusi,  permetteranno  di  disporre  di  graduatorie  da  cui  attingere  anche  per  le  assunzioni  a  tempo  determinato  finanziate  dai  due  programmi  comunitari  citati.  Nel  frattempo,  però,  è  intervenuto  il  decreto  che  introduce  il  reddito  di  cittadinanza,  che  prevede  un  ulteriore  rafforzamento.  La  questione  è  oggetto  di  confronto  molto  serrato  fra  le  Regioni  e  il  Governo  centrale,  proprio  in  questi  giorni  fra  l'altro.  In  ogni  caso  ciò  che  sembra  emergere  è  questo:  le  assunzioni  a  tempo  indeterminato  che  verranno  finanziate  in  modo  stabile  dallo  Stato  saranno  di  4.000  unità,  assunzioni  che  serviranno  per  i  Centri  per  l'impiego  in  maniera  stabile,  da  non  confondere  con  i  navigator,  perché  spesso  su  questo  si  fa  un  po'  di  confusione.  Su  quei  1.600  che  sono  stati  finanziati  inizialmente  a  tempo  determinato    quelli  di  cui  parlavo  prima    c'è  la  promessa  da  parte  dello  Stato  di  avere  i  fondi  per  metterli  poi  a  tempo  indeterminato.  L'assunzione  dei  6.000  navigator,  invece  da  parte  di  ANPAL  (Agenzia  Nazionale  per  le  Politiche  Attive  del  Lavoro),  per  il  sostegno  alla  prima  fase  di  erogazione  del  reddito  di  cittadinanza,  verrà  fatta  dopo  che  ci  sarà  questa  interlocuzione  fra  le  Regioni  e  il  Governo.  Il  Governo  sostiene  di  voler,  tramite  ANPAL,  procedere  rapidamente,  nell'arco  dei  prossimi  due  mesi,  all'assunzione  di  queste  6.000  unità  che  dovrebbero  affiancare  e  supportare  i  Centri  per  l'impiego  nella  fase  di  avvio  della  misura.  Le  Regioni    tutte,  tutte,  senza  alcuna  distinzione  di  geografia  e  di  colore  politico    criticano  le  modalità  assunzionali,  pare  senza  concorso  fra  l'altro,  solo  sulla  base  di  un  curriculum  vitae,  che  è  un  po'  poco  se  vogliamo.  Il  che  pone  pesanti  dubbi  sulla  competenza  di  questi  soggetti  selezionati.  Non  di  meno  desta  perplessità  il  regime  contrattuale  in  quanto  allo  stato  attuale  non  è  conosciuto  quale  esso  sia,  ma  che  potrebbe  essere  tale  da  non  consentire  poi  un  inserimento  organico  nelle  strutture  regionali  perché  sarebbero  fuori  dalla  linea  di  comando,  diciamo,  della  Regione.  L'aspettativa,  fra  l'altro,  che  il  Governo  stia  prospettando  una  possibile  stabilizzazione  di  detto  personale  mal  si  addice  alla  prospettiva  poi  di  dover  far  accedere  questo  personale  nel  pubblico  impiego  senza  un  concorso  pubblico.  Il  Ministro,  nell'incontro  in  data  12  febbraio  2019,  ha  confermato  che  decorsi  due  anni  dall'assunzione  dei  navigator,  le  relative  risorse  finanziarie  verranno  messe  a  disposizione  delle  Regioni  per  l'assunzione  in  pianta  stabile.  Vedremo.  Un  ulteriore  aspetto  che  non  va  sottaciuto,  ed  è  oggetto  di  pressanti  richieste  al  Governo  centrale,  è  l'abrogazione  di  una  disposizione  contenuta  nella  Finanziaria  nazionale  che  prevede  che  possano  essere  assunti  solo  i  vincitori  di  concorso,  mentre  attualmente  non  possono  essere  scorse  le  graduatorie  degli  idonei.  Questo  aspetto,  che  potrebbe  apparire  un  mero  tecnicismo,  è  invece  di  fondamentale  importanza.  Tornando  ai  concorsi  banditi,  una  volta  abrogata  la  disposizione  appena  citata    speriamo    e  una  volta  concluse  le  procedure,  le  relative  graduatorie  potrebbero  essere  utilizzate  proprio  per  le  assunzioni  sia  della  quota  parte  dei  4.000  dipendenti  per  rafforzare,  appunto,  i  Centri  per  l'impiego,  sia  per  la  stabilizzazione  dei  1.600  dipendenti.  Il  focus  strategico  alla  base  dell'indizione  di  questi  due  concorsi  a  tempo  indeterminato  è  proprio  dotare  di  graduatorie  specifiche  con  le  quali  far  fronte  alle  assunzioni  che  deriveranno  a  vario  titolo  dalle  operazioni  finanziate  a  livello  centrale  per  il  potenziamento  dei  Centri  per  l'impiego.  Il  termine  per  la  presentazione  della  domanda,  come  dicevo,  è  scaduto  all'inizio  di  febbraio.  Attualmente  abbiamo  1.215  domande  per  il  concorso  di  categoria  C  e  685  domande  per  il  concorso  di  categoria  D.  È  prevista  da  bando  una  preselezione  che  potrebbe  portare  alla  prova  scritta  almeno  250  candidati  nei  prossimi  mesi.  Va  infine  evidenziato  e  sottolineato  che  la  nostra  Regione  è  stata  la  prima  a  pianificare  queste  cruciali  operazioni  propedeutiche  all'introduzione  delle  novità  ministeriali  in  tema  di  reddito  di  cittadinanza,  il  che  ci  pone  attualmente  in  una  posizione  di  vantaggio  temporale  di  processo,  rispetto  alle  altre  Regioni,  di  almeno  sei  mesi.  

PRESIDENTE.

Grazie,  assessore  Callari.  Prego,  consigliere  Camber.  

CAMBER.

Non  è  elegante  dirlo,  ma  è  proprio  un  gran  casino,  non  la  risposta  che  mi  ha  dato,  la  situazione  nazionale.  Noi  partiamo,  come  giustamente  citato  nell'interrogazione,  da  un  concorso  per  un  posto  C  e  un  posto  D  e  abbiamo  a  disposizione  circa  2.000  candidati  complessivi,  allora  la  battuta  è:  usufruiamo  di  questa  graduatoria  perché  sarà  un  concorso  serio,  serio!  Perché  serio?  Perché  per  quanto  riguarda  i  tutor  di  fatti  si  continua  a  dire  che  il  concorso  sarà  per  titoli  e  colloquio;  sembra,  poi,  che  tutto  avverrà  in  sede  romana.  Io  ho  una  piccola  esperienza  personale:  mio  figlio  fece  un  anno  il  volontario  negli  Alpini  e  per  fare  domanda  doveva  avere  un  certo  punteggio;  se  voi  guardate  queste  domande  e  queste  graduatorie,  dal  Nord  Italia  arriveranno  in  graduatoria,  come  idonei,  meno  del  10  per  cento,  al  Sud  sono  tutti  paracadutisti,  bagnini,  hanno  il  brevetto  di  equitazione,  tutti  hanno  tutto.  Non  è  una  cattiveria  quella  che  sto  dicendo,  è  un  dato  oggettivo.  Guardate  le  domande  di  quelli  che  fanno  la  ferma  per  un  anno  su  base  volontaria,  guardate  quante  sono  le  domande  e  guardate  le  provenienze  geografiche.  Purtroppo  è  un  dato  oggettivo.  Sicuramente  un  concorso  fatto  per  titoli  e  colloquio  non  è  un  concorso  e  quindi  noi  fortunatamente  abbiamo  invece  una  graduatoria  possibile  dalla  quale  attingere.  Per  quanto  riguarda  i  fondi  per  le  assunzioni,  abbiamo  detto  prima  che  lo  Stato  garantisce  di  averle  per  i  tutor  o  navigator  che  dir  si  voglia,  garantisce  un  contratto  a  tempo  indeterminato,  ma  noi    dice    vi  daremo  i  fondi  per  due  anni  e  poi  arrangiatevi  voi.  Quindi  selezioni  fatte  in  altro  loco  e  noi  dovremmo  andare  ad  attingere  con  modalità  che  non  sono  le  nostre.  Ultima  perplessità.  Per  il  reddito  di  cittadinanza  si  fa  la  domanda  o  tramite  Internet    e  i  fruitori  potenziali  in  gran  parte  non  faranno  domanda  in  tal  maniera    o  tramite  gli  uffici  postali,  ma  soprattutto  tramite  i  CAF.  I  CAF  non  sanno  nulla  ancora  in  merito,  se  non  che  dal  6  marzo  arriverà  un  modulo,  quindi  forse  necessiterebbe  anche  in  questo  senso,  come  Regione,  chiamare  i  CAF,  un  domani  che  scopriremo  qualcosa  di  più  tutti  noi  sul  reddito  di  cittadinanza  che  non  sia  soltanto  una  manovra  preelettorale,  per  dare  addestramento  al  personale  dei  CAF  che  a  oggi  ignora  completamente  tutto  quello  che  sta  avvenendo  e  quotidianamente  comincia  già  a  ricevere  telefonate,  visite,  anche  alquanto  pesanti  perché  la  gente  è  convinta  che  dal  6  marzo  si  parte,  e  la  risposta  è:  non  sappiamo  ancora  nulla.  Quindi  pensiamo  magari  di  aprire  noi,  tramite  la  Formazione  e  Lavoro,  dove  abbiamo  fondi  appositi,  magari  di  aprire  un  canale  CAF  per  cercare  di  addestrare  coloro  che  dovranno  ricevere  le  domande,  che  sono  previste  in  quantità  forte,  si  parla  di  almeno  17  mila  domande  nel  Friuli  Venezia  Giulia.  Grazie,  Assessore.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Camber.  Passiamo  alla  IRI  n.  92  a  firma  Sergo:  "Correttivi  per  la  riduzione  delle  spese  postali  e  delle  spese  di  gestione  documentale  da  parte  della  Regione  Friuli  Venezia  Giulia".  Prego,  Assessore...  Ah,  no,  è  una  IRI,  quindi  c'è  l'illustrazione.  Prego,  Sergo.  

SERGO.

Grazie,  Presidente.  Noi  siamo  partiti  da  un  progetto  di  ricerca  scientifica  giurimetrica,  che  è  stato  portato  avanti  dalla  Fondazione  Gazzetta  Amministrativa  su  dati  scientifici  di  Banca  d'Italia,  per  l'anno  2017.  Questa  ricerca  è  stata  oggetto  di  sei  articoli  di  giornale  su  un  noto  quotidiano  nazionale  che  praticamente  ha  stilato  delle  classifiche  per  quanto  riguarda  i  dati  che  sono  emersi,  appunto,  da  questa  ricerca,  ripeto,  scientifica.  Ovviamente  -  io  ho  già  avuto  modo  di  dirlo,  mi  pare  fosse  proprio  in  Aula  o  in  Commissione    io  credo  che  Banca  d'Italia  si  dovrebbe  occupare  d'altro,  Assessore,  a  prescindere;  però  se  abbiamo  i  dati  ufficiali...  che  poi  si  lasciano  scrivere  e  a  volte  interpretare,  perché  io  ho  provato  a  fare  anche  delle  analisi  e  sinceramente  trovo  assurdo  che  ci  possano  essere  Regioni  che  spendono  fino  a  496  milioni  di  euro  per  una  voce  e  altre  Regioni  che  ne  spendono  8  milioni,  e  siamo  praticamente  alla  pari,  quasi,  come  popolazione.  Se  questi  sono  i  dati  scientifici  e  ufficiali  che  abbiamo  a  disposizione  per  fare  analisi  di  questo  tipo...  il  cui  scopo,  come  rilevato  anche  dai  giornalisti  che  poi  hanno  analizzato  e  fatto  questi  articoli,  era  quello  di  dare  degli  spunti  proprio  per  delle  spending  review  o  comunque  per  arrivare  a  individuare  possibili  sprechi.  Io  non  so  se  l'Assessore  era  a  conoscenza  di  questa  ricerca  scientifica,  però  siccome  ho  una  lista,  praticamente,  di  una  decina  di  voci  in  cui  siamo  o  primi  o  secondi  o  terzi  sostanzialmente,  che  non  riguardano  solo  le  due  che  le  ho  citato  nella  IRI,  che  magari  sono  più  attinenti  alle  sue  materie,  quindi  alla  digitalizzazione...  perché  essere  i  secondi  per  spese  postali  in  Italia  in  valore  assoluto,  quindi  non  pro  capite  per  cittadino,  credo  che  meriti  una  riflessione,  pertanto  abbiamo  pensato  di  fare  questa  interrogazione.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Sergo.  Prego,  assessore  Callari.  

CALLARI, Assessore alla funzione pubblica, semplificazione e sistemi informativi.

Grazie,  Consigliere,  per  l'opportunità  che  mi  ha  dato  di  informarmi  meglio.  Una  delle  cose  che  premetto  inizialmente  è  che  in  quelle  cose  che  lei  ha  letto  c'è  veramente  poco  di  scientifico  e  lo  dice  uno  che  di  lavori  scientifici  ne  ha  fatti  per  quanto  riguarda  la  sua  professione  e  le  devo  dire  che  quando  si  fanno  dei  lavori  scientifici  bisogna  partire  da  dati  certi,  da  dati  che  devono  essere  utilizzati  attraverso  delle  indicazioni  precise  e  che  devono  essere  correlabili.  Forse  questa  interrogazione  avrebbe  meritato  magari  un'interrogazione  orale  in  modo  che  potessi  essere  più  preciso  con  i  numeri,  ma  le  ho  comunque  scritto  qualcosa  che  magari  le  cedo  volentieri,  ma  che  non  leggo  nei  minimi  particolari  perché  magari  può  essere  di  poco  interesse.  Quello  che  le  voglio  dire  è  che  la  nostra  Regione,  a  differenza  delle  altre,  per  quanto  riguarda  le  spese  di  gestione  documentale    che  sono  quelle,  praticamente,  che  lei  ha  trovato  alla  voce  del  SIOPE  1.03.02.19.007,  chiamata,  appunto,  Servizio  di  gestione  documentale    la  Regione  utilizza  1.290.246,53  per  la  stragrande  maggioranza  per  la  gestione  digitale    gestione  digitale    della  documentazione  e  che  soltanto  16.497,45  sono  i  soldi  legati  alla  gestione  cartacea.  Questo  per  dire  cosa  succede,  per  questo  dico  che  la  valutazione  scientifica  di  certe  cose  andrebbe  fatta  meglio.  La  Regione  Toscana  o  la  Regione  Emilia-Romagna,  per  esempio,  danno  mandato  ad  un  ente  esterno  di  fare  il  lavoro  che  la  Regione  fa  in  prima  battuta,  per  cui  sono  difficilmente  correlabili  i  due  valori.  La  Regione  Friuli  Venezia  Giulia  in  prima  persona  gestisce  per  tutto  l'ente  Regione  la  gestione  della  conservazione  documentale,  la  Regione  Toscana  invece  la    ad  un  ente  diverso  e  va  in  un  bilancio  completamente  diverso  che  non  si  ritrova  in  quella  voce.  Questa  è  la  prima  cosa.  La  seconda  cosa  riguarda  la  gestione  postale,  che  non  è  la  mera  affrancatura  con  il  francobollo  perché  questo,  ovviamente,  sarebbe  troppo  semplicistico  pensarlo.  Innanzitutto  le  dico  che  la  gestione  delle  spese  postali  non  è  di  competenza  della  funzione  pubblica,  sarebbe  di  competenza  delle  autonomie  locali,  ma  rispondo  comunque  perché,  essendo  un'IRI,  voglio  un  attimo  puntualizzare  questo.  La  nostra  Regione  ha  delle  caratteristiche  peculiari  per  quanto  riguarda  il  servizio  postale  e  perciò  anche  in  questo  caso  abbiamo  delle  difficoltà  di  confronto  con  altre  realtà.  Infatti,  con  l'ultima  gara  europea  mediante  il  criterio  dell'offerta  economicamente  più  vantaggiosa,  si  sono  raggruppati  tutti  quei  servizi  generali  che  in  anni  precedenti  venivano  svolti  dai  singoli  uffici  o  direzioni,  e  pertanto  la  spesa  veniva  frazionata.  Il  servizio  è  particolarmente  complesso  e  comprende  il  ritiro  e  la  distribuzione  su  tutto  il  territorio  regionale  di  tutta  la  corrispondenza  di  posta  interna  (prioritaria,  raccomandate,  gestione  e  spedizione  di  atti  giudiziari),  circa  60  uffici  che  notificano  atti  come  previsto  dalla  legge  890/1982  (tavolari,  Motorizzazione,  Corpo  forestale  eccetera  eccetera),  consegna  del  materiale  di  magazzino,  consegne  per  il  centro  stampa  e  consegne  con  corriere.  Sono  da  tenere  anche  in  considerazione  i  collegamenti  con  le  sedi  di  Roma  e  di  Bruxelles,  anche  questi  fanno  parte  di  quella  spesa  di  1  milione  e  oltre.  L'amministrazione  regionale,  dando  attuazione  alla  legge  statale    che  ne  ha  modificato  lo  statuto  speciale  fra  l'altro    ha,  come  è  noto,  disposto  la  soppressione  delle  Province  ed  il  conseguente  subentro  di  altri  enti  territoriali  nelle  funzioni  in  precedenza  esercitate  dalle  Province  medesime,  e  quindi  questo  ha  fatto  diventare  la  situazione  in  ogni  caso  più  complessa  in  quanto  i  soggetti  che  usufruiscono  di  questo  servizio  sono  aumentati.  Appare  pertanto  necessario,  come  già  reso  in  ambito  delle  spese  sostenute  per  la  gestione  documentale,  poter  valutare  quale  sia  il  servizio  svolto  al  fine  che  il  conto  espresso  possa  avere  un  significato  comparabile.  L'ho  comunque  ringraziata  all'inizio  di  avermi  fatto  questa  interrogazione  perché,  come  ben  sa,  io  sono  molto  impegnato  e  sto  spingendo  molto  perché  la  digitalizzazione  contamini  completamente  la  pubblica  amministrazione  e  quindi  l'aver  valutato  questi  aspetti  mi  darà  la  possibilità  di  presidiare  meglio  questi  aspetti.  

PRESIDENTE.

Grazie,  assessore  Callari.  Consigliere  Sergo,  le  do  la  parola  per  la  replica.  Prego.  

SERGO.

Grazie.  Grazie,  Assessore,  io  posso  anche  ritenermi  soddisfatto  della  sua  risposta,  anche  perché  le  perplessità  che  avevamo  noi  sui  dati  erano  ovviamente  evidenti.  A  prescindere  adesso  da  tutto  il  discorso  sulla  digitalizzazione    che  poi  ovviamente  vedremo,  anche  perché  questi  sono  i  dati  del  2017,  quindi  poi  si  potrà  valutare  quello  che  verrà  fatto  e  come    io  dico  una  cosa:  ovviamente  io  le  ho  fatto  quell'esempio  perché  poi  era  l'esempio  della  settimana  in  cui  abbiamo  scritto  la  IRI  quando  c'era  quell'articolo,  ma  ovviamente,  come  dicevo  prima,  ci  sono  undici  voci  in  cui  noi  siamo  praticamente  sul  podio.  Allora,  siccome  capita  spesso  e  siccome  dietro  a  questo,  spesso  e  volentieri,  almeno  in  passato  se  non  nel  caso  specifico,  poi  si    adito  a  qualcuno  di  dire  che  le  Regioni  speciali  costano  troppo  e  che  usano  la  specialità  per  altri  motivi,  io  credo  che  sia  anche  da  questo  punto  di  vista  opportuno  da  parte  della  Giunta  regionale  dare  delle  spiegazioni,  ma  non  ai  cittadini  sulle  singole  voci,  che,  ripeto,  non  sarebbero  neanche  inerenti  alla  vostra  Legislatura,  però  spiegare  che  se  siamo  primi,  secondi  e  terzi  c'è  un  motivo  e  probabilmente    io  l'ho  anche  scritto    è  anche  difficile  avere  dati  armonizzati,  perché  poi  si  va  verso  l'armonizzazione  dei  bilanci,  ma  poi  da  qui  si  vede  anche  il  lavoro  che  c'è  da  fare  anche  da  quel  punto  di  vista.  E  c'è  ovviamente  anche  un  altro  aspetto  che  era  legato  alle  consulenze,  dove  noi  siamo  praticamente  anche    tra  i  tre  primi  per  le  consulenze  per  l'informatica  e  per  la  comunicazione.  Anche  rispetto  a  questo  vorrei  capire  se  noi  utilizziamo  consulenze  esterne  rispetto  a  Insiel  o  se  Insiel  è  considerato  un  ente  esterno  rispetto  alla  Regione  stessa,  come  giustamente  ci  diceva  lei  prima.  Allora  è  chiaro  che  è  tutto,  diciamo  così,  analizzabile.  Probabilmente  queste  cose  o  si  fa  a  meno  di  farle,  che  forse  sarebbe  la  cosa  migliore,  o  le  si  deve  fare    mi  riferisco  alla  ricerca  scientifica    nel  modo  migliore  affinché  quei  dati  siano  effettivamente  di  una  qualche  utilità  e  non  solo  per  dare  discredito  alle  Regioni  a  statuto  speciale.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Sergo.  Passiamo  alle  IRI  adesso.  Cominciamo  con  l'assessore  Zannier.  Interrogazione  a  risposta  immediata  n.  96  a  firma  del  consigliere  Enzo  Marsilio:  “Che  cosa  si  sta  facendo  per  il  ripristino  della  viabilità  di  accesso  alle  malghe  nei  territori  montani  colpiti  dai  recenti  eventi  calamitosi?”.  Prego,  consigliere  Marsilio.  

MARSILIO.

Grazie,  Presidente.  L'interrogazione  è  molto  semplice.  Sono  trascorsi  tre  mesi  e  mezzo  dall'alluvione.  È  vero  che  siamo  in  periodo  invernale,  ma  siamo  anche  a  tre  mesi  dai  primi  interventi  delle  aziende  agricole  che  andranno  in  quota  per  la  monticazione.  È  noto    credo  a  tutti  e  se  non  è  noto  basta  vedere  foto  e  filmati  che  girano    che  gran  parte  della  viabilità  dell'area  interessata  dagli  eventi  alluvionali  è  in  condizioni  di  non  transitabilità,  non  dico  in  sicurezza,  ma  neanche  di  transitabilità.  Ovviamente  ci  sono  ancora  strade  con  centinaia  e  centinaia  di  piante  cadute,  ci  sono  frane  e  smottamenti  in  molte  parti  di  questa  viabilità.  C'è  il  rischio  reale  che  la  prossima  stagione  estiva  vedrà  ridursi  sicuramente  il  numero  delle  aziende  che  potranno  andare  in  malga,  ma  anche  e  soprattutto  l'accessibilità  di  quelli  che  poi  sono  coloro  che  tengono  in  piedi...  quindi  tutti  i  turisti,  i  percorsi  eccetera.  L'interrogazione,  quindi,  vuol  dire:  siccome  probabilmente  per  ancora  un  mese  e  mezzo  non  si  potrà  fare  niente  perché  c'è  la  neve  e  quindi  il  periodo  per  ripristinare  si  ridurrà  sostanzialmente  a  un  mese  prima  dell'avvio  della  monticazione,  tenendo  conto  che  non  c'è  una  strada,  ce  ne  sono  decine  e  decine,  volevo  capire  se  Protezione  civile  congiuntamente  con  l'Assessorato  alle  foreste,  in  particolare  con  il  servizio  manutenzioni,  con  la  compartecipazione  o  la  partecipazione  o  condivisione  dei  comuni...  se  è  stato  fatto  un  censimento,  se  c'è  una  programmazione  di  intervento,  se  possiamo  rassicurare  le  tante  aziende  agricole  che  sono  preoccupate  per  questo.  In  questo  contesto,  Assessore,  le  chiederei  anche  di  capire  cosa  state  facendo  sul  servizio  manutenzioni  perché  da  due  anni,  tre  anni  a  questa  parte    io  l'ho  sollevato  ogni  anno  in  sede  di  Finanziaria    c'è  il  problema  del  personale  sia  tecnico,  ma  anche  quello  operativo,  perché  il  servizio  per  funzionare  ha  bisogno  di  tecnici  e  di  personale  qualificato.  L'ho  già  detto    gliel'ho  detto  anche  personalmente    che  il  modello  di  assunzione  degli  operai  è  sbagliato  perché  non  si  può  andare  all'Ufficio  di  collocamento  a  prendere  personale  che  deve  andare  a  lavorare  sui  torrenti  perché  ci  sono  problemi  di  rischi,  problemi  di  capacità  operativa,  che  non  è  quella  di  prendere  un  decespugliatore  e  tagliare  un  po'  d'erba  nel  giardino  di  casa.  La  situazione,  quindi,  è  abbastanza  difficile.  Oltretutto  di  quei  pochi  tecnici  che  ci  sono  all'interno  del  servizio  mi  risulta  qualcuno  anche  essere  andato  a  fare  altro,  vedi  l'ingegner  Bonanni  che  l'abbiamo  mandato  al  Ceson  (sic)  di  Paluzza,  un  ingegnere  che  era  uno  di  quelli  che  facevano  progetti.  Faccio  un  nome  a  caso,  non  è  una  questione  personale.  Ma,  voglio  dire,  vorrei  capire  se  il  contesto  della  criticità,  della  difficoltà  che  c'è  sul  territorio...  Capisco  che  la  cosa  non  interessa  a  nessuno,  Presidente  Zanin...  

PRESIDENTE.

Colleghi!  

MARSILIO.

Tutti  siamo  bravi  e  buoni  a  farci  vedere  belli,  quando  ci  sono  da  fare  delle  cose,  sul  giornale;  quando  ci  sono  i  problemi  veri...  Questo  è  un  problema  serio  perché  se  non  viene  riaperta  la  viabilità  entro  i  primi  di  giugno  noi  ci  troveremo  a  non  poter  più  fare  la  monticazione  nelle  malghe,  con  problemi  seri  perché  ci  sono  finanziamenti  sul  PSR  attivi,  c'è  una  complessità.  Quindi  vorrei  capire  se  Protezione  civile...    avendo,  poi,  un  tempo  di  un  mese,  più  o  meno,  per  fare  gli  interventi    se  c'è  una  programmazione,  se  c'è  un'organizzazione  conseguente,  quali  sono  le  criticità  e  cosa  intendete  fare.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Marsilio.  Prego,  assessore  Zannier.  

ZANNIER, Assessore alle risorse agroalimentari, forestali e ittiche.

Grazie,  Presidente.  Consigliere,  è  evidente  che  il  quadro  che  sta  delineando  è  un  quadro  assolutamente  reale,  non  è  un  quadro  di  fantasia.  È  altrettanto  evidente  che    se  mi  permette  di  saltare  un  po'  rispetto  alla  cronologia  dell'interrogazione,  ma  di  fare  un  quadro  un  po'  più  generale    gli  interventi  sono  suddivisi  in  due  momenti  ben  distinti,  che  sono  quelli  del  primo  intervento  e  quelli,  poi,  della  fase  successiva,  con  l'intermezzo    e  questa  è  una  delle  problematiche  che  abbiamo  dovuto  affrontare    dei  mesi  invernali  dove  oggettivamente  l'intervento  non  è  fattibile.  In  questi  giorni  stiamo  anche  facendo  una  valutazione,  anzi,  proprio  questo  pomeriggio,  sull'anticipo  del  rientro  delle  squadre  dalla  pianura  verso  gli  interventi  di  montagna  perché  il  clima  in  questi  giorni  sta  dimostrando  una  tendenza  verso  un  periodo  positivo,  per  cui  faremo  questo  passaggio  che  riporterà  le  squadre  sulle  zone  degli  interventi.  Tutte  le  aree  soggette  a  danneggiamento  sono  state  mappate  dalla  prima  all'ultima  con  sopralluoghi  sul  posto  in  collaborazione  con  gli  Ispettorati  forestali  e  le  Stazioni  forestali,  anche  per  non  lasciare  la  mappatura  una  pura  individuazione  georeferenziata,  ma  per  andare  a  verificare  sul  posto  qual  è  la  natura  degli  interventi.  Gli  interventi  sono  stati  definiti  sia  per  numero,  sia  per  dimensione  economica  dell'intervento  stesso,  sia  per  natura  dell'intervento,  perché  la  grossa  difficoltà  che  dovremo  affrontare  non  è  solo  quella  della  programmazione  a  livello  di  priorità  degli  interventi.  Infatti,  mentre  sugli  interventi  fatti  in  amministrazione  diretta,  dove  non  è  necessario  un  intervento  progettuale,  di  fatto  il  meccanismo  è  molto  più  semplice  e  molto  più  agevole,  contiamo  che  soltanto  nel  meccanismo  della  prima  emergenza  sono  stati  attivati  dei  contratti  di  locazione  a  caldo  dei  macchinari  che  battono  a  140  mila  euro,  quindi  se  solo  per  i  noli  abbiamo  avuto  questo  (abbiamo  un  totale  di  13  mila  ore/uomo  occupate  solo  nei  primi  giorni)  è  evidente  che  il  meccanismo  riesce  a  generare  un  risultato  positivo  in  tempi  decisamente  ristretti.  Con  la  Protezione  civile  c'è  uno  stretto  raccordo,  anzi,  direi  che  proprio  assieme  sono  state  definite  anche  le  evidenze  progettuali  e  le  necessità  di  intervento  prioritarie  rispetto  sia  ai  fondi  attualmente  disponibili  che  agli  interventi  che  verranno  realizzati  in  fase  successiva.  Tutta  la  parte  della  progettazione  che  non  è  fattibile  all'interno  verrà  disposta  con  progettazione  esterna.  Il  livello  degli  interventi  richiesti  presumibilmente  metterà  in  una  condizione  di  sufficiente  tranquillità  perché  non  saranno  moltissimi  quelli  soggetti  a  progettazione  o  comunque  l'importo  complessivo  delle  opere  è  tale  da  non  andare  in  una  dimensione  tale  da  dover  richiedere  procedure  particolarmente  lunghe  o  interventi  particolarmente  lunghi.  Riuscire  a  dare  una  garanzia  al  cento  per  cento  che  tutti  i  territori,  tutte  le  malghe  saranno  rese  raggiungibili  entro  i  tempi,  beh,  questo  sarebbe  raccontare  una  cosa  non  veritiera  e  credo  non  sia  quest'Aula  un'Aula  dove  si  possa  dare  questo  tipo  di  informazioni.  Aggiungo  solo  per  completezza  un'informazione:  rispetto  a  una  serie  di  interventi  successivi,  entro  i  primi  mesi...  diciamo,  entro  la  fine  della  primavera,  primi  dell'estate  entrerà  in  misura  anche  la  841  PSR,  ma  questo  è  un  intervento  ulteriore  perché  è  un  intervento  finanziario  che  va  oltre.  Chiudo  invece  sulla  questione  degli  operai,  perché  se  lei  in  questo  momento  giustamente  fa  un  appello  rispetto  all'attenzione  su  un'interrogazione,  io  credo  che  ci  sia  una  difficoltà  di  comprensione,  invece,  del  ruolo  che  queste  squadre  ricoprono  sul  territorio,  che  è  un  ruolo  che  giustamente  già  necessita  di  una  professionalità  che  difficilmente  il  sistema  dell'interinale  riesce  a  garantire,  anzi,  non  la  garantisce  affatto.  Dico  di  più,  c'è  una  difficoltà  di  comprensione:  l'amministrazione  regionale,  abituata  a  lavorare  per  uffici  e  per  atti  amministrativi,  molte  volte  non  coglie  il  fatto  che  abbiamo  anche  degli  operai  che  fanno  del  lavoro  sul  territorio  per  i  quali  sono  necessari  dei  criteri  di  gestione  che  sono  quelli  propri  di  un'impresa,  di  un'impresa  vera  e  propria,  e  forse  sarà  anche  il  caso  di  fare  un  ragionamento  complessivo    che  so  che  negli  anni  ha  avuto  altalenanti  fortune    rispetto  al  fatto  che  si  possa  mantenere  un  servizio  con  degli  operai  oppure  avere  una  struttura  completamente  diversa    ai  tempi  si  parlava  dell'agenzia.  Credo  che  se  questi  sono  gli  obblighi  che  dobbiamo  avere  per  poter  consentire  di  avere  una  dotazione  organica  sufficiente,  penso  che  non  siano  compatibili  con  la  possibilità,  poi,  di  gestione  effettiva  dei  cantieri.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  assessore  Zannier.  Prego,  consigliere  Marsilio.  

MARSILIO.

Ringrazio  della  risposta  l'Assessore.  Ovviamente  sono  cosciente  anch'io  che  l'entità  dei  danni  potrebbe  portare  a  un  difficile  intervento  completo  nei  tempi  dovuti.  Ovviamente  cerco  e  raccomando  all'Assessore  una  particolare  attenzione  sull'apertura  della  viabilità  perché  questo  è  il  primo  problema,  pur  sapendo  che  in  alcune  realtà  alcuni  interventi  pesanti  sicuramente  non  potranno  essere  fatti  subito,  ma  di  trovare  le  soluzioni  perché  quelle  aziende  agricole  in  molti  casi  vivono  ovvero  sopravvivono  proprio  con  l'attività  di  monticazione  estiva  e  quindi  questo  porterebbe  un  ulteriore  aggravio  della  situazione  di  criticità  che  c'è  già  oggi.  Raccomanderei  anche  in  qualche  modo  di  trovare  una  soluzione,  anche  con  una  discussione  eventualmente  in  II  Commissione,  sull'organizzazione  del  servizio  perché  così  come  stiamo  andando  avanti  rischiamo  di  andare  a  una  lenta  agonia.  Poi  io  apprezzo  sempre  che  tutti  fanno  le  foto    non  lei,  Assessore    ai  bastioni  di  Palmanova,  ai  percorsi  sul  Carso.  Tutti  a  fare  le  foto,  però,  in  realtà,  ad  oggi,  quelle  squadre  che  hanno  fatto  in  questi  anni  dei  lavori  eccellenti  anche  di  difesa,  di  tutela...  se  non  abbiamo  i  danni  che  avremmo  potuto  avere  dalle  alluvioni  è  anche  perché  sono  stati  fatti  interventi  da  quelle  realtà.  Però  le  squadre  stanno  venendo  meno,  ce  ne  sono  meno,  ci  sono  meno  operai  per  ogni  squadra  e  c'è  meno  professionalità.  Non  sono  squadre  da  manovali,  sono  squadre  in  cui  c'è  bisogno  di  gente  che  abbia  la  capacità  di  lavorare  in  situazioni  di  criticità  come  sono  i  torrenti,  la  viabilità,  gli  smottamenti  e  quant'altro.  Quindi  la  inviterei  a  prendere  effettivamente  in  mano...  Se  serve  un  supporto  anche  da  parte  del  Consiglio  attraverso  le  Commissioni  competenti,  credo  che  il  Consiglio  sarà  sicuramente  a  suo  fianco,  anche  perché  tutti  quanti,  sindaci  in  primis,  hanno  riconosciuto  da  anni,  indipendentemente  da  chi  era  al  governo,  che  questo  servizio,  giusto  o  sbagliato  che  sia,  è  un  servizio  che  ha  dato  risposte  sul  territorio  importanti.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Marsilio.  Passiamo  all'interrogazione  a  risposta  immediata  n.  103,  Moretuzzo:  “Decreto  Ministeriale  6793/2018:  quali  le  novità?”.  Prego,  consigliere  Moretuzzo.  

MORETUZZO (Traduzione dell’intervento in lingua friulana).

Grazie,  Presidente.  L'interrogazione  è  relativa  a  un  decreto  ministeriale  entrato  in  vigore  nel  mese  di  settembre  2018  che  ridefinisce  una  serie  di  regole  sull'etichettatura  dell'agricoltura  biologica,  decreto  che  ha  messo  in  difficoltà  diverse  aziende  anche  del  nostro  territorio  perché  in  particolare  penalizza  un  certo  tipo  di  rotazione  che  viene  fatta  soprattutto  da  aziende  orticole,  non  permette  di  fare  la  rotazione,  che  è  praticata,  invece,  da  questo  tipo  di  aziende,  in  particolare  per  evitare  l'utilizzo  di  fertilizzanti  chimici  e  gestire  le  erbe  infestanti  eccetera.  Allora  la  domanda  è  relativa  a  comprendere  come  si  sta  trattando  questo  tema,  com'è  il  rapporto  rispetto  al  Ministero,  che  sembra  abbia  dichiarato  di  voler  mettere  mano  a  una  rivisitazione  del  decreto,  e  capire  se  i  tempi  di  questa  rivisitazione  sono  stabiliti  oppure  se,  come  hanno  fatto  altre  Regioni,  è  possibile  fare  una  richiesta  di  deroga  rispetto  alle  indicazioni  del  Ministero.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Moretuzzo.  Prego,  Assessore  Zannier.  

ZANNIER, Assessore alle risorse agroalimentari, forestali e ittiche.

Grazie,  Presidente.  Anche  qui  cerco  di  sintetizzare,  poi  lasciando  magari  un  contributo  per  avere  i  dettagli  più  precisi.  Riguardo  alla  tematica,  che  è  stata  rilevata  anche  dalla  nostra  Regione  il  15  novembre  in  sede  di  CPA,  di  Commissione  delle  Politiche  Agricole,  che  è  lo  strumento  della  Conferenza  Stato-Regioni  rispetto  alla  tematica  agricola,  anche  noi  abbiamo  evidenziato  il  fatto  dell'incongruenza  rispetto  al  testo  del  DM  in  base  alle  esigenze  che  invece  ci  sono  sulle  attività  colturali.  Questa  richiesta  è  stata  consegnata  al  Ministro  il  28  di  novembre  e  l'istituzione  della  commissione  da  parte  ministeriale    che  si  è,  confermo,  dichiarata  disponibile  a  una  modifica  del  DM    avrà  proprio  luogo  il  primo  marzo.  In  quella  sede  noi  chiederemo  l'applicazione  della  vecchia  norma,  perlomeno  in  questa  fase  che  venga  mantenuta  l'applicazione  della  vecchia  norma,  stante  anche  il  fatto  che  comunque  è  stata  fissata  una  proroga  al  15  di  maggio,  già  in  essere,  per  la  presentazione  dei  piani  annuali  di  produzione,  ma  è  evidente  che  questo  non  esime  da  una  richiesta  di  ripristino  in  attesa  di  una  modificazione.  È  chiaro  anche  che  le  due  Regioni  che  oggi  hanno  richiesto  la  deroga,  che  sono  Basilicata  e  Sicilia,  l'hanno  di  fatto  basata  su  una  motivazione  tecnico-scientifica,  verificato  il  fatto  che  la  loro  produzione  principale  a  biologico  è  il  grano  duro  e  quindi  anche  le  produzioni  di  seconda  raccolta  e  successive,  che  quindi  sono  quelle  che  vengono  interessate  in  maniera  importante  da  questa  tipologia  di  modificazione  del  DM,  hanno  una  base  solida  sulla  quale  si  può  richiedere  la  deroga.  La  nostra  base  sarebbe  decisamente  più  difficile,  nel  senso  che  si  stanno  già  raccogliendo  tutti  i  dati  per  poter  eventualmente  richiedere  il  provvedimento  di  deroga.  È  evidente  che  noi  battiamo  sulle  orticole,  grossomodo  questo  è  il  problema  principale,  che  hanno,  sia  per  volumi  che  per  estensione  di  superfici,  dimensioni  decisamente  basse  e  questo  ci  metterà  probabilmente  in  una  condizione  di  minor  forza  rispetto  a  una  richiesta  motivata  di  deroga.  Però  posso  confermarle,  per  concludere,  che  l'idea  è  richiedere  l'applicazione  della  vecchia  norma  fino  a  modifica  e  quindi  fino  a  compimento  dei  lavori  della  commissione,  di  fatto  un  anno  di  proroga  o  quello  che  serve,  per  poter  addivenire  invece  a  una  modifica  complessiva  del  DM  che  riteniamo  comunque  non  coerente  con  le  necessità  del  settore  agricolo  a  biologico.  L'altro  passaggio,  se  questa  non  richiesta  verrà  accettata,  è  che  ovviamente  dovremo  passare  alla  richiesta  di  deroga.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Prego,  consigliere  Moretuzzo.  

MORETUZZO (Traduzione dell’intervento in lingua friulana).

Grazie,  Assessore.  Mi  dichiaro  soddisfatto  della  risposta  e  spero  che  il  Ministero  prenda  atto  delle  osservazioni  fatte.  È  vero  che  le  situazioni  rispetto  a  Basilicata  e  Sicilia  sono  diverse,  ma  è  vero  che  dobbiamo  comunque  tutelare  le  nostre  aziende,  e  quindi,  anche  se  la  superficie  è  diversa,  gli  sforzi  fatti  per  la  conversione  verso  l'agricoltura  biologica  da  molta  parte  del  nostro  territorio  vanno  venuti  in  considerazione  davanti  alle  esigenze  di  questo  tipo  di  produzioni.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Moretuzzo.  Passiamo  all'assessore  Riccardi.  Interrogazione  a  risposta  immediata  n.  88  del  consigliere  Giacomelli:  “Episodi  di  violenza  nei  confronti  del  personale  sanitario”.  Prego,  Consigliere.  

GIACOMELLI.

Grazie,  Presidente.  Nel  corso  del  mese  di  febbraio  ci  sono  stati  alcuni  episodi  di  violenza  a  Trieste  che  hanno  visto  anche  il  personale  sanitario  dover  ricorrere  alle  cure.  Anche  i  sindacati  denunciano  fondamentalmente  non  solo  problemi  di  alcol,  ma  problemi  soprattutto  nei  servizi  di  front-office  durante  le  lunghe  attese.  Naturalmente,  ripeto,  si  tratta  non  di  un  episodio  isolato,  ma  di  un  continuum  degli  ultimi  anni  e  colgo  l'occasione  per  segnalare  anche  i  problemi  di  sicurezza  notturna  per  ciò  che  riguarda  l'ospedale  di  Cattinara.  Poi,  in  seguito  all'interrogazione,  abbiamo  letto  dichiarazioni  del  dottor  Poggiana  che  parla  di  verifiche  in  corso  e  di  eventualmente  telecamere  di  videosorveglianza,  ma  in  questa  interrogazione  chiediamo  alla  Giunta  in  che  modo  intenda  intervenire  urgentemente  al  fine  di  far  fronte  al  grave  problema.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Giacomelli.  Prego,  assessore  Riccardi.  

RICCARDI, Vicepresidente e assessore alla salute, politiche sociali e disabilità, delegato alla protezione civile.

...scritta  ed  elaborata  dagli  uffici,  al  consigliere  Giacomelli,  che,  come  diceva  Gastone  Parigi,  "pertanto  la  non  le  leggo".  Facendo  una  brevissima  considerazione,  questo  è  un  tema  che  non  riguarda  il  Friuli  Venezia  Giulia,  riguarda  l'intero  Paese.  Fenomeni  di  questo  genere  purtroppo  si  registrano  da  ogni  parte  ed  è  evidente  che  non  possiamo  immaginare  di  trovare  delle  soluzioni  qui  e  basta.  Questo  ha  a  che  fare  con  un  lavoro  che  nella  Conferenza  delle  Regioni  si  sta  elaborando.  C'è  un  problema  di  front-office  delicato,  c'è  un  problema  oggettivamente  di  condizioni  di  una  società  molto  più  aggressiva  rispetto  al  passato.  È  chiaro  che  qui  bisogna  trovare...  E  non  credo  che  sia  un  problema  soltanto  che  si  risolva  con  le  telecamere  avendo  la  possibilità  di  andare  a  perseguire  coloro  che  compiono  questi  atti.  Devo  riconoscere  che  questa  esperienza  importante  che  è  stata  fatta  nella  provincia  di  Pordenone,  addirittura  dove  l'Associazione  Nazionale  Alpini  ha  messo  a  disposizione  i  propri  aderenti  per  seguire...  in  particolare  nei  punti  della  medicina  di  continuità,  cioè,  volgarmente  parlando,  anzi,  non  volgarmente,  propriamente  parlando,  le  guardie  mediche,  dove  c'è  l'esposizione  dei  medici.  È  chiaro  che  qui  bisogna  immaginare  delle  soluzioni  strutturali  che  devono  in  qualche  modo  garantire  un'attività  di  sicurezza  al  professionista  che  potrebbe  trovarsi  in  condizioni  di  difficoltà  come  si  registrano  da  tempo.  L'impegno  che  le  posso  garantire  è  che  in  Conferenza  delle  Regioni  questa  è  una  materia  tra  le  più  evidenti  e  preoccupanti,  sulla  quale  il  sistema  regionale  sta  individuando,  in  collaborazione  anche  con  l'Ordine  dei  medici,  delle  soluzioni  che  consentano  degli  elementi  di  protezione  nei  confronti  dei  professionisti.  

PRESIDENTE.

Grazie,  assessore  Riccardi.  Prego,  consigliere  Giacomelli.  

GIACOMELLI.

Naturalmente  sono  soddisfatto  per  l'impegno.  È  chiaro  che  l'impegno  a  studiare  il  problema  anche  espresso  dal  dottor  Poggiana  per  ciò  che  riguarda  l'Azienda  sanitaria  di  Trieste  è  naturalmente  un  primo  segnale.  Nel  mentre  si  studiano,  diciamo,  le  soluzioni  globali,  mi  permetto  però  di  suggerire  anche  qualche  soluzione  tampone  nel  frattempo:  presidi  di  polizia,  servizi  di  vigilanza  notturna,  quindi  proprio  protezione  dei  lavoratori.  Naturalmente  c'è  anche  la  questione  del  numero  del  personale,  perché,  ripeto,  in  questa  che,  è  vero,  come  la  definisce  l'Assessore,  è  una  società  molto  più  aggressiva  rispetto  a  una  volta,  è  chiaro  che  non  abbiamo  la  possibilità  di  intervenire  sulla  società  stessa,  ovviamente,  come  Regione,  o  non  in  tempi  brevi.  Però,  mi  raccomando,  soluzioni  in  tempi  brevi  e  potenziamento  anche  nelle  strutture  in  cui  vi  è  più  lunga  attesa,  come,  per  l'appunto  si  diceva,  il  front-office.  Leggerò  volentieri  la  risposta  scritta  e  la  ringrazio  della  citazione  di  Gastone  Parigi  perché  è  sempre  un  piacere  ricordarlo.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Giacomelli.  Passiamo  all'interrogazione  a  risposta  immediata  n.  90,  Russo:  “Nuovi  limiti  di  spesa  dei  prodotti  per  celiaci”.  Prego,  consigliere  Russo.  

RUSSO.

Grazie,  Presidente.  Premetto  all'Assessore  che  mi  è  ben  chiaro  che  l'azione  della  Regione,  la  DGR  94/2019,  nasce  da  un  decreto  ministeriale  dell'agosto  2018  e  che  la  Regione  ha  semplicemente  recepito  l'indicazione  di  riduzione  delle  spese  relative  ai  buoni  spesa  che  vengono  forniti  gratuitamente  alle  persone  affette  da  celiachia.  Quindi  la  mia  è  un'interrogazione  collaborativa  che  ha  semplicemente  l'intenzione  di  chiedere  se  la  nostra  Regione,  a  fronte  del  fatto  che  ci  sono  3.900  persone  che  oggi  soffrono  di  questo  disturbo  e  che  si  vedono  comunque  ridotta  la  disponibilità  dei  buoni  pasto,  possa  in  qualche  maniera  intervenire,  magari  con  strumenti  diversi,  per  far    che  non  ci  sia  un  aggravio  per  una  categoria  che  in  questi  ultimi  anni  è  molto  cresciuta  e  che  tutti  conosciamo  rispetto  ad  alcune  difficoltà  ben  note.  Aggiungo,  ad  esempio,  un  paio  di  cose  che  potrebbero  essere  anche...  che  mi  sono  state  segnalate  come  gradite  e  utili.  C'è  un  tema  di  fruibilità  dei  buoni,  che  potrebbero  essere  inseriti  sulla  tessera  sanitaria  ad  esempio,  che  ovviamente  aiuterebbe.  Così  come  in  alcune  Regioni  sono  iniziati  i  percorsi  per  i  quali  questa  distribuzione  non  è  regionalizzata,  per  cui  il  buono  che  oggi  l'abitante  del  Friuli  Venezia  Giulia  può  fruire  soltanto  sul  nostro  territorio  regionale,  potrebbe  invece,  attraverso  convenzioni,  essere  utilizzato  anche  su  altri  territori.  Questo  nelle  modalità  sull'ammontare,  se  ci  fosse  la  possibilità  in  qualche  maniera  di  pensare  a  ovviare  ai  disagi  che  sono  stati  evidenziati  con  il  nuovo  intervento.  Grazie.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Russo.  Prego,  assessore  Riccardi.  

RICCARDI, Vicepresidente e assessore alla salute, politiche sociali e disabilità, delegato alla protezione civile.

Anche  al  Presidente  Russo  consegnerò  copia  della  risposta  che  per  brevità  non  leggo.  Semplicemente  descrivendo  il  lavoro  che  la  Regione  ha  fatto  su  questo  tema,  non  è  che  abbiamo  fatto  delle  fughe  in  avanti,  l'abbiamo  anche  condiviso  con  l'Associazione  che  rappresenta  queste  persone.  Il  tema  non  è  togliere,  il  tema  è  adeguare  rispetto  ad  un'oggettiva  necessità.  Diciamo  che  la  valutazione  in  ordine  alle  disponibilità  e  al  riconoscimento  era,  rispetto  agli  standard,  un  po'  più  elevata.  Non  c'è  stata  da  parte  dell'Associazione...  ovviamente  è  chiaro  che  non  puoi  dire  "siamo  contenti",  però  il  riconoscimento  dell'allineamento  non  ha  destato  alcun  tipo  di  preoccupazione.  Ci  sono  altre  due  questioni,  invece,  che  sono  più  importanti.  Il  primo  tema  è  la  dematerializzazione  della  ricetta,  cioè  la  possibilità  di  poter  accedere  non  con  il  buono,  per  cui  va  lì,  prende  e  porta  a  casa  quello  che  serve,  ma,  a  necessità,  si  possa  utilizzare  il  principio  della  dematerializzazione.  Su  questo  stiamo  lavorando,  in  particolare  seguendo  anche  delle  esperienze  di  Regione  Lombardia  che  è  un  po'  più  avanti  di  noi  rispetto  a  questo  tema.  L'altra  questione  sono  i  punti  di  accesso,  i  punti  di  accesso  agli  acquisti,  cioè  uno  dei  grandi  temi  è  oggi  che  questi  prodotti  non  sono  venduti  soltanto  nelle  farmacie  e  quindi  per  consentire  la  dematerializzazione,  quindi  il  processo  anche  informativo,  l'impegno    e  questa  è  la  richiesta  forte  che  è  venuta  dall'Associazione  Celiaci    è  di  riconoscere  tutti  i  punti  nei  quali  sono  accessibili,  cioè  acquistabili,  questi  prodotti,  e  quindi  consentire  l'utilizzo  attraverso  anche  la  dematerializzazione.  Questo  è  un  lavoro  che  abbiamo  già  fatto  di  concerto  con  la  Direzione  delle  Attività  produttive  individuando  i  punti  nei  quali    in  particolare  le  grandi  catene  di  distribuzione  alimentare    possono  essere  reperiti  questi  tipi  di  prodotti  e  quindi  stiamo  lavorando  in  questa  direzione  e  devo  dire,  mi  pare,  in  una  posizione  abbastanza  condivisa  con  l'Associazione  che  rappresenta  queste  persone.  

PRESIDENTE.

Grazie,  assessore  Riccardi.  Prego,  consigliere  Russo.  

RUSSO.

Ringrazio  l'Assessore,  sapevo  di  poter  contare  su  un  impegno  condiviso  su  questo  tema.  Mi  permetto  di  segnalare  che,  sì,  come  è  noto,  ai  celiaci  non  basta  ovviamente  il  contributo  per  il  fabbisogno  ordinario,  quindi  il  taglio  del  19  per  cento  è  comunque  un  taglio  che  si  fa  sentire.  Se  ci  fossero,  ribadisco,  anche  modalità  diverse  da  quelle  espresse  dal  decreto  ministeriale  per  venire  incontro  a  queste  necessità,  è  chiaro  che  sono  persone  che  comunque  devono  far  fronte  a  un  regime  alimentare  specifico  con  le  proprie  risorse  personali.  Comunque  grazie  della  disponibilità.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Russo.  Passiamo  all'interrogazione  a  risposta  immediata  n.  91  a  firma  Ussai:  "Gestione  delle  risorse  umane  del  Servizio  Sanitario  Regionale:  quale  l'andamento  del  costo  e  della  dotazione  del  personale  rispetto  al  valore  della  produzione".  Prego,  consigliere  Ussai...  Il  Consigliere  Ussai  non  c'è...  allora  passiamo  all'interrogazione  a  risposta  immediata  n.  93  a  firma  Capozzella:  “Dopo  il  caso  di  Aviano  quali  le  strategie  per  l'approvvigionamento  regionale  dell'acqua  potabile”.  Prego,  consigliere  Capozzella.  

CAPOZZELLA.

Grazie,  Presidente.  In  effetti,  è  ancora  un  fatto  di  cronaca.  Vista  l'ordinanza  sindacale  del  18  febbraio  2019  emessa  dal  Comune  di  Aviano  con  cui  si  vieta  alla  popolazione  di  utilizzare  l'acqua  per  scopi  potabili  'a  causa  delle  anomalie  delle  caratteristiche  organolettiche  riscontrate';  Ritenuto  insostenibile  che  le  persone  si  approvvigionino  d'acqua  potabile  a  cisterne  ormai  dall'11  gennaio;  Preso  atto  che  della  questione  si  occupa  un  tavolo  tecnico,  al  quale  partecipano  il  Sindaco  di  Aviano,  HydroGEA,  il  Dipartimento  di  prevenzione  dell'AAS  di  Pordenone,  l'ARPA  e  il  Consorzio  di  Bonifica  Cellina  Meduna,  secondo  il  quale  la  carenza  di  acqua  nei  bacini  e  la  prolungata  siccità  sembrano  essere  la  prima  concausa  del  problema;  Letta  la  dichiarazione  del  19  febbraio  dell'assessore  Riccardi,  per  cui  tale  caso  può  non  essere  isolato  e  per  cui  'l'emergenza  si  è  anche  venuta  a  creare  per  la  vulnerabilità  del  sistema  di  approvvigionamento  dell'acqua  che  coinvolge  l'intera  regione';  Ricordato  che  ARPA,  nel  Rapporto  sullo  stato  dell'ambiente  in  Friuli  Venezia  Giulia  2018,  afferma  che  'il  quadro  attuale  richiede  attenzione  e  l'avvio  di  adeguati  livelli  di  approfondimento  scientifico  per  definire  appropriate  strategie  al  fine  di  evitare  che  in  futuro  si  presentino  criticità  complesse  da  superare,  soprattutto  per  quanto  attiene  all'approvvigionamento  regionale  dell'acqua  potabile';  Visto  che  nel  territorio  gestito  da  HydroGEA  sono  in  uso  103  fonti  di  approvvigionamento  (66  captazioni  da  sorgente,  26  pozzi,  11  derivazioni  da  acque  superficiali);  Preso  atto  che  nel  sessennio  di  monitoraggio  (2010-2016)  emerge  che  il  46  per  cento  dei  corpi  idrici  monitorati  presentino  uno  stato  ecologico  sufficiente  o  inferiore;  Si  interroga  l'Assessore  competente  per  sapere  quali  siano  le  strategie  che  sta  approntando  per  quanto  attiene  all'approvvigionamento  dell'acqua.  Scusi,  mi  è  andata  via  la  voce.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Capozzella,  abbiamo  sentito.  Prego,  assessore  Riccardi.  

RICCARDI, Vicepresidente e assessore alla salute, politiche sociali e disabilità, delegato alla protezione civile.

Posto  che  chi  faceva  i  miracoli  l'hanno  messo  in  croce  a  33  anni  e  io  ne  ho  56,  quindi  non  posso  andare  in  croce,  forse  dobbiamo  fare  un  po'  ordine  rispetto  a  quello  che  è  accaduto.  C'è  una  condizione  di  emergenza  e  c'è  un'ipotesi  che  ci  siano  dei  deficit  di  natura  strutturale.  Sono  due  vicende  correlate,  ma...  Allora,  l'emergenza  è  determinata  da  una  condizione  di...  Tecnicamente  l'acqua  è  potabile,  soltanto  che  è  imbevibile.  Facendo  una  battuta  ho  detto  "si  può  bere,  ma  fa  schifo",  mettiamola  così,  perché  le  ragioni  determinate  dalle  condizioni  dell'odore  e  del  sapore  dell'acqua  sono  insostenibili,  tant'è  vero  che  l'acqua,  però,  è  utilizzabile  secondo  quello  che  ha  affermato  in  maniera  molto  evidente  il  direttore  della  Prevenzione  del  Sistema  sanitario  di  questa  Regione,  può  essere  utilizzata  per  gli  animali,  può  essere  utilizzata  per  lavare  gli  alimenti  eccetera.  La  condizione  di  emergenza  sono  anch'io  d'accordo  che  sia  difficile  da  sostenere,  ma  questa  è  la  condizione  di  emergenza  che  va  superata.  Ora  il  tema  di  fondo  riguarda  due  aspetti.  Il  primo  tema  è  indagare  le  ragioni  per  le  quali  questa  condizione  si  è  verificata  e  qui  naturalmente  entriamo  nel  campo  delle  ipotesi.  Una  delle  ipotesi,  sostenuta  dai  gestori,  è:  le  condizioni  del  maltempo  di  fine  ottobre  hanno  determinato  una  sorta  di  collocazione  di  sedimenti  nei  punti  nei  quali  può  essere  approvvigionata  l'acqua.  Le  ragioni  che  hanno  determinato  gli  interventi  manutentivi  da  parte  dei  soggetti  gestori  hanno  ridotto  le  disponibilità  di  pescaggio  dell'acqua  e  quindi  pescando  l'acqua  in  condizioni  più  basse,  probabilmente...  Ma  è  un'ipotesi  sulla  quale  si  sta  ragionando.  Quella  potrebbe  essere  la  ragione.  Altra  questione,  rispetto  a  dove  ci  sono  diverse  linee,  sulle  quali  stiamo  cercando  di  lavorare  per  arrivare  ad  una  conclusione  condivisa,  è  che  ci  sia  un  tema  legato  alla  gestione  dell'acqua,  che  è  una  cosa  un  po'  più  complicata,  complessa,  che  è  figlia  di  una  storia,  è  figlia  delle  concessioni,  delle  reti  eccetera.  Tant'è  vero  che  io  mi  sono  permesso  di  convocare  i  soggetti  gestori,  li  vedrò  domani  mattina,  per  cercare  di  capire  se  le  posizioni  sono  condivise  rispetto  a  se  in  questa  regione  c'è  un  tema  di  disponibilità  dell'acqua.  Naturalmente  questa  è  una  vicenda  che  io  governo  dal  punto  di  vista  dell'emergenza,  è  una  vicenda  propriamente  di  competenza  dell'Assessore  all'ambiente,  che  naturalmente  io  coinvolgerò  in  questa  questione.  Quindi,  prima  vicenda  è:  cerchiamo  di  uscire  dall'emergenza.  Uscire  dall'emergenza  significa  andare  ad  intervenire  su  nuove  fonti  di  approvvigionamento?  Le  fonti  di  approvvigionamento  possono  essere  a  carico  del  bilancio  dell'istituzione  pubblica  quando  i  soggetti  gestori  hanno  quota  parte  della  tariffa  destinata  a  questo  tipo  di  attività?  Cerchiamo  di  uscire  da  questa  situazione  di  emergenza  e  andiamo  ad  indagare  complessivamente  se  c'è  un  problema  che  riguarda  la  disponibilità  dell'acqua  rispetto  a  una  storia  molto  lunga,  che  ha  a  che  fare  con  delle  scelte  anche  molto  lontane  nel  tempo  e  che  secondo  me  responsabilmente  deve  essere  affrontata  e  come  tale  l'affronteremo.  

PRESIDENTE.

Grazie.  Prego,  consigliere  Capozzella.  

CAPOZZELLA.

Grazie,  Assessore.  Ma  di  fatti  lei  ha  citato  nuove  fonti  di  approvvigionamento.  Questa  interrogazione  sta  anche  a  verificare  che  nella  ricerca  di  nuove  fonti  di  approvvigionamento  non  si  indugi  a  cercarle  nelle  falde  acquifere,  capisce,  Assessore?  Cioè  la  nostra  preoccupazione  è  che  si  cerchino  queste  nuove  forme  di  captazione  dell'acqua  nelle  falde  acquifere,  cosa  che  noi  stigmatizzeremo.  

PRESIDENTE.

Grazie,  consigliere  Capozzella.  Passiamo  all'interrogazione  a  risposta  immediata  n.  97  a  firma  Bolzonello:  “Intervento  straordinario  per  rimozione  materiale  legnoso  nel  bacino  idrico  di  Barcis”.  Prego.  

BOLZONELLO.

Grazie,  Presidente.  Assessore,  condivido  totalmente  quello  che  lei  ha  già  detto,  quindi  già  le  do  una  prima  risposta  positiva  a  quello  che  lei  poi  mi  dirà,  perché  quello  che  ha  appena  detto  rispetto  a  è  esattamente  la  realtà.  O  c'è  una  condivisione  complessiva  della  vicenda  acqua...  dove  i  gestori  non  possono  chiamarsi  fuori  rispetto  all'istituzione  Regione,  non  possiamo  scaricare  sempre  sull'istituzione  Regione  quando  invece  i  gestori  hanno  una &nb